InfoAut
Immagine di copertina per il post

I giovani ucraini parlano di guerra e catastrofe sociale: “I militari stanno catturando gli obiettori alla leva ovunque”

Abbiamo tradotto questo interessante articolo dal World Socialist Web Site a firma Clara Weiss che tratta di come sta cambiando la percezione sociale della guerra tra i giovani ucraini. L’articolo ovviamente va preso con le giuste proporzioni, data la probabile collocazione ideologica affine dei giovani intervistati, ma le analisi che propongono ci paiono piuttosto equilibrate.

Quanto viene rilevato è una sostanziale stanchezza della società ucraina nei confronti della guerra e delle condizioni di vita che si stanno imponendo nel paese. Una percezione molto diversa da quella proposta dai nostri media che continuano a mostrare una società coesa e completamente mobilitata nello sforzo bellico, quella insomma che viene presentata come una guerra di popolo. Sarebbe interessante capire che ruolo stanno giocando questi umori rispetto alla annunciata controffensiva che, come ammesso dallo stesso Zelensky, sta procedendo a rilento.


Tra l’isteria bellica e la propaganda che accompagna la controffensiva contro la Russia sostenuta dalla NATO, i media borghesi occidentali non hanno praticamente mai descritto con precisione l’immensa crisi sociale e le preoccupazioni dei lavoratori e dei giovani ucraini, l’orrendo tributo di guerra e il crescente senso di stanchezza della popolazione ucraina.

In poco più di un anno di guerra, si stima che l’esercito ucraino abbia subito almeno 200.000 morti. Considerando il tasso medio di 4 feriti per 1 morto, ciò indica che altre 800.000 persone sono state ferite. Ciò significa che, su una popolazione prebellica di poco meno di 39 milioni di persone, lo 0,5% è morto in guerra e il 2,6% è stato ucciso o ferito. Se questi rapporti fossero applicati agli Stati Uniti, con una popolazione di 332 milioni di abitanti, l’equivalente sarebbe di 1.660.000 milioni di morti e 8.632.000 persone uccise o ferite. Altri 8,5 milioni di persone sono fuggite dal Paese, lasciandone dietro di sé solo 29 milioni, non tutti residenti nei territori controllati dal governo Zelensky.

Anche nelle piccole città sono morti centinaia di uomini e giovani. Sebbene il governo abbia ora vietato di scattare foto ai cimiteri, le immagini delle fosse comuni in tutto il Paese continuano a circolare sui social media.

La maggior parte dei morti sono giovani e lavoratori. Sebbene sempre più persone cerchino di evitare il servizio di leva, ciò richiede soprattutto risorse finanziarie, che la stragrande maggioranza della popolazione non possiede. Anche prima della guerra, l’Ucraina, insieme alla Moldavia, era il Paese più povero d’Europa.

Il World Socialist Web Site ha recentemente parlato con diversi giovani ucraini della situazione del Paese e degli umori della popolazione.

Uno di loro ha riferito al WSWS: “Coloro che prima erano disoccupati rimangono tali. La gente teme anche di trovare un lavoro, perché il rischio di essere arruolati nell’esercito è estremamente alto”, dato che i dirigenti lavorano a stretto contatto con l’esercito.

“I militari catturano gli obiettori dappertutto. Aspettano per strada, nei parcheggi vicino ai centri commerciali, entrano nelle palestre, nelle case e così via. Servono le convocazioni per la leva e portano le persone, alcune delle quali hanno solo 16 anni, in guerra”.

Secondo lo stato di legge marziale imposto in Ucraina all’inizio della guerra, agli uomini dai 18 anni in su è vietato lasciare il Paese.

Ha spiegato,

Ci sono più persone che non vogliono servire che persone che vogliono servire. Decine di persone cercano di fuggire attraversando a nuoto il fiume Dnietrs [per passare in Moldavia]. Alcuni di loro annegano. C’è anche una diffusa corruzione nell’esercito. Chi non vuole prestare servizio può comprarsi l’esenzione pagando somme ingenti.

E ha continuato,

Ma ci sono anche alcuni che vogliono servire come volontari nell’esercito ucraino. Le profonde divisioni nella società rimangono. Nelle città ci sono ancora informatori che forniscono informazioni all’esercito russo. Molte persone sperano segretamente nell’arrivo dell’esercito russo. Recentemente è stata annunciata la formazione di un corpo di volontari ucraini nell’esercito russo. È stato chiamato “Esercito di liberazione della Piccola Russia”, dal nome imperiale dell’Ucraina [Piccola Russia] nella Russia zarista. Come suona servile!

