InfoAut
Immagine di copertina per il post

Francia: 29/30 ottobre, non un mega-bacino di più!

Riprendiamo da Les soulèvements de la terre l’appello per una grande manifestazione contro i mega-bacini idrici e l’agroindustria che avrà luogo il 29/30 a Sainte-Soline.

Intorno a questo tema dei mega-bacini in Francia è nato un grande movimento popolare che mette in discussione l’organizzazione capitalistica dell’agricoltura. I bacini portano con sè evidenti problemi ecologici e sociali. Anche in Italia, dopo la siccità di quest’estate si è aperto il dibattito sulla costruzione di nuove infrastrutture di questo genere. Come sempre si cerca di risolvere tecnologicamente e con soluzioni di breve termine un problema che è strutturalmente collegato al modello di sviluppo in cui viviamo. Buona lettura!

Di fronte al movimento popolare per la difesa e la condivisione dell’acqua, il governo e la lobby agroindustriale hanno per il momento una sola risposta: passare alla forza. Hanno appena dato il via alla costruzione del mega-bacino di Sainte-Soline, il più grande attualmente previsto, circondando con recinzioni i 16 ettari di “terre rosse” nelle Deux-Sèvres. Chiamiamo quindi una mobilitazione massiccia il 29 e 30 ottobre, da tutta la Francia e non solo, con l’obiettivo di porre fine a questo progetto.

Simbolo nazionale della monopolizzazione dell’acqua a vantaggio di una minoranza e del mantenimento di un modello agricolo tanto tossico quanto anacronistico, i mega-bacini sono finiti sotto i riflettori quest’estate. La siccità storica e sistemica che abbiamo appena vissuto non fa altro che rivelare ancora più brutalmente il disadattamento intrinseco di un certo tipo di agricoltura accecata dal produttivismo. Oggi punta ad aumentare il numero di bacini per mantenersi a tutti i costi, nonostante la crisi climatica che questo modello agroindustriale sta contribuendo ad aggravare. Naturalisti, residenti locali, agricoltori e scienziati hanno costantemente dimostrato l’impatto deleterio di questi serbatoi e dell’aumento del pompaggio di acqua nelle falde acquifere – anche in inverno – su reti idrologiche estremamente fragili e sugli ambienti naturali che ne dipendono.

Un movimento di resistenza in crescita e dimostrazioni che colpiscono nel segno

In vista della protesta, il sito di prova di Mauzé-sur-le-Mignon – il primo di una nuova serie di bacini – è stato un calvario per i suoi promotori nell’ultimo anno, sia per lo Stato che per gli irrigatori organizzati in una società per azioni. Di fronte alle diverse azioni messe in atto – assemblee settimanali, invasione del cantiere, disarmo di diverse macchine, mobilitazioni ripetute di migliaia di persone – le difficoltà di realizzazione del progetto e i costi di sorveglianza si sono moltiplicati. Gli irrigatori e la prefettura sono davvero pronti a vedere questi costi ripetuti in ogni nuovo cantiere? Questo è dubbio, soprattutto perché la presenza della polizia e la pressione che genera pesano molto sui residenti locali, che vedono i loro fiumi prosciugarsi giorno dopo giorno.

Per il movimento di protesta contro i mega-bacini, questo primo progetto è stato un catalizzatore che ha solo amplificato e rafforzato la sua determinazione. Questo movimento assume ora la necessità della disobbedienza civile quando i crimini contro l’acqua e la terra sono sostenuti dal governo. Ha assunto una dimensione nazionale con la difesa e la condivisione del bene comune emblematico dell’acqua. Sta lavorando a livello locale su altri progetti territoriali alternativi compatibili con le questioni climatiche.

L’antagonismo tra due visioni dell’agricoltura e, in definitiva, della vita è diventato più chiaro. Una è quella agroindustriale, drogata con input chimici, che completa la privatizzazione delle risorse comuni in una logica di breve periodo. L’altro, quello contadino, guidato dall’assoluta urgenza di prendersi cura del vivente, condividerlo e mantenerne la diversità e la fertilità.

Un rischio di mega-bacini in tutto il Paese e un momento cruciale

Nella regione di Deux-Sèvres, la lobby a favore dei bacini ha recentemente subito una nuova battuta d’arresto. La Corte d’Appello ha deciso, dopo oltre 10 anni di procedimento, di ratificare l’illegalità – a causa del loro impatto ambientale – dei 5 bacini realizzati dall’ASA des Roches. Gli oppositori hanno preso il sopravvento negli ultimi mesi. Due di questi bacini sono stati preventivamente smantellati, uno dei quali il 6 novembre da diverse migliaia di persone, mentre la Confédération Paysanne ha chiesto lo smantellamento della sua pompa.

