InfoAut
Immagine di copertina per il post

Il movimento curdo nega il proprio coinvolgimento nell’attentato di Istanbul

Dopo l’attentato di ieri ad Istanbul che ha provocato sei morti e decine di feriti il governo di Erdogan ha immediatamente accusato il PKK e le Ypg/Ypj di essere responsabili dell’attentato. Il movimento curdo ha respinto con forza queste accuse e ha denunciato un piano oscuro del dittatore turco per colpire Kobane.

Il Comando del Quartier Generale del Centro di Difesa del Popolo (HSM) ha rilasciato una dichiarazione negando qualsiasi coinvolgimento nell’esplosione mortale di domenica in Istiklal Avenue a Istanbul.

Mentre i funzionari turchi hanno annunciato che 46 persone, tra cui la persona che presumibilmente ha lasciato la bomba sulla scena, sono state arrestate in relazione all’esplosione, l’HSM ha chiesto che venga esposto il background dell’attacco mortale.

La dichiarazione rilasciata lunedì dal Comando del Quartier Generale HSM include quanto segue:

“Prima di tutto, porgiamo le nostre condoglianze ai parenti delle vittime e auguriamo ai feriti una pronta guarigione. Non abbiamo nulla a che fare con questo incidente ed è ben noto all’opinione pubblica che non prenderemo di mira direttamente i civili né approveremo azioni dirette contro i civili. Siamo un movimento che conduce una lotta giusta e legittima per la libertà. Agiamo sulla base di una prospettiva che cerca di creare un futuro comune, democratico, libero e paritario con la società turca. Da questo punto di vista, prendere di mira la popolazione civile in qualsiasi modo è decisamente fuori questione.

E’ un’amara verità che il regime AKP-MHP stia avendo difficoltà di fronte alla nostra legittima lotta in via di sviluppo. Soprattutto con l’esposizione del loro uso di armi chimiche e le immagini che dimostrano che danno fuoco ai cadaveri dei loro stessi soldati, è ovvio che c’è un tentativo di mettere in atto un piano oscuro per distorcere del tutto lo stato attuale. I funzionari turchi che indicano Kobanê come obiettivo in relazione a questo attentato rivelano l’aspetto del loro piano. Se guardato da questo punto di vista, è ovvio che si tratta di un evento oscuro, e sebbene si affermi che l’autore sia curdo o siriano, questo non cambierà le conseguenze. L’incidente indica l’avvio di un piano oscuro. A questo proposito, è importante che i circoli democratici e l’opinione pubblica della Turchia vedano l’auspicato periodo buio e si battano per la denuncia di questo incidente”.

Anche il Comandante in Capo delle SDF (Syrian Democratic Forces) Mazlum Abdi ha smentito fortemente la tesi di Ankara di un coinvolgimento delle forze del confederalismo democratico nell’attentato.

Le Ypg in un comunicato attraverso il loro portavoce Noori Mahmood spiegano così il tentativo del governo di Erdogan di accusare il movimento curdo dell’attentato: “La crisi che il governo Erdogan sta affrontando soprattutto con l’avvicinarsi della data delle elezioni il prossimo anno. Erdogan sta cercando di trovare un motivo per convincere il mondo e ottenere l’approvazione internazionale per lanciare un attacco alle regioni del Rojava e del nord-est della Siria, questa operazione è la sua carta di sopravvivenza alle prossime elezioni.”

Di seguito la trasmissione di Radio Onda d’Urto con gli interventi da Istanbul di Mariano Giustino giornalista e inviato di Radio Radicale; di Murat Cinar giornalista della sinistra turca; di Davide Grasso docente, ricercatore e gia’ militante della resistenza curda in Siria del Nord Ascolta o scarica

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

Attentato Istanbulconfederalismo democraticoerdogankurdistanpkkRojavaturchiaypg

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Iran: sciopero generale nel 60° giorno della rivolta. Il parlamento vota la condanna a morte per chi manifesta nelle strade

Sciopero generale ieri in Iran in occasione del terzo anniversario della rivolta del novembre 2019 che coincide col 60 giorno di rivolta iniziata il 16 settembre con l’omicidio di Mahsa Amini, giovane curda di 22 anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Udai Tamimi, la Fossa dei Leoni è la culla popolare della resistenza palestinese

La capacità di Udai di effettuare due operazioni in aree di importanza strategica per lo stato israeliano ed eludere l’arresto per 12 giorni ha catturato l’attenzione dei media popolari mentre l’esercito israeliano assediava il campo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atene: tra scioperi e rivolte da non dimenticare

Il percorso di mobilitazioni su carovita e contro la guerra continua il 17 novembre, giorno in ricordo della rivolta di Politecnio, una protesta che  si svolse presso il Politecnico di Atene a partire dal 14 novembre 1973 nell’ambito di una massiccia manifestazione studentesca sul rifiuto popolare della giunta militare greca e terminò in uno spargimento di sangue al mattino del 17 novembre, quando un carro armato sfondò i cancelli del campus e furono massacrati 24 civili.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Due organizzazioni rivendicano azioni di sabotaggio “contro la visita di Gabriel Boric e la sua subordinazione all’oligarchia”

Due organizzazioni ribelli, cioè: la Resistenza Mapuche Lavkenche (RML), e l’ORT (Organizzazione di Resistenza Territoriale) “Toño Marchant” del CAM, hanno rivendicato il sabotaggio di un campo di lavoro forestale contro la visita di Gabriel Boric e le sue posizioni sempre più reazionarie riguardo al popolo originario.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro il “Nido delle Vespe”: l’ascesa della Brigata Jenin

l campo profughi di Jenin è stato trasformato in una “zona liberata” dalle fazioni della resistenza armata. Ora la resistenza spera che il modello Jenin si diffonda in altre parti della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Festa o no nella favela?

