InfoAut
Immagine di copertina per il post

Megabacini: 300 km in bicicletta e trattore per rinnovare il dialogo

In uno “spirito di confronto”, un convoglio per un’equa condivisione dell’acqua parte da Sainte-Soline alla volta di Parigi. Obiettivo: aprire il dialogo e ottenere una moratoria sui megabacini.

Tradotto da Reporterre

Il “grande viaggio per l’acqua” è tutto esaurito. Venerdì 18 agosto, un convoglio di 500-1.000 biciclette, accompagnato da dieci-trenta trattori a seconda della tappa, è partito dai pressi di Sainte-Soline (Deux-Sèvres) per raggiungere Orléans e la sede dell’Agenzia dell’Acqua della Loira-Bretagna una settimana dopo, il 25 agosto, e poi Parigi il 26 e 27 agosto.

L’obiettivo di questo grande gruppo militante è quello di rilanciare la campagna contro l’accaparramento dell’acqua, partendo simbolicamente da Sainte-Soline, dove il 25 marzo scorso è stata violentemente repressa l’ultima manifestazione contro un megabacino, un vasto bacino di acqua pompata dalle falde acquifere o dai fiumi per l’irrigazione. Cinque mesi dopo questo evento traumatico per molti attivisti, il Convoi de l’eau busserà alle porte dell’Agence de l’eau con due richieste principali: che una delegazione sia ricevuta dal consiglio di amministrazione dell’Agence, l’organo decisionale sui finanziamenti pubblici per i progetti di bacino e, soprattutto, che sia decisa una moratoria su tutti i progetti di megabacini attuali o futuri, prima di qualsiasi altra discussione.

“Questo è il convoglio dell’ultima possibilità di ristabilire il dialogo”, afferma Julien Le Guet, portavoce del collettivo Bassines non merci, che sta co-organizzando la manifestazione con la Confédération paysanne e Soulèvements de la Terre, tra gli altri. “Siamo in uno spirito di confronto. Questo convoglio sarà un evento festoso e adatto alle famiglie”, afferma Laurence Marandola, portavoce della Confédération paysanne. Ma se i progetti dei megabacini dovessero proseguire sulla base degli attuali protocolli, si tratterebbe di una negazione del dialogo. Vogliamo una vera politica dell’acqua, costruita con i cittadini e basata su studi rigorosi, che già esistono”.

Julien Le Guet, portavoce del collettivo Bassines Non Merci, a Lusignan (Vienne) il 24 marzo 2023. © Jean-Francois Fort / Hans Lucas / Hans Lucas via AFP

Moltitudine di lotte locali

Sfruttando l’interesse mediatico suscitato dalla lotta contro i megabacini, il Convoi de l’eau mira anche a mettere in luce la moltitudine di lotte locali e le molte altre sfaccettature della questione della condivisione dell’acqua. Il corteo di biciclette e trattori sarà accolto a ogni tappa da un collettivo locale, con conferenze stampa, proiezioni di documentari, dibattiti e visite ai siti dei progetti contestati.

Il 20 agosto, a Coussay-les-Bois (Vienne), l’attenzione si concentrerà sull’opposizione all’allevamento agroindustriale di 1.200 buoi attualmente in costruzione, accusato di danneggiare le zone umide e le falde acquifere. Il 22 agosto, a Tours, si terranno discorsi sull’inquinamento della Loira e una manifestazione a sostegno degli attivisti di Dernière rénovation, sotto processo quel giorno presso la pretura della città per aver spruzzato vernice arancione sulla facciata della prefettura. Il giorno seguente, il corteo sarà accolto dagli attivisti di Extinction Rebellion Blois e invitato a riflettere sull’impatto della vicina centrale nucleare di Saint-Laurent-des-Eaux sul fiume.

Tutte le tappe e i dettagli pratici sono disponibili sul sito web di Bassines non merci. Se il convoglio è al completo – non ci sono più posti per bivaccare o partecipare ai pasti distribuiti dalle mense militanti – gli abitanti delle terre attraversate saranno invitati a unirsi alle manifestazioni in ciascuna delle tappe.

