InfoAut
Immagine di copertina per il post

Nutrire la rivoluzione.

Che rapporto c’è tra città e campagna, che rapporto vediamo tra la questione del cibo – della possibilità di un suo approvvigionamento – e la rivoluzione che immaginiamo. Sono alcuni dei temi del libro “Nutrire la rivoluzione. Cibo, agricoltura e rottura rivoluzionaria”, pubblicato da Porfido edizioni per la collana i Sanpietrini nel 2023.

Di seguito pubblichiamo la registrazione della presentazione del libro svoltasi a Torino.

La decisione di tradurre e pubblicare due testi di John Clegg & Rob Lucas e Jasper Bernes rispettivamente dal titolo “Le tre rivoluzioni agricole” (originariamente pubblicato su Endnotes, rivista americana) e “Il ventre della rivoluzione: agricoltura, energia e futuro del comunismo” da parte dei traduttori e autori dell’introduzione del libro, è la constatazione di un vuoto nella storia dei movimenti sui tentativi di ragionare sulla rivoluzione scendendo in profondità per delineare i contorni di come organizzare la vita, il lavoro, la società nel suo complesso una volta che ci si sarà sbarazzati del capitalismo.

Questa mancanza è un dato epocale e si possono individuare molteplici ragioni, esplicitate nell’introduzione al libro. Innanzitutto, una causa soggettiva, legata alla debolezza dei conflitti qui e altrove, che raramente arrivano a un livello tale di scontro che rendano queste questioni urgenti da affrontare; in secondo luogo, come strutturalmente il capitalismo ha modificato il mondo, rendendo sempre più complessa la sua compresione; e, in ultimo, l’immagine dell’irreversibilità che il capitalismo ha proiettato sull’intero pianeta. Fino a qualche anno fa la retorica utilizzata dal sistema era “viviamo nel migliore dei mondi possibili”, oggi questa narrazione è cambiata per lasciare spazio al messaggio che questo sia “l’unico mondo possibile in cui possiamo vivere”. Ne è una dimostrazione l’epoca delle pandemie, inaugurata dal Covid, che si struttura su un paradosso: da un lato, il processo di devastazione ambientale, antropologico e sociale non è mai stato così feroce dall’altro, la controparte riesce ad autoimporsi come necessaria attraverso la spirale di soluzioni tecniche che propugna come uniche di fronte ai problemi che il sistema stesso ha creato.

I testi racchiusi nel libro riportano in primo piano il tema sulla rivoluzione per uscire dai vicoli ciechi in cui il capitalismo ci ha spinto a forza. Viene sottolineato come sia necessaria una prospettiva rivoluzionaria, in quanto non esistono soluzioni tecniche all’altezza ma occorre ripensare una società dalle condizioni che permettano una vita e un’organizzazione sociale non mediata dal profitto.

“Il ventre della rivoluzione” parte da un impasse, ossia la difficoltà per i movimenti a definire contro cosa si battono, cosa vorremmo superare in questo mondo, una difficoltà che per Jasper Bernes deriva dalla complessità del mondo che definisce come “una totalità indeterminata”, e che quindi rende complesso decidere da quali aspetti partire per agire. Il metodo proposto dall’autore è di restringere il campo della questione, scegliendo un nodo per poi osservarlo da una prospettiva di profondità. Il punto che tutti si dovranno porre è il cibo, ossia come alimentarsi in una nuova società. Nel rapporto tra città e campagna si individua la nascita del capitalismo, l’origine della società capitalista deriva dal rapporto con la terra. La rivoluzione dovrà superare il modo in cui il capitalismo affronta questo punto, senza ricadere negli errori della prima rivoluzione agricola, quella neolitica, né in quella capitalista, identificata con la seconda rivoluzione agricola caratterizzata dai passaggi tencologici che hanno permesso di incanalare le masse nell’industria. Quale sarà la terza rivoluzione? Quella comunista, che dovrà avere come centrale la questione agraria. Nel libro sono identificati alcuni temi di massima che dovrebbero guidare nel rapporto con la terra in ottica rivoluzionaria, ad esempio il tema del rapporto della sinistra storica e la tecnologia, la questione energetica, immaginare scenari possibili in momenti di rottura rivoluzionaria.

