InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina. Chiusura della campagna elettorale di Milei: ultimo spettacolo del “loco” con la motosega

Il deputato di estrema destra ha dedicato il suo sermone alle “forze del cielo”: la proprietà privata e il Dio mercato.

Di Nicolás G. Recoaro*, da Resumen Latinoamericano

foto: Edgardo Gómez

L’ultradestra si scalda a Chacarita in vista delle elezioni di domenica. Aumenta la temperatura all’angolo tra Corrientes e Dorrego. Le forze del cielo sventolano le bandiere giallastre di Gadsden, icona del libertarismo e della schiavitù: lo sapranno?

Non mancano le bandiere di Israele e del candidato vestito da leone. Vicino ci sono i militanti del deputato di destra, economista dei media e aspirante presidente Javier Milei. L’estrema destra chiude la campagna elettorale nella Movistar Arena. Sono attese 15.000 persone. La casta libertaria attende con ansia l’ultimo spettacolo del maniaco della motosega e i gruppi della corporazione gastronomica danno il tocco popolare.

La notte dei morti viventi. I militanti indossano spille con eroi giurassici e contemporanei: Jair Bolsonaro, Julio Argentino Roca, Juan Bautista Alberdi e il repubblicano bianco Donald Trump. Anche con frasi come “Schiaccia la cultura marxista” o “Milei o la via d’uscita è Ezeiza”.

In omaggio a Carlos Menem, il Mileimóvil riposa sul Parque Los Andes, insieme ad altri autobus che hanno portato i sostenitori liberali all’evento.

C’è una fiera liberale. I commercianti accettano pesos, dollari, bonifici, qualsiasi cosa arrivi. Libertà di mercato. Dollaro blu sopra i mille. Altri commercianti offrono magliette e quaderni con il volto del leader ultra facho. “Milanesas a un dollaro”, grida un ragazzo in verde. Svalutate.

La coda per entrare allo stadio è un serpente velenoso piumato. Striscia lungo Corrientes fino alla bocca del colosseo dove Milei terrà il suo sermone alle forze del cielo. Il liberale Padre Nostro: rispetto della vita, della proprietà privata e del Dio mercato. Amen.

Non c’è uno spillo nello stadio. “Welcome to the jungle”. Il classico dei Guns N’ Roses suona puntuale dagli altoparlanti. La scaletta comprende successi degli Stones, dei The Rapists – Pil Trafa si starà rivoltando nella tomba – e “Ku Klux Klan Took My Girl” dei Ramones. Anche una versione libertaria del pachanguero “Provocame” di Chayanne che fa inveire gli zombie.

In prima fila, abbracciato alla recinzione, Juan attende l’inizio dello spettacolo. Ha 30 anni, viene da Mar del Plata e si guadagna da vivere nel settore immobiliare. Vende case. Indossa un berretto con lo slogan “Las Fuerzas del Cielo”, che ha comprato per 3.000 pesos. “La casta ha paura. Noi veniamo per il nuovo. Lasciamo che il mercato vinca e ci liberiamo della legge sugli affitti”, si entusiasma.

Panico, follia, paura e disgusto a Villa Crespo. Lo stadio è in delirio. Chiede di ridurre lo Stato. Un ragazzo brandisce una motosega di cartone sul campo. Tutti uniti, scaldano la gola per accogliere i vertici de La Libertad Avanza. Una folla di festanti in trance, di celebrità di serie B, di negazionisti, di furfantelli liberali dalla barba fresca. Libertari, liberali tarlati, detrattori dello Stato e odiatori di vario genere alimentano il parnaso. Cantano il loro grido di battaglia, la loro parola feticcio, il loro mantra eleuteromaniaco: “Libertà, libertà, libertà!

Vergine a 70 anni nel pantano della militanza popolare, Doña Rosa sottolinea di essere arrivata all’agape “milesiana” di sua spontanea volontà. “Sono una pensionata, una cittadina comune che vuole meno Stato, libero possesso di armi, per comprare dollari, per smettere di alimentare la casta politica. Questo sistema deve cambiare, o rimarremo nel passato”. Rosa chiude, indossando una fascia #votaamilei e abbracciando Píparo, che canta una canzone degli anni Novanta di Vilma Palma, un successo degli anni di Menemato. Ritorno al passato. Lì vicino, l’ultra-liberale Bertie Benegas Lynch sfoggia il suo orologio di alta gamma e saluta alcuni lavoratori gastronomici di Barrionuevo provenienti dalla zona ovest. Un bagno di popolo.

“Penso che dovremmo iniziare quello che ha fatto (Julio Argentino) Roca, cioè sospendere le relazioni diplomatiche con il Vaticano finché lo spirito totalitario prevarrà nella testa del Vaticano”, ha gridato l’altro Benegas Lynch, Alberto, l’83enne cugino del leader rivoluzionario “Che” Guevara.

Alle nove e mezza, i candidati salgono. Ai margini del palco, sono sorvegliati da Karina Milei, “El Jefe”, responsabile dell’armamento politico e della campagna del fratello. Milei viene spinto sul palco dal campo. Suona uno shofar e scoppia il “Panic Show” di La Renga. Il leone scatena la sua furia sul palco. È sorvegliato dal suo vicepresidente, Villacruel. Milei fa la sua grazia. Le sue groupie si scatenano.

Alla fine del concerto, dagli altoparlanti esce “Se viene” di Bersuit. Carte, bandiere e palloncini. Un finale a tutta orchestra. Poi, i libertari lasciano in massa lo stadio. Un serpente a sonagli striscia lungo l’Avenida Corrientes, diretto alla Casa Rosada. Non fateli arrivare.

*Tiempo Argentino.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

argentinaestrema destralibertarianiMilei

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Festa di Radio Onda d’Urto – Il programma

Da mercoledì 7 a sabato 24 agosto 2024 in via Serenissima a Brescia 18 serate di concerti, dibattiti, djset, presentazioni di libri, enogastronomia, spazio per bambine-i…

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Fasciarsi la testa. Appunti sulle elezioni europee

Tutte e tutti a fasciarsi la testa, adesso. Però siamo ancora vivi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: la polizia ha effettuato varie perquisizioni ai locali e alle mense delle organizzazioni sociali

Lunedì mattina, agenti della Polizia Federale hanno perquisito i locali e le mense popolari del Polo Obrero, si sono recati anche nel domicilio di uno dei dirigenti del FOL e hanno effettuato una perquisizione del locale di questa organizzazione nel quartiere di Congreso.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Un’altra provocazione di Milei che annuncerà un indulto per i genocidi

Il presidente Javier Milei, su richiesta della sua vicepresidente Victoria Villarruel, ha deciso che il prossimo 24 marzo concederà un indulto a tutti i militari genocidi

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: voci, facce e comunità che dicono “no” all’attività mineraria del litio

“La rotta del litio: voci dell’acqua”, è il libro di Camila Parodi e Susi Maresca.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La legge omnibus è stata fatta cadere

Il regime di Javier Milei ha subito una sconfitta considerevole prima di terminare i due mesi di mandato. Il suo progetto più prezioso è tornato indietro al Congresso.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Terzo giorno di gas al peperoncino, proiettili di gomma e arresti

Una nuova repressione ha avuto luogo nelle vicinanze del Congresso dopo l’approvazione del progetto di Legge Omnibus.