InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il nuovo hip-hop arabo: tra amore e ribellione

||||

Una divisione generazionale si sta manifestando nel mondo arabo, nella politica, nell’attivismo, nei diritti umani e, più recentemente, nella musica.

Fonte: English version

Sultan Sooud Al Qassemi – 16 giugno 2020

“Benvenuti a tutti, siamo noi, la gioventù araba sospesa. Nessun lavoro, nessuna opportunità. Il nostro voto per 50 lire o per un pasto dato da un leader tribale. Vogliamo andarcene. Fuck questo Paese” inizia così la canzone “Blood” di Synaptik & Shouly .

E ai “signornò” ripete una dozzina di volte, “Cosa abbiamo preso da voi se non le sconfitte?”

Una divisione generazionale si sta manifestando nel mondo arabo, nella politica, nell’attivismo, nei diritti umani e, più recentemente, nella musica. Questo è particolarmente  evidente nel settore hip hop con i nuovi artisti underground che, tra le altre piattaforme, sfruttano lo spazio libero da etichette di Soundcloud e di YouTube per pubblicare e commercializzare le nuove tracce. L’Egitto, che ha tradizionalmente dominato la scena musicale araba, ha prodotto un numero di giovani musicisti tra cui Wegz, il cui ultimo album, “21”,  tratta dei problemi della società che i giovani egiziani si trovano ad affrontare come, nella canzone  “Roma non è lontana”, quello della migrazione . “Gli amici stanno annegando e io sono a fondo”. Il panorama hip-hop egiziano, sebbene vasto, ha visto un turnover di artisti come Ali Talibab e più recentemente Marwan Pablo, che ha annunciato il suo ritiro dal canto. Anche in Nord Africa i tunisini Douda e Nordo affrontano argomenti delicati come, nella loro canzone El 9sem (The Pledge), il fenomeno dei  ragazzi che si unirono all’ISIS al culmine del suo potere. La loro canzone Gamh (Corn), cantata sulle melodie di “The Harder They Fall” di Giyo, ruota attorno al modo in cui il gruppo terroristico usava il grano come arma per barattare e affamare le persone. Il testo della canzone include le righe “Dì al tuo emiro che siamo uomini coraggiosi e non suoi seguaci. Siamo i rivoluzionari che hanno creato la primavera”.

Shkoon 844832

Shkoon Band

Sul fronte siriano sono emersi numerosi gruppi, tra cui lo Shkoon di Berlino, che fonde il folklore con un mix di musica tradizionale e contemporanea. Nel genere hip hop, tuttavia, un musicista popolare è il Bu Kolthoum di Amman, il cui nome è la fusione del poeta arabo pre-islamico Bin Kulthoum e quello della diva egiziana Um Kolthoum. Tra le sue canzoni c’è Nujoum (stelle) i cui testi includono le parole “Le bocche di SANA (l’agenzia ufficiale di stampa araba siriana), sono schiave ma nella loro mente sono padroni”. Jouwana (Inside us), un’altra canzone di Bo Kolthoum, lo mostra mentre cammina con una bottiglia di Jack Daniels in una strada vuota ed è un appello della generazione più giovane a non essere abbandonata; “Non dimenticarti di noi, i tuoi semi sono dentro di noi. Dobbiamo essere annaffiati” e continua “Sono ancora un bambino, su un’altalena, un bambino che sta ancora imparando, un albero genealogico spezzato.”

 Con la sua caratteristica barba, El-Rass combina i canti sufi “O Signore dei due universi, sono venuto per chiedere la tua accettazione” con musica elettronica come in “Tripoli 97” in cui esprime  delusione verso i leader libanesi tra cui Hezbollah e l’ex primo ministro Saad Hariri

L’hip hop libanese è tra i più antichi della regione con gruppi come Aks’ser (Wrong Way), che si esibisce dal 1997 e che ha continuato con performance come Rayess Beik, che nel 2011 ha remixato il canto della primavera araba “The People Want the Downfall of the Regime ” nella canzone Thawra (Revolution),  denunciando la politica settaria in Libano. Più di recente El-Rass [The Head] con la sua caratteristica barba, combina i canti sufi – “O Signore dei due universi, sono venuto per chiedere la tua accettazione” – con la musica elettronica, come nella canzone “Tripoli 97” in cui esprime delusione verso  le leadership libanesi tra cui Hezbollah e l’ex Primo Ministro Saad Hariri. La recente rivolta libanese ha portato sulla scena una nuova generazione di artisti come Malikah (Queen), la cui canzone 3am 7arib “I am Fighting” è sia una denuncia dei politici libanesi, quanto un grido a favore dell’emancipazione femminile.

