InfoAut

Respingiamo l’applicazione della riforma, ripartiamo dal conflitto

di: Collettivo Universitario Autonomo – Pisa

Stamattina, insieme a decine di studenti, abbiamo bloccato la nomina della commissione statuto. L’azione di stamani è stata il frutto dell’assemblea di ateneo di lunedì in cui evidenti e palesi sono state le divergenze di progettualità e di rivendicazione sul perché fosse necessario bloccare la nomina della commissione statuto.

Queste differenze, sostanzialmente, si basavano sulla concezione della commissione statuto o come organo da contestare in quanto espressione diretta della controparte o come campo dentro cui continuare la battaglia no-Gelmini, cercando prima di tutto di allargare la rappresentanza ai soggetti che si sono mobilitati, e quindi contestando il rettore sulle modalità delle nomine dei membri, ritenute non democratiche e verticistiche, in quanto calate dall’alto e non decise da elezioni a suffragio universale. Questa diversità di rivendicazione e di contenuto in seno a ciò che il movimento autunnale ha sedimentato, pensiamo debbano aprire una riflessione sulla necessità di concepire le lotte contro l’applicazione della Riforma Gelmini come rottura di quell’assetto di governo dell’ateneo, che punta ad assorbire ed a rendere compatibili istanze di trasformazione del sistema di potere universitario.

Vale la pena fare delle considerazioni partendo da quello che è il comportamento e le modalità di azione politica da parte della governance universitaria.
Il rettore e gli altri membri di senato accademico e consiglio di amministrazione hanno tentato di convincere il movimento della necessità della nomina della commissione, della trasparenza e della funzione partecipativa di quest’organo. Le argomentazioni con le quali il rettore persegue il suo primo obiettivo di pacificazione dei conflitti interni alle istituzioni accademiche, sono tutte riconducibili al marchio col quale si è presentato nello scenario politico universitario, sin dalla campagna elettorale. Noi non troviamo alcuna discontinuità tra l’Augello pre-rettore, l’Augello neo rettore, l’Augello del movimento (?) anti-Gelmini e l’Augello di oggi. Le sue argomentazioni sono, infatti, tutte riconducibili alla necessità di “salvare” il nostro Ateneo dalla sventura che capiterà agli altri.

Sono logiche che mirano alla conservazione di quello che è possibile conservare, governare il “meno peggio”. Hanno come base semantica l’idea di comunità accademica, come organica, sinergica ed armoniosa. Esattamente come l’idea che Marchionne ha dell’impresa, (che però vuole imporre a partire dal proprio rapporto di forza) in cui non esistono interessi e bisogni di parte, e il conflitto è giocato tutto verso l’esterno, e la competitività è il fine cui sacrificare ogni diritto. A differenza nostra che pensiamo che il cambiamento sia nella sua essenza il prodotto di scontri che mirano a rovesciare rapporti di e per il potere.

Se non si riconoscono i tratti e le tendenze che hanno costruito, rafforzato, potenziato e massificato il movimento di quest’autunno, come caratteristiche profondamente di parte, antagoniste, difficilmente sapremo costruire nuovi orizzonti di liberazione e di demercificazione del sapere.
Noi abbiamo deciso di bloccare la commissione statuto perchè riconosciamo nella costituzione di quell’organo tutto il portato tecnico del disegno politico complessivo contro cui ci siamo battuti in questi anni. Quella commissione, in sé, rappresenta l’applicazione dei dispositivi di precarizzazione, espropriazione ed ulteriore mercificazione del sapere e della generazione precaria.

Abbiamo bloccato la nomina della commissione, e continueremo a provarci, perché pensiamo che il terreno della costruzione di un’università altra sia innanzitutto quello della individuazione e dello smascheramento delle controparti
. Augello è una di queste; e lo è anche la commissione, perché traduce tecnicamente i rapporti sociali dell’università basati sullo sfruttamento e il ricatto del debito, l’umiliazione, il continuo declassamento e la negazione di bisogni. Per questo contrastare la commissione statuto è, qui ed ora, evolvere il movimento contro il ddl in percorsi di lotta e di riappropriazione. Ciò che antagonisticamente differenzia il Rettore e la casta universitaria da noi, non è solo un fatto di status, reddito e posizione di potere: è soprattutto la direzione verso cui le nostre azioni tendono.

Non siamo tutti sulla stessa barca! Da quella parte l’ordine del discorso è: “abbiamo lottato insieme (?), abbiamo perso ed adesso salviamo il salvabile (e tiriamo la cinghia…)”; discorso che serve a farci accettare passivamente la povertà dell’esistente (dentro e fuori le mura universitarie). Dal nostro punto di vista, le manifestazioni, i picchetti, le occupazioni e gli scontri, le assemblee ecc.. hanno indicato e costruito un orizzonte di liberazione in cui l’organizzazione collettiva del rifiuto della precarietà e del sapere-merce, può e deve continuare a sedimentare spazi di autonomia e lotta, dentro-contro-oltre le contraddizioni del nostro ateneo. Ciò che in sintesi ci contrappone, a partire dai nostri ruoli gerarchicamente situati, è l’orizzonte del cambiamento: non come concertazione istituzionale tra poteri baronali, governativi, e imprenditoriali; non come partecipazione svuotata di senso da un fine che è sempre imposto dall’alto, bensì processo di ribellione costituente di un’alterità di bisogni, saperi, desideri.

