InfoAut
Immagine di copertina per il post

Quarticciolo: non c’è cura senza conflitto

Dopo anni di battaglie, il Comitato di quartiere ha ottenuto un importante risultato: pretendere chiarezza e trasparenza sui lavori di manutenzione delle palazzine del quartiere, sulle sanatorie e sul piano straordinario per via Ugento.

Da Quarticciolo Ribelle

In primavera, avevamo annunciato il nostro piano per il quartiere. Oggi quello che abbiamo ottenuto é ancora troppo poco ma é un tassello fondamentale. Partiamo però dal ristabilire un ordine del discorso.

Ci sentiamo ripetere da sempre che non ci sono le risorse. Anche in questo caso, all’incontro tenutosi nei locali della Palestra popolare, ci é stato detto che Ater ha un debito con il comune di Roma per milioni di euro; paradossalmente, l’ente che si occupa del diritto alla casa, deve pagare ogni anno l’Imu al comune come fosse un privato cittadino. Il direttore ci ha tenuto a ribadire che l’ente deve rientrare di 21 milioni di euro di morosità solo dal Quarticciolo; mentre i tecnici ci hanno spiegato che il taglio al personale ha comportato che un patrimonio di 50.000 case fosse gestito da soli 300 dipendenti. Ritardi nell’applicazione delle decisioni e ritardi amministrativi, dunque secondo Ater, sono dovuti a questa realtà.

Che i tagli ai servizi pubblici e l’investimento in risorse sulle politiche abitative fosse un fatto problematico questo ci é chiaro da anni. Continue sostituzioni di direttori, commissariamenti, tagli sommari al personale, hanno svuotato un ente essenziale per la nostra città. Sembrerebbe che, scientemente, l’intento fosse stato quello di lasciare le case sempre piu all’incuria con inquilini sempre più morosi, proprio per affermare che la macchina non funziona e quindi va abbandonata. Questa é la sensazione che abbiamo e che viviamo ogni giorno quando ci piove in testa dentro casa.

8500 sanatorie sono lavorate da tre funzionari, centinaia di persone non hanno una posizione regolare per problemi burocratici, la maggior parte di questi sono morosi ingiustamente. Molte delle risorse che all’ente servono, potrebbero essere recuperate semplicemente sbrigando le pratiche, manutenendo le case – in modo che gli inquilini non debbano farsi i lavori da sé -, adeguando i canoni ai redditi comprese le indennità di occupazione. Ma la macchina non funziona e abbandonarla significa abbandonare 50.000 alloggi e tutte le persone che ci vivono all’interno.

Iniziamo, quindi, a ribaltare la retorica per cui l’Ater ha un debito sproporzionato e non riesce a manutenere gli stabili perchè gli inquilini sono morosi. Diciamo la verità. Bisogna rivolgere il dito contro i responsabili non contro gli abitanti. Contro coloro che hanno ridotto l’ente più grande d’Italia di edilizia residenziale pubblica un colabrodo. Questo é successo a causa di chi scrive leggi né eque né giuste né sostenibili, a causa di chi sostiene che il pubblico é uno spreco e va smantellato. Come é possibile per un inquilino sostenere un’indennità di occupazione di 800 euro come é successo ad Aza, trasferita a valle Aurelia da via Ugento? O 1500 euro? Come é successo a Jair all’ottavo lotto del Quarticciolo. Nessuno pagherà mai quei canoni. Ecco perché come Comitato abbiamo deciso di pagare, ma pagare il giusto quello che ci sembra proporzionato, alla grandezza del nucleo familiare, ai redditi e allo stato manutentivo della casa, che si tratti di occupanti o inquilini regolari.

Ma ad Ater abbiamo chiesto ancora – dato che non ci sono le risorse – che fine hanno fatto quelle del superbonus 110% che in questo paese sono state usate per tutto tranne che per intervenire sulle coibentazioni del patrimonio pubblico? Dove sono andate a finire? Eccole, a quanto pare a dicembre inizieranno i lavori di rifacimento dei lotti di Quarticciolo di Locorotondo e del secondo lotto su via ostuni. La domanda spontanea é stata: perché sprecare delle risorse là dove non é necessario? Perché non é stato accolto il nostro suggerimento di intervenire sui lotti che non vengo ristrutturati da quando sono stati costruiti? Parliamo di quasi un secolo. Qual é la ratio del vostro agire?