Rayess Beik 333152

Rayess Beik

Allo stesso modo, le recenti proteste irachene hanno dato origine a una serie di gruppi, alcuni dei quali sono attivi da anni ma non altrettanto noti, offrendo un esempio di commistione tra generi. Ayman Hamid ha debuttato con la sua canzone Thayl (letteralmente “una coda”, usata anche per indicare una marionetta) nel popolare programma televisivo Basheer, canzone diventata un successo immediato con  le sue parole che promettono di non ritirarsi di fronte all’uso della forza letale da parte dello Stato. Le proteste del Sudan del 2018 hanno ispirato Sammany, artista hip-hop sudanese con sede in Qatar che ha  pubblicato una versione strumentale di una canzone basata sui canti dei manifestanti intitolata Matalib (Richieste). Le sue parole iniziano con “Non torno indietro, ho delle richieste. Dateci un governo civile”.

Ma forse da nessun’altra parte questo nuovo genere di hip hop arabo è più diffuso quanto nel corridoio giordano-palestinese. Il genere qui è molto attivo, con Ramallah e Amman con dozzine di artisti affermati e di concerti. Tra questi musicisti c’è il già citato Synaptik, con  fan in tutta la regione del Levante e in Egitto, la cui ricca produzione musicale potrebbe rendere difficile agli artisti esterni penetrare nel mercato. Synaptik, laureato in medicina, ha collaborato con numerosi artisti tra cui Tamer Nafar, cittadino palestinese di Israele, Bo Kolthoum in Siria, El Rass in Libano e Wegz in Egitto, con una canzone intitolata Marijuana.

ElRass 767734

El Rass

Musicisti come The Synaptik & Shouly inizialmente cantavano in inglese, ma sono passati alla lingua araba  con la quale hanno trovato un pubblico interessato a veder riflessa la loro situazione nella musica. La loro musica e quella dei loro coetanei continua a essere una fusione tra arabo classico e dialettale e tra strumenti occidentali e orientali, pur mantenendo una forte influenza araba. Chris Hughes, uno specialista di DJ e di media creativi, afferma che “la musica araba è recentemente aumentata in termini di fedeltà e di tecnologia, il che ha permesso di amplificare il miscuglio di generi,ottenendo  grandi risultati”.

Grazie a piattaforme come SoundCloud e YouTube, una fiorente scena musicale hip hop araba prospera nonostante non sia riprodotta sui canali mainstream. Gli importanti  messaggi veicolati, probabilmente continueranno a sfuggire alle autorità che preferiscono  tematiche più tradizionali

Yusor Hamed di Ramallah aggiunge quel  tocco romantico, a volte mancante nella scena hip hop, attraverso le sue numerose collaborazioni con artisti del calibro di Dodix, con cui ha cantato “About Yesterday” il cui testo recita “Lui sta cercando una ragazza spensierata, mentre lei cerca un uomo serio. ”  Yusor, che scrive i suoi stessi testi, mi dice: “A volte le collaborazioni sono semplici coincidenze. Magari  ti capita di ascoltare il lavoro di qualcuno e ti piace, così da contattarlo,  e viceversa. Non esiste un modo sistemico di collaborare. Dipende dalla flessibilità dell’altra persona e dalla disponibilità a collaborare “. Yusor, che ha studiato musica araba al Edward Said National Conservatory of Music, lamenta la mancanza di strutture nella scena hip hop. “Condividiamo la nostra produzione attraverso le nostre piattaforme senza un agente, cosa  che ha i suoi lati positivi e negativi. Può essere necessario molto tempo per raggiungere il pubblico”.

