InfoAut
Immagine di copertina per il post

Da Bruxelles la proposta di una rete europea per il diritto al dissenso

||||

Il 28 giugno presso la sala “L’horloge du sud” 141 rue Trone a Bruxelles si è tenuto un primo confronto fra le realtà sociali e di movimento europee in vista della creazione di una rete per il diritto al dissenso e a difesa delle lotte sociali, mai come oggi sotto l’attacco delle politiche securitarie dei diversi stati nazionali europei.

All’assemblea hanno partecipato numerose realtà europee, il Sindacato Andaluso dei Lavoratori, compagn* catalan*, italiani che partecipano a Berlino alle lotte dei/le migrant*, francesi e, a far gli onori di casa, un collettivo antifascista di Bruxelles e il coordinamento di lotta belga dei sans papiers (lavoratori e non).

Tra le realtà italiane si segnalano No Tav, No Tap, No Grandi Navi, sindacati di base (Usb, Asia), Blocchi Precari Metropolitani, alcuni portali di contro-informazione (il nostro, Osservatorio sulla repressione che ha curato l’indizione e l’articolazione della discussione, Global Project), compagn* colpit* da Daspo di piazza e stadio, centri sociali e collettivi di inchiesta sul mondo del lavoro precario e l’europarlamentare dell’assembramento Gue/Ngl Emanuela Forenza

Il merito maggiore della discussione, una volta tanto, è stato quello di far uscire la battaglia “contro la repressione” dall’alveo di un discorso iper-tecnico e da specialisti, per inserirlo nel quadro più ampio delle trasformazioni non solo giuridiche ma anche economiche e legislative che stanno trasformando il vecchio stato di diritto sorto dal dopoguerra in uno stato d’eccezione permanente atto a garantire gli strumenti “necessari” per il prolungamento di una governance neo-liberale in crisi di legittimità.

Il penale esce dal carcere secondo la più classica logica dell’outsourcing, si amministrativizza tagliando la fase processuale, spesso tramutandosi in multa e debito economico con la società. All’opposto, reati un tempo considerati di bassa entità penale (blocchi, occupazioni e interruzioni di pubblico servizio) subiscono un innalzamento della pena, spesso convertita pecuniariamente. Assistiamo insomma all’erosione della legittimità del conflitto sociale come dinamica di trasformazione e regolazione dei rapporti sociali, dentro un’ottica tutta normativa e normalizzante di questi, dove chi esce dal tracciato delle regole consentite viene relegato nella schiera degli extra-lege: migranti, poveri che vivono di economia informale.

Gli interventi hanno quindi messo al centro i destinatari principali dei provvedimenti securitari e repressivi che stanno mutando la fisionomia di tanti stati europei, dallo stato di eccezione esteso in Francia oltre le intenzioni emergenziali d’origine (con la proposta del neo-presidente Macron di estenderlo a tempo indeterminato) al decreto Minniti-Orlando ora convertito in legge da aprile, alla Ley Mordaza che in Spagna, apripista di queste politiche dal 2015, concede alle forze di polizia ampia discrezionalità nel decidere se e quali manifestazioni di piazza potranno aver luogo. Target di queste leggi sono i/le migranti individuati come capro espiatorio delle contraddizioni emerse dall’Europa attraversata dalla crisi, i lavoratori e le lavoratrici che alzano la testa e si ribellano all’inasprimento delle condizioni di precarietà e sfruttamento e di chiusura degli spazi sindacali, il variegato ed eterogeneo mondo dell’attivismo e della militanza in prima linea nelle lotte sociali.

19511220 10213204471456623 8555401617624760949 n

Numerose le proposte uscite da questa discussione collettiva: la necessità di un maggiore lavoro di informazione a livello continentale sulle trasformazioni in atto (con un monitoraggio più preciso dei passaggi istituzionali e delle esperienze di resistenza ad esse), l’ipotesi di una giornata nazionale (in Italia) contro i dispositivi amministrativi di prevenzione del conflitto meglio noti come “fogli di via”, la proposta di una campagna (nazionale e in prospettiva europea) per un’amnistia sociale dei reati connessi alle lotte politiche e sociali.

Su quest’ultimo punto, intervenendo come parte in causa, abbiamo fatto solo una piccola ma a nostro avviso significativa precisazione: ben venga la costruzione di una campagna ampia e plurale contro la proliferazione del penalismo e il clima forcaiolo che avvelena il nostro paese e l’Europa tutta, battaglia che necessariamente deve giocarsi su più piani, anche, dove possibile, su quello istituzionale. Solo, per renderla efficace e non chiusa agli addetti ai lavori, questa dovrebbe esplicitare un chiaro discorso di amnistia non solo per le avanguardie di lotta e la militanza più esposta, ma pronunciarsi in termini espliciti per una più vasta depenalizzazione dei reati connessi alle necessità della sopravvivenza di strati sempre più ampi di popolazione: reati contro la proprietà, economia informale, insolvenza. Questo perché i processi di proletarizzazione in corso stanno sempre più erodendo la “società civile” spesso fantasmata come referente ideale dei discorsi dell’attivismo, mentre aumenta a dismisura la quota degli uomini e delle donne esposte ad una precarietà non solo economica ma esistenziale, con il rischio sempre maggiore di trovarsi risucchiati nel gorgo penale.

