InfoAut

Caro abbonato, risulta che stai partecipando agli scontri

Pubblichiamo di seguito l’articolo di Carola Frediani che analizza e cita alcuni casi eclatanti di controllo da parte dello stato sui telefonini, a volte inviando un sms come è avvenuto di recente. In Italia buona parte delle indagini contro i militanti dei movimenti (ma vale anche per altri “attenzionati” dalle polizie) nascono e si basano sull’uso di inntercettazioni telefoniche, dati gps, mail e intercettazioni ambientali. Se i casi sotto citati sono avvenuti tutti all’estero e alcuni hanno un sapore intimidatorio, in Italia è prassi anche senza avvertire via sms…

Kiev, se il governo reprime le proteste via sms

“Caro abbonato, risulta che stai partecipando a disordini di piazza”. È questo l’sms che l’altro ieri i dimostranti in strada a Kiev si sono visti recapitare sui loro telefonini. L’avviso, che suona senza dubbio come una minaccia pensata per avere un effetto deterrente (riassumibile nel concetto: “so dove sei, quello che stai facendo ed è meglio se smetti”), è stato inviato dal governo tramite i vari provider telefonici. Il messaggino statale di massa assume un’aspetto particolarmente sinistro alla luce delle recenti leggi liberticide firmate dal presidente Viktor Yanukovych, che prevedono pene molto severe, compreso il carcere, per chiunque partecipi a una manifestazione considerata violenta. Anche se il monito orwelliano non pare aver riscosso l’esito sperato – dopo la ricezione dell’avvertimento sono comunque continuate le proteste e gli scontri antigovernativi, con un bilancio di centinaia di feriti e almeno 3 morti – di sicuro costituisce un inquietante precedente. Tecnicamente non è stata un’operazione difficile. Le autorità hanno individuato chi stava nei luoghi delle manifestazioni richiedendo agli operatori le informazioni su tutti i cellulari in contatto con le stazioni base in zona. Come nota Kevin Bankston, direttore dell’Open Technology Institute, sul Washington Post, “questo fatto sottolinea come i metadati relativi alla geolocalizzazione – diversamente da quanto sostenuto dai difensori della National Security Agency (Nsa), per i quali si tratterebbe di dati non sensibili – sono incredibilmente potenti, specie se presi in massa, e possono essere facilmente usati dai governi per identificare e reprimere dimostranti che stanno solo esercitando il loro diritto alla libertà di espressione”. Tra l’altro proprio dai documenti rivelati da Snowden sappiamo che la Nsa, attraverso il suo programma Dishfire, raccoglieva almeno 200 milioni di sms al giorno da tutto il mondo, e li utilizzava per estrarre informazioni relative alla posizione, ai contatti dell’utente, ai dettagli su transazioni finanziarie. L’uso dei telefonini per veicolare messaggi governativi non è nuovo.

Qualcuno ricorderà quando nel 2004 il governo Berlusconi inviò a milioni di italiani un sms che rammentava loro di andare a votare. Per quanto il contenuto di quel testo possa essere visto come un utile reminder di un appuntamento democratico, all’epoca si scatenarono molte polemiche, sia perché quell’azione era considerata come una violazione della privacy, sia perché veniva interpretata come un mezzo di sottile propaganda filogovernativa. Diciamo che, salvo alcune eccezioni – ad esempio in caso di emergenze nazionali – il messaggino inviato dallo Stato appare comunque invasivo.

Nettamente intimidatorio era invece l’allerta inviato dall’esercito israeliano ai cellulari di Gaza poco prima della sua offensiva nell’autunno 2012: “Sta per arrivare la prossima fase. State lontani da Hamas”, diceva la frase in arabo. Ma i telefonini possono essere una leva di controllo usata dai governi anche in maniera più tranchant.

