InfoAut
Immagine di copertina per il post

“Dubai è una farsa”: Scienziati in Rivolta organizzano una alter COP a Bordeaux

Il collettivo Scientists in Rebellion sta organizzando una COP alternativa a Bordeaux per denunciare il fallimento della governance climatica globale e inventare nuovi immaginari.

di Emmanuel Clévenot, da Reporterre

“Il messaggio è terribile. La COP28 sta testimoniando il fallimento della governance internazionale sul clima”. Con il microfono in mano, il biochimico Jérôme Santolini si rivolge all’assemblea con la pedagogia di un professore e la febbre di un attivista. In questa austera sala della base sottomarina di Bordeaux, tutta rivestita di cemento, la temperatura è un po’ più fresca che a Dubai. Benvenuti nell’alter-COP di Scientists in Rebellion. Questi uomini e donne in camice bianco hanno lasciato i loro laboratori per occupare questo edificio dal 30 novembre al 3 dicembre e denunciare “la farsa che si sta svolgendo sotto i nostri occhi”.

“La COP28 non è una soluzione, è il problema”, afferma Jérôme Santolini. “Sta saturando l’arena politica e impedisce l’emergere di alternative”. A suo avviso, le istituzioni rimangono bloccate in un modello che risale ai Trenta gloriosi e sono incapaci di adattarsi all’era dell’Antropocene. La prova sta nel processo che si è svolto il 30 novembre a Parigi: otto scienziati e attivisti sono stati processati per aver occupato il Muséum national d’histoire naturelle nel 2022. “E mentre tutto questo accade, i veri criminali del clima, noti da sempre, si aggirano nei corridoi della COP con le mani intrise di petrolio”, insiste il ricercatore.

“Le COP sono macchine per creare una finzione collettiva”

Amy Dahan, storica delle politiche sul cambiamento climatico, ci tiene a rassicurare il pubblico che nemmeno lei crede nelle COP. “Tuttavia, questo quadro multilaterale ha contribuito ad aumentare la consapevolezza dell’urgenza della situazione”. Con una ventina di partecipazioni a suo nome, può testimoniare che prima dei primi anni 2000, praticamente nessun funzionario credeva nel cambiamento climatico: “C’era molto scetticismo climatico e, su questo punto in particolare, le cose sono cambiate.”

Anche se non è tutto da buttare, la situazione rimane desolante al momento del ventottesimo vertice sul clima: “Il Protocollo di Kyoto, l’Accordo di Copenaghen, l’Accordo di Parigi… E cosa ne è rimasto?” si chiede Romain Grard, del collettivo Scientifiques en rébellion. La Convenzione quadro sui cambiamenti climatici, firmata nel 1992 a New York, rifletteva il desiderio delle parti coinvolte di stabilizzare le concentrazioni di gas serra a un livello sostenibile. Trentuno anni dopo, sono aumentate del 60%: “Le COP sono macchine per creare una finzione collettiva”, afferma la collassologa Agnès Sinaï. “Migliaia di funzionari costruiscono una retorica inafferrabile per la gente comune, che non fa altro che coprire il tabù dei combustibili fossili.”

Gli Scientifiques en rébellion hanno scelto di andare oltre il quadro istituzionale per raggiungere il grande pubblico.

“Oggi non possiamo più permetterci il lusso di opporci semplicemente”, afferma Romain Grard. “Non possiamo stare fermi e non fare nulla, quindi dobbiamo inventarci qualcosa di diverso”. Agnès Sinaï ha diverse alternative da suggerire. A cominciare dalla creazione di una Corte internazionale di giustizia climatica, sul modello della Corte penale internazionale dell’Aia: “L’Accordo di Parigi è un trattato politico senza sanzioni. Non ha senso che gli Stati siano contemporaneamente giudici e giudicati”. L’autrice propone anche di lanciare una Convenzione internazionale dei cittadini sul clima o una COP sulla decrescita. Per quanto utopiche, queste strade hanno il merito di inventare nuovi immaginari.

Questa è anche la sfida di questo alter-COP: riprendere la narrazione che per troppo tempo è stata monopolizzata dai potenti. “Da sempre ci si aspetta che gli scienziati producano rapporti importanti da mettere sulla scrivania di questo o quel ministro”, dice Stéphanie Mariette, genetista delle popolazioni. “Ma a cosa serve se poi si parla solo di crescita verde? Oggi questo quadro istituzionale, creato dallo Stato, non è più sufficiente. Dobbiamo liberarci da esso ed entrare in contatto diretto con i cittadini, il più vicino possibile alle lotte locali”.

Un divario tra il pubblico e gli scienziati

Il geografo e collaboratore dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), Wolfgang Cramer, condivide questa osservazione: “Sono affascinato dall’immagine che ci siamo costruiti dello scienziato deliberatamente ingenuo. Non abbiamo fatto altro che osservare. Abbiamo guardato queste curve salire e scendere, e poi le abbiamo descritte con un linguaggio freddo e neutrale”. Sfida chiunque a trovare un solo punto esclamativo nel lavoro dell’IPCC. “E quando siamo tornati a casa, siamo passati ad altre cose”, si lamenta. “Pensavamo che più eravamo disimpegnati, più eravamo credibili. Era un contratto immaginario con la società.”

“Questo atteggiamento ha ampliato il divario tra il pubblico e gli scienziati. Ho la sensazione che spesso ce ne stiamo per conto nostro”, conferma l’oceanografo François Sarano. “E questo comodo isolamento allontana proprio le persone che dovremmo convincere. Spaventiamo le persone e quello che diciamo è spaventoso. Ma dobbiamo conquistarle.” E come lo facciamo? Cercando persone con cui parlare al di fuori delle riviste specializzate in cui viene pubblicato il nostro lavoro e delle conferenze internazionali in cui i ricercatori incontrano solo i loro colleghi. “Sta diventando fondamentale costruire ponti con il grande pubblico”, concorda Julian Carrey, un insegnante di fisica con un camice bianco e i capelli arruffati.