Ma il clan pro-pompa, in piena negazione della realtà, è ancora ostinato. Le megapompe continuano ad essere pianificate in tutto il Paese. Siamo a un punto di svolta in cui dobbiamo unire le forze a livello nazionale e internazionale per far capire loro che ogni nuovo progetto avrà un costo politico ed economico ingestibile. Dal momento che il governo – in combutta con l’industria agroalimentare e la FNSEA – nonostante tutti i discorsi sulla “pianificazione ecologica”, rimane incapace di prendere una decisione – come minimo – su una moratoria, la attueremo noi stessi.

La battaglia di Sainte-Soline è iniziata! È decisivo vincerla!

Il primo sito a seguire quello di Mauzé-sur-le-Mignon è il mega-bacino di Sainte-Soline. Con i suoi 720.000 m3 , è il più grande dei mega-bacini previsti, al centro di un sito classificato come zona Natura 2000 per gli uccelli di pianura – Albanella minore, Occhione comune – e costituisce una questione vitale per la conservazione dell’Otarda minore. Dal 28 settembre il sito è circondato da recinzioni. È probabile che venga progressivamente scavato da una schiera di terne e che i suoi dintorni siano attraversati da reti di pompaggio e tubature (+18 km di tubature e 615 m3/ora pompati per 45 giorni 24 ore su 24). Ma possiamo ancora farli indietreggiare!

Ci riuniremo per porre fine ai lavori il fine settimana del 29/30 ottobre, e anche di più se necessario. Lo faremo con una pluralità di forme di intervento e di presenza creativa, che riflettono la diversità del movimento, con la presenza combinata delle sue forze ambientaliste, sindacali e contadine, di persone di ogni età e condizione fisica.

Informazioni pratiche

Durante il fine settimana, ci saranno posti per accamparsi, mangiare e discutere di altri modelli di condivisione dell’acqua. Verranno proposte passeggiate nella natura. Come in ogni mobilitazione del movimento, ci sarà anche una festa con numerosi interventi di gruppi e artisti venuti a sostenere il movimento.

Serate di mobilitazione, pullman e carpooling sono stati organizzati ai quattro angoli del Paese e oltre. Potete aiutarci!

Ecco un link per il carpooling

Uniamoci alla resistenza per l’acqua e la sua condivisione! No bassaran!

Per tutti i contatti e le proposte: bassinesnonmerci.contact@framalistes.org

Eccoci qua! Stanno cercando di farsi strada con la forza. Sono iniziati i lavori per il mega-bacino di Sainte-soline (79). È iniziato il conto alla rovescia fino alla mega-dimostrazione del 29/30 ottobre per fermarli! Vi invitiamo a diffondere questo appello oggi ovunque e nelle vostre varie reti, a cofirmarlo con le vostre organizzazioni e collettivi, a organizzare serate di mobilitazione a casa vostra, a chiederci volantini e manifesti! Tutti noi a Sainte-Soline. No Bassaran!

Info pratiche / Come unirsi a noi?

Punto di partenza

Il punto di incontro per la manifestazione sarà alle ore 10 di sabato 29 ottobre a Sainte-Soline.

Infoline / Telegramm

Un’infoline (07.53.83.38.00) è già operativa e vi permetterà di essere informati su eventuali punti di controllo lungo il percorso, consigli o altre modifiche al programma e ai luoghi di ritrovo. Vi invitiamo a inviare messaggi SMS in caso di posti di blocco sulla strada.

È stato creato un feed di notizie su Telegram che sarà aggiornato nel corso della settimana https://t.me/infotrafflic_bassine.

Vita da campo

Ci teniamo aggiornati sulla vita del campeggio sui nostri social network e in questo articolo: Installazione di un campo anti-bacino a Sainte Soline

Prima di arrivare sul posto

Vi invitiamo a tenere d’occhio il sito web e le reti di Soulèvements e di Bassines Non Merci per informazioni dell’ultimo minuto. Venerdì sarà disponibile una Infoline. Se vengono istituiti controlli di polizia per rallentare la partenza delle manifestazioni, informatevi, rimanete determinati e non compromettete il vostro diritto a manifestare.

Dormire e mangiare

È consigliabile arrivare il giorno prima se si proviene da lontano. Il venerdì sera saranno allestiti un punto informativo e strutture per il campeggio e la ristorazione. Si prega di portare tende e vestiti caldi.