Sebbene diversi nella gamma di argomenti e di stili, questi nuovi  artisti arabi hanno una serie di caratteristiche comuni. A differenza dei cantanti arabi tradizionali, la maggior parte di questi musicisti scrive la propria musica o collabora al processo di scrittura. Un altro elemento è che spesso cantano in opposizione all’autorità, a differenza dei cantanti tradizionali che si guadagnano da vivere mantenendo buoni rapporti con i vari governi arabi e lodandoli spesso nelle loro canzoni. Questi  artisti collaborano anche tra loro,  scrivendo canzoni insieme e prestandosi voce l’un l’altro, creando così uno spirito di cameratismo che manca in altri campi artistici.

Come con altri generi nel mondo arabo, l’industria dell’hip hop ha molto bisogno di supporto. Ci sono poche o nessuna opportunità di borse di studio, il genere non viene insegnato nelle scuole e da molti è ancora considerato tabù. Le nuove canzoni hip-hop arabe non vengono trasmesse sui canali televisivi controllati dallo Stato, né sulla maggior parte delle stazioni radio della regione. I messaggi importanti che veicolano probabilmente continueranno a eludere le autorità, considerato che queste  preferiscono musicisti più arrendevoli che cantano di temi  tradizionali come il romanticismo e più recentemente il patriottismo. “Le sfide sono che questa non è la scena principale, non è il tipo di musica che la gente si aspetta” dice Yusor “Il tipo di pubblico è diverso ed è meno numeroso, rispetto a quello della scena musicale tradizionale. È anche un lavoro freelance basato sull’attrezzatura di cui si dispone e non c’è mercato a cui vendere. Stiamo semplicemente dimostrando ciò che possiamo offrire “.

Questi ostacoli  tuttavia non hanno  fermato quella che è una fiorente scena musicale hip hop araba, che continua a prosperare grazie a piattaforme come SoundCloud, YouTube e alle stazioni radio indipendenti apparse negli ultimi anni, come Al Hara  in Palestina, Al Shams ad Amman e Al Houma in Tunisia. Secondo Yusor, “la scena hip hop ha fatto un salto, ma deve ancora maturare. C’è casualità e slancio nella produzione, ma non c’è ancora maturità. Credo che avrà bisogno di tempo prima che abbia caratteristiche distinte”.

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” –Invictapalestina.org

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

hip hop

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Dune nell’immaginario di ieri e di oggi

Dune può dirsi un vero e proprio mito contemporaneo capace di segnare profondamente l’immaginario collettivo

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Culture

Nutrire la rivoluzione.

Che rapporto c’è tra città e campagna, che rapporto vediamo tra la questione del cibo – della possibilità di un suo approvvigionamento – e la rivoluzione che immaginiamo. Sono alcuni dei temi del libro “Nutrire la rivoluzione. Cibo, agricoltura e rottura rivoluzionaria”, pubblicato da Porfido edizioni per la collana i Sanpietrini nel 2023.

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le contraddizioni e le moderne intuizioni di un editore militante

Molto si è scritto, detto e discusso a proposito della lotta armata in Italia, attraverso saggi, articoli, dibattiti e testimonianze di vario indirizzo, calibro e dalle finalità non sempre limpide.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Decreto Crescita e il calcio ordoliberale

La mancata proroga del Decreto Crescita per la Serie A serve solo a dimostrare che il libero mercato del calcio non è tale

Immagine di copertina per il post
Culture

Note su cinema e banlieue

Lo scritto che segue riprende alcune tematiche approfondite in un libro in fase di ultimazione dedicato alla messa in scena delle banlieue nel cinema francese.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il reale delle/nelle immagini. La magia neoarcaica delle immagini tecniche

Il doppio offerto da queste “nuove immagini” a partire dalla fotografia finisce per dare vita ad atteggiamenti “neoarcaici” – come li definisce Edgar Morin (L’Esprit du temps) –, attivando reazioni irrazionali, primitive, infantili proprie dell’Homo demens che, da sempre, contraddistinguono il rapporto tra l’essere umano e le differenti forme di rappresentazione.

