InfoAut
Immagine di copertina per il post

The Gangster Socialists of the Red State Beaches – La crisi climatica in riva al mare

Le Assicurazioni possono fare schifo, ma non mentono.

Traduciamo questo interessante articolo di In These Times a firma Hamilton Nolan sugli effetti dei cambiamenti climatici nel mercato immobiliare degli stati costieri repubblicani USA. Una vicenda che riporta alla mente le lamentazioni di Briatore e Santanchè dopo la distruzione del Twiga di quest’estate. Buona lettura!

Dite quello che volete sul settore assicurativo – dannate sanguisughe che aumentano costantemente i vostri debiti – ma dovete ammettere che capiscono quando c’è un rischio. È, fondamentalmente, un’attività semplice: stimare con grande precisione quanto è probabile che si paghi in reclami, e quindi addebitare ai clienti più di quello, in modo da realizzare un profitto. Il successo delle compagnie assicurative è strettamente legato alla loro capacità di analizzare il mondo reale con precisione. Alcune aziende, come la pubblicità, possono giocare sulle illusioni, ma nelle assicurazioni, questo genere di cose è veleno.

Quindi si pone un problema per una certa varietà di fondamentalisti di destra del libero mercato quando l’industria assicurativa inizia a inviare segnali che il cambiamento climatico è molto, molto reale – così reale che dovrebbe già stravolgere il nostro modo di vivere.

In Louisiana, dove le compagnie di assicurazione private sono fuggite o sono diventate insolventi con una crescente frequenza dopo la recente serie di uragani, i tassi per l’assicurazione dei proprietari di case sponsorizzata dallo stato di ultima istanza stanno per aumentare del 63% in un solo anno. La Florida sta affrontando gli stessi problemi ambientali e l’esodo delle compagnie assicurative con una quantità ancora maggiore di valore immobiliare a rischio. Lì, i tassi di assicurazione sulla casa sono raddoppiati in cinque anni, la compagnia assicurativa statale probabilmente non ha abbastanza soldi per coprire i costi di un vero disastro provocato da un uragano, e la maggior parte delle persone a rischio di inondazioni non ha nemmeno un’assicurazione contro le inondazioni perché è molto costosa. Anche se i funzionari eletti repubblicani della Florida pubblicizzano lo stato come un rifugio per i rifugiati politici dai climi rigidi e “woke” del nord, non hanno alcun piano per affrontare il fatto che il cambiamento climatico sta rendendo la matematica dello sviluppo costiero più insostenibile ogni anno.

Se si credesse veramente nel potere del libero mercato di plasmare e guidare le decisioni della società in modo intelligente, si dovrebbe ammettere che è ora di smettere di costruire case sulla spiaggia e iniziare invece a pianificare di allontanare le persone dalle coste. Man mano che il rischio di tempeste e inondazioni aumenta con il riscaldamento dei mari, anche il prezzo per assicurare le case aumenterà naturalmente – ad un certo punto, i costi diventeranno così punitivi che tutti, tranne i molto ricchi, dovranno allontanarsi da queste aree rischiose (ma soleggiate!). Questo sarebbe il capitalismo puro, nella sua infinita saggezza senza volto, all’opera: usare i segnali di prezzo per incanalare l’umanità e tutta la sua ricchezza nella direzione più razionalmente produttiva. Vale a dire, non nel luogo in cui la tua McMansion verrà inondata di acqua di mare ogni pochi anni.

Non è quello che sta succedendo. L’amore repubblicano per il libero mercato si estende solo fino al momento in cui inizia a disturbare i belli, bellissimi diportisti, a quel punto diventano tutti un gruppo di socialisti furiosi. Naturalmente, sappiamo tutti che il capitalismo “non tagliato” è una bestia senza cuore – ecco perché abbiamo norme ambientali e di sicurezza, strade pubbliche e scuole e vigili del fuoco per cui tutti paghiamo. I fallimenti del libero mercato sono abbastanza grandi da comprendere una distopia. E il cambiamento climatico – l’ultima esternalità, un caso globale di profitti petroliferi privatizzati che alimentano danni pubblici – è sia il più grande fallimento del mercato tra tutti, sia quello che i repubblicani non vogliono affrontare.