La rete delle mense dei militanti sarà presente da venerdì. Per il venerdì, ricordatevi di portare i vostri spuntini.

Mini-bus

Iniziano ad essere organizzati dei minibus (più pratici ed economici degli autobus)! I primi partono da Saint-Etienne e Le Puy/Clermont.
Clicca qui per registrarti
Non esitate a organizzarne altri e a tenerci informati via email, li elencheremo qui

Serate informative e car pooling

In molti luoghi si stanno organizzando serate di mobilitazione, si diffondono manifesti e volantini e si creano carpooling per riempire le auto e arrivare in massa.

  • Per i carpooling di tutti i tipi da offrire o cercare, seguite il nostro link mobicoop
  • Per partecipare a una serata di mobilitazione vicino a voi, trovate l’elenco delle prossime date qui
  • Per organizzare la propria serata informativa, ricevere poster, volantini, video e contenuti, basta inviare una richiesta a: caravane@lessoulevementsdelaterre.org
  • Più di 130 organizzazioni hanno già firmato l’appello, potete unirvi a loro scrivendo un’e-mail a: bassinesnonmerci.contact@framalistes.org

Il programma del weekend

I primi firmatari dell’appello (organizzazioni, collettivi e sindacati sono invitati a cofirmarlo scrivendo a: bassinesnonmerci.contact@framalistes.org )

• Attac 16, 17, 33, 44, 85, 86, 87, 49

• Action antifasciste 79

• Action Anti-Fa La Rochelle

• Action Antifasciste La Roche/Banlieue – Bastyon de Résistance

• Action Antifasciste Tolosa

• AFA Nantes

• AFA Nord-Pas-de-Calais

• AFA Paris-Banlieue

• AFA de la Sarthe

• AFA Strasbourg

• Agrista (ingénieurs sans frontières, groupe agriculture et souveraineté alimentaire)

• Alerte Pesticides Haute-Gironde

• Alternatiba Le Mans

• Alternatiba Poitiers

• Alternatiba Rennes

• ARDAN

• Association Arbosc

• Atelier Klima

• Attac 16, 17, 33, 44, 85, 86, 87

• Attac Alès Cévennes

• Bast’Yon de Résistance

• Beaumont en commun

• BERNALICIS Ugo

• (Député FI-NUPES)

• Centre d’animation pédagogique Périgord Limousin

• Cerveaux non disponibles

• Collectifs Bassines Non Merci, 16, 79, 86, Berry, Bretagne

• CGT 79

• CGT Nationale

• Colère citoyenne 79

• Collectif animalier du 06

• Collectif Bordeaux en Lutttes

• Collectif Bretagne contre les fermes-usines

• Collectif Eau 88

• Collectif Marie-Monique Robin de Parthenay 79

• Collectif Libertaire Ni Maître, Ni Bassines

• comité local Attac Alès Cévennes

• Collectif pour une gestion publique de l’Eau à Quimper

• Collectif pour une sécurité sociale de l’alimentation

• Collectif de soutien aux victimes des pesticides de l’Ouest

• Des Habitant.es et paysan.nes de la Commune de Scévolles

• Confédération paysanne Nationale

• Confédération paysanne de Charente

• Confédération Paysanne des Deux-Sèvres

• Confédération Paysanne Vendée

• Confédération Paysanne Vienne

• Confédération paysanne de Charente

• Contretemps

• CPN PEIRAO

• Eco avenir

• EELV 16, 17, 79, 86, 16, Kemper Kerne

• Extinction Rebellion Bordeaux

• Extinction Rebellion La Rochelle

• Extinction Rébellion Limoges

• Extinction Rebellion France

• Extinction Rebellion Nantes

• Extinction Rebellion Poitiers

• Extinction Rebellion Toulouse

• Faucheurs volontaires d’OGM de Bretagne

• Fondation Danielle Mitterand

• Fondation Pas cap

• Fridays For Future – Quimper

• FSU 79

• GAEC “Les Bergers” (St philibert de Bouaine)

• GAEC le Miam Larchant

• Générations 86

• GIGVN (ANC Cop-21 Nantes)

• GP2I 85

• Greenpeace Poitiers

• groupe Action populaire Amboise de la France Insoumise en Indre et loire

• Groupe d’Action France Insoumise Marennes Bourcefranc

• Groupe Local Bressuire-Cholet de Réseau Salariat

• Des habitant.eset paysan.ne.s de la ZAD NDDL

• Il est Encore Temps Bordeaux (IEET)

