InfoAut
Immagine di copertina per il post

Non Una di Meno: Comunicato Stampa sui fatti avvenuti al Salone del Libro di Torino

Riteniamo estremamente grave la manipolazione mediatica perpetrata dalla ministra Roccella sulla contestazione al Salone Del Libro e la gestione repressiva delle forze dell’ordine, che rappresentano un precedente pericoloso verso ogni manifestazione di protesta.

da Non Una di Meno

Rispediamo al mittente le accuse strumentali di violenza: basta guardare i video per rendersi conto della modalità dell’iniziativa, svolta solo con voci, corpi e cartelli, che ha coinvolto anche tantissime persone che si sono spontaneamente unite a fischiare alla ministra. Costruire una discussione mediatica che chiama violenza la semplice espressione di dissenso, vuol dire far passare come illegittima ogni contrarietà al Governo.

Il Governo statale e regionale continua a dedicare prezioso tempo della propria azione politica per cancellare i nostri diritti, mentre le liste d’attesa per le visite negli ospedali pubblici raggiungono l’anno, impedendo di fatto l’accesso alle cure e il diritto alla salute soprattutto per le persone meno abbienti, mentre i fiumi esondano senza alcuna politica di contrasto al cambiamento climatico, mentre viene messo in discussione il reddito e l’accesso al welfare. Loro operano con gentilezza e senza violenza quando minano i diritti delle famiglie omogenitoriali e fomentano l’odio contro di noi? È incredibile assistere ad un dibattito pubblico nel quale non è concepibile che le persone che subiscono certe politiche siano arrabbiate. Non bisogna abusare della parola ‘dialogo’ fuori tempo massimo e a puro scopo mediatico. Né si può rimuovere l’asimmetria di potere che c’è tra una ministra e un gruppo di attiviste, raccontando quel che è accaduto come “un gruppo di donne non ha lasciato parlare un’altra donna” e rimuovendo intenzionalmente il fatto che Roccella è stata contestata in quanto rappresentante istituzionale e non in quanto autrice. Lo ribadiamo chiaramente, non basta essere donne per essere tutte dalla stessa parte: c’è chi opprime e chi invece da determinate politiche viene oppressa.

Auspichiamo che l’opposizione alle politiche del Governo possa moltiplicarsi in tutte le città, nonostante il clima di criminalizzazione che hanno costruito. Abbiamo voluto dare un segnale: a differenza nostra, sia la ministra che l’assessore hanno già tantissimi palchi per darci delle assassine perché abortiamo o per istigare all’odio verso di noi in quanto persone lgbtqia+, hanno a disposizione strumenti legislativi, possibilità di finanziare economicamente le loro politiche, potere mediatico. Nonostante le lacrime di coccodrillo e le esagerazioni vittimistiche, restare in silenzio per qualche ora non ha certo intaccato il ruolo di potere di Roccella, che continua ad essere su tutti i giornali, quanto invece le (non) politiche del suo Governo incidono sulla nostra vita, impedendoci di decidere sui nostri corpi, di avere un reddito, di curarci, di vivere in città tutelate dal rischio idrogeologico. Vogliamo i fatti, perché delle parole non ce ne facciamo più nulla e non legittimiamo di certo un Governo che nega i diritti sociali e civili e che è sostenuto dalle organizzazioni neofasciste, salvo poi accusare di fascismo chiunque si opponga ai suoi diktat, svuotando le parole del proprio significato.

L’eco mediatica della nostra iniziativa ha visto un astuto tentativo di strumentalizzazione da parte di Fratelli D’Italia, virando sulle dinamiche politiche legate al futuro del Salone del Libro e coinvolgendo perfino La Gioia, pur di non accettare la contestazione e non entrare nel merito dei  temi. Quanto sono minacciosi cori e voci che esprimono i propri bisogni? Questo Governo, il più a destra degli ultimi 30 anni, non è intoccabile, e deve sottostare alle dinamiche della dialettica democratica, tra le quali c’è anche la contestazione, come già accaduto a tanti esponenti di altri Governi, e all’interno dello stesso Salone del Libro. 

