InfoAut
Immagine di copertina per il post

Un organo che tutto controlla, un controllo che tutto organizza

Smart control room a Venezia, polizia e giustizia predittiva, chip war e molte altre brutte cose!

Riceviamo e pubblichiamo volentieri da Collettivo Sumud

Partendo dalla necessità di approfondire un tema a noi vicino, quello della Smart Control Room (SCR) di Venezia e del suo funzionamento, per capirne le reali implicazioni e il suo reale portato. Da qui, ampliando lo sguardo per capire come si sta diffondendo il fenomeno di una cosiddetta “smart-city-zzazione” nelle altre città d’Italia e ricondurre questa “nuova frontiera dell’organizzazione” al contesto nazionale prima, che vede il “progetto Giove” come avanguardia di un nuovo modo di fare polizia, e a quello internazionale poi, intorno alla ridefinizione dei rapporti tra gli Stati in funzione della guerra per il controllo delle “terre rare”.

Introduzione

“Quarantadue!” urlò Loonquawl. “Questo è tutto ciò che sai dire dopo un lavoro di sette milioni e mezzo di anni?”

“Ho controllato molto approfonditamente,” disse il computer, “e questa è sicuramente la risposta.

Ad essere sinceri, penso che il problema sia che voi non abbiate mai saputo

veramente qual è la domanda.”

(Guida galattica per autostoppisti)

E’ sempre più un lavoro complicato ed articolato, quello del cercare di relazionarsi al presente nel contemporaneo momento in cui esso si produce. Si rischia di rimanere intrappolati nel già-visto e nel già-noto, per un’incapacità radicata nell’aver smesso di farsi domande. Oppure proprio nella ricerca delle risposte esatte, di quelle nuove, si scambiano lucciole per lanterne. Le cause di questa difficoltà sono molteplici e, per non divagare troppo, pensiamo che una delle più esplicative sia quella del vedere il capitalismo come una “totalità indeterminata”, ovvero di un rapporto che esiste tra le cose, tra le persone, tra le classi, tra i territori, etc. che permea ogni singolo aspetto della nostra vita, dal più singolare a quello più collettivo e così facendo, essendo ovunque, essendo sempre più totale la sua presenza, diventa indeterminato, illeggibile. Essendo in ogni luogo, fisico ed ideale, non è mai, coerentemente, da nessuna parte. Sappiamo benissimo rispondere a come questo rapporto si produce e riproduce in maniera parziale nelle vite delle persone, ed è da questa certezza nelle risposte che abbiamo perso la fiducia nelle domande. È in questa riproposizione delle risposte che il capitalismo fa proliferare la sua indeterminatezza: quando questo rapporto (il capitalismo) si dà nuove forme, producendo nuove forme di organizzazione della vita, il più delle volte si perde la capacità di interrogarsi su di esse, concentrando l’attenzione sul “come rispondere”.

Arrivano però dei momenti in cui le risposte lasciano l’amaro in bocca, e giunge perciò l’ora di tornare a farsi domande.

Pensiamo di vivere questa necessità, e da essa vogliamo partire.

Brancolare nel buio, procedere a tentoni, avere giusto delle idee (o meglio, delle domande) piuttosto che delle idee giuste (delle risposte), è ciò da cui nasce il tentativo di costruire questo lavoro.

Non la certezza di saper rispondere a quanto succede, ma la felicità di interrogarsi su ciò che ci circonda e chi ci sta dentro.

Partendo dalla necessità di approfondire un tema a noi vicino, quello della Smart Control Room (SCR) di Venezia e del suo funzionamento, per capirne le reali implicazioni e il suo reale portato. Da qui, ampliando lo sguardo per capire come si sta diffondendo il fenomeno di una cosiddetta “smart-city-zzazione” nelle altre città d’Italia e ricondurre questa “nuova frontiera dell’organizzazione” al contesto nazionale prima, che vede il “progetto Giove” come avanguardia di un nuovo modo di fare polizia, e a quello internazionale poi, intorno alla ridefinizione dei rapporti tra gli Stati in funzione della guerra per il controllo delle “terre rare”.

Una sola nota “d’approccio”, più concettuale e terminologica che strettamente pratica, che esplicitiamo fin da subito, dal momento che andremo poi a concentrare l’attenzione su altro.

Riteniamo che non ci sia nessuna “nuova fase”, nessuna nuova forma di dominio o controllo: quello che viviamo adesso è il prodotto più sensato, più ragionevole, della razionalità capitalistica; questo è ciò che intendiamo con la formula “nuova frontiera dell’organizzazione”. Ci teniamo a precisarlo per abbandonare fin da subito un allarmismo che rischia di essere dilagante quando si parla di temi complessi che sono caratterizzati or ora da implicazioni nebulose, e che quindi sposterebbe l’attenzione sulle “forme sbagliate” che il capitalismo si dà, quando invece sono le forme più coerenti in cui il capitalismo si può attualmente manifestare.

Ci pare scontato da dire, ma il problema è, ovviamente, alla radice un altro. Non ci si deve scandalizzare o stupire di quanto succede. Certo, il capitalismo si dà nuove forme inedite nella sua storia, ma non sono altro che i prodotti più logici e naturali di essa.

Capire e studiare queste nuove forme è un passo imprescindibile per creare spazi di autonomia dai quali costruire i progetti rivoluzionari, ma bisogna sempre tenere a mente l’origine di tutto ciò.

Ci teniamo a chiarire ciò fin da subito per impostare il lavoro nella maniera per noi più puntuale possibile.

