InfoAut
Immagine di copertina per il post

La variante del marmo: così la Regione Toscana vuole rimettere mano al Piano cave

La Giunta Giani ha avviato l’iter per modificare la normativa sulle attività estrattive e aumentare del 5% la capacità autorizzata fino al 2038. Una scelta che andrà a impattare anche su ecosistemi fragili come quello del Parco delle Alpi Apuane, tra le province di Lucca e Massa-Carrara. “Una resa alle pressioni delle imprese”, denuncia Legambiente

di Luca Martinelli, da Altreconomia

La Giunta regionale della Toscana ha avviato il procedimento di variante al Piano regionale cave (Prc). “In questi anni di vigenza del piano, alcuni Comuni e alcune industrie del settore hanno manifestato la necessità di incrementare le potenzialità estrattive chiedendo di rivedere il dimensionamento del Prc e aumentare gli Obiettivi di produzione sostenibile”, spiega il Documento di avvio del procedimento, allegato alla Delibera 301 del 18 marzo di quest’anno.

L’eventuale adozione porterebbe a incrementare del 5% la capacità autorizzata fino al 2038, sulla base di una presunta “saturazione” di alcuni comprensori, che però, carte alla mano, riguarda a oggi solo 11 ambiti su 98. Tra questi, quattro hanno effettivamente superato nel periodo 2015-2022 la media annua escavabile e sette hanno cavato in media il 90% o più di quanto autorizzato.

Tra gli 11, però, non ce n’è nemmeno uno tra i primi dieci elencati in tutti i documenti regionali, che sono i comprensori che fanno riferimento alle Alpi Apuane: da soli valgono oltre 47,75 milioni di metri cubi, ovviamente di marmo. Sono, in ordine alfabetico, Carrara, Casola in Lunigiana (MS), Fivizzano (MS), Massa, Minucciano (LU), Montignoso (MS), Pietrasanta (LU), Seravezza (LU), Stazzama (LU) e Vagli di Sotto (LU). Nei dieci comprensori, all’interno di cave che in molti casi si trovano all’interno del perimetro del Parco regionale delle Alpi Apuane, è disponibile oltre un quarto di tutto il materiale cavabile in Toscana fino al 2038, che in totale somma 179.272.620 metri cubi.

I dati di monitoraggio della Regione Toscana evidenziano che in nessun comprensorio delle Apuane sia nemmeno vicina la soglia di guardia: il più “ricco”, che è quello di Carrara, che ha una capacità di quasi 34 milioni di metri cubi in vent’anni, sta “sfruttando” appena il 75% del proprio potenziale. Eppure, sulla carta anche l’escavazione che è considerata uno tra i 43 peggiori disastri ambientali del mondo, vedrà un aumento della propria capacità: potranno essere estratti 2,4 milioni di metri cubi di marmo in più. È come se sparisse un parallelepipedo di 100 metri per lato e alto ben 240 metri, che va ad aggiungersi sulla sommità di un altro solido che ha base di 300 metri per lato e altezza di 530.

In pratica, in vent’anni è condannata a sparire un’intera montagna da quota 1.000 a quota 1.800 metri sul livello del mare, che poi è ciò che accade davvero come dimostrano le fotografie scattate dai molti che si battono per frenare lo scempio delle Apuane, il cui impatto ambientale è collegato anche alla marmettola (polvere di marmo) che in zona carsica finisce nei corsi d’acqua della zona (“Montagne sbriciolate” è il titolo di copertina di Altreconomia 261). Non è un caso se l’ultima manifestazione contro l’estrattivismo selvaggio che si è svolta a Carrara a metà dicembre avesse come titolo proprio “Le montagne non ricrescono”.

Per la Regione, però, la variante proposta non sarebbe impattante, perché “non prevede alcuna modifica della parte cartografica, non prevede previsioni localizzative e non presuppone nuovi effetti territoriali”. Una nota pubblicata dalla Regione Toscana segnala anche che “l’iter avviato prevede che adesso la parola passi ai singoli Comuni, i quali dovranno segnalare alla Regione i rari casi di imprese che necessiterebbero di accedere a tale sforamento; a seguire, la Regione valuterà ogni singolo caso sulla base delle relative valutazioni ambientali, tecniche ed economiche. A titolo esemplificativo, l’incremento sarà autorizzato nei casi in cui l’approvvigionamento serva a realizzare opere pubbliche”.

