InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il significato sociale, culturale e storico dello sciopero degli autori televisivi e cinematografici statunitensi

Abbiamo tradotto da WSWS questo interessante articolo a firma David Walsh sulla lotta degli sceneggiatori di Hollywood in corso negli Stati Uniti. Buona lettura!

Lo sciopero di 11.000 sceneggiatori televisivi e cinematografici statunitensi, iniziato martedì, è allo stesso tempo parte di un’impennata generale della lotta di classe, una sfida alla morsa dei conglomerati sulla produzione cinematografica e televisiva e un conflitto con l’establishment del Partito Democratico che domina Hollywood.

Gli sceneggiatori statunitensi si confrontano con alcuni dei più grandi e spietati conglomerati del mondo, determinati a eliminare posti di lavoro e a ridurre i costi a spese dei lavoratori della televisione e del cinema. In base al sistema del profitto, l’intelligenza artificiale e altre tecnologie, che hanno un vasto potenziale di arricchimento della vita, saranno utilizzate per distruggere gli standard e le condizioni di vita dei lavoratori.

Questa è già stata l’esperienza dello streaming. La Writers Guild of America (WGA) riconosce che le aziende “hanno sfruttato la transizione dello streaming per sottopagare gli scrittori, creando modelli più precari e meno pagati per il lavoro degli scrittori”. Mentre le società hanno rastrellato miliardi, la retribuzione settimanale mediana degli scrittori-produttori è diminuita del 23% nell’ultimo decennio, al netto dell’inflazione.

Gli scrittori chiedono un compenso migliore alle aziende e ai loro dirigenti. Amazon (nel 2018 all’ottavo posto della classifica Fortune 500) ha fatturato nel 2022 514 miliardi di dollari, Disney (numero 53 della classifica Fortune 500 2022) ha fatturato l’anno scorso 83 miliardi di dollari, NBCUniversal 39 miliardi di dollari, Netflix 32 miliardi di dollari e così via.

Queste aziende giganti sono a loro volta sottoposte a pressioni incessanti da parte di Wall Street per aumentare ulteriormente i margini di profitto. In particolare, le banche e gli investitori chiedono alle aziende del settore dei media di trovare un modo per aumentare i profitti dei servizi di streaming.

La società di analisi di Wall Street MoffettNathanson ha commentato all’inizio di quest’anno che “gli investitori e i dirigenti hanno accettato il fatto che lo streaming non è, di fatto, un buon affare – almeno non rispetto a ciò che è venuto prima”. Per renderlo un “buon affare” è necessario aumentare lo sfruttamento di tutti i lavoratori coinvolti, compresi, in particolare, gli scrittori.

In altre parole, gli scrittori si trovano ad affrontare lo stesso spietato assalto ai loro posti di lavoro e alle loro condizioni di vita di tutti i settori della classe operaia, negli Stati Uniti e a livello internazionale. L’avidità dei dirigenti dei media, che non manca, è secondaria rispetto agli imperativi del sistema di profitto capitalistico.

Gli scrittori hanno una storia combattiva. Questo è il loro settimo sciopero, compreso quello di 100 giorni del 2007-08, ampiamente trattato dal WSWS. La maggior parte di questi scioperi è durata mesi.

Le richieste economiche degli scioperanti sono di immensa importanza. Tuttavia, la lotta per queste richieste solleva questioni sociali, politiche, culturali e storiche più profonde.

La produzione televisiva e cinematografica è economicamente e culturalmente centrale per il capitalismo americano, oltre che per la sua immagine e reputazione all’estero. La battaglia tra gli scrittori e le aziende di intrattenimento è anche una lotta per il contenuto della vita culturale. Figure come la famiglia Murdoch della Fox, che gli scrittori hanno ritratto in modo sprezzante nella serie Succession, e le loro controparti in tutta l’industria, esercitano un rigido controllo su ciò che la popolazione statunitense e mondiale vede sugli schermi televisivi e cinematografici.

L’attuale conflitto fa parte di una guerra continua tra gli sceneggiatori e gli studios e i network che dura da quasi un secolo. La Screen Writers Guild (antesignana della Writers Guild of America West e East) fu fondata nel 1933 in risposta alle azioni spietate e predatorie degli studios di Hollywood, tra cui il taglio del 50% dei salari imposto nel marzo dello stesso anno.

