InfoAut
Immagine di copertina per il post

Napoli: assemblea nazionale della rete Abitare nella crisi


Ore 10.00 Assemblea Plenaria

Per confrontarci sul rilancio e le prospettive del conflitto per l’abitare a livello nazionale, alla luce di una campagna di criminalizzazione e di acutizzazione delle soluzioni repressive (sfratti, sgomberi etc.) che si è data negli ultimi mesi particolarmente in alcune città ma anche dei risultati politici conseguiti dalla resistenza sociale alle stesse.

E’ importante che il confronto tra le esperienze della rete sia anche capace di analizzare e proporre un orizzonte di indicazione politica e di mobilitazione più generale, come avvenuto già in passato, capace di sedimentare e allargare la forza e le relazioni del movimento.In particolare in questo periodo che ci porta al primo maggio e alla vicenda NoExpo (passando per le mobilitazioni di Francoforte) ed esplorare infine la possibilità, per ora soprattutto al sud, di una mobilitazione generale contro le politiche e gli effetti contenuti nella legge Sblocca-Italia, a partire da un punto di vista e da una composizione sociale che da questi fronti di lotta è pienamente investita.

Dalle ore 15.00, in parallelo, tavoli di confronto tematici

– Le politiche istituzionali sull’abitare sempre più si caratterizzano per l’asfissia di questo diritto e, eventualmente, l’adozione di strumenti emergenziali e transitori. Strumenti giuridici e strategie di lotta per il riconoscimento, la stabilizzazione delle esperienze di occupazione abitativa, autorecupero, rifunzionalizzazione e riappropriazione sociale degli stabili di proprietà pubblica e privata, il riconoscimento e la tutela dei soggetti che li animano, dello status di emergenza abitativa; strategie per la difesa, l’allargamento e la qualità abitativa del patrimonio ERP e per l’attacco alla proprietà privata parassitaria. La lotta al piano Lupi e alle sue conseguenze. La discussione dovrebbe essere accompagnata da documentazione che dalle esperienze di ogni città può essere raccolta e condivisa in merito ai percorsi in atto e a quelli da intraprendere, e tesa all’individuazione di strumenti e pratiche che siano riproducibili tra le realtà che aderiscono alla rete come all’esterno, come indicazione politica di rivendicazioni e vertenze comuni anche sul piano nazionale, con un focus sulla questione dei fondi europei (FSE e FESR) e sulle possibilità di aprire nuovi fronti di lotta non solo difensivi ma estensivi.

– Sportelli. Esperienze di mutualismo, solidarietà, lotta a partire dall’inchiesta e dallo sviluppo degli sportelli per il diritto all’abitare in connessione, o in comune, con ambiti che vanno dai bisogni primari (utenze etc.) alla precarietà, ai servizi sociali sui territori (trasporti, mense, sanità, aree verdi), con particolare attenzione alla connessione con comitati territoriali e alle reti antisfratto etc.
La discussione dovrebbe effettuare un aggiornamento e ricognizione delle esperienze degli sportelli per mettere a valore la quantità e la qualità del loro grado di sviluppo e di connessione sul territorio nazionale, nell’ottica di uno scambio di prassi, di costruzione di prassi comuni, e di capacità di radicamento, oltre che di indicazione politica condivisa sul ruolo di questi sportelli nell’accrescere la base sociale e la capacità di mobilitazione dei vari nodi della rete. Connettendoli sempre più con le lotte e le forme di autorganizzazione dal basso sui territori.

– Comunicazione. Cornici comuni di comunicazione tecnica e politica, interna ed esterna.
La discussione vuole toccare il funzionamento dei livelli di comunicazione che si danno a livello nazionale a partire: dal funzionamento del portale e dalla sua implementazione; dalla necessità di inventare codici e cornici comuni di comunicazione per rispondere e ribaltare le campagna di criminalizzazione sui media main-stream, capaci di narrare in maniera più profonda ed efficace le esperienze di lotta e la composizione sociale dei soggetti che la attraversano; dalla capacità di inchiesta, smascheramento, denuncia sociale, e attacco agli interessi della rendita, alla connivenza e incapacità dei vari livelli istituzionali amministrativi e governativi, alle condizioni abitative e di vita dei soggetti sociali aggrediti dalla crisi etc.

Le compagne e i compagni della campagna per il diritto all’abitare “Magnammece O Pesone” – Napoli

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

abitare nella crisinapoli

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Fermiamoli ora: mobilitazione nazionale contro il nuovo disegno di legge sicurezza che criminalizza le lotte sociali

Inasprimento delle pene, da 2 a 7 anni,  per le occupazioni abitative ma anche per chi resiste allo sfratto e chi partecipa ai picchetti; pene draconiane da 7 a 20 anni per detenzione e diffusione di materiale che incita a impedire la realizzazione di opere ritenute strategiche; aumento delle pene per i reati di imbrattamento per colpire le pratiche di soggetti ambientalisti. 

