InfoAut
Immagine di copertina per il post

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico: EUNAVFOR Aspides ha ricevuto ieri il via libera formale del Consiglio degli Affari Esteri dell’Unione Europea riunito a Bruxelles.

L’Italia prende il comando della missione che ufficialmente si prefigge di proteggere il commercio internazionale dagli attacchi degli Huthi, ma è di fatto anche una vetrina degli armamenti made in Italy e una missione a tutela delle fonti fossili. Aspides, missione che durerà almeno un anno, è un affare per l’industria bellica italiana e contribuisce alla spasmodica corsa verso il riarmo globale. Scopo ufficioso della missione è anche quello di fornire a Israele “una copertura alle spalle contro gli attacchi degli Huthi” e per proteggere le navi che portano aiuti militari o economici verso i porti di Tel Aviv. Infine, la prospettiva è anche quella “di dare una soluzione definitiva al conflitto in Yemen”.

Secondo FederPetroli nel mar Rosso e in particolare dal Canale di Suez, transita il 27 percento dell’import italiano di greggio e il 34 percento del Gas Naturale Liquefatto. Anche per questo la missione Aspides è da intendersi come l’ennesimo intervento armato per proteggere le fonti fossili in transito verso l’Europa, oltre che il commercio internazionale.

Nel frattempo Ursula Von Der Leyen si ricandida per un secondo mandato alla presidenza della Commissione Europea. Lo ha annunciato la stessa in una conferenza stampa a Berlino al termine della riunione del suo partito, la CDU, che guida il Partito Popolare Europeo. La 65enne tedesca, che ha guidato l’esecutivo europeo durante la pandemia, due guerre e la crisi energetica, pone al centro delle sue priorità la difesa, ambizioso progetto di cui a Bruxelles si parla da anni. La Von Der Leyen ha infatti annunciato che, se venisse rieletta, istituirà un commissario alla difesa.

Tuttavia “non si sta puntando a dare autonomia politica e diplomatica a Unione Europea”, ma semplicemente di “un’ulteriore escalation di rafforzamento del complesso militare europeo”, che aveva già ottenuto vantaggi inimmaginabili con la guerra in Ucraina prima e con la guerra nel Mediterraneo orientale poi.

Ai nostri microfoni l’analisi con Antonio Mazzeo, ricercatore per la pace e autore del blog omonimo.  Ascolta o scarica

da Radio Onda d’Urto

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

ASPIDESASSEDIO DI GAZAFOSSILEgolfo di Adenhouthiisraelemarina militareyemen

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Assange vince all’Alta Corte di Londra: potrà fare appello contro l’estradizione negli USA

Julian Assange ha ottenuto un’importante vittoria nella sua battaglia giudiziaria contro l’estradizione negli Stati Uniti d’America.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

76 anni di Nakba: una Storia di colonialismo di insediamento

Sono passati 76 anni dalla Nakba, il disastro della nascita di Israele, il 15 maggio 1948, sul territorio dei nativi palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Lo spettro dell’agitatore esterno

Dopo l’attacco alle università Usa, media e politici hanno rinnovato la caccia al provocatore esterno: la usarono anche contro Martin Luther King. Ma gli attivisti che fanno da ponte tra le lotte sono una costante nella storia dei movimenti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Salone del Libro: come è fatta la vera censura

Riprendiamo il comunicato del Coordinamento cittadino Torino per Gaza su quanto accaduto ieri al Salone del Libro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bologna: provocazione della celere in piazza Scaravilli, ma le tende per Gaza resistono e si moltiplicano

L’”acampada” per la Palestina allestita in Piazza Scaravilli a Bologna, nell’ambito della cosiddetta “intifada degli studenti”, è stata attaccata dalla celere nella serata di venerdì 10 maggio, al termine di un corteo dimostrativo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Amsterdam: rivolta studentesca per la Palestina

Anche nei Paesi Bassi il genocidio commesso dallo Stato israeliano sta infiammando i giovani.