La sindacalizzazione degli scrittori fu ferocemente osteggiata dai dirigenti degli studios, in parte perché la consideravano un’intollerabile interferenza con il loro diritto di dettare i contenuti. Durante la Red Scare (Paura Rossa, modo in cui vengono definiti i due periodi di maggiore paranoia anticomunista all’interno della società americana, in questo caso si parla del secondo noto anche come maccartismo ndt), alla fine degli anni Quaranta e all’inizio degli anni Cinquanta, gli sceneggiatori furono il bersaglio particolare della caccia alle streghe anticomunista.

L’establishment politico americano era particolarmente sensibile ai film socialmente consapevoli prodotti a partire dalla fine degli anni Trenta. La Screen Writers Guild fu attaccata dalla House Un-American Activities Committee (HUAC) a partire dal 1940. L’HUAC tenne due serie di audizioni, nel 1947 e nel 1951-53, che portarono all’inserimento nella lista nera di centinaia di persone e alla vile capitolazione di altre. Nel 1952, la Screen Writers Guild – tra i cui fondatori c’erano tre futuri membri degli Hollywood Ten, famosi per la loro lista nera – autorizzò gli studi cinematografici a “omettere dallo schermo” i nomi di chiunque non fosse riuscito a “discolparsi” davanti al Congresso.

Il conflitto tra gli scrittori e le multinazionali contiene sempre gli elementi di una lotta per la libertà artistica contro il dominio delle grandi imprese e la lotta per la critica sociale contro il conformismo, il nazionalismo e il militarismo.

Le principali società di Hollywood sono sempre più integrate con lo Stato, il Pentagono e la CIA. Un recente documentario, “Theaters of War: How the Pentagon and the CIA took Hollywood”, ha mostrato come le agenzie militari e di intelligence abbiano esercitato un controllo editoriale diretto su oltre 2.500 produzioni cinematografiche e televisive negli ultimi due decenni.

L’attuale spinta bellica dell’amministrazione Biden contro la Russia e la Cina richiede l’ulteriore imbrigliamento dell’intera industria dell’intrattenimento alle esigenze dell’imperialismo. La censura dei libri e delle idee sta già dilagando negli Stati Uniti. Questo non può essere separato dal più ampio assalto ai diritti democratici. Julian Assange rimane in prigione per aver rivelato la verità sui crimini di guerra degli Stati Uniti, un destino che, se la classe dominante continua sulla sua strada, sarà usato contro tutti coloro che espongono la realtà della vita sociale e politica.

Oggi si scrive seriamente di televisione e di cinema. La terribile decadenza e la quasi disintegrazione della società americana, che si traduce quotidianamente in sparatorie di massa e altre atrocità antisociali, si sta imponendo agli scrittori più riflessivi. Ma le esigenze di profitto e i bisogni ideologici delle multinazionali predominano. Se esistesse davvero la libertà artistica, quali storie racconterebbero gli scrittori? Che tipo di drammi avrebbero costruito sulla loro situazione? Quali conflitti e contraddizioni dovrebbero affrontare nel trattare l’attuale sciopero?

La classe dirigente si è impegnata in una campagna pluridecennale per delegittimare qualsiasi forma di pensiero genuino e di sinistra, per escludere completamente qualsiasi narrazione che vada oltre un tiepido liberalismo. La velenosa narrativa del Partito Democratico e della pseudo-sinistra, secondo cui la razza e il genere sono tutto in America, viene promossa senza sosta. Viene imposto un regime di autocensura, con gli scrittori che in genere devono introdurre di nascosto nei loro testi anche la più velata critica al capitalismo.

Rupert Murdoch non aveva torto, durante lo sciopero del 2007-08, a considerare il conflitto come una seria minaccia ai suoi interessi commerciali e sociali. Murdoch si è lamentato del fatto che, se all’inizio lo sciopero si era concentrato sulla questione di Internet, “poi è andato avanti. E ora la retorica è, sapete, grandi e grasse aziende e noi poveri scrittori, come se… volessero davvero passare a una sorta di sistema socialista e trascinare giù le aziende”.