Una forza trainante

Con questo evento, gli attivisti vogliono dimostrare che le soluzioni sono a portata di mano. È una via d’uscita da un’impasse e da un modello che attualmente si sta dirigendo verso il disastro. “Le nostre falde acquifere sono state devastate, con livelli inferiori alla norma per tutto l’inverno”, afferma Anne-Morwenn Pastier, idrologa e una delle organizzatrici del convoglio. “L’agricoltura intensiva sta aggravando la carenza d’acqua e inquinando quella che rimane. Nel dipartimento di Vienne, a giugno abbiamo rischiato di dover attivare il piano Orsec a causa dell’inquinamento delle falde acquifere da parte di un pesticida, il che ha comportato la distribuzione di migliaia di bottiglie di acqua potabile alla popolazione locale”.

“Di fronte a questo modello, abbiamo un numero enorme di soluzioni alternative da offrire”, afferma Gaëlle, un’agricoltrice che accoglierà i ciclisti nella fattoria Belêtre a Dolus-le-Sec. Questa cooperativa di agricoltori sarà l’occasione per dimostrare che è possibile coltivare in modo virtuoso per l’ambiente, garantendo allo stesso tempo un reddito dignitoso agli agricoltori e un cibo accessibile a tutti, grazie alla sperimentazione locale della Sicurezza sociale per il cibo.

Sul piano istituzionale, il Convoi chiede anche una vera democratizzazione della gestione dell’acqua. “Chiediamo solo il rispetto della legge, che prevede che l’acqua potabile e le esigenze dell’ambiente abbiano la priorità sull’uso economico dell’acqua. Monopolizzando l’acqua per usi agroindustriali, questi megabacini vengono costruiti al contrario”, afferma Julien Le Guet. La pressione sull’Agenzia dell’acqua non è casuale. “Sono nate dalla volontà di democratizzare e decentralizzare la gestione dell’acqua, ma l’influenza dello Stato e della FNSEA [1] è diventata gradualmente schiacciante”, continua il portavoce di Bassines non merci.

Per una gestione democratica e scientifica dell’acqua

Per “togliere le agenzie idriche dalle mani delle lobby“, i manifestanti intendono anche far sentire la voce della scienza. Il futuro peggioramento del cambiamento climatico e i suoi effetti sul ciclo dell’acqua minacciano di rendere il prelievo massiccio di acqua per l’irrigazione ancora più dannoso per l’ambiente. Ma potrebbe anche rendere obsoleta la strategia di stoccaggio invernale in questi bacini per mancanza di acqua disponibile, portando a un “disadattamento” da cui molti scienziati stanno mettendo in guardia.

Questa è anche la conclusione di uno studio noto come HMUC (idrologia, ambienti, usi, clima), che ha esaminato una trentina di progetti di megabacini previsti nel bacino di Clain, nei dintorni di Poitiers. Lo studio sottolinea che diversi bacini verrebbero riempiti a scapito dell’ambiente e che altri non potrebbero nemmeno essere riempiti, dato il previsto calo delle risorse idriche. Il prefetto, che si era impegnato a tenere conto dei risultati prima di avviare la costruzione dei bacini, ha infine deciso di negare le conclusioni.

A fronte di questi numerosi pregiudizi e obiezioni, il Comitato di bacino Loira-Bretagna, il “parlamento locale dell’acqua”, ha votato a luglio una mozione che chiede di rivedere il protocollo d’intesa del 2018 relativo a sedici megabacini, tra cui il bacino di Sainte-Soline. Ha chiesto di tenere maggiormente conto degli effetti del cambiamento climatico e ha proposto che ogni progetto di megabacino sia accompagnato da impegni a favore della transizione verso l’agro-ecologia, “con l’obbligo di ottenere risultati”.

Tuttavia, il suo parere è solo consultivo. Gli attivisti sono ora in attesa di una decisione da parte dell’Agenzia francese dell’acqua, che fornisce il 70% dei finanziamenti per questi progetti. “La mozione della commissione è un primo segno che il dialogo è possibile. Ora aspettiamo di conoscere la decisione del consiglio di amministrazione dell’Agenzia dell’acqua, e in particolare della sua presidente, che è anche il prefetto”, sottolinea Julien Le Guet.