L’assemblea, caratterizzata da una ricchezza di contributi e stimoli non comuni, si è chiusa con la promessa di rinnovati incontri, elaborazioni e iniziative a partire dal prossimo settembre.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

bruxellesdissensolotte sociali

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Prefazione di Premières Secousses, il libro di Soulèvements de la Terre

Abbiamo tradotto la prefazione del libro dei Soulèvements de la Terre dal titolo Premières Secousses, uscito ad aprile per le edizioni La Fabrique.

Immagine di copertina per il post
Culture

Festa di Radio Onda d’Urto – Il programma

Da mercoledì 7 a sabato 24 agosto 2024 in via Serenissima a Brescia 18 serate di concerti, dibattiti, djset, presentazioni di libri, enogastronomia, spazio per bambine-i…

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Lacrimogeni e cannoni ad acqua: la rabbia degli agricoltori si riversa sulle strade di Bruxelles

A Bruxelles, un migliaio di trattori ha bloccato il quartiere europeo a margine di una riunione dei ministri dell’Agricoltura dell’UE-27. Gli agricoltori hanno difeso un reddito equo, la fine del libero scambio e, in alcuni casi, le norme ambientali.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Bruxelles, arriva Trump: la polizia sgombera uno spazio occupato

Pubblichiamo l’articolo inviatoci da una compagna che vive a Bruxelles riguardo allo sgombero di uno spazio sociale avvenuto pochi giorni fa. Uno sgombero organizzato ad arte in vista dell’arrivo nella capitale belga del presidente statunitense Donald Trump, in visita a Bruxelles oggi e domani:   Vi scriviamo da Bruxelles, capitale patinata d’Europa e città dove […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

I feriti delle Ypg: “Vendicheremo i morti di Bruxelles”

  (In foto: un combattente delle Ypg su una barricata ad Hassake – immagine presa dal web) Qui combattono e muoiono le avanguardie benefiche della guerra globale. Gli ultimi cinque feriti arrivano da Shaddadi, ultimo centro strappato dalle Ypg allo stato islamico. Perlustravano un quartiere da poco liberato quando, entrati in una casa disabitata, sono […]

Immagine di copertina per il post
Culture

Bruxelles, sequenze di attentatori in tv tra propaganda e delirio

Buona lettura Tra gli attentati di Parigi e Bruxelles, un atto della guerra asimmetrica tra Europa e Medio Oriente che sta attraversando il continente, la copertura mediatica europea ci rivela politiche della comunicazione tutte da leggere. Soffermiamoci al caso per noi più diretto, quello italiano, senza omettere però che i media europei, per quanto militarizzati, […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Bruxelles: l’Europa piomba nella guerra asimmetrica

Naturalmente per il ruolo del Belgio che non ha peso in sé in Medio Oriente ma è sede di due importanti, per quanto irrigiditi da una forte complessità interna, attori nell’area: la Nato e le principali sedi della governance europea (colpite, tra l’altro, in modo sanguinosamente simbolico nell’attentato alla metro Maelbeek). La guerra asimmetrica –quella […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Bombe a Bruxelles, la Siria nel cuore dell’Europa

Sui media mainstream si riattiva la retorica del terrorismo come una sorta di calamità naturale, imprevedibile e devastante. Il primo ministro belga, nelle prime dichiarazioni rilasciate alla stampa ha parlato di “Due attentati ciechi” e gli attacchi sono declinati sui media di tutto il mondo attraverso il registro della “follia assassina”. Una retorica che è […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Terror Wars. La solidarietà come risposta allo stato di emergenza in Belgio

Dal 2001 – inizio delle operazioni USA-NATO in Afghanistan – ad oggi, abbiamo assistito al riaffermarsi di politiche neocoloniali, camuffate da missioni umanitarie o come necessarie operazioni di lotta al terrorismo internazionale. Le radici della destabilizzazione delle regioni del Vicino e Medio Oriente vanno cercate non solo nell’inasprimento dei conflitti interni al mondo arabo, ma […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Palermo. Cittadinanza a Öcalan, in mille in corteo per l’autodeterminazione dei popoli

Oggi le vie del centro di Palermo sono state attraversate da un corteo che ha sugellato la decisione dell’amministrazione comunale di assegnare a Abdullah Öcalan, leader del Partito dei Lavoratori del Kurdistan e padre del confederalismo democratico, la cittadinanza palermitana. Una presa di posizione da parte del sindaco di cui prendiamo atto, mantenendo la dovuta […]