InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina: la polizia ha effettuato varie perquisizioni ai locali e alle mense delle organizzazioni sociali

Lunedì mattina, agenti della Polizia Federale hanno perquisito i locali e le mense popolari del Polo Obrero, si sono recati anche nel domicilio di uno dei dirigenti del FOL e hanno effettuato una perquisizione del locale di questa organizzazione nel quartiere di Congreso. Allo stesso modo, altre organizzazioni piquetere hanno informato di situazioni simili nei loro locali pubblici.

In nessuno dei casi ci sono stati arresti ma sono stati sequestrati cellulari e materiale amministrativo delle organizzazioni. La scusa per questa nuova scalata repressiva sembrerebbe motivata dal fatto di castigare la mobilitazione realizzata pochi giorni dopo l’assunzione dell’incarico da parte del presidente Javier Milei, quando il 20 dicembre migliaia di manifestanti marciarono verso Plaza de Mayo. L’etichetta della causa 4489/2023 parla di “coazione, estorsione e frode contro la pubblica amministrazione”, che in realtà significa un giro di vite sulle continue minacce che questo governo compie contro tutti e tutte quelle che si organizzano per difendere i propri diritti.

Secondo quanto è trapelato, le perquisizioni sarebbero 27 e sarebbero stati convocati a fare dichiarazioni 28 dirigenti sociali, stando all’istruzione del caso a carico del pubblico ministero Gerardo Pollicita, ma la punta di lancia di tutta questa operazione, che ovviamente conta sull’appoggio dei media egemonici della destra, è la ministra Patricia Bullrich. Lei stessa si è presa la briga di divulgare che in questi giorni il suo ministero “continua a ricevere denunce contro i referenti piqueteri”. La politica di invitare a denunciare chi il sistema giudica come suoi nemici, è uno strumento tipico dei governi fascisti.

In realtà, dietro queste politiche di aperta intimidazione delle organizzazioni sociali c’è l’idea di imporre “manu militari” le misure economiche del capitalismo selvaggio del governo, cercando di placare la protesta sociale. Dietro queste iniziative di pressione promosse dalla Bullrich, il cui protocollo “anti proteste” è stato convertito in un documento senza valore, c’è la frustrazione del governo per non aver potuto rompere il legame che unisce le organizzazioni sociali con i più poveri, che riconoscono e valutano che solo riunendosi possono difendersi da questi attacchi. Inoltre, influisce anche il risentimento e la rabbia che provocano al Governo le azioni delle e dei lavoratori, il successo dello sciopero generale della CGT e la mobilitazione piquetera ad Olivos con i 500 blocchi stradali in tutto il paese.

Denunciamo l’aumento repressivo della Bullrich e di Milei!

Ad oggi il governo nazionale ha deciso di andare avanti nell’aumento della repressione. In un’operazione senza precedenti dal ritorno della democrazia, si stanno portando a termine 27 perquisizioni alle mense popolari e ai domicili di dirigenti. Simultaneamente è stato sollecitato l’arresto preventivo di 28 referenti. Hanno montato, con false denunce, uno schema per andare avanti nella criminalizzazione dell’organizzazione sociale e popolare.

Non c’è modo che il violento aggiustamento che si porta avanti contro il nostro popolo in generale e contro i settori popolari in particolare, il piano di saccheggio dei beni comuni e l’osceno allineamento con gli Stati Uniti passi senza repressione contro noi che ci organizziamo a difesa della nostra patria.

Facciamo un appello all’unità per affrontare la sistematica pauperizzazione e per difendere le più elementari libertà democratiche.

Basta perseguitare coloro che lottano!

Blocco Sociale per il Lavoro

(FNT – Federazione Nazionale dei Lavoratori cooperativisti precarizzati e dell’economia sociale + CTD Anibal Veron)

13 maggio 2024

Resumen Latinoamericano

da Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

argentinaMileiPIQUETEROSpolo obrero

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Assange vince all’Alta Corte di Londra: potrà fare appello contro l’estradizione negli USA

Julian Assange ha ottenuto un’importante vittoria nella sua battaglia giudiziaria contro l’estradizione negli Stati Uniti d’America.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

76 anni di Nakba: una Storia di colonialismo di insediamento

Sono passati 76 anni dalla Nakba, il disastro della nascita di Israele, il 15 maggio 1948, sul territorio dei nativi palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Un’altra provocazione di Milei che annuncerà un indulto per i genocidi

Il presidente Javier Milei, su richiesta della sua vicepresidente Victoria Villarruel, ha deciso che il prossimo 24 marzo concederà un indulto a tutti i militari genocidi

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: voci, facce e comunità che dicono “no” all’attività mineraria del litio

“La rotta del litio: voci dell’acqua”, è il libro di Camila Parodi e Susi Maresca.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La legge omnibus è stata fatta cadere

Il regime di Javier Milei ha subito una sconfitta considerevole prima di terminare i due mesi di mandato. Il suo progetto più prezioso è tornato indietro al Congresso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Terzo giorno di gas al peperoncino, proiettili di gomma e arresti

Una nuova repressione ha avuto luogo nelle vicinanze del Congresso dopo l’approvazione del progetto di Legge Omnibus.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: di fronte al Congresso, selvaggia repressione e caccia ai manifestanti di assemblee di quartiere, organizzazioni sociali, sindacati combattivi e sinistra

La ministra Bullrich è il braccio armato della dittatura: una nuova operazione su scala smisurata ha cercato di sgombrare alcune centinaia di persone che protestavano contro la Legge Omnibus. Ci sono state decine di feriti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il primo sciopero generale contro Milei e lo smantellamento dello stato

Javier Milei ha affrontato il suo primo sciopero generale soltanto dopo sei settimane dall’essersi insediato alla presidenza con un piano di governo che punta ad una riduzione minima dello stato, stabilendo un nuovo primato, dopo aver superato il primato di tre mesi che ostentava Fernando de la Rúa.