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“Il profilo del non votante è sempre più connotato sul piano sociale” L’analisi dei flussi elettorali con Marco Valbruzzi

“Il profilo del non-votante non è connotato sul piano politico-ideologico, invece è connotato sempre di più sul piano sociale“.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“CASE IN RIVOLTA” – Bollettino delle lotte abitative

Terzo numero del bollettino delle lotte abitative “Case in Rivolta”, che lancia la settimana di mobilitazione collettiva diffusa a livello nazionale durante la settimana del 20 -26 maggio 2024.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Un appello a difesa del Servizio Sanitario Nazionale.

E’ uscito un appello firmato a nome di quattordici personalità nell’ambito della sanità e della scienza per tutelare il servizio sanitario nazionale, qui è possibile leggerne il contenuto.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi al Quarticciolo. In borgata nessuna persona resta sola.

Ieri mattina 3 famiglie della borgata sono state sgomberate da ATER e dalla Prefettura di Roma. Una ragazza incinta, una donna sola con due figli, persone in attesa di una casa popolare da decenni. Persone che abitano in quelle case dal 2002. Persone che pagano la colpa di non potersi permettere una casa. Non veniteci […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il Fentanyl e la dolorosa condizione umana

Il dilagante consumo di fentanyl negli Stati Uniti rappresenta certamente «un dramma americano», come si legge negli ultimi due anni sui quotidiani

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Quando tagliava l’erba risparmiava i fiori. Le parole della madre di Stefano

Sono rimasta molto colpita dall’enorme affetto che in questi giorni tutti mi hanno dimostrato e voglio ringrazio tutti. Il legame con Stefano era totale, in simbiosi, a lui avevo trasmesso tutto, purtroppo anche le mie allergie, i problemi di tiroide.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Stefanino Milanesi, una vita per la lotta

Uno dei più noti compagni e protagonisti delle lotte comprese tra gli anni Settanta e quelle odierne del popolo NoTav se n’è andato, improvvisamente.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Ciao Ste, che la terra ti sia lieve

Se ne è andato Stefano, compagno, No Tav. Come redazione di InfoAut ci uniamo al ricordo del movimento No Tav ed esprimiamo tutta la nostra vicinanza ed affetto ad Ermelinda, ai compagni ed alle compagne che hanno condiviso le piazze, le strade ed i sentieri di montagna con Stefano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Iskra: multe e repressione non ci fermeranno

Ieri abbiamo appreso la notizia della condanna al pagamento di oltre 4mila euro comminata a Eddy, nostro compagno, per una iniziativa di lotta del 2016 del Movimento “Disoccupati 7 Novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stop al genocidio: cariche sotto la sede della RAI a Napoli

La vostra repressione non ci fermerà: Stop genocidio, 23 febbraio sciopero generale, 24 manifestazione nazionale a Milano!

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche al corteo al fianco della Palestina

Cariche a Napoli ieri contro il corteo che stava percorrendo le strade della città partenopea in solidarietà con il popolo di Gaza e della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Roma: cariche verso chi protesta contro la cancellazione del Reddito di Cittadinanza

Cariche ieri contro i disoccupati arrivati a Roma da Napoli per protestare contro la cancellazione del Reddito di Cittadinanza.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Caos totale. Ancora in piazza a Napoli contro l’eliminazione del reddito di cittadinanza

Ieri ha avuto luogo a Napoli la quarta giornata di mobilitazione in un mese contro l’abolizione del Reddito di Cittadinanza.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Napoli: cariche della polizia contro chi protesta per l’abolizione del Reddito di Cittadinanza

Questa mattina, lunedì 28 agosto, a Napoli è stata organizzata una manifestazione per protestare contro l’abolizione del Reddito: circa 500 persone si sono date appuntamento in piazza Garibaldi e hanno cominciato a muoversi in corteo verso corso Garibaldi, in prossimità della stazione della Circumvesuviana di Porta Nolana, bloccando il traffico in entrambe le direzioni.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Appello a tutti i percettori, ex-percettori, disoccupati/e, precari, realtà e movimenti

È il momento del contributo di tutte e tutti per alimentare e moltiplicare la partecipazione alle piazze unitarie contro il taglio del Reddito di Cittadinanza.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Napoli paralizzata per la difesa ed estensione del Reddito. A Settembre tutti a Roma

Nuova giornata di mobilitazione oggi a Napoli in difesa del reddito di cittadinanza.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Napoli: giù le mani dal reddito, tagliate i fondi per la guerra, i vitalizi e l’evasione fiscale

Oggi un corteo spontaneo dei percettori del reddito di Cittadinanza insieme ai “Comitati per la difesa e l’estensione del Reddito” ed anche una folta presenza dei disoccupati 7 Novembre e di Scampia, hanno attraversato le strade di Napoli per protestare contro l’eliminazione del Reddito di Cittadinanza approvato lo scorso 1 Maggio dal Governo meloni ed annunciato nei giorni scorsi con un arido SMS che sta togliendo il sonno a centinaia di migliaia di famiglie a Napoli e nel resto d’Italia.