In altre parole, dopo il prefetto, la decisione finale spetterà al governo. Qualunque sia l’esito dell’Agence de l’Eau a Orléans il 25 agosto, gli attivisti hanno programmato di riunirsi a Parigi per due giorni il giorno successivo, per un evento “a sorpresa” e per fare appello ai rappresentanti eletti su questo tema altamente politico della condivisione dell’acqua.

Note

[1] Fédération nationale des syndicats d’exploitants agricoles. È il principale sindacato agricolo e promuove i megabacini.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

acquaBacini idriciCRISI CLIMATICAFranciasoulèvements de la terre

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Lacrimogeni e cannoni ad acqua: la rabbia degli agricoltori si riversa sulle strade di Bruxelles

A Bruxelles, un migliaio di trattori ha bloccato il quartiere europeo a margine di una riunione dei ministri dell’Agricoltura dell’UE-27. Gli agricoltori hanno difeso un reddito equo, la fine del libero scambio e, in alcuni casi, le norme ambientali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Landgrabbing: parte la mobilitazione dal basso contro il megaprogetto eolico di Sorgenia a Pitigliano

Contro la speculazione spacciata per transizione ecologica, cresce la mobilitazione dal basso nel territorio in Maremma e  Tuscia contro l’espansione incontrollata di megaimpianti di energia eolica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Cortina: primi larici abbattuti per fare spazio alla pista da bob

Mercoledì, a Cortina, è iniziato l’abbattimento dei larici per lasciare spazio alla nuova pista da bob per le olimpiadi Milano Cortina 2026.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Megaprofitti e sfruttamento degli agricoltori: occupazione della sede di Lactalis

“Lactalis, restituisci i soldi”: invasa l’azienda che strangola gli agricoltori mentre il suo amministratore delegato è multimiliardario

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il boomerang della transizione energetica mette l’Europa in panne

Una politica climatica temeraria, incurante delle contraddizioni reali derivanti dai cambiamenti occorsi sulla scena mondiale, ha finito per scontentare sia la classe imprenditoriale che i ceti sociali più esposti alle conseguenze della transizione energetica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raúl Zibechi: sempre più vicini al collasso

La notizia del drastico calo del traffico nel Canale di Panama e in quello di Suez, provocati rispettivamente dal cambiamento climatico e dalla guerra, non è sotto i riflettori mediatici.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messina: l’inganno del ponte

Mark Twain ha detto un giorno che «è molto più facile ingannare la gente, che convincerla che è stata ingannata».

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Nebbia e inquinamento in Pianura Padana. Incidenti a catena sull’A1, polveri sottili costantemente sopra i limiti

La stessa pianura padana che in queste settimane si trova in cima alle classifiche mondiali per inquinamento da polveri sottili: il mese scorso la qualità dell’aria ha superato la soglia critica delle concentrazioni di PM10

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

G7? Gsim! La Puglia dei movimenti per la giustizia climatica inizia a prepararsi al G7

A giugno si terrà in Italia il G7, l’incontro periodico di Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito, Stati Uniti a cui solitamente si aggiunge anche l’Unione europea.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Amore tossico” azioni di Extinction Rebellion alla cassa depositi e prestiti e alla Regione Lombardia.

Extinction Rebellion occupa l’ingresso di Cassa Depositi e Prestiti a Torino e del palazzo della Regione Lombardia a Milano. Nel giorno di S. Valentino viene denunciata l’ipocrisia del Governo e delle Regioni su crisi climatica e distruzione degli ecosistemi, “un amore dichiarato ma mai veramente vissuto”.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Digitalizzazione o giusta transizione?

Sfinimento delle capacità di riproduzione sociale, economia al collasso e aumento del degrado ecologico: di fronte a queste sfide per il settore agricolo non basta il capitalismo verde

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Agricoltori calabresi in rivolta, un’analisi

Ancora sulle proteste degli agricoltori, pubblichiamo questa interessante analisi sulle mobilitazioni in Calabria apparse originariamente su Addùnati il 24 gennaio.