Non accettiamo che le nostre istanze di trasformazione, di cambiamento radicale, siano costrette dal sistema della compatibilità! Portare il “que se vayan todos” all’interno della nostra quotidiana fabbrica sociale di sfruttamento significa respingere ogni tentativo di cooptazione da parte del movimento e ridare battaglia in ogni occasione, in ogni luogo in cui più forte è il rifiuto studentesco e precario dell’austerità! Noi vogliamo il potere di decidere sulle nostre vite, non partecipare alla gara a chi raccatta più briciole con altri studenti e precari. Noi non accettiamo i sacrifici che la governance, per sopravvivere, ci vuole imporre. Noi non abbiamo paura del commissariamento: abbiamo imparato dagli operai di Mirafiori e Pomigliano a non cedere ai ricatti. Perché solo costruendo il conflitto, additando come nemici coloro che predicano pacificazione sotto la minaccia di “disastri più grandi”, riconoscendoci forti perché “tutti insieme famo paura”, il movimento troverà la continuità con le giornate del 30 novembre e di Roma, e avrà la forza di connettersi a quelle generazioni precarie che stanno infuocando il mediterraneo.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

no gelminipisastudenti

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

‘Geronimo’ Bini: la sua lotta per un mondo (e una Cremona) migliori

Riceviamo e pubblichiamo volentieri… La storia la scrivono i vincitori.  Ma la storia la fanno anche i perdenti. Poi ci sono gli indolenti che non sono né vincitori, né perdenti.  Poi c’è il revisionismo che mischia le carte. Rende i vincenti un po’ meno vincenti e i perdenti un po’ meno perdenti e quasi sempre […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Fermiamoli ora: mobilitazione nazionale contro il nuovo disegno di legge sicurezza che criminalizza le lotte sociali

Inasprimento delle pene, da 2 a 7 anni,  per le occupazioni abitative ma anche per chi resiste allo sfratto e chi partecipa ai picchetti; pene draconiane da 7 a 20 anni per detenzione e diffusione di materiale che incita a impedire la realizzazione di opere ritenute strategiche; aumento delle pene per i reati di imbrattamento per colpire le pratiche di soggetti ambientalisti. 

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“Il profilo del non votante è sempre più connotato sul piano sociale” L’analisi dei flussi elettorali con Marco Valbruzzi

“Il profilo del non-votante non è connotato sul piano politico-ideologico, invece è connotato sempre di più sul piano sociale“.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“CASE IN RIVOLTA” – Bollettino delle lotte abitative

Terzo numero del bollettino delle lotte abitative “Case in Rivolta”, che lancia la settimana di mobilitazione collettiva diffusa a livello nazionale durante la settimana del 20 -26 maggio 2024.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Un appello a difesa del Servizio Sanitario Nazionale.

E’ uscito un appello firmato a nome di quattordici personalità nell’ambito della sanità e della scienza per tutelare il servizio sanitario nazionale, qui è possibile leggerne il contenuto.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi al Quarticciolo. In borgata nessuna persona resta sola.

Ieri mattina 3 famiglie della borgata sono state sgomberate da ATER e dalla Prefettura di Roma. Una ragazza incinta, una donna sola con due figli, persone in attesa di una casa popolare da decenni. Persone che abitano in quelle case dal 2002. Persone che pagano la colpa di non potersi permettere una casa. Non veniteci […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il Fentanyl e la dolorosa condizione umana

Il dilagante consumo di fentanyl negli Stati Uniti rappresenta certamente «un dramma americano», come si legge negli ultimi due anni sui quotidiani

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Quando tagliava l’erba risparmiava i fiori. Le parole della madre di Stefano

Sono rimasta molto colpita dall’enorme affetto che in questi giorni tutti mi hanno dimostrato e voglio ringrazio tutti. Il legame con Stefano era totale, in simbiosi, a lui avevo trasmesso tutto, purtroppo anche le mie allergie, i problemi di tiroide.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Stefanino Milanesi, una vita per la lotta

Uno dei più noti compagni e protagonisti delle lotte comprese tra gli anni Settanta e quelle odierne del popolo NoTav se n’è andato, improvvisamente.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La guerra su Gaza ha privato 800 mila studenti del “diritto all’istruzione”, afferma l’Ufficio dei media di Gaza

Gaza. Almeno 800 mila studenti sono stati privati dell’istruzione a causa del protrarsi dell’offensiva israeliana contro la Striscia di Gaza, durata mesi, ha dichiarato sabato l’Ufficio dei media di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Conferenza stampa sui fatti di ieri a Torino in occasione della contestazione ai ministri del G7 Ambiente e Energia

La militarizzazione della città deve essere denunciata a fronte della violenza delle cariche della polizia e Torino come laboratorio della violenza è qualcosa di ben noto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Contestati i ministri della guerra al Politecnico di Torino

Riceviamo e ricondividiamo il comunicato del CUA di Torino sulla contestazione di ieri al convegno istituzionale tenutosi alla sede del Valentino del Politecnico. Ieri mattina un gruppo di student3 dell’Università di Torino ha contestato il convegno a porte chiuse che si è tenuto al castello del Valentino su tecnoscienza e intelligenza artificiale, con ospiti di […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cronaca e riflessioni sulla mobilitazione per la Palestina a Pisa

In questi mesi Pisa, come molte altre città d’Italia, ha visto e continua a vedere un’intensa e articolata mobilitazione per la libertà della Palestina e per lo stop al genocidio. Dallo scorso autunno, sin dall’intensificarsi dell’offensiva israeliana sulla Palestina e la ripresa dei bombardamenti su Gaza dopo il 7 ottobre, giovani e studentǝ della città […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il colore dei manganelli

Quei fatti si inseriscono in un contesto nel quale la repressione – nelle piazze, nei tribunali, nelle carceri, nei centri di detenzione per migranti – è diventata strumento ordinario di governo

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: un altro sabato di mobilitazione popolare in tutta Italia

Giornata di mobilitazione sabato 2 marzo 2024 in Italia in solidarietà con la Palestina e il popolo palestinese.