InfoAut
Immagine di copertina per il post

Honduras: attentato alla difensora garifuna Miriam Miranda

La squadra di sicurezza di Miranda ha arrestato quattro uomini armati di fucili d’assalto che hanno fatto irruzione nella casa della difensora del territorio Garifuna a Colón, nell’Honduras atlantico, ha denunciato Ofraneh.

da Resumen Latinoamericano

San Pedro Sula, Honduras. Quattro uomini armati di fucili d’assalto sono entrati martedì nella casa della leader dell’Organización Fraternal Negra Hondureña (Ofraneh), Miriam Miranda.
L’Ofraneh ha denunciato sui suoi social network l’attacco alla privacy della difensora del territorio avvenuto nelle prime ore del mattino nella comunità di Vallecito, Colón, nell’Atlantico dell’Honduras.

Almeno quattro persone pesantemente armate sono entrate nella casa della coordinatrice generale di Ofraneh, secondo i rappresentanti dell’organizzazione.

I quattro individui che hanno assediato la casa di Miriam Miranda non appartengono al popolo Garífuna, ha denunciato la squadra di sicurezza di Miranda.

Il gruppo di sicurezza ha chiesto che si identificassero. Quando non hanno risposto, la squadra li ha arrestati.

L’azione ha messo in pericolo l’integrità di Miranda, che ha spesso guidato le proteste contro le ingiustizie che continuano a colpire il popolo Garifuna.

Inoltre, nelle interviste ai media e attraverso i suoi social network, Miranda ha mantenuto una voce critica che disturba i gruppi al potere.

Miranda ha denunciato il piano genocida orchestrato da diversi fronti contro i Garífuna. Ha inoltre sottolineato che è lo Stato stesso a guidare lo sterminio dei popoli indigeni.

Allo stesso modo, l’attacco di oggi “fa parte di un piano di genocidio contro il popolo Garífuna”, ha denunciato Ofraneh in un comunicato.

Il piano denunciato dall’organizzazione viene eseguito “attraverso minacce, assassinii… sparizioni forzate che continuano ad aumentare gli alti livelli di impunità e razzismo”.

D’altra parte, Miranda, in interviste per Reportar Sin Miedo, ha denunciato che lo stesso governo di Xiomara Castro è sotto il controllo delle “mafie”.

Sebbene l’Honduras abbia nuovi leader politici, Miranda ha assicurato che nulla è cambiato nella protezione dei diritti delle comunità ancestrali.

“Nessuno può dire nulla perché oggi i criminali, le mafie che controllano questo Paese, sono in territorio garífuna. Il fatto che ci sia un nuovo governo non significa che abbiano fermato la mafia che controlla questo Paese”, ha detto in quell’occasione.

Ofraneh ha chiesto nella loro comunità che lo Stato honduregno garantisca il diritto alla vita e alla sicurezza di Miriam Miranda e le dia tutte le condizioni per continuare a difendere il territorio e la vita del popolo Garifuna.

Tra attacchi e proteste

L’attacco contro la leader avviene mentre il Comitato tecnico del Meccanismo di protezione sta visitando questa parte del Paese.

Mentre si svolgeva l’attacco a Colón, un gruppo di pescatori di diverse comunità Garífuna si è presentato alla Procura della Repubblica di La Ceiba per denunciare che da giorni riceve minacce di morte e abusi di autorità da parte di membri della Forza Navale honduregna.

“Stavamo dormendo tranquillamente quando degli uomini incappucciati sono entrati in casa nostra”, ha raccontato ai media un membro della comunità Garífuna.

“Ho aperto la porta e dentro casa c’erano già due ufficiali della Marina che mi puntavano direttamente contro. Hanno detto di avere l’ordine di sfrattare tutti i miei pescatori, nonostante il fatto che abbiamo il diritto di pescare per sopravvivere”, ha aggiunto.

I “navales” hanno anche indicato che l’ordine di privare il testimone dei frutti del suo lavoro veniva “dall’alto”.

Nel mezzo della disputa, uno degli ufficiali della Marina lo ha minacciato, dicendo che avrebbe potuto sparargli alla testa. Nel frattempo, l’altro ufficiale della Marina lo ha colpito con una pistola.

Secondo gli abitanti del villaggio, la maggior parte dei loro colleghi pescatori ha dovuto abbandonare le proprie comunità, poiché in diverse occasioni i membri della Marina hanno lasciato i pescatori a nuotare in mare aperto.

I pescatori hanno aggiunto che spetta a loro tenere d’occhio i loro compagni di pesca per evitare che muoiano a causa di questi abusi.

Reazioni

Dall’account di Guapinol Resiste, hanno chiesto di fermare le molestie e le minacce contro il popolo dell’Honduras per aver difeso i propri territori.

“Dal Guapinol denunciamo l’attacco criminale contro Miriam Miranda, coordinatrice generale di Ofraneh, e chiediamo giustizia per lei e per il popolo Garifuna. Solidarietà”.

Da parte sua, il Bufete Justicia para los Pueblos ha ripudiato il tentativo di attacco criminale contro Miriam Miranda. “Chiediamo un’indagine immediata e la sua piena protezione”.

Nel frattempo, il Centro di difesa delle donne (CDM) ha espresso la sua solidarietà a Miranda. “Noi del CDM siamo solidali con Miriam Miranda. Chiediamo un’indagine immediata da parte dello Stato honduregno per trovare i responsabili di questo atto”.

