InfoAut
Immagine di copertina per il post

100 anni di occupazione – 100 anni di silenzio

Firmando il Trattato di Losanna nel 1923, la Turchia ha distrutto ogni speranza per i curdi del diritto all’autodeterminazione e alla creazione dello stato indipendente che sognavano.

da Rete Kurdistan

Le potenze straniere, non ultime la Turchia e la NATO, hanno usato i curdi come pedine nel corso della storia, nei propri interessi e ogni volta che sembrava politicamente favorevole, dalla firma del Trattato di Losanna nel 1923 alla domanda di adesione della Svezia alla NATO nel 2023. I curdi non sono ancora riconosciuti, sono il popolo che viene sempre sacrificato a vantaggio delle questioni geopolitiche.

Le disposizioni rilevanti per lo stato curdo furono incluse nel Trattato di Sèvres, firmato il 10 agosto 1920 all’indomani della prima guerra mondiale e della dissoluzione dell’Impero ottomano.

Secondo i termini del Trattato di Sèvres, l’Impero Ottomano aveva ceduto territori significativi, comprese aree con una popolazione prevalentemente curda, a varie potenze alleate.

Il trattato di Sèvres riconosceva il diritto all’autodeterminazione del popolo curdo e prevedeva la possibilità di istituire uno stato curdo indipendente nella regione nota come Kurdistan. Questo proposto stato curdo avrebbe incluso parti di quelli che oggi sono Turchia, Iraq, Iran e Siria.

La situazione curda: un secolo di silenzio e repressione

Tuttavia, la sua attuazione ha dovuto affrontare gravi sfide. La guerra d’indipendenza turca, guidata da Mustafa Kemal Atatürk, era emersa come risposta ai termini del trattato, sfociando in un nuovo movimento nazionalista turco.

Nel 1923, il Trattato di Losanna (firmato il 24 luglio) ha sostituito il Trattato di Sèvres e venne istituita la Repubblica di Turchia. Il suo obiettivo principale era definire i confini e la sovranità della Turchia moderna e affrontare lo status delle varie minoranze all’interno della repubblica.

Il movimento nazionalista turco aveva rifiutato le perdite territoriali e le disposizioni del Trattato di Sèvres, e i nuovi confini furono rinegoziati attraverso il Trattato di Losanna.

I nuovi confini non garantivano ai curdi uno stato indipendente. Invece, i territori curdi sono stati divisi tra diverse nazioni, portando la popolazione curda a diventare una minoranza in quei rispettivi paesi.

I nuovi confini non garantivano ai curdi uno stato indipendente. Invece, i territori curdi sono stati divisi tra diverse nazioni, portando la popolazione curda a diventare una minoranza. I curdi non avevano rappresentanza e sono stati completamente messi a tacere nel processo. Durante l’attuazione “è stata avviata la politica sistematica nel processo di negoziazione di negazione, assimilazione e genocidio culturale contro il popolo curdo, e il Kurdistan è stato trasformato in una colonia internazionale” che ha portato a un’oscurità politica, culturale e sociale di 100 anni per il popolo curdo.

Il Trattato di Losanna ha contribuito al trasferimento iniziale della causa curda dall’anonimato alla prima linea, poiché le potenze alleate avevano interesse a sfruttare le risorse e i territori dei curdi, cosa che a sua volta ha portato i curdi in seguito dall’avanguardia all’oblio.

Firmando il Trattato di Losanna nel 1923, la Turchia ha distrutto ogni speranza per i curdi del diritto all’autodeterminazione e alla creazione di uno stato indipendente, come sognavano.

Le potenze straniere, non ultime la Turchia e la NATO, hanno utilizzato i curdi come pedine nel corso della storia, nel proprio interesse e ogni volta che sembrava politicamente favorevole, dalla firma del Trattato di Losanna nel 1923 alla domanda di adesione della Svezia alla NATO nel 2023. I curdi non sono ancora riconosciuti, sono il popolo che viene sempre sacrificato a vantaggio delle questioni geopolitiche.

La manipolazione di Erdoğan della NATO e dell’UE

A cento anni dall’entrata in vigore del Trattato di Losanna, il Kurdistan è ancora occupato, ma ora da colonizzatori meglio organizzati, più furbi e dotati di un enorme arsenale di armi. Erdoğan sa benissimo che l’Occidente dipende per molti versi dalla Turchia, che è unica nel panorama geopolitico. Sa che l’esercito turco è indispensabile in termini di forza e potenza militare. Lo sfrutta per tutto ciò che vale e trasforma le condizioni per il sostegno alla NATO in rivendicazioni politiche.

Quindi, quello che succede è che l’alleanza NATO mantiene ancora una presa sui curdi attraverso il suo stato membro, la Turchia. Erdoğan suona tutte le corde per far ballare la NATO, l’UE e gli altri soggetti coinvolti secondo la sua volontà.

