InfoAut
Immagine di copertina per il post

Nutrire la rivoluzione.

Che rapporto c’è tra città e campagna, che rapporto vediamo tra la questione del cibo – della possibilità di un suo approvvigionamento – e la rivoluzione che immaginiamo. Sono alcuni dei temi del libro “Nutrire la rivoluzione. Cibo, agricoltura e rottura rivoluzionaria”, pubblicato da Porfido edizioni per la collana i Sanpietrini nel 2023.

Di seguito pubblichiamo la registrazione della presentazione del libro svoltasi a Torino.

La decisione di tradurre e pubblicare due testi di John Clegg & Rob Lucas e Jasper Bernes rispettivamente dal titolo “Le tre rivoluzioni agricole” (originariamente pubblicato su Endnotes, rivista americana) e “Il ventre della rivoluzione: agricoltura, energia e futuro del comunismo” da parte dei traduttori e autori dell’introduzione del libro, è la constatazione di un vuoto nella storia dei movimenti sui tentativi di ragionare sulla rivoluzione scendendo in profondità per delineare i contorni di come organizzare la vita, il lavoro, la società nel suo complesso una volta che ci si sarà sbarazzati del capitalismo.

Questa mancanza è un dato epocale e si possono individuare molteplici ragioni, esplicitate nell’introduzione al libro. Innanzitutto, una causa soggettiva, legata alla debolezza dei conflitti qui e altrove, che raramente arrivano a un livello tale di scontro che rendano queste questioni urgenti da affrontare; in secondo luogo, come strutturalmente il capitalismo ha modificato il mondo, rendendo sempre più complessa la sua compresione; e, in ultimo, l’immagine dell’irreversibilità che il capitalismo ha proiettato sull’intero pianeta. Fino a qualche anno fa la retorica utilizzata dal sistema era “viviamo nel migliore dei mondi possibili”, oggi questa narrazione è cambiata per lasciare spazio al messaggio che questo sia “l’unico mondo possibile in cui possiamo vivere”. Ne è una dimostrazione l’epoca delle pandemie, inaugurata dal Covid, che si struttura su un paradosso: da un lato, il processo di devastazione ambientale, antropologico e sociale non è mai stato così feroce dall’altro, la controparte riesce ad autoimporsi come necessaria attraverso la spirale di soluzioni tecniche che propugna come uniche di fronte ai problemi che il sistema stesso ha creato.

I testi racchiusi nel libro riportano in primo piano il tema sulla rivoluzione per uscire dai vicoli ciechi in cui il capitalismo ci ha spinto a forza. Viene sottolineato come sia necessaria una prospettiva rivoluzionaria, in quanto non esistono soluzioni tecniche all’altezza ma occorre ripensare una società dalle condizioni che permettano una vita e un’organizzazione sociale non mediata dal profitto.

“Il ventre della rivoluzione” parte da un impasse, ossia la difficoltà per i movimenti a definire contro cosa si battono, cosa vorremmo superare in questo mondo, una difficoltà che per Jasper Bernes deriva dalla complessità del mondo che definisce come “una totalità indeterminata”, e che quindi rende complesso decidere da quali aspetti partire per agire. Il metodo proposto dall’autore è di restringere il campo della questione, scegliendo un nodo per poi osservarlo da una prospettiva di profondità. Il punto che tutti si dovranno porre è il cibo, ossia come alimentarsi in una nuova società. Nel rapporto tra città e campagna si individua la nascita del capitalismo, l’origine della società capitalista deriva dal rapporto con la terra. La rivoluzione dovrà superare il modo in cui il capitalismo affronta questo punto, senza ricadere negli errori della prima rivoluzione agricola, quella neolitica, né in quella capitalista, identificata con la seconda rivoluzione agricola caratterizzata dai passaggi tencologici che hanno permesso di incanalare le masse nell’industria. Quale sarà la terza rivoluzione? Quella comunista, che dovrà avere come centrale la questione agraria. Nel libro sono identificati alcuni temi di massima che dovrebbero guidare nel rapporto con la terra in ottica rivoluzionaria, ad esempio il tema del rapporto della sinistra storica e la tecnologia, la questione energetica, immaginare scenari possibili in momenti di rottura rivoluzionaria.

Precedentemente era uscito nel 2020, edito da Red Star Press, il libro dal titolo “Comunismo e logistica” che pone per la prima volta il tema della logistica nel dibattito politico marxista negli USA. A partire da una lettura del ciclo di mobilitazione mondiale del 2011, diffusosi dalle piazze europee all’occupy americano, e in particolare dell’esperienza di lotta del blocco del porto di Okland, si introduce la questione del blocco della logistica e della circolazione delle merci come prioritaria nell’ottica di imporre una rottura in un’epoca in cui il capitalismo è totalizzante in ogni aspetto della vita produttiva e riproduttiva. Questione rimasta aperta nel dibattito politico all’interno dell’ambito marxista in quanto il passaggio effettuato in questo libro di Jasper Bernes, ha generato un dibattito che ha condotto al tema dell’approvvigionamento alimentare. La necessità di un ragionamento intorno a questa questione nasce dunque a fronte della domanda di come sia materialmente possibile immaginare una rivoluzione, che per essere considerata tale implica il blocco della catena della logistica a livello generale e globale, che possa garantirsi la soddisfazione a livello di massa dei bisogni fondamentali, come la sostenibilità alimentare, della società che dovrà costituirsi su nuove basi al di fuori del sistema capitalistico.

