InfoAut
Immagine di copertina per il post

Costruendo lo sciopero sociale [report assemblea nazionale StudAut]

Durante l’assemblea si sono svolti tre differenti workshop di cui ora andremo a sviluppare una sintesi.

Workshop sul mondo della formazione:

Partendo da un contributo iniziale di professori universitari e precari della scuola, abbiamo analizzato come “la buona scuola” di Renzi sia il compimento di un processo di aziendalizzazione del mondo della formazione, durato vent’anni e già avviato dalle riforme precedenti come quella Gelmini. Questa manovra, accompagnata dal jobs act, adatta l’istruzione al mercato del lavoro e a questo modello di sviluppo, preparando lo studente a una vita di precarietà soprattutto attraverso l’alternanza scuola-lavoro.

La scuola-azienda sarà governata mediante il ricatto del merito e della valutazione che colpirà sia gli studenti che i professori, ad esempio con gli scatti salariali concessi solo a due terzi di loro. L’assegnazione di questi scatti sarà stabilita dal preside che oltre a sceriffo diventerà manager, rafforzando la propria autorità negli istituti e favorendo così i tentativi di messa a tacere dell’iniziativa studentesca.

A partire da questo workshop produrremo un’ulteriore analisi della riforma di Renzi e delle sue conseguenze nelle scuole.

Workshop sulle pratiche studentesche e di sciopero sociale:

Dai vari interventi è emerso come il punto di partenza per l’organizzazione dello sciopero sociale sia il lavoro dei collettivi all’interno delle scuole e dei quartieri, che devono costruire spazi e forme di aggregazione e conflitto nei luoghi che attraversano. La cooperazione tra studenti deve contrapporsi alla competizione imposta da questo modello, affrontando la governance della scuola-azienda, rivendicando l’accessibilità della cultura, riappropriandosi dal basso del welfare studentesco e rifiutando le tasse e i costi dell’istruzione.

Attraverso la sperimentazione dello sciopero sociale del 16 ottobre abbiamo individuato il blocco come principale pratica di sciopero studentesco e metropolitano. Unendosi alle altre lotte sociali gli studenti dovranno “bloccare la propria fabbrica” per poi riversarsi nelle strade e interrompere i flussi economici della città. Il punto di forza dello sciopero sociale è esprimere la rabbia di tutte le parti della società, di conseguenza il movimento studentesco dovrà attraversare queste piazze non solo portando rivendicazioni prettamente studentesche, ma anche rifiutando un futuro di precarietà e sfruttamento. Ci impegneremo a bloccare le città il più a lungo possibile dando continuità allo sciopero sociale oltre il 14 novembre, data fissata come prossimo appuntamento nazionale.

Workshop organizzazione, relazioni e comunicazione:

In questo dibattito abbiamo sottolineato il ruolo del network Studaut come coordinamento delle lotte studentesche e di conseguenza l’importanza di svilupparne ulteriormente l’organizzazione.

Parlando di comunicazione è stata più volte ribadita la necessità di un ringiovanimento dei linguaggi, per estendere la nostra base sociale sperimentando anche nuovi canali di comunicazione. Abbiamo individuato alcune parole chiave di immediata leggibilità che ci permettano un’informazione più capillare e diretta: #iononcisto come rifiuto della condizione dei giovani nella crisi, #scuolaazienda come definizione sintetica dell’attuale modello di scuola, #iononvoglioemigrare come meccanismo di denuncia di un fenomeno meridionale riscontrabile anche in tutta la realtà nazionale, #scioperosociale per rimanere aggiornati sulla costruzione e la giornata stessa del 14 novembre.

Arricchiti da questi dibattiti torneremo nei territori ancora più determinati nel costruire lo sciopero sociale, attraversando anche le date del 7 novembre a Bagnoli contro lo Sblocca Italia e il 19 novembre ad Arquata contro gli espropri del terzo valico.

Il mondo della formazione dovrà dare un forte contributo alla giornata del 14 novembre, che cade proprio prima della fine della “consultazione” sulla buona scuola di Renzi.