Possono essere utilizzati per localizzare con precisione gli spostamenti di un utente attraverso la tecnica dei Silent o Flash Sms, che sono dei messaggini inviati sul telefonino di un target che risultano invisibili allo stesso (silenziosi appunto) e mandano indietro un segnale. Rispetto alla geolocalizzaione ottenuta controllando la rete GSM questo sistema permette di ricavare la posizione aggiornata di una persona anche se si sta muovendo. “Consente di aumentare la precisione della localizzazione in un dato momento”, spiega a Wired, Fabio Pietrosanti, esperto di sicurezza e telefonia. Questo metodo è utilizzato da diverse polizie e servizi di intelligence europei, secondo la denuncia di qualche tempo fa di una senatrice francese ma anche dell’esperto di security Karsten Nohl.

Infine, i telefonini possono essere messi fuori uso durante una manifestazione sgradita. La censura delle comunicazioni durante le proteste fa subito venire in mente l’Egitto, quando Mubarak nel 2011 bloccò Internet e gli sms nel Paese. Ma nello stesso anno fece anche molto scalpore il caso di San Francisco: per la prima volta infatti un’agenzia governativa locale – il BART, l’ente dei trasporti della città – aveva spento i servizi telefonici locali, in particolare nelle stazioni della metro, prima di una paventata protesta pubblica. E anche la Russia è stata accusatain passato di aver rallentato o bloccato le connessioni internet per limitare le comunicazioni di manifestanti anti-Putin. Che ne è dunque dell’utopia della Smart Mobs teorizzata da Howard Rheinghold alcuni anni fa? Qualcuno nei governi deve averla preso sul serio, e ha cercato di trasformare quelle “folle intelligenti”, giudicate troppo pericolose, in masse controllate e spaventate. O anche solo silenziate.

da Wired.it

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

carola fredianisicurezza

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Culture

Le ultime parole scritte da Malcolm X riguardavano il sionismo. Ecco cosa disse

Per Malcolm X, il sionismo era indissolubilmente legato al più ampio colonialismo europeo. In un passaggio poco conosciuto scritto poco prima del suo assassinio, affermò chiaramente che vedeva il sionismo non solo come una minaccia per la Palestina, ma per l’intero Terzo Mondo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Oscar 2024: celebrità e stelle del cinema chiedono cessate il fuoco a Gaza

Numerose celebrità e stelle del cinema di Hollywood di alto profilo hanno manifestato il loro sostegno e la loro solidarietà ai palestinesi della Striscia di Gaza, chiedendo un cessate il fuoco sul tappeto rosso degli Oscar 2024.

Immagine di copertina per il post
Culture

Alle radici della Rivoluzione industriale: la schiavitù

E’ considerato come uno dei più noti storici dei Caraibi, insieme a Cyril Lionel Robert James, soprattutto per il suo libro intitolato “Capitalismo e schiavitù”, appena pubblicato in Italia da Meltemi editore.

Immagine di copertina per il post
Culture

ALTRI MONDI / ALTRI MODI VOL.II “Viaggio al centro della Terra”

Non si tratta di cercare degli altrove impossibili, altri mondi alternativi, comunità utopiche. Il centro della Terra è qui, in un angolo di mondo inesplorato.. in altri modi di agire, di contrapporsi, di emanciparsi, tutti da esplorare.

Immagine di copertina per il post
Culture

Art Not Genocide: oltre ventimila artisti firmano contro la presenza israeliana alla Biennale di Venezia

«Offrire un palcoscenico a uno Stato impegnato in continui massacri contro il popolo palestinese a Gaza è inaccettabile».

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Chi ha paura dei cittadini attivi ?

In molte città italiane le motoseghe che abbattono alberate al riparo di barriere e di schieramenti di forze dell’ordine stanno producendo anche lacerazioni tra popolazioni e amministratori. A cosa porteranno queste fratture? E quali saranno gli effetti del rifiuto dei tecnici comunali di confrontarsi con gli agronomi che sostengono le istanze dei cittadini?

