InfoAut
Immagine di copertina per il post

The Gangster Socialists of the Red State Beaches – La crisi climatica in riva al mare

Le Assicurazioni possono fare schifo, ma non mentono.

Traduciamo questo interessante articolo di In These Times a firma Hamilton Nolan sugli effetti dei cambiamenti climatici nel mercato immobiliare degli stati costieri repubblicani USA. Una vicenda che riporta alla mente le lamentazioni di Briatore e Santanchè dopo la distruzione del Twiga di quest’estate. Buona lettura!

Dite quello che volete sul settore assicurativo – dannate sanguisughe che aumentano costantemente i vostri debiti – ma dovete ammettere che capiscono quando c’è un rischio. È, fondamentalmente, un’attività semplice: stimare con grande precisione quanto è probabile che si paghi in reclami, e quindi addebitare ai clienti più di quello, in modo da realizzare un profitto. Il successo delle compagnie assicurative è strettamente legato alla loro capacità di analizzare il mondo reale con precisione. Alcune aziende, come la pubblicità, possono giocare sulle illusioni, ma nelle assicurazioni, questo genere di cose è veleno.

Quindi si pone un problema per una certa varietà di fondamentalisti di destra del libero mercato quando l’industria assicurativa inizia a inviare segnali che il cambiamento climatico è molto, molto reale – così reale che dovrebbe già stravolgere il nostro modo di vivere.

In Louisiana, dove le compagnie di assicurazione private sono fuggite o sono diventate insolventi con una crescente frequenza dopo la recente serie di uragani, i tassi per l’assicurazione dei proprietari di case sponsorizzata dallo stato di ultima istanza stanno per aumentare del 63% in un solo anno. La Florida sta affrontando gli stessi problemi ambientali e l’esodo delle compagnie assicurative con una quantità ancora maggiore di valore immobiliare a rischio. Lì, i tassi di assicurazione sulla casa sono raddoppiati in cinque anni, la compagnia assicurativa statale probabilmente non ha abbastanza soldi per coprire i costi di un vero disastro provocato da un uragano, e la maggior parte delle persone a rischio di inondazioni non ha nemmeno un’assicurazione contro le inondazioni perché è molto costosa. Anche se i funzionari eletti repubblicani della Florida pubblicizzano lo stato come un rifugio per i rifugiati politici dai climi rigidi e “woke” del nord, non hanno alcun piano per affrontare il fatto che il cambiamento climatico sta rendendo la matematica dello sviluppo costiero più insostenibile ogni anno.

Se si credesse veramente nel potere del libero mercato di plasmare e guidare le decisioni della società in modo intelligente, si dovrebbe ammettere che è ora di smettere di costruire case sulla spiaggia e iniziare invece a pianificare di allontanare le persone dalle coste. Man mano che il rischio di tempeste e inondazioni aumenta con il riscaldamento dei mari, anche il prezzo per assicurare le case aumenterà naturalmente – ad un certo punto, i costi diventeranno così punitivi che tutti, tranne i molto ricchi, dovranno allontanarsi da queste aree rischiose (ma soleggiate!). Questo sarebbe il capitalismo puro, nella sua infinita saggezza senza volto, all’opera: usare i segnali di prezzo per incanalare l’umanità e tutta la sua ricchezza nella direzione più razionalmente produttiva. Vale a dire, non nel luogo in cui la tua McMansion verrà inondata di acqua di mare ogni pochi anni.

Non è quello che sta succedendo. L’amore repubblicano per il libero mercato si estende solo fino al momento in cui inizia a disturbare i belli, bellissimi diportisti, a quel punto diventano tutti un gruppo di socialisti furiosi. Naturalmente, sappiamo tutti che il capitalismo “non tagliato” è una bestia senza cuore – ecco perché abbiamo norme ambientali e di sicurezza, strade pubbliche e scuole e vigili del fuoco per cui tutti paghiamo. I fallimenti del libero mercato sono abbastanza grandi da comprendere una distopia. E il cambiamento climatico – l’ultima esternalità, un caso globale di profitti petroliferi privatizzati che alimentano danni pubblici – è sia il più grande fallimento del mercato tra tutti, sia quello che i repubblicani non vogliono affrontare.