Ancora una volta il problema riguarda chi ha voluto rendere l’ente un colabrodo. Per motivi di scadenze stringenti del 110% non si potevano scegliere palazzi misti. Perche Ater é riuscita anche a vendere appartamenti in palazzi mai ristrutturati. Agire sul 110% su queste palazzine voleva dire fare assemblee condominiali con gli inquilini privati, quindi perdere tempo. Quando in primavera abbiamo occupato la sede di Ater proprio questo avevamo richiesto, la coprogettazione del 110%. Se fosse stato avviato quel processo sarebbero stati gli stessi inquilini ad incaricarsi dell’assemblea condominiale. In questo modo é stata impedita la facoltà degli inquilini di decidere sull’applicazione di risorse che avrebbero definitivamente risolto i loro problemi.

Nessuno degli abitanti del quartiere ha voglia però di giustificare anni e anni di incuria, di malagestione e di volontà politica di smantellare la cosa pubblica, perciò abbiamo chiesto fondi certi per le palazzine di via Manfredonia e via Ostuni per il rifacimento dei tetti. Nel frattempo Walter, Luana e i loro figli verranno trasferiti in un altro appartamento in attesa della fine dei lavori.

Anche su via Ugento ripartiranno i lavori di ristrutturazione e verranno recuperate le risorse per la seconda palazzina. Mentre la Casa di Quartiere dove sorge la Palestra popolare é in attesa dello sfratto perché non regolare. L’impegno é stato quello di fermare lo sfratto riconoscendo l’utilità sociale delle attività che si svolgono nei locali di via Ugento 30 e via Trani 1.

Oggi abbiamo disponibilità e date certe, ma nostro compito è continuare ad essere vigili, attenti, scrupolosi. Capire quello che succede in quel palazzo di Lungotevere Tor di Nona 1 non é un esercizio di stile. È fondamentale per ribaltare la retorica che ci vede fruitori di un servizio o addirittura complici nel rendere le case fatiscenti. Noi dobbiamo sapere che fine fanno i soldi pubblici e perché le nostre case, le nostre vite vengono trattate come l’ultimo dei problemi sulla terra. Noi abbiamo bisogno di sapere e partecipare alle decisioni che si prendono sui nostri quartieri.

La retorica di cui sentiamo parlare sulla transizione ecologica è insopportabile agli occhi di chi gli piove dentro casa, non ha termosifoni funzionanti e gli crolla il tetto in testa.

Bisogna dire la verità su tutti i quartieri di case popolari. Si diffonde l’incuria, si pretende che gli abitanti siano esclusivamente dei pagatori di affitti a qualsiasi condizione, le relazioni tra le persone e con gli enti si abbrutiscono mentre gli abitanti vengono descritti come animali. La verità é che il welfare non esiste più e lo stato é svuotato della sua capacità decisionale e rappresentativa.

Far parte di un Comitato vuole dire prendersi cura della borgata.

Cura vuol dire decidere insieme cosa é necessario per migliorare le nostre vite. Cura vuol dire conflitto tra di noi, in quartiere, e nei confronti di chi non ci rispetta. Cura non vuol dire sostituirsi allo Stato o fare vertenze fino allo sfinimento. Cura vuol dire arrabbiarsi, criticare, opporsi e fare in modo che questo sia utile per stare bene.

Non c’è cura senza conflitto.

Dalla borgata per la borgata.

#manutenzioni#casepopolari

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

case popolariCURAlotta per la casaQUARTICCIOLO

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano 2-3 marzo 2024: assemblea nazionale dei movimenti per il diritto all’abitare

La fase economica, sociale e politica che stiamo vivendo racchiude in sé tutte le contraddizioni che il sistema capitalistico porta in seno.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: siamo ancora qua… eh già!!

Prendiamo parola a seguito dell’inizio del percorso di co-progettazione che porterà il pian terreno e il giardino del centro sociale a diventare bene comune.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, ci pare”

Abbiamo aspettato qualche giorno prima di prendere parola davanti alla delibera sull’Askatasuna emessa dal Comune di Torino. Fatecelo dire, le reazioni scomposte a cui abbiamo assistito ci hanno fatto ridere sotto e sopra i baffi.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Askatasuna: “Così è, se vi pare”

“Apriamo spazi al quartiere per i bisogni collettivi!” così 27 anni fa scrivevamo su uno striscione il giorno in cui in tante e tanti occupavamo il Centro Sociale Askatasuna.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Proteste degli agricoltori e nuova PAC: dalla Sicilia alla Germania.