• JUSTICE CLIMATIQUE ANGERS

• La clef des champs

• La Graine Solidaire

• La France Insoumise 79, 85

• L’Antivol

• La Tête dans le Sable

• L’Eau qui mord

• Le Chaudron des Alternatives

• Le cercle 49

• Le Collectif Alsace des luttes paysannes et citoyennes

• Le Groupes d’action FI de Charron, Esnandes, Nieul sur mer, l’Houmeau

• Le jardin l’Ephémère

• Le printemps du Care

• Le rêve de l’aborigène

• STAF29 de la CNT

• Les amis de la Confédération Paysanne Nationale

• Les Amis de la Confédération Paysanne d’Alsace

• Les Amis de la Confédération Paysanne Limousin

• Les amis de la Terre – Poitou

• Les braises (St Emilion)

• Les désobéissants

• Les périphériques vous parlent

• Les Terres de Maïa

• Les Soulèvements de la Terre

• L’offensive

• Maison du peuple En Colère

• Minga Faire Ensemble

• Nantes en Commun

• NatürliF Prod

• Nature&Progrès Anjou

• Nous voulons des coquelicots grand Châtellerault

• NPA 79 , 16, 86, 29

• NUPES 17-01, 17-02, 79-01, 79-03, 86-02, 86-01, 86-03, 86-04 85-05, 85-03

• OzACTES

• Parti de Gauche 16

• Parti de Gauche 79 et 37

• Parti Communiste Français 79

• PEPS (Pour l’Ecologie Populaire et Sociale)

• POI 79

• Rendez-nous la mer – Ar mor·Bro An Oriant

• Réseau national des Ecocentres

• Scientifiques en Rébellion Bordeaux

• Sea Shepherd France

• Sillage

• Solidaires Par Nature

• Syndicat de la Montagne Limousine

• Terres de Luttes

• Terres et Rivières 85

• Terrestres (revue)

• Union Populaire Charente Nord/Est

• Union départementale Solidaires 79

• Union Syndicale Solidaires 22 et 29

• Union Solidaires National

• Union Solidaires Vendée

• Vienne Insoumise 86

• Youth for Climate Nantes

• Voix déterres

• Youth for Climate Angers

• Youth for Climate La Rochelle

• Youth For Climate Paris & IDF

• Vigilance OGM et pesticides 16

• Le rêve de l’Aborigène

• Alternatiba Le Mans

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

AGROINDUSTRIABacini idriciFranciaPRIVATIZZAZIONE ACQUAsoulèvements de la terre

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Autonomie nel Wall Mapu: territori in resistenza

Un mare di pini verdi tappezza la vasta superficie ondulata, dalle profonde valli fino alle altissime cime. Quando la distanza si tramuta in vicinanza, quando ci addentriamo nelle eterogenee piantagioni, il silenzio e la monotonia trasformano quel mare in un deserto disabitato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Iran: sciopero generale nel 60° giorno della rivolta. Il parlamento vota la condanna a morte per chi manifesta nelle strade

Sciopero generale ieri in Iran in occasione del terzo anniversario della rivolta del novembre 2019 che coincide col 60 giorno di rivolta iniziata il 16 settembre con l’omicidio di Mahsa Amini, giovane curda di 22 anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Udai Tamimi, la Fossa dei Leoni è la culla popolare della resistenza palestinese

La capacità di Udai di effettuare due operazioni in aree di importanza strategica per lo stato israeliano ed eludere l’arresto per 12 giorni ha catturato l’attenzione dei media popolari mentre l’esercito israeliano assediava il campo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Atene: tra scioperi e rivolte da non dimenticare

Il percorso di mobilitazioni su carovita e contro la guerra continua il 17 novembre, giorno in ricordo della rivolta di Politecnio, una protesta che  si svolse presso il Politecnico di Atene a partire dal 14 novembre 1973 nell’ambito di una massiccia manifestazione studentesca sul rifiuto popolare della giunta militare greca e terminò in uno spargimento di sangue al mattino del 17 novembre, quando un carro armato sfondò i cancelli del campus e furono massacrati 24 civili.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nazione Mapuche: Due organizzazioni rivendicano azioni di sabotaggio “contro la visita di Gabriel Boric e la sua subordinazione all’oligarchia”

Due organizzazioni ribelli, cioè: la Resistenza Mapuche Lavkenche (RML), e l’ORT (Organizzazione di Resistenza Territoriale) “Toño Marchant” del CAM, hanno rivendicato il sabotaggio di un campo di lavoro forestale contro la visita di Gabriel Boric e le sue posizioni sempre più reazionarie riguardo al popolo originario.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il movimento curdo nega il proprio coinvolgimento nell’attentato di Istanbul

Dopo l’attentato di ieri ad Istanbul che ha provocato sei morti e decine di feriti il governo di Erdogan ha immediatamente accusato il PKK e le Ypg/Ypj di essere responsabili dell’attentato. Il movimento curdo ha respinto con forza queste accuse e ha denunciato un piano oscuro del dittatore turco per colpire Kobane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro il “Nido delle Vespe”: l’ascesa della Brigata Jenin

l campo profughi di Jenin è stato trasformato in una “zona liberata” dalle fazioni della resistenza armata. Ora la resistenza spera che il modello Jenin si diffonda in altre parti della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Festa o no nella favela?