Per ottenere le loro rivendicazioni in questo sciopero, gli scrittori devono prendere in mano la situazione, unendo la loro lotta a quella di altri settori della classe operaia, nell’industria dello spettacolo e non solo. Ciò include lo sviluppo di comitati di base, indipendenti dall’apparato sindacale, che è legato al Partito Democratico e quindi alla classe dirigente. I leader della WGA hanno dichiarato mercoledì, durante una manifestazione, che “la Casa Bianca è dietro di noi”. Si tratta di una menzogna che minerà la lotta dei lavoratori in sciopero contro le grandi aziende e l’establishment politico della classe dominante che le sostiene.

Soprattutto, è necessario collegare lo sciopero e le condizioni che gli scrittori devono affrontare alle lotte dell’intera classe operaia, che si stanno svolgendo in tutto il mondo. La Francia è entrata in una crisi rivoluzionaria con la maggioranza della popolazione a favore di uno sciopero generale per far cadere l’odiato governo Macron. Grandi scioperi si susseguono in ogni paese: Regno Unito, Germania, Sri Lanka e Canada.

Negli Stati Uniti, quest’anno ci sono stati scioperi significativi dei lavoratori del settore accademico, solo l’espressione iniziale di un’esplosione sociale. Solo in California si stanno sviluppando le lotte degli educatori, dei lavoratori portuali e della logistica.

Uno studio serio della storia e della politica, e su questa base un orientamento allo sviluppo di un movimento socialista nella classe operaia, è necessario agli scrittori sia per comprendere la propria lotta sia per comprendere la società, il che è necessario per creare arte di valore genuino e duraturo.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

CAPITALISMO DELLE PIATTAFORMEhollywoodimperialismosceneggiatoriscioperoUsa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Prefazione di Premières Secousses, il libro di Soulèvements de la Terre

Abbiamo tradotto la prefazione del libro dei Soulèvements de la Terre dal titolo Premières Secousses, uscito ad aprile per le edizioni La Fabrique.

Immagine di copertina per il post
Culture

Festa di Radio Onda d’Urto – Il programma

Da mercoledì 7 a sabato 24 agosto 2024 in via Serenissima a Brescia 18 serate di concerti, dibattiti, djset, presentazioni di libri, enogastronomia, spazio per bambine-i…

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: un disastro per Biden il confronto televisivo con Trump. Potrebbe ritirarsi? Intervista a Martino Mazzonis

Non sembrano esserci dubbi sul fatto che questo confronto sia stato un disastro per Joe Biden

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cosa è andato storto nel capitalismo?

Questa è una brutta notizia per Sharma, forte sostenitore del capitalismo. Cosa è andato storto?

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla colonia, alla fabbrica, ai quartieri popolari: l’antirazzismo politico in Francia. Intervista a Said Bouamama

Abbiamo realizzato questa intervista a Said Bouamama ad aprile 2024 durante il Festival Altri Mondi – Altri Modi tenutosi al centro sociale Askatasuna a Torino, quando il movimento per la Palestina, perlomeno a Torino, era in una fase diversa, potremmo dire agli albori, da quella che sta attraversando in questi mesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: migliaia al corteo del 2 giugno. Cariche vicino al consolato USA

2 giugno: Festa della Contro Repubblica, l’appello dei Giovani Palestinesi alla mobilitazione in occasione della Festa della Repubblica, divenuta secondo i e le manifestanti “Festa di celebrazione della guerra”, ha visto l’adesione di diverse città italiane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le rivolte in Nuova Caledonia tra spinte indipendentiste e imperialismo francese

Situazione insurrezionale e rivolte in Kanaky/Nuova Caledonia, situata nell’Oceano Pacifico meridionale vicino all’Australia e dal 1853 di “proprietà” della Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Una luce di speranza

La grande rivolta giovanile nelle università degli Stati Uniti non smette di crescere e mostra una meraviglia di organizzazione e l’incredibile diversità di coloro che vogliono fermare il genocidio a Gaza, arrivando a contagiare anche l’Europa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..