Dicembre 2023. La manifestazione a Carrara per fermare l’attività estrattiva nell’ambito della due giorni dedicata alle montagne che non ricrescono © Michele Lapini

L’assessore competente, il lucchese Stefano Baccelli, sottolinea che della deroga “potranno peraltro godere solo imprese debitamente autorizzate”. La Regione con questa iniziativa sarebbe al lavoro per “costruire il miglior equilibrio tra la tutela del lavoro e dell’ambiente”, aggiunge ancora l’assessore.

Le voci contrarie, però, sono tante. Dal mondo del lavoro c’è quella di Rossano Rossi, segretario generale Cgil Toscana: “Ci domandiamo quale sia davvero il motivo e l’urgenza di fare approvare una modifica di questa natura, con un simile impatto. Se infatti, come apprendiamo dalla stampa, il problema è legato solo ad alcune piccole cave (i Gessi Pisani, gli inerti del Valdarno, i calcari di turrite secca a Molazzana in Garfagnana e gli inerti di Poggibonsi) per quale motivo approvare una norma che incide su tutto il settore, potenzialmente in ogni territorio e su tutte le tipologie di materiale escavato, marmo compreso?”. Il sindacato pone l’accento su uno dei problemi centrali dell’affaire Apuane: “Continuiamo a ribadire che per noi è fondamentale investire sulla creazione di una filiera degna di questo nome, capace di creare buona occupazione anche al piano, iniziando così a completare davvero il ciclo produttivo sul territorio”.

Le montagne cancellate sono attraversate da sentieri, cammini e vie di arrampicata percorsi ogni anno da decina di migliaia di appassionati, come la “Via Vandelli” che s’insinua da Vagli al passo della Tambura e poi scende a Massa lungo il selciato storico, quello costruito alla metà del XVIII secolo per collegare Modena alla costa tirrenica. Le Apuane hanno anche particolarità eccezionali come il carsismo, le forme glaciali, scenari alpini di incredibile energia e un patrimonio botanico e faunistico incredibile, i resti archeologici e dell’escavazione storica (da quella romana a quella delle lizze novecentesche), che le cave distruggono sistematicamente e che invece potrebbero essere la ragione per l’affermazione di un turismo oggi soppresso dalla monocoltura del marmo.

Tra le tante voci critiche e informate c’è quella del Club alpino italiano (Cai) Toscana, che a fine febbraio è tornato ad esprimere il proprio disappunto dopo aver ascoltato l’intervento del presidente della Regione, Eugenio Giani, in Garfagnana: “Desta stupore che le Alpi Apuane siano considerate dalla Regione come un ‘giacimento’ economico, correlato esclusivamente all’estrazione del marmo. Il convegno era volto ad approfondire non si sa quale sviluppo sostenibile della Garfagnana, passando dalla valorizzazione dell’attività estrattiva, quale unico modello di innovazione. Non è possibile ascoltare dal presidente della Regione che a Carrara, nei bacini industriali, si proceda ‘senza tanti limiti’, mentre nei territori oggetto del Parco (cioè nelle aree di cava intercluse) vi sia una estrazione ‘vincolata’ che crea di fatto una contrapposizione tra una estrazione di serie A e una di serie B. Ed è pericoloso ascoltare e pensare che la ‘visione’ della Regione vada nella direzione di permettere che l’estrazione, anche nei territori del Parco, sia (de)regolamentata come all’interno di un bacino industriale. Sono dichiarazioni irricevibili che il Cai non solo non condivide, ma non è disponibile ad accettare”.

Il Parco regionale delle Apuane di fronte all’avvio del procedimento di variante è rimasto in silenzio. Nicola Poli è il sindaco di Minucciano (LU), uno dei comprensori delle Apuane. Intervistato da Altreconomia spiega che il 27 aprile è fissata una riunione in Regione e che il provvedimento non è stato concertato con le amministrazioni locali, per cui gli uffici tecnici del suo Comune stanno valutando il testo e nel caso presenteranno osservazioni formali. Aggiunge che il monitoraggio da parte della Regione Toscana è stato faticoso e che il dato medio relativo alla percentuale del marmo effettivamente estratto non tiene conto della presenza di più bacini all’interno dello stesso territorio, alcuni dei quali magari hanno giù saturato la propria capacità.

Una cava di marmo al passo del Vestito, sulle Alpi Apuane © Michele Lapini

Secondo Legambiente, l’avvio del procedimento di variante sarebbe “una resa alle pressioni delle imprese e un atto di abdicazione della Regione rispetto alla sua potestà di pianificare e programmare in modo sostenibile le attività estrattive in Toscana”, come ha spiegato Fausto Ferruzza, presidente Legambiente Toscana. “Abbiamo preso atto che diverse cave hanno superato il limite fissato dal Piano regionale cave e molte altre lo stanno raggiungendo e per la Giunta regionale l’unica soluzione possibile sembra quella di alzare il limite delle quantità escavabili. Siamo veramente all’assurdo: le aziende che non hanno saputo programmare l’attività estrattiva in modo da rispettare il limite fissato dalla normativa regionale, scaglionando nel tempo i quantitativi da escavare, invece di essere sanzionate, vengono premiate, rendendo lecito ciò che lecito prima non era”, sottolinea l’associazione ambientalista.