Tutto lo slancio politico in questi Red State costieri è orientato a trovare un modo per ridurre artificialmente l’impennata dei costi assicurativi. Le ragioni politiche di base sono semplici: i proprietari di case votano, e a loro piace dove vivono, e non vogliono pagare tutti quei soldi. Ma c’è poca discussione sul fatto che abbassare artificialmente il costo dell’assicurazione per i residenti costieri in pericolo crea semplicemente un incentivo finanziario per fingere che un problema reale non lo sia. Non è un piano. È un tentativo di aggrapparsi a uno stile di vita da sogno americano il cui tempo è scaduto in un mondo che si riscalda. I Red States minacciati dagli uragani si comportano come guidatori ubriachi che indossano la cintura di sicurezza, ma continuano a guidare ubriachi. Il più grande progetto di ingegneria costiera del paese è uno sforzo di controllo delle inondazioni in Texas destinato a proteggere l’industria petrolifera – cioè la cosa stessa che causa il problema di fondo.

Il futuro delle comunità costiere è un problema ingegneristico, un problema climatico e un problema culturale – una difficile e intricata battaglia di valori e storia, scienza ed economia. Richiederà discussioni dure e oneste le cui risoluzioni non saranno facili, non importa quali siano. Nella misura in cui i leader politici nazionali non sono disposti nemmeno a riconoscere la necessità di avere un dibattito, stanno fallendo. “Come possiamo aiutare i poveri che vivono in questi stati a far fronte ai cambiamenti climatici?” è una discussione molto diversa da “Come possiamo dare un calcio al barattolo per la strada per il costo di questi problemi in modo che gli immobiliaristi, gli interessi commerciali e i politici amici possano massimizzare le entrate prima che l’intera faccenda crolli?”

La fantasia che i costi assicurativi stessi siano il problema – piuttosto che un indicatore del problema reale e sottostante – creerà alcuni risultati molto negativi. Possiamo dire con sicurezza al 100% che è solo una questione di tempo prima che un uragano davvero terribile colpisca il sud della Florida e mandi in bancarotta le misere riserve assicurative fittizie di quello stato. Gli stati costieri cercheranno sempre più salvataggi federali in caso di calamità. La portata di questi salvataggi sarà esacerbata dal fatto che quegli stati non stanno facendo il duro lavoro di dissuadere le persone dal vivere sulle coste. Anzi, sono impegnati a fare il contrario. Continuate a costruire e pregate! La fede al di sopra della ragione!

Penso spesso al sistema economico di base americano come al capitalismo dei gangster – un sistema in cui interessi ricchi e potenti estorcono a tutti gli altri. Il cambiamento climatico mi ha anche aperto gli occhi su un corollario di questo aspetto, abbracciato dalle stesse persone, che possiamo chiamare socialismo gangster.

I socialisti simpatici, ragionevoli (e attuali) cercano di usare le risorse dello stato per compensare i difetti del capitalismo o sostituire del tutto il sistema. Vogliono la sanità pubblica, i trasporti pubblici e le scuole pubbliche e uno sforzo generale per proteggere l’umanità dalle predazioni e dai fallimenti delle grandi imprese.

Quello a cui stiamo assistendo negli stati rossi ora è un desiderio altrettanto fervente di una versione del socialismo, ma che protegga i proprietari di grandi case sulla spiaggia dal dover fare i conti con le maree crescenti. Gli stati che non hanno abbastanza insegnanti scolastici sono determinati a sovvenzionare il diritto dei milionari di Palm Beach di avere modeste spese assicurative. Il governatore della Florida Ron DeSantis e le sue controparti corteggeranno lo sviluppo nelle zone alluvionali, banchetteranno con le entrate fiscali e poi, quando arriverà il conto per la grande tempesta, chiederanno all’intera nazione di rimborsarli per questo. Dopo di che terranno discorsi sulla libertà e su come i dannati socialisti stanno rovinando il paese. Come sempre in America, il piano è che i ricchi usino le loro risorse per avvolgersi nella protezione e attaccare il resto di noi con i costi.