Buon ascolto!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

ECOLOGIA POLITICAnutrire la rivoluzioneporfidorivoluzione agricola

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

La propaganda di Israele nel più popolare sport americano

Israele ha approfittato dei 123 milioni di telespettatori, il massimo dallo sbarco sulla Luna del 1969, che hanno visto la finale del campionato di Football americano, per fare propaganda.

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Culture

In attesa di un altro mondo: tre film sulla fine del sogno americano

Ha avuto inizio a Venezia, il 9 gennaio di quest’anno, una rassegna cinematografica “itinerante” di tre film e documentari di tre registi italiani under 40 che hanno vissuto parte della propria vita negli Stati Uniti e che hanno deciso di raccontarne aspetti sociali, ambientali e politici molto al di fuori dell’immagine che troppo spesso viene proiettata dai media di ciò che un tempo era definito come American Way of Life.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le contraddizioni e le moderne intuizioni di un editore militante

Molto si è scritto, detto e discusso a proposito della lotta armata in Italia, attraverso saggi, articoli, dibattiti e testimonianze di vario indirizzo, calibro e dalle finalità non sempre limpide.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Decreto Crescita e il calcio ordoliberale

La mancata proroga del Decreto Crescita per la Serie A serve solo a dimostrare che il libero mercato del calcio non è tale

Immagine di copertina per il post
Culture

Note su cinema e banlieue

Lo scritto che segue riprende alcune tematiche approfondite in un libro in fase di ultimazione dedicato alla messa in scena delle banlieue nel cinema francese.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il reale delle/nelle immagini. La magia neoarcaica delle immagini tecniche

Il doppio offerto da queste “nuove immagini” a partire dalla fotografia finisce per dare vita ad atteggiamenti “neoarcaici” – come li definisce Edgar Morin (L’Esprit du temps) –, attivando reazioni irrazionali, primitive, infantili proprie dell’Homo demens che, da sempre, contraddistinguono il rapporto tra l’essere umano e le differenti forme di rappresentazione.

Immagine di copertina per il post
Culture

Approfondimento su Nutrire la rivoluzione

Un’autentica rivoluzione del XXI secolo, che rompa con il capitale e con la società divisa in classi, assumerà anch’essa le fattezze di una rivoluzione agraria, per quanto di segno significativamente diverso.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

A fianco dei trattori in lotta – no alla transizione per pochi dell’UE!

Il paradigma di sviluppo dell’industria agroalimentare delineato nella Pac 2023-27 (Politica Agricola Comune) rispecchia il più ampio progetto del Green Deal, ovvero un insieme di strategie volte a raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Deposito Unico per le scorie nucleari: comunicato congiunto di Ecologia Politica e ARI.

Riceviamo e pubblichiamo volentieri il comunicato congiunto di Ecologia Politica Torino e ARI (Associazione Rurale Italiana) in merito alle novità relative alla scelta del sito considerato ideo per il deposito unico nazionale di scorie nucleari.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

San Didero, 9 dicembre. “Mega-opere, mega-eventi: no grazie!”

Al Polivalente di San Didero sabato 9 dicembre alle ore 14.30, nella cornice di appuntamenti previsti per le mobilitazioni dell’8 dicembre notav, si terrà un dibattito dal titolo “Mega-opere, mega-eventi: no grazie! Difendiamo la montagna, l’acqua e la vita dall’estrattivismo ecocida”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Verso un dicembre in lotta per la difesa delle nostre montagne!

Oggi pomeriggio alle 18 in aula Breack – Campus Luigi Einaudi di Torino ci sarà la presentazione dell’8 dicembre in Val Susa e del 16-17 dicembre nelle Alpi Apuane!

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Crisi ecologica, crisi capitalista, crisi dell’ecologismo politico – Parte prima

L’ecologismo politico, inteso come movimento sociale antagonista, non solo non ha incrementato la sua potenza politica nell’attuale contesto di effervescenza discorsiva green, ma sembra che stia implodendo. La presentazione della crisi ecologica nelle società capitalistiche occidentali racchiude un paradosso che aggiunge confusione politica a un mondo postpandemico già di suo tendente al disordine. A prima […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

15 nuovi progetti dei bacini annullati dai tribunali: è ora di fermare i progetti in corso nel Deux-Sèvres! 

Si tratta di una grande vittoria per il movimento Soulèvements de la Terre, il comitato Bassines non merci e la Confèderation paysanne: 15 progetti di mega-bacini annullati nel Deux-Sèvres.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Seconda edizione della Convocatoria Ecologista a Taranto

Chiamata da Taranto per la seconda edizione della Convocatoria ecologista che avrà luogo dall’1 al 3 settembre. Tre giorni per affrontare le lotte ecologiste attraverso una chiave intersezionale: il discorso decoloniale e transfemminista sarà cardine del confronto proposto durante le giornate tarantine.