InfoAut
Immagine di copertina per il post

Miniera di sangue. Report sul progetto minerario Belo Sun

L’Articulação dos Povos Indígenas do Brasil (APIB), attraverso l’ufficio legale, denuncia una serie di violazioni dei diritti delle popolazioni indigene nel progetto minerario della compagnia Belo Sun a Volta Grande do Xingu, nello stato del Pará. L’analisi è stata pubblicata nel report “Blood mine – Report on the Belo Sun mining project”, prodotto da Apib e pubblicato lo scorso 29 giugno. 

di Mauricio Terena, Andressa Pataxó, Victor Streit, Thiago Scavuzzi/APIB Brasile, da ECOR Network

La società appartiene al gruppo canadese Forbes & Manhattan, una banca d’affari focalizzata su progetti minerari internazionali, che intende costruire la più grande miniera d’oro a cielo aperto del Brasile e allontanare più di 800 famiglie dalla regione, che saranno trasferite nello stato di Mato Grosso. 

Nel suo progetto, Belo Sun prevede l’uso costante di esplosivi per consentire l’estrazione di cinque tonnellate d’oro all’anno, per un periodo minimo di 12 anni. Oltre all’installazione di due miniere a cielo aperto, una diga per lo stoccaggio di rifiuti chimici minerari, un deposito di esplosivi, una discarica sanitaria, una stazione di rifornimento di carburante, alloggi e strade.

Belo Sun occupa un’area di 2.000 ettari di suolo pubblico, dove impedisce il transito di popolazioni autoctone e tradizionali che vivevano e utilizzavano l’area per la caccia, la pesca, le loro attività di estrazione, oltre che tempo libero. Secondo il documento, la compagnia mineraria non ha effettuato consultazioni preventive, libere e informate con le comunità indigene colpite, come previsto dalla Convenzione n°169 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), di cui il Brasile è firmatario, e ha ha cercato di intimidire e mettere a tacere le discussioni sulla questione. 

[“Il MPF ha scoperto che da parte delle comunità colpite,
c’era solo una raccolta di informazioni attraverso dati secondari”,
si legge in un estratto del rapporto]

Maurício Terena, coordinatore dell’ufficio legale di Apib e organizzatore del rapporto, sottolinea che anche Belo Sun ha praticato un abuso di potere economico acquisendo illegalmente terreni in lotti di riforma agraria. “Belo Sun ha compiuto violazioni sistematiche dei diritti umani fondamentali delle comunità che vivono nella regione. La compagnia mineraria omette costantemente informazioni sui reali impatti che l’estrazione mineraria causerà nella regione, come la contaminazione delle risorse idriche con mercurio, cianuro, arsenico e antimonio”, afferma l’avvocato indigeno. 

Per Apib, la costruzione della miniera avrà un impatto diretto su almeno cinque popolazioni indigene, comprese le popolazioni in isolamento volontario, oltre a venticinque comunità tradizionali lungo il fiume e circa cinquecento famiglie di coloni della riforma agraria. Questi gruppi stanno già subendo le conseguenze della centrale idroelettrica di Belo Monte, che ha ridotto drasticamente il livello dell’acqua del fiume Xingu e ha provocato uno stato di emergenza umanitaria nella regione. 

[“La magistratura ha sospeso più volte la licenza di installazione di Belo Sun
a causa del potenziale impatto della miniera sulle comunità indigene e tradizionali della zona.
Niente più attività minerarie che, con o senza l’avallo dello Stato brasiliano,
ledono il diritto alla vita e al territorio delle popolazioni indigene,
oltre che distruggere l’ambiente”, afferma Kleber Karipuna, coordinatore esecutivo di Apib]

Il rapporto “Blood mine – Report on the Belo Sun mining project” evidenzia inoltre che, nel 2007, lo Stato brasiliano ha riconosciuto Volta Grande do Xingu come una regione importante per la conservazione della biodiversità nel paese, con le popolazioni indigene che svolgono un ruolo fondamentale nella salvaguardia dell’ambiente e nella lotta contro il cambiamento climatico. Secondo l’incrocio dei dati effettuato da Apib nel 2022, in collaborazione con l’Instituto de Pesquisa Ambiental do Amazonas (Ipam), il 29% del territorio intorno alle Terre Indigene in Brasile è devastato, mentre all’interno delle Tls la deforestazione è solo del 2%. 

