InfoAut
Immagine di copertina per il post

Milano, studenti in piazza contro Expo e lavoro gratuito

Nella tarda mattinata, durante il corteo degli studenti, è stata sgomberata una casa occupata, mentre poco fa la polizia è intervenuta nel quartiere Prealpi con perquisizioni e identificazioni in diversi spazi occupati, tra cui Radio Cane. Alla resistenza dei solidali accorsi nella zona sono seguite manganellate della celere, mentre al momento si contano diverse persone fermate, compagni denunciati e una compagna a cui è stato convalidato l’arresto con l’accusa di resistenza.

Alle provocazioni e ai tentativi di criminalizzazione della Questura, Milano si prepara a rispondere con serenità e determinazione con la MayDay di domani. Arianna libera, #civediamoil1maggio!

***

Dopo il corteo antifascista di ieri sera che ha dato il via alle cinque giornate di lotta di Milano, questa mattina il protagonismo è passato agli studenti delle scuole superiori, che per oggi avevano lanciato un corteo studentesco contro il grande evento milanese a partire dalla campagna #IoNonLavoroGratisPerExpo.

Fin dalla prima mattinata ci sono stati picchetti davanti alle scuole e cortei spontanei che si sono poi mossi dai vari istituti della città per raggiungere il concentramento in piazza Cairoli. Qui, prima della partenza del corteo, sono stati calati diversi striscioni: “La città è degli studenti, non di Expo!” dal monumento della piazza e “Grande evento = grande bufala” dalle impalcature del vicino Expo Gate. Sull’asfalto sono invece state lasciate grosse scritte a vernice che rilanciavano sulla manifestazione di domani, 1 maggio.

Intorno alle 11 il corteo, composto da circa 2000 studenti, ha mosso i suoi primi passi attraverso le vie del centro di Milano. Lungo il percorso i manifestanti hanno sanzionato e segnalato con scritte e lanci di vernice diverse sedi di sponsor e partner di Expo 2015, tra i quali Enel e l’agenzia Interninale Manpower, che in questi mesi si è occupata del reclutamento dei volontari e dei lavoratori per il grande evento. Qui ci sono stati alcuni momenti di tensione quando la polizia è avanzata velocemente in direzione del corteo minacciando di caricare ma la manifestazione ha ripreso il suo percorso verso Gioia. Qui il corteo si è concluso intorno alle 14.30 con un’assemblea sotto il grattacielo di Expo, simbolo della speculazione e della devastazione che hanno accompagnato in questi mesi la preparazione della vetrina milanese.

La giornata studentesca di oggi ha portato in piazza l’opposizione al modello Expo che, in un paese che sconta una disoccupazione giovanile superiore al 43%, ripropone esclusivamente lavoro gratuito, precarietà e sfruttamento. Ma è stata anche l’occasione per rilanciare sulla May Day No Expo di domani e rispedire al mittente il clima e i bollettini di allarmismo che media nazionali e Questura milanese alimentano da giorni per tentare di scoraggiare e criminalizzare la mobilitazione del 1 maggio, agitando spauracchi ormai triti e ritriti e tentando di intimidire la partecipazione con sgomberi e ridicole operazioni preventive.

Qui nessuno arretra, appuntamento domani alle ore 14 in piazza XXIV Maggio!

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

#iononlavorogratisperexpolavoro gratuitoMilanono exponoexpostudenti

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La parte del torto

Una riflessione che parte da alcune studentesse e studenti della Sapienza in merito alla mobilitazione per il boicottaggio degli accordi università-Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sui fatti di ieri, rispondiamo ai Ministri.

Sui fatti di ieri, tutti i ministri presenti si sono spesi in dichiarazioni abbastanza perentorie e retoriche ai giornali, come al solito ribaltando la realtà e ricostruendo uno scenario molto fantasioso su quelle che sono state le dinamiche della piazza di contestazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: passa la legge sulla creazione di università private. Scontri fuori dal Parlamento

In Grecia è passata in Parlamento la contestatissima legge che equipara le università private con quelle pubbliche nel paese.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Grecia: ampia mobilitazione delle università, occupati la maggior parte degli Atenei contro la creazione di poli privati

Grecia. La lotta del mondo accademico e universitario ellenico si intensifica di giorno in giorno in vista della presentazione del controverso disegno di legge per la creazione di università private.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Solidarietà agli studenti del Severi-Correnti!

Esprimiamo la nostra totale solidarietà nei confronti degli studenti e delle studentesse del liceo Severi Correnti di Milano, che la mattina del 30 gennaio occupavano il loro istituto per denunciare il genocidio in atto in Palestina e contro l’indifferenza per le morti di decine di migliaia di persone sotto le bombe israeliane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Conferenza stampa sui fatti di ieri a Torino in occasione della contestazione ai ministri del G7 Ambiente e Energia

La militarizzazione della città deve essere denunciata a fronte della violenza delle cariche della polizia e Torino come laboratorio della violenza è qualcosa di ben noto.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Il significato conteso del 25 aprile di fronte al genocidio. Spinte e possibilità.

Le iniziative ufficiali del 24 e 25 aprile di quest’anno sono state la dimostrazione della separatezza che intercorre tra il sinistro antifascismo istituzionale e quello quotidiano di chi non si rifugia in un’identità stantia priva di sostanza e attinenza alla realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Contestati i ministri della guerra al Politecnico di Torino

Riceviamo e ricondividiamo il comunicato del CUA di Torino sulla contestazione di ieri al convegno istituzionale tenutosi alla sede del Valentino del Politecnico. Ieri mattina un gruppo di student3 dell’Università di Torino ha contestato il convegno a porte chiuse che si è tenuto al castello del Valentino su tecnoscienza e intelligenza artificiale, con ospiti di […]

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Torture al carcere minorile “Beccaria” di Milano

Torture e violenze (anche sessuali) sui minorenni al Beccaria: arrestati 13 poliziotti penitenziari, 8 sospesi dal servizio.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cronaca e riflessioni sulla mobilitazione per la Palestina a Pisa

In questi mesi Pisa, come molte altre città d’Italia, ha visto e continua a vedere un’intensa e articolata mobilitazione per la libertà della Palestina e per lo stop al genocidio. Dallo scorso autunno, sin dall’intensificarsi dell’offensiva israeliana sulla Palestina e la ripresa dei bombardamenti su Gaza dopo il 7 ottobre, giovani e studentǝ della città […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.