InfoAut
Immagine di copertina per il post

L’università La Sapienza è una grande opera!

Abbiamo letto ieri su L’Espresso l’ennesima inchiesta su università e mondo accademico; questa volta il protagonista è il Direttore Generale della Sapienza Carlo Musto D’Amore. D’Amore gestisce, da più di quindici anni, le gare e gli appalti nell’ateneo più grande d’Europa e per fare ciò è pagato ben 200 mila euro l’anno. Tuttavia, non è tanto la gestione fallimentare dei fondi dell’ateneo, a provocare scalpore nell’opinione pubblica, quanto il fatto che la persona incaricata di un ruolo così determinante sia un geometra e non abbia nessun titolo che ne certifichi le competenze. Che le università italiane non siano il regno della meritocrazia è noto… Musto D’Amore, proprio come il suo amico ed ex Rettore Luigi Frati (è lui che l’ha riconfermato sebbene fosse andato in pensione), ha “piazzato” tutta la propria famiglia in diversi atenei italiani.

Di questo se ne erano già accorti i giornalisti de L’Espresso dove già era stato pubblicato un approfondimento sull’ateneo romano: “Università, altro che merito. E’ tutto truccato. Vi racconto come funziona nei nostri atenei” in cui veniva delineato un quadro drammatico: concorsi truccati, assegnazione di fondi gestita in modo paramafioso, docenti universitari che obbligano gli studenti a comprare i propri libri a prezzi fuori mercato.

Noi D’Amore, però, lo conosciamo da anni; da quando, con i lavoratori delle pulizie e delle guardianie della Sapienza, abbiamo portato avanti una mobilitazione contro le pessime condizioni di lavoro a cui sono sottoposti. I lavoratori sono esternalizzati a società esterne, tuttavia La Sapienza non è priva di responsabilità. Proprio il Direttore Generale, infatti, è responsabile delle gare d’appalto del La Sapienza, gare che si sono sempre concluse al ribasso a favore di cooperative che risparmiano non pagando i lavoratori, negandogli i materiali neccessari per lavorare in sicurezza, e che sono state protagoniste di vicende poco limpide anche per il loro operato al di fuori dall’università. Ne è un esempio l’azienda che gestisce la sicurezza armata della città universitaria, la Sipro, implicata due anni fa in un’inchiesta per infiltrazioni mafiose. L’ A.d. della Sipro Gangi è coinvolto in un’intercettazione con l’ex-Ministro delle Infrastrutture Lupi (sarà un caso?) così si esprimeva: “Tu basta che mi ordini. Io porto 200 soldati… Li ammazziamo direttamente e buona notte ai suonatori”. Ma conto chi inveivano? Ai manifestanti che occupavano la piazza antistante al Ministero delle Infrastrutture il 19 e il 20 ottobre 2013 proprio per denunciare, con non poca lungimiranza, la pericolosità della politiche delle grandi opere portata avanti dal Ministro Lupi.

La gestione criminale delle grandi opere e dell’utilizzo delle risorse pubbliche permea completamente la gestione degli atenei italiani. Università-aziende, in cui i servizi sono completamente esternalizzati e gestiti tramite cooperative mafiose e gare d’appalto truccate; in cui le aziende e i privati hanno un ruolo sempre più determinante. Atenei in cui la politica, così come la intendono l’ex Ministro Lupi e gli attori di Mafia Capitale, fa da padrona.

Le riforme dell’università, ultima la Gelmini, hanno definanziato ricerca, didattica e fondi per il diritto allo studio e, oltre a favorire spudoratamente le università private, hanno contribuito a rendere quelle pubbliche sempre di più dei parcheggi per giovani spaventati da precarietà e tassi di disoccupazione alle stelle. Dei parcheggi che però conviene riempire e sui è facile lucrare per chi, come D’Amore, ne gestisce la parte finanziaria. Allora, è facile fare il parallelo tra gli studenti delle università pubbliche e i migranti nei centri per rifugiati gestiti, per esempio, da una cooperitiva di Buzzi. E viene quasi naturale pensare una grande università come una grande opera, ciò che emerge, infatti, è che la gestione de La Sapienza non differisce troppo da quella del TAV, dell’EXPO 2015 o del Mose.

Da anni, governi di diverso colore stanno distruggendo l’istruzione pubblica a colpi di riforme della scuola e dell’università e, allo stesso tempo, garantiscono la sopravvivenza e la riproduzione di meccanismi di speculazione e furto di denaro pubblico. A questo quadro si aggiunge il Jobs Act del ministro Poletti, prima a capo della Legacoop, che istituzionalizza il lavoro gratuito e cancella qualsiasi briciola di garanzia e di welfare nel mondo del lavoro.