Resta poi sullo sfondo della questione apuana un grande equivoco, di cui anche la Regione è consapevole, tanto da mettere nero su bianco, all’interno della propria relazione di monitoraggio, che “una cava che produca percentuali sbilanciate di detriti a scapito dei blocchi con una resa molto bassa, inferiore al 30/25/20% si configurerebbe come cava di inerti e non di materiali ornamentali e non potrebbe giustificare i consistenti e irreversibili impatti su risorsa, territorio e paesaggio unici al mondo”. Eppure a Carrara, nel bacino più importante, secondo dati forniti dal Comune alla sezione locale di Legambiente, nel 2022 solo il 18,6% del materiale è stato estratto in blocchi e destinato quindi all’uso ornamentale. Il resto è sbriciolato o in scaglie e non alimenta nemmeno l’occupazione, che anche tra il 2021 e 2022 è calata del 15% nel comparto estrattivo, tra le province di Lucca e Massa-Carrara. Gli addetti ormai non arrivano a mille.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

ALPI APUANEcaveESTRATTIVISMOmarmomassa carraratoscana

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Tav segna il campo anche nella Francia in campagna elettorale.

Nel contesto di crisi di governo in Francia, dopo le dimissioni di Macron e lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale che ha portato a chiamare nuove elezioni, il tema del tav si pone ancora una volta come campo di battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: ancora cariche, polizia e sradicamento delle piante al Parco don Bosco.

Ancora tensione a Bologna al parco Don Bosco, dove abitanti e manifestanti protestano da mesi per evitare il taglio e l’abbattimento di oltre 70 alberi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Sardegna si contrappone alla speculazione eolica e fotovoltaica.

Il territorio sardo è ormai, purtroppo, conosciuto per i numerosi progetti e cantieri che lo costellano nell’ambito della produzione energetica, in particolare quella cosiddetta green, che proviene dal vento e dal sole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Comunicato del Movimento No Tav sulle parole del Capitano dei Carabinieri di Susa.

Sabato scorso si è tenuta a Susa una manifestazione No Tav. Manifestazione espressamente organizzata contro SITAF e TELT, sostenitrici entrambe di una grande opera ormai ampiamente corrosa (già prima di nascere) da un cancro chiamato mafia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Collassi localizzati, debito ecologico e politiche pubbliche

Le inondazioni nel Rio Grande do Sul, una delle zone più ricche e potenti del Brasile, hanno provocato 163 morti, più di 80 persone disperse e 640.000 persone costrette a lasciare le proprie case.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: manifestazione contro il progetto della A69

Ben 6.000 oppositori dell’A69 sfidano il divieto di manifestare e si uniscono nella rivolta contro i progetti autostradali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Tav: sabato 15 giugno manifestazione popolare contro Grandi Opere Inutili e mafie

Che le grandi opere siano terreno fertile per le mafie non è una sorpresa. L’enorme scritta che ormai da 15 anni compare sul fianco del Musinè “TAV= MAFIA”, ne è una testimonianza concreta.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Manifestazione di 2.000 persone contro il magazzino Greendock, tentativo di blocco della logistica e arresti.

Sabato, più di 2.000 persone hanno manifestato da Gennevilliers a L’Île-Saint-Denis per mostrare la loro opposizione a un gigantesco magazzino sulle rive della Senna e all’espansione senza fine dei magazzini logistici

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Perù volta le spalle agli accordi climatici. I soldi e le lobby vincono ancora

Il Congresso della Repubblica del Perù, con il consenso del Ministero dell’Energia e delle Miniere (Minem), ha abrogato la legge che fissava un termine per la rimozione dei minatori illegali dal REINFO, il registro ufficiale delle attività minerarie nazionali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Guardiani della terra maremmana per una transizione ecologica giusta

Cresce nella Maremma ed in Tuscia la resistenza dal basso all’espansione incontrollata di megaimpianti di energia eolica, nuova frontiera del “landgrabbing”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: voci, facce e comunità che dicono “no” all’attività mineraria del litio

“La rotta del litio: voci dell’acqua”, è il libro di Camila Parodi e Susi Maresca.