“È necessario che lo Stato brasiliano faccia un cambiamento nelle sue politiche neo-sviluppiste, poiché hanno dimostrato di violare i diritti umani, in particolare quelli delle popolazioni indigene. L’APIB ripudia con decisione il progetto minerario di Belo Sun, poiché è certo che andrà a vantaggio di un piccolo gruppo di investitori a costo di distruggere la foresta pluviale amazzonica e condannare alla miseria i popoli indigeni e le altre comunità tradizionali della regione”, afferma il rapporto.
 

Da apiboficial.org versione originale qui 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

brasileESTRATTIVISMOminierePOPOLI INDIGENI

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Assange vince all’Alta Corte di Londra: potrà fare appello contro l’estradizione negli USA

Julian Assange ha ottenuto un’importante vittoria nella sua battaglia giudiziaria contro l’estradizione negli Stati Uniti d’America.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

76 anni di Nakba: una Storia di colonialismo di insediamento

Sono passati 76 anni dalla Nakba, il disastro della nascita di Israele, il 15 maggio 1948, sul territorio dei nativi palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La strategia estrattivista per entrare nei territori ancestrali raggiunge il suo apice

Il conflitto per il territorio degli Shuar, causato dagli interessi minerari, va avanti da più di 20 anni. Ma questa volta è diverso, sembra essere l’ultima battaglia.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La variante del marmo: così la Regione Toscana vuole rimettere mano al Piano cave

La Giunta Giani ha avviato l’iter per modificare la normativa sulle attività estrattive e aumentare del 5% la capacità autorizzata fino al 2038.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: i Me`phaa di Tilapa creano sistema di giustizia a difesa del loro territorio

Il popolo Me`phaa di Tilapa, Guerrero, ha presentato il proprio sistema di giustizia denominato Sicurezza di Protezione Territoriale Indigena (Serti), per “difendere il territorio da una prospettiva indigena, olistica e integrale”, di fronte alle minacce di progetti minerari, saccheggio territoriale e controllo dei gruppi del crimine organizzato.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Congo: la maledizione del cobalto

Quando Roger Milolo ha lasciato la sua città natale al confine tra la Repubblica Democratica del Congo (RDC) e lo Zambia per lavorare come operatore in una miniera di cobalto, sperava che la sua sarebbe stata una storia “dagli stracci alla ricchezza”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione

In un recente comunicato, l’Assemblea Comunitaria di Puente Maderas, Municipio de San Blas Atempa, Oaxaca, intitolato significativamente “Non ci sarà paesaggio dopo la trasformazione”, ribadisce il suo rifiuto fondato e il suo impegno di resistenza alla megaopera del Corridoio Interoceanico dell’Istmo di Tehuantepec.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: la questione dei terreni e l’influenza politica nelle zone delle milizie hanno motivato l’assassinio di Marielle Franco

Secondo il documento, i fratelli Brazão decisero di assassinare Marielle Franco perché si opponeva alla votazione del Progetto di Legge (PL) 174/2016, di cui era autore Chiquinho Brazão, allora consigliere.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Perù volta le spalle agli accordi climatici. I soldi e le lobby vincono ancora

Il Congresso della Repubblica del Perù, con il consenso del Ministero dell’Energia e delle Miniere (Minem), ha abrogato la legge che fissava un termine per la rimozione dei minatori illegali dal REINFO, il registro ufficiale delle attività minerarie nazionali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Invasão Zero, paramilitari sotto il progressismo

Il 4 marzo è stato trovato morto con segni di strangolamento il capo indigeno Merong. Partecipò al recupero delle terre Kamaka Mongoió a Brumadinho, nella regione metropolitana di Belo Horizonte, nel Minas Gerais. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Paese Mapuche: la Via Istituzionale v/s Resistenza e Controllo Territoriale

Sotto uno stato capitalista e coloniale è impossibile garantire i diritti fondamentali dei popoli originari.