A volte penso a ciò che sta accadendo lontano da me, al fronte. Ho avuto questi pensieri soprattutto da quando ho guardato “All Quiet on the Western Front” su Netflix, tratto da un romanzo di Erich Maria Remarque. Personalmente, provo empatia per entrambe le parti.

Ci sono molte discussioni su questa guerra, molti parlano delle cause e del ruolo della Russia nel conflitto. Se paragono questa guerra a quella combattuta durante la Seconda guerra mondiale sul territorio dell’Ucraina sovietica, arrivo alla conclusione che quella guerra fu davvero una “guerra in difesa della patria”, perché i miei antenati combatterono per difendere la patria dei lavoratori [l’Unione Sovietica], ma oggi questa non esiste più.

Altri due giovani hanno parlato di un crescente senso di stanchezza nei confronti della guerra. Un adolescente ha detto: “L’atteggiamento verso la guerra sta cambiando. I patrioti e i nazionalisti sono già morti al fronte. Quelli che sono rimasti hanno una mentalità moderata e sono stanchi della guerra”.

Un ventiduenne ha dichiarato: “C’è una certa stanchezza nella società che si può osservare in relazione alla guerra, ma è vietato anche solo pensare in quella direzione”.

Oltre all’orrendo tributo umano della guerra, i lavoratori e i giovani ucraini sono anche colpiti da prezzi estremamente alti in condizioni in cui il governo Zelensky continua a imporre tagli salariali e austerità sociale. Al 12 giugno, la Mappa del Mondo del Programma Alimentare Mondiale riportava che oltre 8,7 milioni di persone – cioè quasi un ucraino su tre che vive ancora nel Paese – hanno un “consumo alimentare insufficiente” e 7 milioni “utilizzano mezzi di sostentamento basati su alimenti in crisi o al di sopra della crisi”.

Il ventiduenne ha dichiarato,

La situazione sociale è catastrofica, i prezzi aumentano, le tasse aumentano, ma gli stipendi non cambiano. Molte persone sono costrette a ridurre il cibo. Gli anziani in età da pensione sono costretti a vendere i loro oggetti di valore nei banchi dei pegni, che costellano tutta la città.

Per i giovani è praticamente impossibile trovare un lavoro che non sia soggetto a comportamenti antiumani da parte del datore di lavoro, oltre a condizioni di lavoro orribili.

Un altro giovane ha detto,

Se parliamo di umori sociali, essi oscillano tra la critica al regime di Zelensky e il sostegno ad esso. Molti sono insoddisfatti dell’aumento dei prezzi degli alloggi e delle utenze. Le persone reagiscono all’aumento dei prezzi in modo negativo e attivo, ma questa protesta non va oltre le discussioni tra amici e vicini. A questo punto non si può dire che le masse siano sempre più scontente del regime di Zelensky. C’è ancora sciovinismo nei confronti dei russi. Molti si aspettano che la guerra possa finire presto con una vittoria dell’Ucraina.

I giovani hanno riferito che esiste un diffuso atteggiamento critico nei confronti della promozione delle forze fasciste, che si collocano nella tradizione dei collaborazionisti nazisti della Seconda Guerra Mondiale Stepan Bandera e della sua Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini, da parte del governo Zelensky. Tuttavia, queste discussioni sono segnate sia dalla mancanza di chiarezza storica sulla storia della Rivoluzione d’Ottobre, sul ruolo dello stalinismo e dei fascisti stessi, sia dalla paura di ripercussioni in caso di proteste pubbliche.

Il ventiduenne ha dichiarato al WSWS: “Nella società c’è una condanna della promozione di figure fasciste, ma vale la pena notare che questa condanna avviene dietro le quinte per evitare problemi”.