Più facile a dirsi che a farsi: ai dibattiti hanno partecipato appena un centinaio di persone, tra scienziati e giornalisti. E almeno altrettante sedie vuote. Così, al calar della sera, l’amara sensazione di un appuntamento mancato aleggiava nell’aria.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

climaCop 28CRISI CLIMATICADubaiscienziati in rivolta

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Congo: la maledizione del cobalto

Quando Roger Milolo ha lasciato la sua città natale al confine tra la Repubblica Democratica del Congo (RDC) e lo Zambia per lavorare come operatore in una miniera di cobalto, sperava che la sua sarebbe stata una storia “dagli stracci alla ricchezza”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Gavio e ndrangheta. Le mani dei boss del cemento su TAV ed autostrada

Facciamo il punto su quanto emerso finora dall’indagine Echidna che ha scoperchiato il vaso di pandora dei rapporti tra politica, criminalità organizzata e imprenditori in Piemonte nel segno del cemento.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

I giorni delle canaglie

Questi primi di aprile sono giorni in cui si torna a parlare delle collusioni fra personaggi legati alla malavita, politici locali e imprese che gestiscono gli appalti per lavori direttamente o indirettamente legati alle grandi opere in Piemonte: sono i giorni delle canaglie.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: un “mondo a parte” che non si lascerà mettere tanto facilmente da parte

Breve reportage sulla grande assemblea che si è tenuta l’altro ieri al parco Don Bosco: centinaia le persone accorse dopo il rilascio senza misure cautelari del diciannovenne arrestato la notte prima.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: sostegno alle 17 persone arrestate dalla polizia antiterrorismo in seguito alla campagna di azione nazionale contro il mondo del cemento

Lunedì 8 aprile, 17 persone sono state arrestate in Normandia e nell’Ile de France in un’operazione condotta dalla Sottodirezione antiterrorismo. Alcuni di loro sono stati portati nella sede di Levallois-Perret e potrebbero rimanerci per 96 ore.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

PFAS: tre domande per capire ogni cosa sugli inquinanti eterni

I PFAS sono oggetto di una proposta di legge ambientale esaminata il 4 aprile. Questi inquinanti eterni, onnipresenti nei nostri prodotti di consumo, sono tossici per l’uomo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

TAV = Mafia. Nuove prove del coinvolgimento della ‘ndrangheta nel TAV Torino – Lione.

Negli scorsi mesi è venuta fuori, come succede ciclicamente, una polemica bipartisan sulla scritta che svetta sul Musiné all’ingresso della valle che recita TAV = Mafia. Oggi veniamo a conoscenza attraverso una notizia apparsa sul tg regionale che esistono nuove prove del coinvolgimento delle ‘ndrangheta nelle opere propedeutiche al TAV Torino – Lione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: giovane aggredito e picchiato dai Carabinieri al Parco Don Bosco.

Nella “democratica Bologna” tre volanti dei carabinieri aggrediscono e picchiano un giovane all’interno del parco Don Bosco.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Ponte: partono gli espropri.

In questi giorni sui giornali locali e nazionali sono state pubblicate le liste delle procedure per l’esproprio delle aree interessate alle opere anticipate per la realizzazione del ponte sullo Stretto.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Un anno dopo Sainte-Soline: solidarietà, rabbia e gioia per le strade di Nantes

Un anno fa, decine di migliaia di noi hanno marciato in mezzo ai campi delle Deux-Sèvres contro i megabacini, e siamo rimasti intrappolati dalla repressione militare, intrappolati sotto il rombo delle granate sparate a migliaia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il socialismo climatico e il collasso del clima

Da un po’ di tempo i media riportano notizie allarmanti sulla possibile interruzione della circolazione meridionale atlantica (AMOC), un vasto sistema di correnti oceaniche, componente chiave della regolazione del clima globale di cui fa parte la Corrente del Golfo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Guardiani della terra maremmana per una transizione ecologica giusta

Cresce nella Maremma ed in Tuscia la resistenza dal basso all’espansione incontrollata di megaimpianti di energia eolica, nuova frontiera del “landgrabbing”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

G7 energia, clima, ambiente a Venaria, prepariamoci insieme ad accoglierlo!

Durante il G7 si riuniranno le principali potenze economiche per discutere come disegnare i prossimi passi della cosiddetta transizione energetica ed ecologica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Olimpiadi. Cominciato il taglio di 4.500 larici

Il bob è una delle discipline delle olimpiadi invernali. In Italia nessuno, o quasi, pratica questo sport. La pista costruita a Cesana per le Olimpiadi del 2006 è un monumento allo spreco, alla distruzione di risorse per l’interesse di pochi signori del cemento e del tondino.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

2.9 Radura || Le catene agricole. Agroindustria e lavoro in Piemonte

In questa nuova puntata di Radura torniamo a parlare di agricoltura. Lo facciamo a partire da un approfondimento delle catene del valore in un territorio specifico che è quello del Piemonte.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

PFAS “Eterni inquinanti”: oltre 300 attivisti invadono uno stabilimento Arkema a Lione

Sabato 2 marzo, gli attivisti di Extinction Rebellion e Youth for Climate hanno invaso uno stabilimento Arkema a sud di Lione. È stata una giornata “a porte aperte” per denunciare l’inquinamento da “inquinanti eterni” del gruppo chimico.