Immagine di copertina per il post
Culture

Che succede al rap? Parlano i P38: “A noi interessa rovesciare la narrativa dominante”

La nona tappa dello Speciale di Zic.it: una conversazione sul ribaltamento degli stilemi della trap o del rap più classico, in primo luogo rispetto al machismo, alla misoginia, ai soldi, per “intaccare le certezze precostituite dalla ideologia consumistico-capitalista”. La nona puntata dello speciale sulla situazione del rap in Italia: l’intervista ai P38 si aggiunge ai […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Il rap, il razzismo, Sanremo e noi

  Qualche mese fa il rapper nigeriano-italiano Tommy Kuti ha rilasciato, senza troppa eco mediatica, un’intervista per Noisey in cui veniva affrontato il tema del razzismo nel rap italiano. Il centro del discorso ruotava attorno al tema dell’appropriazione culturale subita dalla cultura hip hop in Italia, senza una sufficiente elaborazione delle sue matrici razziali e […]

Immagine di copertina per il post
Culture

La comunità Hip-Hop di Reggio Calabria rifiuta il nazi-rap

Dal profilo di Kento riportiamo questo manifesto contro l’evento organizzato sabato 29 luglio in locale privato a Scilla da Casa Pound. Siamo un gruppo di mc, dj, writer, b-boy e b-girl di Reggio Calabria con diversa estrazione e differenti visioni politiche e sociali, uniti dall’amore verso la cultura Hip-Hop e verso la nostra terra.Abbiamo scoperto […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La nuova scena rap nella Baltimora post-Freddie Gray

Dato che è sempre rimasta fuori dal giro dei grandi media e dei circoli culturali, Baltimora è abituata a vivere nell’ombra. Essere originari di una città non-troppo-famosa fa entrare facilmente nel circolo vizioso per cui si pensa che la propria città sia soggetta a una specie di maledizione e che quell’isolamento non dipenda da nessuno […]

Immagine di copertina per il post
Culture

#MaiConSalvini e hip hop militante: intervista a Kento

Abbiamo intervistato Kento, rapper militante, a partire del dibattito che la manifestazione romana #MaiConSalvini ha aperto all’interno di una parte del mondo dell’hip hop, suscitando prese di posizione e polemiche. Nell’intervista abbiamo poi aperto la riflessione alla scena hip hop italiana attuale e a che cosa voglia dire oggi fare rap militante: In occasione della […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Hip Hop Smash The Wall: intervista a Lucci, Kento e Gojo

Qui è inoltre possibile ascoltare l’intervista realizzata con Kento lo scorso 30 settembre ai microfoni di Parole Ribelli, su Radio Blackout:  {mp3remote}https://dl.dropboxusercontent.com/u/25872182/HHSmashTheWall.mp3{/mp3remote} Come è nata l’idea di Hip Hop Smash The Wall e come sei stato coinvolto in questa iniziativa? KENTO: Il progetto è stato ideato da Eleonora Pochi, attivista ed assistente sociale, con il […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Ostia. Polizia Municipale assalta il contest hip hop

Durante la quarta domenica di pedonalizzazione di Ostia, manifestazione organizzata dal decimo municipio, un collettivo artistico di ballerini Hip-Hop & Break Dance chiamato CalifOstia Underground ha organizzato la competizione “La strada è di chi la vive” presso il lungomare Paolo Toscanelli. L’obiettivo era quello di ridare alla “strada” il valore culturale e artistico che ha […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Kaos One – ‘Post scripta’ Tour + Dj Craim ‘Reloaded’ DjSet+Guests

sabato 4 febbraio h 23 @ csoa Askatasuna (c.so regina margherita 47 – Torino) Il csoa askatasuna è onorato di offrirvi il nouvo show e il nuovo disco del dottor K. una live arricchito dalle liriche del nuovo “POST SCRIPTA”. per la prima volta a torino sentiremo le rime ruvide di kaos unirsi agli i…nnovativi […]