E ha aggiunto,

Ci sono alcuni che ricordano con nostalgia le conquiste dell’URSS in termini di prestazioni sociali, che ora sono privilegio dei ricchi. Questo fenomeno non è diffuso, perché gli anni di rabbiosa isteria anticomunista hanno creato nella società una comprensione di ciò di cui si può e non si può parlare. Vale anche la pena di notare che c’è stato un totale lavaggio del cervello informativo delle giovani generazioni. Il governo le sta imponendo una falsa comprensione dell’essenza del socialismo, del comunismo e della Rivoluzione d’Ottobre. Seminando una falsa comprensione del socialismo e del comunismo, i burattini americani al potere hanno ulteriormente rafforzato il sistema elitario di sfruttamento capitalistico.

Il sentimento generale, ha indicato, è di ansia e paura per il futuro. “Tutti si aspettano che la loro casa venga colpita da una bomba nel prossimo futuro o che ci sia un ulteriore deterioramento delle condizioni sociali della maggioranza della popolazione. Personalmente, ho solo una vaga idea di come si possa andare avanti. Sembrano esserci diversi potenziali corsi di eventi futuri, ma nessuno di essi promette bene per le masse lavoratrici”.

Un giovane sostenitore del Comitato Internazionale della Quarta Internazionale in Ucraina ha detto: “Penso che la questione ucraina non possa essere risolta entro i confini dell’Ucraina stessa: La questione ucraina può essere risolta solo sulla scena mondiale. Non vedo una soluzione alla questione ucraina in una vittoria della Russia o degli Stati Uniti, ma solo nell’unità della classe operaia di Russia, Ucraina e del mondo intero”.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

giovaniguerra in ucrainaleva militareZelensky

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Gli affari delle prime 100 aziende d’armi al mondo nel 2022

Lo scorso anno il fatturato delle prime cento aziende produttrici di armi ha sfiorato i 600 miliardi di dollari, in lieve calo rispetto al 2021. Ma questa contrazione non deve illudere: il Sipri fa osservare infatti che la corsa al riarmo farà vedere i suoi effetti -in termini di ordini e contratti per nuove commesse- già a partire dai prossimi anni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“Washington Post”: il Nord Stream fu distrutto da Kiev

È stato un ufficiale delle forze armate dell’Ucraina, il 48enne colonnello Roman Chervinsky, a coordinare il sabotaggio nei confronti del gasdotto Nord Stream, che riforniva la Germania di gas proveniente dalla Russia.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Narrazioni di guerra, necessità di mobilitazione.

Verso il 21 ottobre, data scelta come prima tappa di un processo che vede impegnate molte realtà nazionali, è importante dare spazio a differenti aspetti che riguardano ciò che viene definita “escalation bellica”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I mille volti della guerra

A Torino giornata universitaria contro la guerra verso la mobilitazione nazionale e generale Fermare l’escalation del 21 ottobre prossimo.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Caselle: la propaganda di guerra uccide

Lo schianto della Freccia Tricolore che ha ucciso una bambina di cinque anni ha scosso il paese. Quanto avvenuto però merita una riflessione più profonda sulla militarizzazione della società e sul concetto di sicurezza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ucraina-Russia: il fenomeno della renitenza alla leva è tutt’altro che marginale

Nel quadro della guerra Russo-Ucraina, la renitenza alla leva è un fenomeno di cui si parla ancora pochissimo.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il gran bazar della guerra

Così come non sono stati i malumori dei contribuenti americani a chiudere una guerra di vent’anni in Afghanistan, così probabilmente non saranno le decine di miliardi già bruciati in diciotto mesi di guerra a riportare la pace in Ucraina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ennesimo invio di armi italiane all’Ucraina

Sabato 2 settembre si è registrato un nuovo invio di armi dall’Italia per alimentare il sanguinoso conflitto fratricida russo-ucraino.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La fine del paesaggio (durante la battaglia)

All’inizio di marzo dello scorso anno, appena pochi giorni dopo l’invasione russa dell’Ucraina – mentre gran parte degli analisti di geopolitica mondiale si mostrava stupefatto dal tumultuoso precipitare degli eventi con il ritorno della guerra aperta nell’Europa dell’Est a più di 25 anni dalla fine di quella che mandò in pezzi la Jugoslavia – dalle lontane montagne del sud-est messicano, arrivò un pronunciamento netto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Faccia a faccia nel Mar Nero dei velivoli USA di Sigonella con i caccia russi

Confronto-scontro aereo Usa-Russia sul Mar Nero. Lunedì 28 agosto si è sfiorato l’incidente diplomatico-militare tra due droni di US Air Force e due cacciabombardieri russi nella regione sud-occidentale del Mar Nero.