Le Assicurazioni possono fare schifo, ma non mentono. Tenete d’occhio le persone che sono salite al potere propagandando il libero mercato, e stanno piangendo per questo ora. Ai gangster non importa davvero se sono capitalisti o socialisti – sono qui per derubarti in entrambi i casi.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

CAMBIAMENTO CLIMATICOCRISI CLIMATICAFloridaNEGAZIONISMO CLIMATICOrepubblicani

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messico: due contadini morti e centinaia di feriti per la repressione sui difensori dell’acqua nel Veracruz.

Città del Messico / Almeno due contadini sono stati assassinati e centinaia di persone colpite dai poliziotti del Veracruz durante un’operazione per sgombrare il picchetto indefinito che il Movimento in Difesa dell’Acqua..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Tav segna il campo anche nella Francia in campagna elettorale.

Nel contesto di crisi di governo in Francia, dopo le dimissioni di Macron e lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale che ha portato a chiamare nuove elezioni, il tema del tav si pone ancora una volta come campo di battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: ancora cariche, polizia e sradicamento delle piante al Parco don Bosco.

Ancora tensione a Bologna al parco Don Bosco, dove abitanti e manifestanti protestano da mesi per evitare il taglio e l’abbattimento di oltre 70 alberi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Sardegna si contrappone alla speculazione eolica e fotovoltaica.

Il territorio sardo è ormai, purtroppo, conosciuto per i numerosi progetti e cantieri che lo costellano nell’ambito della produzione energetica, in particolare quella cosiddetta green, che proviene dal vento e dal sole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Comunicato del Movimento No Tav sulle parole del Capitano dei Carabinieri di Susa.

Sabato scorso si è tenuta a Susa una manifestazione No Tav. Manifestazione espressamente organizzata contro SITAF e TELT, sostenitrici entrambe di una grande opera ormai ampiamente corrosa (già prima di nascere) da un cancro chiamato mafia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Collassi localizzati, debito ecologico e politiche pubbliche

Le inondazioni nel Rio Grande do Sul, una delle zone più ricche e potenti del Brasile, hanno provocato 163 morti, più di 80 persone disperse e 640.000 persone costrette a lasciare le proprie case.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: manifestazione contro il progetto della A69

Ben 6.000 oppositori dell’A69 sfidano il divieto di manifestare e si uniscono nella rivolta contro i progetti autostradali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Tav: sabato 15 giugno manifestazione popolare contro Grandi Opere Inutili e mafie

Che le grandi opere siano terreno fertile per le mafie non è una sorpresa. L’enorme scritta che ormai da 15 anni compare sul fianco del Musinè “TAV= MAFIA”, ne è una testimonianza concreta.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Manifestazione di 2.000 persone contro il magazzino Greendock, tentativo di blocco della logistica e arresti.

Sabato, più di 2.000 persone hanno manifestato da Gennevilliers a L’Île-Saint-Denis per mostrare la loro opposizione a un gigantesco magazzino sulle rive della Senna e all’espansione senza fine dei magazzini logistici

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Emilia Romagna: a un anno esatto dalla prima devastante alluvione, qual è la situazione dei territori colpiti?

Furono giorni drammatici, convulsi, in cui non mancò tuttavia uno slancio solidale esteso e diffuso, con ben pochi precedenti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sulmona: attivisti No Snam invadono il cantiere della centrale

“Abbiamo compiuto una azione di obbedienza civile  per denunciare le illegalità in atto. Chi di dovere agisca”.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Andare oltre l’inferno planetario – di Gennaro Avallone

“Non è l’Uomo, ma è il Capitale il responsabile dell’inferno planetario”