Per l’avvocato e difensore dei diritti umani Claudia Herrmannsdörfer, ogni settimana ci sono attacchi contro i difensori dei diritti umani. Oggi è toccato a Miriam Miranda, chiediamo che la sua sicurezza e la sua vita siano garantite”.

Nel frattempo, la figlia di Berta Cáceres, Bertha Zúniga Cáceres, ha dichiarato: “La violenza e la persecuzione contro il popolo Garífuna è ripugnante: esigete misure strutturali per proteggere l’integrità di questo popolo che sta lottando per il proprio territorio! Quando è troppo è troppo!

Amnesty International ha condannato con forza l’attacco contro il leader garifuna.

“La situazione dei difensori dei diritti umani in Honduras è molto grave. Il governo di Xiomara Castro deve prendere tutte le misure necessarie per proteggerli e la Procura deve indagare senza indugio sugli attacchi”.

Anche il Segretario della Presidenza, Rodolfo Pastor, ha parlato dell’incidente. “Condanniamo la violenza perpetrata contro Míriam Miranda e la comunità che rappresenta degnamente. Il meccanismo di protezione è stato attivato per garantire la sua integrità e i suoi diritti”, ha pubblicato.

D’altra parte, il compagno di lotta di Miranda, Rony Castillo, ha dichiarato sui suoi social media: “Basta con il genocidio dei Garifuna”.

Nel 2022, l’Honduras ha registrato 14 omicidi di difensori della terra secondo Global Witness. Ad oggi, solo nel 2023, l’Honduras ha registrato almeno nove assassinii di difensori della terra, dell’ambiente e del territorio.

Fonte: Reportar Sin Miedo

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

hondurasPOPOLI INDIGENI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: alle primarie democratiche del Michigan in molti hanno votato scheda bianca contro il genocidio in Palestina

Martedì nello stato del Michigan ci sono state le primarie del partito Repubblicano e di quello Democratico per scegliere i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, in vista delle elezioni di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il vero piano israeliano per Gaza è la deportazione dei palestinesi

A più di 140 giorni dall’inizio della guerra di Gaza,  il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha finalmente proposto un non-piano per il futuro di Gaza ,un elenco di principi irrealizzabili e slegati dalla realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: In Chiapas a gennaio si contano 2300 profughi indigeni

Secondo il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, in questo mese di gennaio, la violenza generalizzata nelle comunità del sud del Chiapas in Messico, ha provocato l’uscita di più di duemila abitanti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ecuador: Una guerra contro il movimento indigeno

Il decreto di Conflitto Armato Interno emesso dal governo di Daniel Noboa “si inscrive in modo diretto nella Dottrina dello Shock come condizione di possibilità per l’aggiustamento economico”, sostiene l’economista ecuadoriano Pablo Dávalos.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: il CAM in Sciopero della Fame dice che “Non ci può essere dialogo con militarizzazione, prigionieri politici e senza la restituzione delle terre”

Dal 13 novembre sono in sciopero della fame i prigionieri politici mapuche del CAM (Coordinamento Arauco-Malleco) reclusi nel CCP Biobío di Concepción, Ernesto Llaitul, Esteban Henríquez, Ricardo Delgado Reinao e Nicolás Alcamán, per chiedere l’annullamento della sentenza di condanna a più di 15 anni di reclusione che pesa su di loro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: i prigionieri politici mapuche iniziano uno sciopero della fame fino ad ottenere l’annullamento del processo del razzista stato cileno

Facciamo un appello al nostro Popolo, alle comunità in resistenza, così come agli oppressi in generale, ad accompagnare questa mobilitazione con denunce, proteste e azioni contro lo stato cileno e principalmente contro i veri nemici, i capitalisti e i loro lacchè, responsabili di tante ingiustizie, così come del saccheggio dei territori ancestrali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Popolo mapuche: accanimento giudiziario verso i dirigenti mapuche con condanne carcerarie eterne

La persecuzione verso le dirigenze mapuche non cessano, nemmeno dietro le sbarre, dove ultimamente abbiamo visto condanne di decine d’anni, una vita intera in carcere, un peso della legge che non cade così nemmeno sui violentatori di diritti umani di questo paese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cile: rifiuto della condanna senza prove di 4 prigionieri politici mapuche del CAM

Queste azioni si iscrivono in un progressismo liberale che reprime i movimenti popolari, una tendenza che soddisfa le richieste dell’estrema destra e dei grandi imprenditori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: confermata l’estradizione in Cile dell’attivista mapuche Jones Huala

Questo martedì la Corte Suprema di Giustizia argentina ha emesso un verdetto con cui convalida l’ordine d’estradizione in Cile del lonko mapuche Facundo Jones Huala, detenuto da gennaio nel carcere penale federale di Esquel, Chubut, nell’ambito di una causa penale realizzata nel paese transandino e sulla cui legalità ci sono più che troppi sospetti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raccogliere la lotta: voci di resistenza agroecologica

Da una scuola recuperata da una comunità mapuche ranquel, ora convertita in un progetto agroecologico, diverse organizzazioni, assemblee e la stessa comunità Rupu Antu Linkoln hanno discusso del futuro ambientale del Paese.