InfoAut
Immagine di copertina per il post

15 nuovi progetti dei bacini annullati dai tribunali: è ora di fermare i progetti in corso nel Deux-Sèvres! 

Si tratta di una grande vittoria per il movimento Soulèvements de la Terre, il comitato Bassines non merci e la Confèderation paysanne: 15 progetti di mega-bacini annullati nel Deux-Sèvres.
Dopo diversi presidi, manifestazioni – tra cui quella ben nota di Sainte-Solines e la carovana per l’acqua composta da 800 biciclette, arrivano le prime vittorie dal movimento ecologista francese.
I mega-bacini, ormai conosciuti da tutti come i nuovi ecomostri dell’agroindustria, stanno incominciando a deragliare. Le incompatibilità di queste mega-strutture di accaparramento dell’acqua con la salute delle persone e del territorio e un clima sempre più arido è ormai incontrovertibile. Tutto ciò non sarebbe mai emerso senza la determinazione del movimento, ancora una volta la lotta paga.

Di seguito abbiamo tradotto il comunicato stampa di Bassines non merci, Confédération Paysanne, Les Soulèvements de la Terre.

Martedì 3 ottobre, il tribunale amministrativo di Poitiers ha confermato l’annullamento delle due ordinanze prefettizie relative alla creazione e al funzionamento di 6 mega-bacini a La Pallu nella Vienne e di 9 mega-bacini a Aume Couture (7 nella Charente e 2 nelle Deux-Sèvres). Accogliamo con favore questa sentenza del tribunale, una vittoria che dobbiamo ai ricorsi presentati da Poitou-Charentes Nature, dall’UFC, dall’LPO, dalla Confédération paysanne e dall’Association de Protection et avenir du Patrimoine en Pays d’Aigre et en Nord Charente (APAPPA).

Questa decisione storica si basa su ciò che denunciamo da tempo e rafforza la nostra sensazione che le azioni intraprese negli ultimi mesi per fermare i progetti dei megabacini siano assolutamente legittime! 

Ci rende ancora più determinati a fermare i lavori in corso a Priaires, la plastificazione di Sainte-Soline e i lavori previsti a Epannes. Le mobilitazioni necessarie saranno annunciate a breve e attuate se questi progetti continueranno. 

È ora che il governo riconosca la necessità di una moratoria immediata e smetta di reprimere il movimento di difesa dell’acqua.

Il tribunale amministrativo di Poitiers aveva già seguito le argomentazioni delle associazioni in casi precedenti, e questa volta ha emesso una sentenza simile! E per una buona ragione, le questioni sono le stesse: progetti sovradimensionati, aumento dei volumi di irrigazione legati a queste infrastrutture in un contesto idrologico locale già squilibrato e mancata considerazione degli effetti prevedibili del cambiamento climatico. Anche nel caso dell’Aume Couture, il tribunale ha riscontrato l’inadeguatezza degli studi di impatto.

La sentenza afferma chiaramente che i volumi previsti per questi progetti di mega-bacini consentirebbero agli irrigatori beneficiari di prelevare più acqua rispetto ai volumi utilizzati negli ultimi 10 anni. Non c’è quindi una riduzione complessiva dei prelievi e il principio stesso della sostituzione, l’argomento usato dalle autorità e dai promotori dei progetti per giustificare i mega-bacini, viene messo in discussione.

Questi progetti, come i precedenti, concepiti per sostenere principalmente pratiche agricole inadatte e superate a vantaggio di una minoranza di agricoltori, non tengono conto delle richieste delle associazioni e delle previsioni e raccomandazioni dei vari rapporti (IPCC, Corte dei Conti, CESE, ecc.) sulla necessità di proteggere le risorse idriche e promuovere la produzione alimentare locale. Il fatto che questi progetti anacronistici vengano realizzati in un momento in cui i ricorsi potrebbero portarli all’annullamento, significa che i costi di ripristino saranno a carico delle aziende agricole coinvolte, con il rischio di farle fallire. 