In questi giorni le forti proteste degli agricoltori, rappresentate da lunghissime file di trattori che bloccano le principali arterie stradali, sono salite agli onori della cronaca. Dalla Germania si sono estese in Francia e anche in Italia, in particolare al Sud, nelle isole, e in territori di provincia come alcuni casi meno significativi al centro-nord della penisola italiana.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Torino: eseguito sfratto a sorpresa in tempi record!

da Prendocasa Torino Questa mattina, mentre con Mimmo e la sua famiglia resistevamo allo sfratto, ottenendo un rinvio al 7 marzo, l’ufficiale giudiziario si è presentato con la celere a casa di Mohamed e della sua famiglia in via Monginevro 68. Mohamed era sotto sfratto dopo essere stato truffato dalla sua proprietaria di casa che, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La questione abitativa nella città di Torino

Nell’ultimo anno abbiamo visto un aumento degli affitti del 100%, infatti ora il prezzo medio di un bilocale in Barriera di Milano si aggira attorno agli 800 EURO, e un aumento degli sfratti del 230%, infatti oggi a Torino gli sfratti in corso sono 6000!

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: ecco che rumore fa la dignità!

Condividiamo di seguito i comunicati di PLAT e del CUA Bologna sulle giornate di lotta che hanno seguito lo sgombero del Condominio Sociale e dello Studentato Glitchousing.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi a catena dal Sud al Nord Italia

Tra ieri e oggi diversi spazi occupati, attraversati da differenti progetti e realtà sociali e aggregative, sono stati colpiti da un duro attacco repressivo.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La casa è un bisogno. Basta guerre, lusso e capitalismo

Sull’onda della mobilitazione nazionale dell’ottobre scorso i movimenti di lotta per il diritto all’abitare tornano in piazza.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

E’ in corso in Inghilterra il più grande sciopero dei medici in settantanni

È iniziato mercoledì e riguarda la categoria dei medici in formazione (all’incirca il corrispettivo degli specializzandi in Italia) e durerà sei giorni.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quarticciolo contro l’assedio

Sabato 9 dicembre 2023 h 18.00 alla Palestra Popolare al Quarticciolo Via Trani 1

Immagine di copertina per il post
Bisogni

2.7 Radura || Un posto dove stare. La lotta per la casa a Pavia

La questione abitativa viene spesso considerata come un problema relegato alle metropoli. In realtà anche nelle città medio-piccole gli sfratti, i pignoramenti, l’aumento del costo degli affitti sono fenomeni all’ordine del giorno.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il Servizio Sanitario Nazionale è al capolinea: i numeri nel nuovo rapporto Gimbe

Il servizio pubblico e il diritto costituzionale alla tutela della Salute sono sempre più compromessi. Lo attesta, dati alla mano, la Fondazione GIMBE, che ha presentato il 6° Rapporto sul Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bologna: Glitchousing Project – Nuovo spazio occupato nel cuore della città

L’ex Istuto Zoni, una residenza universitaria privata della fondazone R.U.I. da anni in disuso, è stata occupato questa mattina dal Collettivo Universitario Autonomo di Bologna. “Nasce Glitchousing Project”, scrive il CUA, “una piattaforma ibrida di immaginazione per un abitare nuovo e sociale”. “All’interno del Glitchousing Project”, prosegue il CUA, “si trovano gli Student Hostel: spazi […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Roma: Quarticciolo Alza la Voce

Ieri pomeriggio una mobilitazione importante nel nostro quartiere. Per la prima volta un corteo di abitanti è sfilato per i lotti della borgata. Dopo mesi di articoli scandalistici e operazioni speciali Quarticciolo Alza la Voce, questa la lettera pubblica condivisa dall’assemblea delle abitanti e degli abitanti.  Basta Abbandono. Quarticciolo alza la voce! Lettera pubblica alle […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bretagna: una catapulta per difendere l’ospedale pubblico

Sabato 30 settembre si è tenuta una manifestazione davanti alla prefettura di Quimper, capoluogo del dipartimento, per chiedere la piena riapertura dell’ospedale della città della Bretagna centrale.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Milano: sgomberata l’occupazione abitativa di Via Esterle

A Milano le forze dell’ordine, in gran numero, hanno iniziato all’alba di martedì 29 agosto lo sgombero dell’occupazione abitativa di via Esterle. Lo stabile è di proprietà del Comune guidato dal sindaco Beppe Sala.