E quest’anno non si può non soffermarsi su EXPO 2015 a Milano, il grande evento per eccellenza, in cui si propone ai giovani di lavorare gratuitamente o a un euro l’ora, già alle luci della ribalta per diverse inchieste che delineano un quadro vergognoso: i politici e gli imprenditori, di destra e sinistra, si stanno spartendo una ricca torta!

All’interno di EXPO 2015 diverse università figurano come sponsor accanto alle più grandi multinazionali del mondo, le uniche possibilità lavorative che vengono offerte agli studenti e ai giovani sono a titolo gratuito o sottopagate all’interne delle cooperative che gestiscono il grande evento. Così si compie quel processo teso a rendere sempre più labili i confini tra interessi pubblici e privati, tra le università, le aziende e le grandi opere.

Meno alloggi per gli studenti, libri di testo a prezzi salati, borse di studio inesistenti, tasse universitarie in continua crescita… in questo quadro, dobbiamo pretendere a gran voce che la formazione sia gratuita e accessibile a tutti e che, a fronte ai milioni di euro che politici e imprenditori rubano, non possiamo più accettare di lavorare gratis, di fare tirocini, apprendistati in vista di una futura (ma sempre più lontana) risoluzione della disoccupazione giovanile e della precarizzazione del mondo del lavoro. Dobbiamo iniziare a capire come, unendoci con chi viene colpito dal Jobs Act, dal Piano Casa, dallo Sblocca Italia, dalla Buona Scuola, dalla mafia delle cooperative, tornare a scendere in piazza in migliaia.

Noi inizieremo sabato 28 marzo alle 16 a Piazza di Porta Pia, sotto il Ministero delle Infrastrutture, simbolo del sistema delle grandi opere e delle speculazioni, a gridare con forza:

#AndateveneTutti !

Da SapienzaClandestina

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

la sapienzaroma

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La parte del torto

Una riflessione che parte da alcune studentesse e studenti della Sapienza in merito alla mobilitazione per il boicottaggio degli accordi università-Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sui fatti di ieri, rispondiamo ai Ministri.

Sui fatti di ieri, tutti i ministri presenti si sono spesi in dichiarazioni abbastanza perentorie e retoriche ai giornali, come al solito ribaltando la realtà e ricostruendo uno scenario molto fantasioso su quelle che sono state le dinamiche della piazza di contestazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: passa la legge sulla creazione di università private. Scontri fuori dal Parlamento

In Grecia è passata in Parlamento la contestatissima legge che equipara le università private con quelle pubbliche nel paese.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: ampia mobilitazione delle università, occupati la maggior parte degli Atenei contro la creazione di poli privati

Grecia. La lotta del mondo accademico e universitario ellenico si intensifica di giorno in giorno in vista della presentazione del controverso disegno di legge per la creazione di università private.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Solidarietà agli studenti del Severi-Correnti!

Esprimiamo la nostra totale solidarietà nei confronti degli studenti e delle studentesse del liceo Severi Correnti di Milano, che la mattina del 30 gennaio occupavano il loro istituto per denunciare il genocidio in atto in Palestina e contro l’indifferenza per le morti di decine di migliaia di persone sotto le bombe israeliane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

Di seguito pubblichiamo alcuni contributi che provengono delle occupazioni studentesche avvenute ieri a Torino e Pisa e aggiornamenti dalle altre università italiane occupate.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada Studentesca: le tende per Gaza stanno diventando un movimento globale

A quasi sette mesi dallo scoppio della guerra a Gaza, in numerose università del mondo sta montando la protesta degli studenti contro la risposta militare di Israele.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: un altro sabato di mobilitazione popolare in tutta Italia

Giornata di mobilitazione sabato 2 marzo 2024 in Italia in solidarietà con la Palestina e il popolo palestinese.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Roma: manganellate della polizia sugli studenti a Montecitorio

Le forze dell’ordine in tenuta anti sommossa hanno caricato gli studenti dei collettivi degli istituti occupati che tentavano di raggiungere Palazzo Chigi. Fermi e identificazioni

Immagine di copertina per il post
Formazione

Scuola Resistente: viaggio dentro gli istituti romani occupati

Una critica è rivolta anche verso una scuola concepita come azienda o come “ufficio di collocamento” e non, come pretendono gli stessi studenti, come luogo di cultura.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

COP28: Extinction Rebellion tinge di verde i fiumi italiani. “I governi parlano, la Terra affonda”

Roma, Venezia, Milano, Torino, Bologna: i fiumi delle principali città italiane sono stati tinti di verde da Extinction Rebellion, con un colorante innocuo, per denunciare l’ennesimo fallimento politico della COP28 e dei governi mondiali nel contrastare la crisi climatica e la sesta estinzione di massa.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quarticciolo contro l’assedio

Sabato 9 dicembre 2023 h 18.00 alla Palestra Popolare al Quarticciolo Via Trani 1