Immagine di copertina per il post
Formazione

Guerre di Rete – Il 18 brumaio di OpenAI

Il nuovo board. Chi ha vinto e chi ha perso. E poi l’AI Act

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Invasione russa dell’Ucraina: cronache dal fronte cyber

Mentre è in corso l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, il fronte cyber si sta progressivamente organizzando, scoprendo le carte ancora lentamente. Soprattutto, diversi attori si stanno posizionando. Hacker russi di varia natura e affiliazione (con ruolo prevalente del GRU, l’intelligence militare), hacker bielorussi di regime, gruppi cybercriminali di matrice russa da un lato. Hacker […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Più di 30 tornado colpiscono il sud-est ed il midwest degli Stati Uniti. Tra le vittime diversi lavoratori e lavoratrici morti sul loro posto di lavoro

Tra crisi climatica e sicurezza sul lavoro. Un’inedita tempesta ha generato più di 30 tornado nel midwest e sud est degli Stati Uniti provocando un numero di vittime ancora imprecisato e diversi dispersi. Particolarmente violenta la tempesta in Kentucky dove è stato dichiarato il disastro federale. Qui un’intera fabbrica di candele è stata rasa al suolo […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Guerre di Rete – Le indagini online dopo Capitol Hill

Riprendiamo questa interessante puntata di Guerre di Rete – una newsletter di notizie cyber a cura di Carola Frediani che tratta tra le altre cose delle conseguenze sul campo del virtuale dell’assalto a Capitol Hill. Buona lettura! NB. Abbiamo invertito l’ordine della pubblicazione originale inserendo l’aggiornamento sulla campagna donazioni per sostenere Guerre di Rete al fondo […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Guerre di Rete, giusto per saperne qualcosa…

Sorveglianza predittiva; riconoscimento facciale; elezioni Usa. E poi censura; e trojan… what else? Guerre di Rete – una newsletter di notizie cyber N.80 – 13 settembre 2020 Buongiorno a tutti, eccoci qua di nuovo dopo la pausa estiva. Sono già due anni che esiste questa newsletter. Nel tempo è cresciuta (di utenti e spero anche […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Assemblee e sicurezza informatica: attenzione a Zoom!

In questa fase di distanziamento forzato, che si ripercuote anche sulle attività assembleari di centinaia di associazioni, centri sociali e altro, crediamo possa essere utile fare un po’ di chiarezza sugli strumenti utilizzabili ai fini delle comunicazioni interne che in questo periodo siamo costretti a usare. Proviamo a farlo nel modo più breve possibile e […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Breve storia di una scuola all’italiana

Come ogni anno a metà autunno le scuole ancora piangono insegnanti, è assurdo, ma nonostante le graduatorie straripanti la precarietà dilaga. Ogni anno diminuisce il numero degli insegnanti di ruolo assunti dalle graduatorie, addirittura chi aveva precedentemente superato il concorso, ha dovuto ripeterlo in quanto passati troppi anni e mai chiamati in ruolo.  In Piemonte, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Balon: fenomenologia del decoro

4 ottobre 2019, ore 8. Nel parcheggio che sia affaccia su Via San Pietro in Vincoli compaiono funzionari dell’assessorato al suolo pubblico e operai, scortati da svariate camionette di polizia e carabinieri, che montano attorno alla piazza un gran numero di jersey e affiggono cartelli di divieto d’accesso a partire dal 3 ottobre 2019 fino […]

Immagine di copertina per il post
Culture

M5Sicurezza. La concordia istituzionale nell’affanno del movimento

Da alcuni giorni sulle prime pagine dei giornali si rincorrono i commenti e i botta e risposta sulle recenti dichiarazioni del Movimento 5 Stelle in materia di sicurezza e immigrazione. Alle parole della sindaca romana Virginia Raggi, che in una lettera indirizzata al prefetto Paola Basilone chiedeva di fermare l’arrivo di migranti nella capitale, sono […]