Tutto lo slancio politico in questi Red State costieri è orientato a trovare un modo per ridurre artificialmente l’impennata dei costi assicurativi. Le ragioni politiche di base sono semplici: i proprietari di case votano, e a loro piace dove vivono, e non vogliono pagare tutti quei soldi. Ma c’è poca discussione sul fatto che abbassare artificialmente il costo dell’assicurazione per i residenti costieri in pericolo crea semplicemente un incentivo finanziario per fingere che un problema reale non lo sia. Non è un piano. È un tentativo di aggrapparsi a uno stile di vita da sogno americano il cui tempo è scaduto in un mondo che si riscalda. I Red States minacciati dagli uragani si comportano come guidatori ubriachi che indossano la cintura di sicurezza, ma continuano a guidare ubriachi. Il più grande progetto di ingegneria costiera del paese è uno sforzo di controllo delle inondazioni in Texas destinato a proteggere l’industria petrolifera – cioè la cosa stessa che causa il problema di fondo.

Il futuro delle comunità costiere è un problema ingegneristico, un problema climatico e un problema culturale – una difficile e intricata battaglia di valori e storia, scienza ed economia. Richiederà discussioni dure e oneste le cui risoluzioni non saranno facili, non importa quali siano. Nella misura in cui i leader politici nazionali non sono disposti nemmeno a riconoscere la necessità di avere un dibattito, stanno fallendo. “Come possiamo aiutare i poveri che vivono in questi stati a far fronte ai cambiamenti climatici?” è una discussione molto diversa da “Come possiamo dare un calcio al barattolo per la strada per il costo di questi problemi in modo che gli immobiliaristi, gli interessi commerciali e i politici amici possano massimizzare le entrate prima che l’intera faccenda crolli?”

La fantasia che i costi assicurativi stessi siano il problema – piuttosto che un indicatore del problema reale e sottostante – creerà alcuni risultati molto negativi. Possiamo dire con sicurezza al 100% che è solo una questione di tempo prima che un uragano davvero terribile colpisca il sud della Florida e mandi in bancarotta le misere riserve assicurative fittizie di quello stato. Gli stati costieri cercheranno sempre più salvataggi federali in caso di calamità. La portata di questi salvataggi sarà esacerbata dal fatto che quegli stati non stanno facendo il duro lavoro di dissuadere le persone dal vivere sulle coste. Anzi, sono impegnati a fare il contrario. Continuate a costruire e pregate! La fede al di sopra della ragione!

Penso spesso al sistema economico di base americano come al capitalismo dei gangster – un sistema in cui interessi ricchi e potenti estorcono a tutti gli altri. Il cambiamento climatico mi ha anche aperto gli occhi su un corollario di questo aspetto, abbracciato dalle stesse persone, che possiamo chiamare socialismo gangster.

I socialisti simpatici, ragionevoli (e attuali) cercano di usare le risorse dello stato per compensare i difetti del capitalismo o sostituire del tutto il sistema. Vogliono la sanità pubblica, i trasporti pubblici e le scuole pubbliche e uno sforzo generale per proteggere l’umanità dalle predazioni e dai fallimenti delle grandi imprese.

Quello a cui stiamo assistendo negli stati rossi ora è un desiderio altrettanto fervente di una versione del socialismo, ma che protegga i proprietari di grandi case sulla spiaggia dal dover fare i conti con le maree crescenti. Gli stati che non hanno abbastanza insegnanti scolastici sono determinati a sovvenzionare il diritto dei milionari di Palm Beach di avere modeste spese assicurative. Il governatore della Florida Ron DeSantis e le sue controparti corteggeranno lo sviluppo nelle zone alluvionali, banchetteranno con le entrate fiscali e poi, quando arriverà il conto per la grande tempesta, chiederanno all’intera nazione di rimborsarli per questo. Dopo di che terranno discorsi sulla libertà e su come i dannati socialisti stanno rovinando il paese. Come sempre in America, il piano è che i ricchi usino le loro risorse per avvolgersi nella protezione e attaccare il resto di noi con i costi.

Le Assicurazioni possono fare schifo, ma non mentono. Tenete d’occhio le persone che sono salite al potere propagandando il libero mercato, e stanno piangendo per questo ora. Ai gangster non importa davvero se sono capitalisti o socialisti – sono qui per derubarti in entrambi i casi.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

CAMBIAMENTO CLIMATICOCRISI CLIMATICAFloridaNEGAZIONISMO CLIMATICOrepubblicani

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il ghiacciaio del Gran Paradiso sta sparendo. Persi oltre 200 metri nell’ultimo anno

Il ghiacciaio si è ritirato di 209,5 metri rispetto al 2021, secondo le rilevazioni effettuate dal Corpo di sorveglianza del Parco.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ecosistema Val D’Orcia: tre ricorsi al Tar contro la centrale Cascinelle in Val Paglia

Il progetto prevederebbe, se realizzato, la collocazione in Val di Paglia, sulla via Francigena nelle località Voltole e Voltolino di una Centrale geotermica a ciclo binario e reimmissione forzata dei fluidi a grandi profondità nei terreni a fianco del fiume Paglia, sulla buffer zone dell’Area UNESCO Val d’Orcia

