InfoAut
Immagine di copertina per il post

Conversazione sul film curdo For Freedom (Ji Bo Azadiye).

||||

La Comuna del Cine del Rojava è un collettivo di registi fondato il 14 luglio 2015 nella regione autonoma del Rojava, nel nord della Siria. Da quel giorno, il collettivo lavora attivamente nella regione per ricostruire e riorganizzare tutte le infrastrutture per la realizzazione e la proiezione di film, nonché per la formazione dei giovani nella settima arte. Diyar Hesso, nato a Qamishlo, in Royava, è uno dei fondatori della Comuna. È a Bilbao per presentare la prima produzione del collettivo, Ji Bo Azadiye (For Freedom), diretto da Ersin Çelik. Il film ha vinto la Palma di Bronzo alla Mostra di Valencia. Abbiamo parlato con Diyar Hesso e, per telefono, con il regista, Ersin Çelik, delle attività della Comuna del Cine del Rojava e del film che viene presentato in Euskal Herria e la sua genesi. 

Il film racconta l’assedio di Sur, lo storico quartiere di Diyarbakir (Amed in curdo) nel 2015 e la resistenza di un gruppo di giovani all’attacco dell’esercito turco. “L’inverno 2015-2016 è stato difficile per i curdi. – afferma il direttore Ersin Çelik – Le elezioni del 7 giugno 2015 hanno visto un grande successo per l’HDP, momento in cui si è discusso con mezzi democratici la possibile soluzione della questione curda. Ma tutto è cambiato radicalmente. Il 20 luglio il massacro di Suruç, il 22 luglio il nuovo accordo sulla vendita di armi dagli Stati Uniti alla Turchia, gli arresti di massa di membri dell’HDP e le intense operazioni militari in Kurdistan. A quel tempo, sono trapelati documenti del MIT (servizi di intelligence turchi), tra cui uno che diceva che nel 2014 era stata preparata un’operazione chiamata “Piano di distruzione” nello stesso momento in cui stavano proseguendo i negoziati con Abdullah Ocalan a Imrali.

Quell’inverno, il governo assediò diverse città con l’obiettivo di distruggerle mentre il popolo si ribellava e chiarì che avrebbero resistito “. Çelik lavorava allora come giornalista e ricorda le testimonianze raccolte nelle città assediate, sia a Cizre che a Sur (Diyarbakir). Per la libertà nasce dalla lettura dei giornali della resistenza. “Çiyager, – dice Celik – il comandante della resistenza del sud dice a tutti quelli che escono per raccontare la storia della resistenza. Alcuni membri delle YPS (unità di difesa del popolo civile) sono riusciti a eludere l’assedio e abbiamo potuto parlare a lungo con loro. Lo stato ha voluto porre fine a Sur, cancellare la storia di questo quartiere millenario, infatti lo hanno quasi completamente distrutto. Le domande che ci siamo posti durante la stesura della sceneggiatura erano essenzialmente due: che tipo di forza è stata che ha portato 50-60 giovani, la maggior parte dei quali non aveva mai avuto un’arma in mano, a resistere a una forza militare addestrata, durante un assedio di oltre 100 giorni? E la seconda era: cosa è successo fuori? Perché tanto odio? Ovviamente, è difficile capire la risposta a queste domande solamente guardando a quello che è successo a Sur. Piuttosto, si dovrebbe guardare agli ultimi 100 anni di storia curda “.

Scrivere la sceneggiatura, dice Çelik, “non è stato facile. Ha reso tutto più facile svilupparla collettivamente “. Diyar Hesso aggiunge che “mentre era in corso l’assedio di Sur, il mondo taceva solo a guardare. Quindi il nostro film è anche una critica di quel silenzio “. Il film è sicuramente un gioiello dal punto di vista tecnico produttivo. È stato girato a Kobane, la città che è riuscita a sconfiggere l’assalto dello Stato Islamico, in un momento in cui il mondo sembrava rassegnato a vivere in uno stato di terrore permanente. Gli abitanti di Kobane, organizzati in milizie di autodifesa, hanno combattuto incoraggiati dalla difesa del modello di convivenza auspicato da Abdullah Ocalan e, infine, in difesa della libertà che significa diritto di decidere come vivere e organizzarsi. “Girare a Kobane – dice Çelik – aveva molti significati e ragioni. Le storie di Kobane e Sur sono molto simili. Le forze sconfitte a Kobane volevano attaccare il sud. L’obiettivo era lo stesso, distruggere un modello di vita. Quelli che hanno resistito erano gli stessi, erano persone con la stessa determinazione, volontà e coscienza “. Çelik fa un’altra considerazione, più intima: “Lo spazio influenza la formazione degli individui, sia nella vita reale che nell’arte del cinema, e le persone influenzano lo spazio in modo simile. Chi ha resistito a Sur ha dato a quelle pietre un nuovo significato e uno spirito diverso. La città di Kobane, le sue strade, le sue case distrutte e le tracce della resistenza hanno lo stesso spirito. Quell’ambiente o questa identità di Kobane era presente durante le riprese. Questo ha aiutato molto gli attori a entrare nel loro ruolo “.

Attori che, in molti casi, sono i resistenti sopravvissuti del Sud che interpretano se stessi. Una sfida pienamente superata, che fa della “recitazione”, individuale e collettiva, le altre grandi conquiste di questo film. “Cercavamo – racconta Celik – quelli più vicini alle emozioni dei giovani che hanno resistito a Sur. Lavorare con attori non professionisti è sempre difficile. Ma penso che sarebbe stato molto più difficile lavorare con i professionisti. Due miliziani che hanno partecipato alla resistenza del sud (Khaki e Korsan Şervan) hanno interpretato se stessi nel film, e la maggior parte degli altri attori erano anche giovani che avevano partecipato alla guerra contro l’ISIS o che sono cresciuti nella guerra”.