Di seguito il pdf completo:

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Contributidi redazioneTag correlati:

CAPITALISMO DELLA SORVEGLIANZATERRE RAREvenezia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Contributi

La vittoria del popolo palestinese è la nostra vittoria

Cosa vuol dire, per noi, stare al fianco della Palestina fino alla vittoria?

Immagine di copertina per il post
Contributi

La guerra al sud e ai poveri del nord possiamo  fermarla!

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo estratto di Lavoro e Salute…

Immagine di copertina per il post
Contributi

“La primavera serba non può essere fermata”: in 60.000 in piazza a Belgrado contro il governo per la quinta volta consecutiva

Ad un mese dal massacro avvenuto nella scuola di Belgrado, sabato 3 giugno le strade di Belgrado sono state inondate per la quinta volta dalle proteste contro il governo.

Immagine di copertina per il post
Contributi

Postfazione di “Le vene della Terra: un’antologia dei bacini idrici”

Riceviamo e pubblichiamo la traduzione della postfazione del libro “Les Veines de la Terre. Une anthologie des bassins‑versants” di Marin Schaffner, Mathias Rollot e François Guerroué.

Immagine di copertina per il post
Contributi

Parma: “A Carnevale ogni scherzo vale?”

Riceviamo e pubblichiamo… “A Carnevale ogni scherzo vale?” Non questa volta, non per il collettivo di Art Lab Bene Comune di Parma. E’ bastata una locandina satirica per una festa di Carnevale come pretesto per accusarci di terrorismo, istigazione all’odio ed emulazioni sataniche dell’omicidio del Presidente del Consiglio. Evidentemente siamo così ingenux da pensare che […]

Immagine di copertina per il post
Contributi

Mehmet Akar e Veysi Taş: due azioni di Resistenza nel Nord del Kurdistan

Il 17 Gennaio giunge la notizia che Mehmet Akar, giovane curdo di 25 anni originario di Amed (Diyarbakir), si è dato fuoco per protestare contro l’isolamento detentivo di Abdullah Öcalan.

Immagine di copertina per il post
Contributi

L’Italia armata, i falsi miti e le zone grigie nel saggio di Giorgio Beretta

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa recensione del saggio “Il Paese delle armi. Falsi miti, zone grigie e lobby nell’Italia armata” di Giorgio Beretta a cura di Michele d’Amico

Immagine di copertina per il post
Contributi

LÜTZERATH BLEIBT-Riflessione con e oltre Lützerath, per una lotta ecologista consapevole, radicale e glocale

A Lützerath si sta combattendo la battaglia ecologica più importante degli ultimi tempi. 

Immagine di copertina per il post
Contributi

Il compimento della storia e il Comunismo nelle parole di un Ministro

Una crisi inarrestabile di un modo di produzione storico esce fuori dai pori della vita plasmata dal capitalismo reale.

Immagine di copertina per il post
Culture

Art Not Genocide: oltre ventimila artisti firmano contro la presenza israeliana alla Biennale di Venezia

«Offrire un palcoscenico a uno Stato impegnato in continui massacri contro il popolo palestinese a Gaza è inaccettabile».

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: voci, facce e comunità che dicono “no” all’attività mineraria del litio

“La rotta del litio: voci dell’acqua”, è il libro di Camila Parodi e Susi Maresca.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Pestaggio al carcere di Venezia, detenuto in rianimazione

Un detenuto ha denunciato il pestaggio da parte degli agenti del penitenziario Santa Maria Maggiore di Venezia. Ancora un suicidio a Prato, è il ventunesimo dall’inizio dell’anno

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La quadratura della rete: criminalizzazione e sorveglianza tecnologica

Analiziamo alcuni dei passaggi chiave che hanno attraversato la societa’ francese a partire dagli attentati di Parigi del 2015 per capire come hanno influenzato il sistema di sorveglianza tecnologica fino ad arrivare ai piu’ recenti processi a carico di attivist*.

Immagine di copertina per il post
Formazione

L’azienda italiana che può localizzare una persona in ogni angolo del mondo

Tykelab offre i suoi servizi tramite la ben più nota azienda di intercettazioni RCS.  RCS e Tykelab sviluppano uno spyware, Hermit, in grado di prendere il controllo del tuo smartphone e ascoltare tutto ciò che dici. 

Immagine di copertina per il post
Formazione

Intelligenza artificiale, Ai Act e panopticon globale

Lo scorso sabato parlamento, consiglio e Unione Europea si sono accordati sul testo finale per la regolamentazione dell’intelligenza artificiale. Un accordo selettivo, che consente l’utilizzo di strumenti di controllo, vietati per i cittadini europei, ai migranti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Pacchetti sicurezza che rendono insicure le nostre vite

Il decreto Meloni Salvini mette sul banco degli imputati non solo i giovani di Ultima generazione e i movimenti ambientalisti ma chiunque partecipando a cortei possa essere accusato di avere recato danni alle forze dell’ordine.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

COP28: Extinction Rebellion tinge di verde i fiumi italiani. “I governi parlano, la Terra affonda”

Roma, Venezia, Milano, Torino, Bologna: i fiumi delle principali città italiane sono stati tinti di verde da Extinction Rebellion, con un colorante innocuo, per denunciare l’ennesimo fallimento politico della COP28 e dei governi mondiali nel contrastare la crisi climatica e la sesta estinzione di massa.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Portogallo. Litio, distruzione ambientale, lotte dal basso

Il litio, minerale raro indispensabile per le batterie delle auto elettriche, ha costi ambientali di estrazione molto alti.