Qual è il futuro della relazione dello stato con le periferie urbane?

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

First strike: tra opposizione e realtà di una guerra ancora lunga.

La cosiddetta dottrina Biden apre a una serie di considerazioni rispetto alla guerra russa-ucraina rispetto alla sua possibile escalation e minando il campo delle ipotesi di risoluzione del conflitto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina. Occupazione pacifica delle donne indigene nella Banca Centrale: siamo portavoce della Terra che dice basta!

Il Movimiento de Mujeres y Diversidades Indígenas por el Buen Vivir ha occupato pacificamente la Banca Centrale della Repubblica Argentina.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La lotta a Sainte Soline contro il progetto di mega bacino idrico.

Lo scorso weekend si è tenuta una manifestazione importante a Sainte Soline, nel nord ovest della Francia, dove migliaia di persone messe in rete dal movimento Soulevement de la Terre si sono ritrovate per opporsi al progetto del mega bacino idrico.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La lunga lotta del ejido San Isidro

Questo 14 luglio, l’ejido San Isidro, Jalisco, ha raggiunto un traguardo storico nella sua lotta per la terra, recuperando finalmente la proprietà di 280 ettari (più della metà della terra dell’ejido), che rivendicava da più di 80 anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ritorno sulle mobilitazioni contro il carovita in Francia.

Dallo sciopero delle raffinerie alle manifestazioni per una giustizia sociale e climatica, una conversazione con un compagno della Plateforme d’Enquetes Militantes.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: scommessa vinta per il movimento No Bassines: più di 7000 invadono il sito di Sainte-Soline!

A Sainte-Soline, nelle paludi di Poitevin, più di 7000 oppositori ai mega-bacini si sono riuniti sabato scorso prima di riuscire a entrare nel cantiere del più grande bacino in costruzione, nonostante i pesanti divieti e una presenza di polizia senza precedenti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Francia: lo sciopero delle raffinerie

Si avvia verso la fine lo sciopero dei lavoratori delle raffinerie in Francia Dopo tre settimane, soltanto due siti di TotalEnergies restano ancora bloccati per la protesta, quelli di Feyzin, vicino Lione, e quello di Gonfreville, in Normandia.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Femminismi della terra e delle sementi

I percorsi dei femminismi contadini e popolari hanno la sinuosità, l’orizzonte e le scorciatoie dei territori e dei corpi che danno loro vita. Non sono frutti diretti dei libri, ma frutti politici e culturali della terra. Diventano libri, testi, dopo essere stati per qualche tempo dei semi – non transgenici – che vengono seminati, vengono […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Da una crisi alimentare all’altra

Quando coloro che occupano spazi di “potere” riceveranno il giusto messaggio? Da Grain* Mentre il mondo si trova ad affrontare una crisi alimentare sempre più grave – la terza in 15 anni, dicono gli esperti – si potrebbe pensare che una convocazione di così tanti governi alla conferenza Uniting for global food security, tenutasi a […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

G8 2001: No all’estradizione di Vincenzo Vecchi!

Continua la battaglia contro l’estradizione di Vincenzo Vecchi. La corte di giustizia europea si è pronunciata il 14 luglio scorso a favore della sua estradizione, facendo prevalere la richiesta italiana rispetto alla differenza di trattamento dei reati contestati nei due paesi interessati: Italia e Francia, nonostante in quest’ultima non esista il reato fascista di “devastazione […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Cronometro e secchiello, il Ministero dell’Ecologia francese denuncia i metodi rocamboleschi di Telt per misurare il rischio idrico del Tav

La grande sete che sta colpendo tutto il Nord Italia ha rimesso al centro una grande preoccupazione sollevata da sempre dal movimento No Tav: lo sconvolgimento del paesaggio idrico alpino che sarà causato dal raddoppio della Torino-Lione. Le stime avanzate recentemente dal Comitato acqua pubblica Torino a partire dai dati raccolti (male come vedremo) dai […]