Pas une bassines de plus! No Bassaran!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

Bacini idriciECOLOGIAECOLOGIA POLITICAsoulevement de la terre

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bill Gates, il miliardario che sta industrializzando l’agricoltura mondiale

Utilizzando milioni di dollari, la Fondazione Bill & Melinda Gates sta aggirando e plasmando le politiche agricole internazionali. I grandi vincitori di questo gioco antidemocratico sono le aziende agro-industriali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Il Ponte sullo Stretto è uno specchietto per allodole”. Calabria e Sicilia si preparano alla manifestazione popolare

Il ponte sullo Stretto” tra la Calabria e la Sicilia è uno “specchietto per le allodole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ponte: avvio dei cantieri rinviato. Ora chiudere la Stretto di Messina S.p.a.

Il comunicato di Antudo a seguito della notizia del rinvio dei cantieri per il ponte sullo Stretto..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Germania: manifestazioni ecologiste contro Tesla.

Un blocco anticapitalista, berretti blu per riconoscersi, una rapida avanzata per rompere le linee di polizia: questo è ciò che è avvenuto venerdì 10 maggio in Germania, intorno a una gigantesca fabbrica Tesla vicino a Berlino.

Più di mille manifestanti ambientalisti hanno poi nuovamente manifestato sabato 11 maggio contro i piani di Tesla di espandere la sua fabbrica di auto elettriche..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Vicenza: il Tav vuole travolgere il bosco Lanerossi, rischia anche il CS Bocciodromo

A Vicenza il progetto del Treno Alta Velocità, all’interno del tracciato Brescia-Padova, oltre che ad impattare fortemente sulla città e sulla salute della cittadinanza, rischia di distruggere 11 mila metri quadrati di bosco

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Emilia Romagna: a un anno esatto dalla prima devastante alluvione, qual è la situazione dei territori colpiti?

Furono giorni drammatici, convulsi, in cui non mancò tuttavia uno slancio solidale esteso e diffuso, con ben pochi precedenti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sulmona: attivisti No Snam invadono il cantiere della centrale

“Abbiamo compiuto una azione di obbedienza civile  per denunciare le illegalità in atto. Chi di dovere agisca”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il circo del G7: Extinction Rebellion occupa la tettoia della RAI.

Torino: Due attiviste di Extinction Rebellion hanno occupato la tettoia della RAI, mentre altre sette vestite da clown sono comparse in triciclo davanti all’ingresso. “G7 ambiente: -2 all’inizio del circo”, si legge sullo striscione.“G7 ambiente: -2 all’inizio del circo”, si legge sullo striscione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La variante del marmo: così la Regione Toscana vuole rimettere mano al Piano cave

La Giunta Giani ha avviato l’iter per modificare la normativa sulle attività estrattive e aumentare del 5% la capacità autorizzata fino al 2038.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

La truffa del G7: i ministri dei Paesi più industrializzati e inquinanti al mondo annunciano false promesse per fronteggiare la questione climatica.

Riflessioni e valutazioni conclusive di una settimana di mobilitazione, scritte a più mani tra chi ha partecipato al percorso di costruzione della contestazione.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Prati urbani e difesa del suolo: i casi di Settimo Torinese e Borgata Parella.

Due prati, due storie. In parte queste storie si specchiano, in parte divergono.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Andare oltre l’inferno planetario – di Gennaro Avallone

“Non è l’Uomo, ma è il Capitale il responsabile dell’inferno planetario”

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Obbligati a produrre rifiuti e a devastare i nostri territori: il caso di Valledora.

Oggi il sistema ci impone non solo di essere consumatori di prodotti, ma anche produttori di rifiuti: senza tregua e senza alcuna possibilità di sottrarci a questo ruolo quotidiano obbligato, per quanto frugali cerchiamo di essere.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Verso il G7 Ambiente e Energia a Torino: assemblea informativa sul mercato energetico.

Da prima dello scoppio della guerra in Ucraina siamo sottoposti a un continuo rincaro sui prezzi dell’energia, in particolare sul gas.

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Dal modello del supermercato al modello della biblioteca pubblica: la necessità di nuove utopie.

La transizione ecologica che viene proposta dall’alto è iniqua. Anche perché è iniqua – l’ecologia, per definizione, non lo è – non è una vera transizione ecologica.