Precedentemente era uscito nel 2020, edito da Red Star Press, il libro dal titolo “Comunismo e logistica” che pone per la prima volta il tema della logistica nel dibattito politico marxista negli USA. A partire da una lettura del ciclo di mobilitazione mondiale del 2011, diffusosi dalle piazze europee all’occupy americano, e in particolare dell’esperienza di lotta del blocco del porto di Okland, si introduce la questione del blocco della logistica e della circolazione delle merci come prioritaria nell’ottica di imporre una rottura in un’epoca in cui il capitalismo è totalizzante in ogni aspetto della vita produttiva e riproduttiva. Questione rimasta aperta nel dibattito politico all’interno dell’ambito marxista in quanto il passaggio effettuato in questo libro di Jasper Bernes, ha generato un dibattito che ha condotto al tema dell’approvvigionamento alimentare. La necessità di un ragionamento intorno a questa questione nasce dunque a fronte della domanda di come sia materialmente possibile immaginare una rivoluzione, che per essere considerata tale implica il blocco della catena della logistica a livello generale e globale, che possa garantirsi la soddisfazione a livello di massa dei bisogni fondamentali, come la sostenibilità alimentare, della società che dovrà costituirsi su nuove basi al di fuori del sistema capitalistico.

Buon ascolto!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

ECOLOGIA POLITICAnutrire la rivoluzioneporfidorivoluzione agricola

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Festa di Radio Onda d’Urto – Il programma

Da mercoledì 7 a sabato 24 agosto 2024 in via Serenissima a Brescia 18 serate di concerti, dibattiti, djset, presentazioni di libri, enogastronomia, spazio per bambine-i…

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Diga in Val Sessera: quali conseguenze?

Di seguito l’invito alla prima iniziativa pubblica di Confluenza organizzata insieme a Custodiamo la Valsessera e al Circolo Biellese Tavo Burat sul tema degli invasi che si terrà a Biella il 14 giugno alle ore 18.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Meisino: la biodiversità di un territorio da difendere.

Il parco del Meisino è il più ricco di biodiversità dell’intera Città Metropolitana, Zona a Protezione Speciale e area protetta del parco del Po piemontese: in quanto tale è evidentemente un bene comune la cui salvaguardia non è interesse esclusivo degli abitanti dei quartieri limitrofi.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

La truffa del G7: i ministri dei Paesi più industrializzati e inquinanti al mondo annunciano false promesse per fronteggiare la questione climatica.

Riflessioni e valutazioni conclusive di una settimana di mobilitazione, scritte a più mani tra chi ha partecipato al percorso di costruzione della contestazione.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Prati urbani e difesa del suolo: i casi di Settimo Torinese e Borgata Parella.

Due prati, due storie. In parte queste storie si specchiano, in parte divergono.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Andare oltre l’inferno planetario – di Gennaro Avallone

“Non è l’Uomo, ma è il Capitale il responsabile dell’inferno planetario”

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Obbligati a produrre rifiuti e a devastare i nostri territori: il caso di Valledora.

Oggi il sistema ci impone non solo di essere consumatori di prodotti, ma anche produttori di rifiuti: senza tregua e senza alcuna possibilità di sottrarci a questo ruolo quotidiano obbligato, per quanto frugali cerchiamo di essere.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Verso il G7 Ambiente e Energia a Torino: assemblea informativa sul mercato energetico.

Da prima dello scoppio della guerra in Ucraina siamo sottoposti a un continuo rincaro sui prezzi dell’energia, in particolare sul gas.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Dal modello del supermercato al modello della biblioteca pubblica: la necessità di nuove utopie.

La transizione ecologica che viene proposta dall’alto è iniqua. Anche perché è iniqua – l’ecologia, per definizione, non lo è – non è una vera transizione ecologica.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Chi ha paura dei cittadini attivi ?

In molte città italiane le motoseghe che abbattono alberate al riparo di barriere e di schieramenti di forze dell’ordine stanno producendo anche lacerazioni tra popolazioni e amministratori. A cosa porteranno queste fratture? E quali saranno gli effetti del rifiuto dei tecnici comunali di confrontarsi con gli agronomi che sostengono le istanze dei cittadini?