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La COP 27 dalle mille e una contraddizioni

Il messaggio principale di questa Cop è che non c’è giustizia climatica senza giustizia sociale.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Neocolonialismo nell’Amazzonia brasiliana: il caso del colonialismo del carbonio a Portel

Un nuovo studio illustra il caso di un’iniziativa nel comune di Portel, nello stato del Pará, nell’Amazzonia brasiliana, che indica quello che può essere definito “colonialismo del carbonio”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Guerra e risorse energetiche. Perché l’Italia non ha bisogno di nuove infrastrutture nel settore del gas

Nei primi 6 mesi di quest’anno, secondo le stime del Ministero della Transizione ecologica – Dipartimento Energia – DGIS, l’Italia ha esportato più di un miliardo e ottocento milioni di metri cubi di metano; si tratta di un record assoluto…

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Torino: come continua la lotta EsseNon

Il comitato EsseNon, nato per difendere una delle poche aree verdi presenti nella zona e contestare l’ennesima svendita di terreni alla grande distribuzione, non si è fermato, ma continua nel suo percorso.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

TAP: interdetta la pesca, l’ancoraggio e le immersioni presso la spiagga di San Foca

La Capitaneria di Porto ha emesso un’ordinanza in cui viene interdetta la spiaggia di San Foca. Ecco un altro esempio di come impatta sui territori l’intreccio tra devastazione ambientale e guerra.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il peso degli eserciti e delle spese militari sull’aggravarsi della crisi climatica

Il comparto militare è tra i principali responsabili a livello globale delle emissioni climalteranti ma non sta facendo nulla per ridurre il proprio impatto.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Contro il capitalismo del disastro

«La decrescita nella sfera materiale dell’economia è un dato. Il declino di energie e materiali, o la diminuzione delle raccolte che vengono colpite dal cambiamento climatico o i problemi dell’acqua sono fatti. Né il modello alimentare attuale, né quello dei trasporti, né quello energetico, né il consumo potranno essere sostenuti in un contesto di contrazione materiale. Subire contrazione materiale nell’ordine economico e politico attuale, senza trasformare i rapporti che esistono al suo interno, vuol dire mettere la politica nella zattera della Medusa, dove le uniche possibilità sono uccidere o morire.»

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il parco delle teste di cuoio. Reparti speciali a Coltano (Pisa)

Pisa si candida a divenire una delle capitali internazionali delle Teste di cuoio per la conduzione delle guerre sporche del XXI secolo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: scommessa vinta per il movimento No Bassines: più di 7000 invadono il sito di Sainte-Soline!

A Sainte-Soline, nelle paludi di Poitevin, più di 7000 oppositori ai mega-bacini si sono riuniti sabato scorso prima di riuscire a entrare nel cantiere del più grande bacino in costruzione, nonostante i pesanti divieti e una presenza di polizia senza precedenti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Manifestazione di XR Torino: purtroppo momenti di sproporzionato uso della forza da parte delle forze dell’ordine

“Abbiamo deciso di bloccare l’ingresso del Consiglio Regionale del Piemonte, perché non è più possibile accettare che un governo regionale possa portare avanti politiche drammaticamente distanti da quello che la comunità scientifica chiede da anni, raccontandosi invece come il governo attento al lavoro e all’economia regionale”

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il clima come arma

Qual è il nesso, davvero, tra cambiamenti climatici e sicurezza?

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Climate Strike a Torino: basta stragi di corpi e territori

Difendiamo il nostro futuro: Torino, ieri mattina, ha letto questa frase sullo striscione che apriva il corteo del Global Strike, dove migliaia di giovani – ma non solo – hanno occupato le vie della città per protestare contro un sistema che sempre più ci è avverso. Da piazza Statuto a piazza Vittorio, passando per corso […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sciopero globale per il clima : ora o mai più!

Il 23 settembre in tutte le città del mondo si terrà lo sciopero per la giustizia climatica e sociale. In Italia, in un momento in cui la priorità dei partiti è la campagna elettorale risuona ancora più forte la centralità delle rivendicazioni che i giovani e le giovani da anni portano in piazza. Siccità, scarsità […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Con i piedi nel fango – Un’intervista sull’alluvione nelle Marche

Abbiamo intervistato Nicola dello Spazio Autogestito Arvultura sull’alluvione che ha colpito Senigallia ed i suoi dintorni. Il disastro è già passato nelle seconde pagine dei giornali travolto da questa assurda campagna elettorale, ma la scia di morte, devastazione e danni che ha lasciato presenta delle responsabilità precise che vanno comprese. Un intero territorio rischia di […]