La sola esistenza di un Ministero per la natalità e la famiglia basta per comprendere la pericolosità della linea politica governativa. Le frasi pronunciate da Roccella in molteplici interviste come “l’aborto è una scorciatoia che non dovrebbe più esserci” o “un bambino ha diritto ad avere una mamma ed un papà”, sono un attacco terribile ai diritti delle donne, delle persone LGBTQIA+, delle persone tutte. Durante l’iniziativa, peraltro, la Ministra ha sottolineato dal palco che l’obiezione di coscienza del personale medico non mette in discussione il diritto all’aborto. I dati, però, parlano da soli: in molte Regioni italiane non è più possibile abortire senza cambiare città, a causa dell’alto tasso di obiezione di coscienza che in Piemonte raggiunge oltre il 60%, con picchi del 91% all’ospedale di Alessandria e dell’81% all’ospedale di Novara, senza contare i finanziamenti alle associazioni antiabortiste. In tantissime Regioni i presidi ospedalieri non garantiscono l’accesso all’aborto farmacologico o ne limitano le settimane rispetto ai termini di legge.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

contestazioneministra roccellaNON UNA DI MENOsalone del libro

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Una marea in tutta Italia contro la violenza di genere.

Ieri, 25 novembre giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, oltre ai due cortei nazionali indetti dalla rete di Non Una Di Meno a Roma e a Messina tantissime piazze della penisola si sono riempite di decine di migliaia di persone, come a Milano e Torino, iniziative e cortei anche a Genova, Parma, Perugia, […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

La marea transfemminista inonda Roma. Non Una Di Meno: “Siamo almeno 500 mila”

Con in testa un grande striscione “Transfemministe ingovernabili” è partito questo sabato pomeriggio dal Circo Massimo di Roma l’imponente corteo di Non Una Di Meno contro la violenza sulle donne e la violenza di genere, in occasione della giornata del 25 novembre.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Se domani non torno, distruggi tutto.

Anche a Torino appuntamento per una manifestazione contro la violenza patriarcale sabato 25 novembre alle ore 15 da piazza Carlo Felice.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Oltre la denuncia: considerazioni sul “risarcimento” agli stupri delle donne congolesi.

La notizia di qualche settimana fa rispetto alle donne abusate sessualmente in Congo nel quadro di un intervento dell’OMS per la battaglia contro l’ebola e il conseguente risarcimento di 250 dollari ciascuna ha rotto una serie di tabu sui quali abbiamo voluto approfondire insieme a Simona Taliani, docente dell’università di Torino del dipartimento Culture, Politiche e Società.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Verso un 25 novembre di rabbia e di lotta.

In questi giorni i fatti stanno imponendo un’accelerazione alle mobilitazioni previste per il 25 novembre, giornata contro la violenza patriarcale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

TransfemministƏ ingovernabili contro la violenza PATRIARCALE!

Appello per un 25 novembre di marea transfemminista a Roma e Messina

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

C’è aria di tempesta: Lucha non si tocca!

Secondo alcune informazioni trapelate dalla Regione Lazio e giunte a Firenze durante la due giorni della nazionale di Non Una di Meno (7-8 ottobre), l’assessora alle Pari opportunità avrebbe pronta una delibera di giunta per porre fine all’esistenza di un luogo che dall’8 marzo 2008 non ha mai smesso di fare della politica transfemminista una pratica concreta.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno Torino: dolore e rabbia per i suicidi di Susan e Azzurra in carcere

Uccise doppiamente, anche per il loro essere donne: come tante, come tutte le persone che subiscono violenza di classe, di genere, e violenza razzista che il sistema carcere ripropone in maniera totalizzante.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messina: il movimento No Ponte contesta Salvini

Il Movimento No Ponte ha contestato il Ministro delle infrastrutture che oggi a Messina si è dovuto rinchiudere su un traghetto per la sua passerella politica. All’arrivo di Salvini è avvenuto un lancio simbolico di carta igienica. Cori anche contro la CISL che ha organizzato l’evento.