Qual è il futuro della relazione dello stato con le periferie urbane?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

First strike: tra opposizione e realtà di una guerra ancora lunga.

La cosiddetta dottrina Biden apre a una serie di considerazioni rispetto alla guerra russa-ucraina rispetto alla sua possibile escalation e minando il campo delle ipotesi di risoluzione del conflitto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina. Occupazione pacifica delle donne indigene nella Banca Centrale: siamo portavoce della Terra che dice basta!

Il Movimiento de Mujeres y Diversidades Indígenas por el Buen Vivir ha occupato pacificamente la Banca Centrale della Repubblica Argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

In Grecia il più grande sciopero generale dal 2012 contro l’aumento dei prezzi

Ieri è andato in scena in Grecia uno sciopero generale di ventiquattro ore contro carovita ed inflazione. Decine di migliaia di manifestanti ad Atene e Salonicco, trasporti bloccati e scontri nei pressi del Parlamento.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La Turchia finanzia la produzione di elicotteri-droni con know-how italiano

Il regime turco di Recep Tayyp Erdogan finanzierà la produzione di droni-elicotteri e droni-kamikaze per il mercato nazionale e l’esportazione, decisione che non potrà non essere accolta con favore anche in Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Congresso nazionale del Kurdistan: la Turchia colpevole di crimini di guerra

Riprendiamo la dichiarazione del KCK (Congresso Nazionale del Kurdistan) che invita alla mobilitazione contro i crimini di guerra dello stato turco.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

IRAN: “NEL FINE SETTIMANA 200 CITTA’ IN RIVOLTA, OTTO MILIONI IN STRADA, 90 MORTI A SANANDAJ”. INTERVISTA A UN MEMBRO DELLA RESISTENZA IRANIANA

Domenica 9 ottobre è stato il 24° giorno di proteste contro il regime in tutto l’Iran. Scontri e manifestazioni si sono svolte , secondo i dati diffusi dalla Resisteza Iraniana, in almeno 200 citta’ di tutte le 31 provincie e hanno visto scendere in strada almeno 8 milioni di persone. I manifestanti hanno intensificato le […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

In ricordo di Nagihan Akarsel

La notizia dell’uccisione di Nagihan Akarsel, attivista e studiosa femminista impegnata nella Jineoloji, fuori dalla sua casa di Sulaymaniyah ha sconvolto il mondo martedì mattina. Traduciamo il contributo di Zîlan Diyar, dal Comitato Europeo di Jineolojî e pubblicato sul sito dell’Accademia per la Modernità Democratica. Volevo iniziare con una poesia. Poi ho visto che la […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il fiore della trasformazione sboccia in Kurdistan.

La piena fioritura del Fiore della Trasformazione comporterà lotte difficili e a lungo termine. Ma ciò che la società curda sta cercando di realizzare può essere definito una “nowtopia” in divenire, e molte altre sono visibili all’orizzonte in tutto il mondo, un vero e proprio pluriverso di pratiche e visioni del mondo.  Immaginate questo scenario. […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zınar Bozkurt minacciato di espulsione inizia lo sciopero della fame in Svezia

Zınar Bozkurt (26), un rifugiato curdo minacciato di espulsione, ha iniziato uno sciopero della fame dopo che le autorità svedesi hanno deciso che non ha bisogno di protezione e che deve essere rimpatriato in Turchia. Zınar Bozkurt, un curdo che vive in Svezia da otto anni, in attesa dell’espulsione in Turchia dopo essere stato arrestato […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Un appello dal Rojava sotto attacco

Riprendiamo di seguito l’appello di due compagn* attualmente presenti in Siria del Nord-Est sulla ripresa dell’offensiva turca nei confronti della Rivoluzione Confederale.   VIDEOAPPELLO DALLA SIRIA DEL NORD-EST PER I DIECI ANNI DELLA RIVOLUZIONE DEL ROJAVA E CONTRO LA GUERRA DELLA TURCHIA Ciao a tutte, tuttx, tutti. Attualmente mi trovo nel territorio dell’Amministrazione democratica della […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Per la libertà di Sibel Balac e Ģökhan Yildrim

Riprendiamo e rilanciamo l’appello del “Coordinamento per la Libertà degli Attivisti Turchi”, in solidarietà con i prigionieri nelle carceri di Erdogan in sciopero della fame da dicembre 2021. Dopo il sit-in tenutosi a Martano (Lecce) mercoledì 29 giugno scorso, e in previsione della SERATA SOLIDALE programmata per giovedì 7 luglio a LECCE, presso Tagghiate Urban […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

FIRENZE A FIANCO DEL POPOLO CURDO: 5 LUGLIO MANIFESTAZIONE “NESSUN SILENZIO E NESSUNA COMPLICITÀ CON LA GUERRA E CON LA NATO”

Martedi 5 luglio Firenze scende in piazza a fianco del popolo curdo. Lo hanno annunciato oggi, venerdì, in conferenza stampa l’Associazione Culturale Kurdistan, il Coordinamento Toscana per il Kurdistan, Sinistra Progetto Comune e Firenze Città Apertala che vogliono denunciare come “il progetto di adesione di Svezia e Finlandia alla Nato rappresenta un ulteriore passo verso […]