“Rûbar ha anche ritenuto che questo non fosse solo un film. Sapevo che questo ruolo avrebbe influenzato anche la sua vita “

Uno degli attori non potrà vedere il successo di Ji Bo Azadiye . Rûbar Şervan (Cihan Sever) era di Van, uno dei posti più freddi del Kurdistan per quanto riguarda il clima. Uno scopo e un sentimento avevano portato Rûbar dalla parte più fredda e montuosa del suo paese alla regione più calda e semi-desertica. Rûbar Şervan era venuto a Kobane per unirsi alla resistenza contro gli attacchi dell’ISIS nel 2014-2015. Prese parte alla guerra contro l’ISIS a Kobane. “Quando ci siamo conosciuti – racconta Ersin Çelik – aveva già combattuto contro l’Isis in Rojava e in altre zone della Siria settentrionale. Diverse volte era stato ferito. Nell’ottobre 2017 abbiamo incontrato Rûbar a Kobane, mentre continuavano i preparativi per le riprese del film “. Çelik ricorda: “Quando ho visto Rûbar per la prima volta, mi sono detto ‘è così’. E la mia impressione non è cambiata dopo 3 mesi di formazione. Avrebbe poi interpretato Ciyager, uno dei ruoli principali. Çiyager è stato il comandante dei 100 giorni di resistenza contro l’assedio da parte della polizia e dell’esercito ad Amed-Sur, tra dicembre 2015 e marzo 2016 “. Rûbar aveva una faccia sorridente e un cuore leggero e leggero come una piuma. “Era molto umile e positivo di fronte alle difficoltà, – dice Çelik – anche da lontano la sua andatura era adeguata. Aveva tutte le caratteristiche di un comandante rivoluzionario. Era come il Çiyager che il film avrebbe interpretato. Naturalmente, all’inizio non si è offerto volontario per partecipare ai lavori cinematografici. A cosa serve? -ha detto- come se non fossero affari suoi, ecco come li vedeva. Non aveva esperienza di recitazione, né in teatro né in film, quindi doveva fidarsi di se stesso e di noi “. Çelik ricorda che Rubar si è sempre chiesto. “Mi chiedo se posso rappresentare Ciyager, ha detto, sarò in grado? E se non potessi? Il nostro film parla di una parte di un processo che è ancora in corso. Tuttavia, tutto è ancora molto vivo, molto fresco. Rûbar pensava anche che questo non fosse solo un film. Sapevo che questo ruolo avrebbe influenzato anche la sua vita “.

Çelik ha salutato Rubar nel maggio 2018. “Ci siamo visti per l’ultima volta nell’agosto 2018, gli ho fatto guardare la prima versione del film. Dopo di che la nostra connessione è stata persa. Non ho ricevuto alcuna informazione fino a quando non abbiamo scoperto che era caduto come martire il 25 ottobre 2019. Ha perso la vita negli scontri a Heftanîn, nel Kurdistan meridionale “. Scontri che continuano ancora.

Di Orsola Casagrande

Qui il trailer del film

https://www.youtube.com/watch?v=icwqiYys7ak&feature=emb_title

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

assedioCELIKCizreCOMUNE DEL CINE DEL ROJAVAfilmgiovaniRojavaSUR

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Prefazione di Premières Secousses, il libro di Soulèvements de la Terre

Abbiamo tradotto la prefazione del libro dei Soulèvements de la Terre dal titolo Premières Secousses, uscito ad aprile per le edizioni La Fabrique.

Immagine di copertina per il post
Culture

Festa di Radio Onda d’Urto – Il programma

Da mercoledì 7 a sabato 24 agosto 2024 in via Serenissima a Brescia 18 serate di concerti, dibattiti, djset, presentazioni di libri, enogastronomia, spazio per bambine-i…

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kenya: il presidente Ruto annuncia il ritiro della riforma ma la protesta continua.

In Kenya da più di una settimana proseguono le proteste contro la nuova legge finanziaria, chiamata Finance Bill 2024, che prevede tra le altre cose un’imposta sul valore aggiunto del pane.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Parigi: marcia contro il razzismo e islamofobia vietata dalla prefettura.

Il 21 aprile è prevista una importante marcia contro il razzismo e l’islamofobia, per la tutela dei giovani che nei quartieri popolari sono sistematicamente obiettivo della violenza e del razzismo della polizia e dello Stato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SDF: gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un atto di aggressione barbara e terroristica

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una nota. Questa mattina la Turchia ha continuato ad attaccare la regione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: Foza Yûsif invita alla mobilitazione “Dichiariamo la resistenza totale”

Invitando alla mobilitazione contro lo Stato turco occupante, Foza Yûsif, membro del Consiglio di co-presidenza del PYD, ha dichiarato: “Dichiariamo la resistenza totale”.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’irrimediabile stupidità dei bianchi. “Killers of the Flower Moon”

L’uomo non merita di vivere, qualcuno dice. Chi non lo merita? L’ uomo europeo, colui che ricatta ed è ricattato dal dio denaro, che è il dio del potere; anche i conquistadores che sbarcarono in America, certamente, responsabili di genocidi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: continuano gli attacchi turchi. La testimonianza di una donna curda dal campo di Washokani

Proseguono i bombardamenti turchi sull’Amministrazione autonoma della Siria del nord e dell’est, Rojava.