Saremo nuovamente al fianco di facchini, universitari, precari, disoccupati e occupanti di case, mostrando la nostra determinazione a chi vuole farci pagare questa crisi e riappropriandoci dal basso di reddito, diritti e dignità!

tratto da StudAut

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

assembleanapolireportstudaut

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

Riforma Bernini dell’università: la campagna 90%

Ad inizio giugno un fulmine si è abbattuto sull’università italiana.  La ministra Anna Maria Bernini ha annunciato che il governo sta lavorando ad una nuova riforma onnicomprensiva dell’università. Dal reclutamento al precariato, dalla didattica alla governance, il governo Meloni non vuole perdere l’occasione di ridisegnare il funzionamento degli atenei.  Il fatto che la coalizione di […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La parte del torto

Una riflessione che parte da alcune studentesse e studenti della Sapienza in merito alla mobilitazione per il boicottaggio degli accordi università-Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sui fatti di ieri, rispondiamo ai Ministri.

Sui fatti di ieri, tutti i ministri presenti si sono spesi in dichiarazioni abbastanza perentorie e retoriche ai giornali, come al solito ribaltando la realtà e ricostruendo uno scenario molto fantasioso su quelle che sono state le dinamiche della piazza di contestazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Nasce da Napoli una convergenza sociale a difesa del reddito e contro le politiche di sfruttamento e cancellazione dei diritti del Governo Meloni

Diverse centinaia di persone hanno partecipato all’assemblea popolare a difesa del reddito di cittadinanza e per la sua estensione che si è tenuta venerdì nel pieno centro storico di Napoli presso il cortile di Santa Chiara vicino Piazza del Gesù.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Primo maggio 2023: a Milano e Napoli la radicalità operaia sbaraglia le inutili passerelle dei Confederali

In particolare, la straordinaria partecipazione al corteo di Milano ci consegna un dato che è oggettivamente inoppugnabile: la crescente domanda di opposizione sociale, di lotta e di conflitto, che emerge con sempre più convinzione dalla piazza.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Napoli: caduta l’accusa di associazione a delinquere per Eddy, Maria, Marco e Dario

Poche ore fa abbiamo appreso la notizia dell’annullamento del procedimento per associazione a delinquere ai danni di Eddy, Maria, Marco e Dario.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Napoli: rivendicare un lavoro stabile e sicuro non è reato

Ancora una volta i Movimenti di lotta “Disoccupati 7 Novembre” di Napoli e “Cantiere 167” Scampia- dall’estate scorsa, per decisione collettiva hanno unificato le proprie istanze- sono sotto attacco.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Napoli: cariche contro i disoccupati. Arresti e feriti

Oggi c’era un incontro in Prefettura con il Viceprefetto, l’Assessore al Comune di Napoli e tecnici. Un incontro che doveva stabilire la partenza della formazione per i disoccupati e disoccupate di lunga durata appartenenti alle platee storiche per le quali da oltre 9 anni e soprattutto nell’ultimo anno e mezzo in centinaia di incontri, tavoli […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Napoli: disoccupati in piazza contro abolizione RdC. Un venerdì di lotta, condivisione e resistenza

Riprendiamo da Movimento Disoccupati 7 Novembre e da Laboratorio Politico Iskra alcune riflessioni sulla giornata di venerdì… Si è appena conclusa la mobilitazione che ha visto oltre 600 disoccupati invadere le strade di Napoli per far rispettare gli impegni assunti circa il piano di formazione e inserimento al lavoro della intera platea. Scontri sono avvenuti […]

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Iniziato il processo per l’omicidio di Ugo Russo.

Mercoledi 8 febbraio con l’udienza preliminare è cominciato il processo per l’omicidio di Ugo Russo dopo tre lunghi anni dalla notte in cui perse la vita a soli 15 anni. Il processo si apre con la richiesta di imputazione da parte della Procura di Napoli per omicidio volontario aggravato.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

I Disoccupati non si fanno prendere in giro. Scontri e Caos a Napoli

Al ritorno dall’incontro a Roma in cui le istituzioni locali e nazionali hanno continuato a tergiversare, i manifestanti sono stati bloccati e caricati alla Galleria di Napoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: blocco al check-in di Turkish Airlines in solidarietà con il Rojava

Ieri decine di persone, al grido Biji Rojava, hanno bloccato il banco check-in all’Areoporto di Napoli della Turkish Airlines, con uno striscione che riportava la dicitura ”Stop ErdogAn war, defend Rojava” in solidarietà alla resistenza della rivoluzione confederale.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Napoli: contro precarietà, carovita e devastazione ambientale, mobilitazione permanente

Noi sappiamo benissimo che non si tratta di vera crisi o emergenza, ma della quotidianità di quel capitalismo che produce ed estrae valore devastando l’ambiente e i territori, sfruttando, marginalizzando e reprimendo.