E sembra funzionare. Sebbene il segretario generale Jens Stoltenberg e la maggior parte dei leader politici europei siano consapevoli del gioco di Erdoğan, e per molti versi ne siano stanchi, cercheranno comunque, per quanto possibile, di soddisfare le sue condizioni, anche se in questo contesto ciò va a scapito dei curdi, un popolo apolide che conta tra i 30 e i 45 milioni in tutto il mondo. Ma alla fine, dall’oscurità in cui il Trattato di Losanna ha gettato i curdi, è cresciuta una resistenza invincibile che finora nessuno è riuscito a domare. Erdoğan, con il tacito sostegno della NATO, durante il suo governo ha usato tutti i mezzi immaginabili – non ultimo quello militare – per reprimere la resistenza e schiacciare i curdi.

Usa la lotta al terrorismo come pretesto per abbattere il PKK [Partito dei lavoratori del Kurdistan], non solo all’interno dei confini della Turchia, ma viola anche la sovranità di altri stati attraverso i suoi atti di guerra, qualcosa che i curdi hanno sperimentato per molti anni nel nord dell’Iraq e nel nord-est della Siria.

Inoltre, Erdoğan usa mezzi diplomatici per prendere di mira i curdi nella diaspora; in Germania, Regno Unito e Francia, un fatto che è diventato chiarissimo durante i negoziati relativi all’adesione della Svezia alla NATO.

Indubbiamente, la stessa politica di negazione e repressione firmata dalle Potenze Alleate e dalla Turchia nel 1923 continua – e in misura ancora maggiore di allora. Si è trasformata in attacchi militari quotidiani contro obiettivi curdi e attacchi con armi chimiche, e l’obiettivo è chiaramente lo sradicamento attraverso attacchi militari di tutto ciò che assomiglia all’autonomia e all’autogoverno curdo come lo vediamo nelle montagne del Kurdistan, in Rojava, Shengal [Sinjar] e persino nel campo profughi di Maxmur [Makhmour] – tutte culle dell’autonomia democratica. Sebbene il PKK sia utilizzato come pretesto per attacchi armati, anche i civili, le organizzazioni, i partiti politici, gli avvocati, gli accademici e gli artisti ne sono colpiti. In decine di migliaia sono stati imprigionati, decine di migliaia di persone sono state uccise e i curdi in generale sono perseguitati e presi di mira ovunque si trovino. È un genocidio etnico, culturale, sociale e politico che viene compiuto con tutti i mezzi possibili.

Ma l’oscurità lasciata dal Trattato di Losanna del 1923 è durata. La resistenza curda era troppo forte. Dalla fine degli anni ’70, il PKK, guidato dal suo leader Abdullah Öcalan e il movimento di liberazione curdo, hanno reagito militarmente, ma forse anche attraverso un processo di sensibilizzazione in cui l’identità, la lingua e la cultura curde si sono gradualmente rafforzate. A causa della forza della lotta militare condotta dal PKK e del potere del processo di sensibilizzazione, i curdi non possono più essere messi a tacere, né attraverso l’assimilazione né le operazioni militari.

Il sostegno globale alla causa curda: un raggio di speranza

Ma nonostante la loro impressionante resistenza, i curdi come popolo non sono ancora riconosciuti a livello internazionale. Finché gli interessi geopolitici e le aspirazioni neo-ottomane della Turchia riceveranno il sostegno delle maggiori organizzazioni e potenze internazionali come la NATO e gli Stati Uniti, nonché dell’UE e del Consiglio d’Europa, sarà estremamente difficile per i curdi farsi avanti nell’arena per essere ascoltati a proprio nome.

Ma quando tutto sembra più oscuro, è facile dimenticare tutte le persone, le organizzazioni e i partiti in tutto il mondo che lavorano quotidianamente per sostenere la causa curda, che instancabilmente e senza riguardo per il proprio tornaconto o sicurezza stanno sulle barricate per loro. È importante tenere a mente che c’è speranza e c’è luce nel tunnel davanti a noi – questa certezza che dobbiamo tenere cara, ed è quella che alla fine porterà a casa la vittoria – sia che arrivi oggi o domani.

Kariane Westrheim è Professoressa di Scienze dell’Educazione all’Università di Bergen, Norvegia. Dal 2004, Westrheim ha presieduto la Commissione civica della Turchia dell’UE (EUTCC) che, tra l’altro, organizza la Conferenza internazionale annuale sulla Turchia dell’UE ei curdi al Parlamento europeo di Bruxelles.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

kurdistannatoTrattato di Losannaturchia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Smascherata la politica di Meta sul sionismo: Ciberwell si scatena dopo la rivelazione di legami con Israele

Il 10 luglio è stato annunciato che il gigante dei social media Meta avrebbe ampliato la portata della sua censura e della soppressione dei contenuti relativi al Genocidio di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Eni: basta finanziare guerre

ENI e Ithaca Energy si uniscono per produrre oltre 100mila barili di petrolio al giorno nel Mare del Nord. Peccato che la britannica Ithaca Energy sia controllata per l’89% dalla israeliana Delek Group, nella lista nera dell’ONU per operazioni nei Territori Palestinesi occupati illegalmente.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Virus della Polio rilevato nell’acqua di Gaza

Componenti del poliovirus di tipo 2 sono stati trovati in campioni di acque reflue provenienti da Gaza, ha annunciato giovedì il ministero della Salute israeliano.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: liberi di lottare contro la guerra e affianco al popolo palestinese

Alle 6 di stamani la polizia è andata a casa di 4 compagn per notificare l’applicazione dell’obbligo di firma e contestare vari reati per la manifestazione in solidarietà al popolo palestinese del 13.02 di quest’anno fuori le sedi della RAI di Napoli. da Laboratorio Politico Iskra Giovedi 18 luglio, Presidio h 10, Sede Rai via […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Combattenti stranieri per Israele: mercenari o guardiani “dell’unica democrazia” del Medio Oriente?

Israele sta usando i combattenti stranieri nella sua Guerra Genocida contro Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’INTIFADA NON SI FERMA NEANCHE IN ESTATE

Assemblea nazionale al Festival Alta Felicità venerdì 26/07/2024 ore 18.00 dell’Intifada Studentesca

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La partenza dei coloni israeliani è aumentata del 150% dal 7 ottobre

I media israeliani evidenziano un notevole aumento di coloni israeliani che lasciano la Palestina occupata, con preoccupazioni per la sicurezza e l’incolumità che guidano questa “migrazione inversa”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Mesopotamia: cos’è Hezbollah? Intervista a Fabio Merone

Grazie al contributo di Fabio Merone, ricercatore che si occupa di islam politico e, in generale, di politica nel mondo arabo, in questa puntata andiamo scopriamo il movimento sciita libanese Hezbollah (“Il partito di Dio”).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Regno Unito. L’analisi del voto e gli scenari di scontro possibile

Abbiamo chiesto a George, del collettivo politico e d’inchiesta militante Notes From Below, una panoramica sui risultati delle elezioni in UK e sulle conseguenze politiche per l’area britannica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Italia: l’aeronautica militare e la marina nell’Indo-Pacifico. Continua l’investimento nell’ambito bellico

L’Aeronautica Militare va nell’Indo-Pacifico con un consistente numero di aeromobili e personale per partecipare all’esercitazione Pitch Black 2024 in Australia, alla Rising Sun 24 in Giappone, nonché per addestrarsi insieme alla Marina Militare in mare aperto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’Europa morirà americana?*

Qual è oggi lo stato dei rapporti transatlantici nel quadro del conflitto ucraino e sullo sfondo del montante scontro Usa/Cina?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ucraina: l’Europa belligerante alimenta la guerra.

Proprio ieri il segretario della NATO Jens Stoltenberg è stato ospite a Palazzo Chigi da Giorgia Meloni per stemperare le tensioni riguardo un improbabile coinvolgimento dell’Alleanza Atlantica a fianco dell’Ucraina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: cariche alla manifestazione contro il concerto “in onore” dei 75 anni della NATO. 10 gli attivisti feriti

Scontri e feriti alla manifestazione contro la Nato e le politiche di guerra, 10 i manifestanti feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Alcune valutazioni post elezioni in Turchia.

Con Murat Cinar facciamo il punto sulle condizioni delle elezioni in Turchia e gli scontri tra popolazione e forze dell’ordine nei giorni immediatamente successivi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: Erdogan tenta di delegittimare la vittoria di Dem nel sud-est del paese. Manifestazioni e scontri

Proseguono i tentativi del sultano Erdogan e del suo partito AKP di delegittimare i risultati espressi nel voto per le elezioni amministrative del fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Macron, à la guerre!

Il presidente francese si lancia in dichiarazioni apparentemente scomposte sulla guerra russo-ucraina, palesando lo “spirito dei tempi” di una parte delle elites europee. Il tronfio militarismo da prima guerra mondiale ci avvicina al disastro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il PKK è un’organizzazione terroristica?

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e il suo cofondatore e leader di lunga data, Abdullah Öcalan, sono stati per molti anni nella lista dei terroristi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (UE).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La NATO guida il riarmo globale tra cyberwar e tecnologie quantistiche

Alea iacta est. Il dado è tratto. Ciò che disse Cesare prima di varcare il Rubicone e iniziare la guerra contro Pompeo, lo hanno ripetuto duemila anni dopo i Capi di Stato maggiore della difesa dei 31 paesi membri della NATO più la new entry di Svezia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kurdistan: Gerîla TV pubblica un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê

Gerîla TV ha pubblicato un filmato dell’operazione rivoluzionaria a Xakurkê verso la fine di dicembre, in cui sono stati uccisi decine di soldati.