InfoAut
Immagine di copertina per il post

Testimonianze: “Coloni hanno causato una nuova Nakba” a Huwwara

Nablus – MEMO. Domenica, coloni israeliani hanno compiuto una “nuova Nakba” contro i palestinesi nel quartiere di Huwwara, secondo quanto affermato da un testimone oculare.

da Infopal

Abdul Kareem, un insegnante di scuola elementare, ha dichiarato: “Non c’è bisogno di immaginare come la gang sionista abbia compiuto la Nakba nel 1948. Devi solo guardare ciò che i coloni ebrei israeliani hanno fatto a Huwwara. Hanno compiuto una nuova Nakba”, riferendosi al modo in cui le bande sioniste hanno costretto i palestinesi ad abbandonare le loro case per fare spazio alla creazione dello stato di Israele oltre 70 anni fa.

Durante gli attacchi dei coloni a Huwwara, Burin, Za’tara e Asira al-Qabliyah, le famiglie palestinesi sono state viste fuggire dalle loro case prima o dopo essere state attaccate dalle folle di coloni.

Nel frattempo, l’ex-sindaco del municipio di Hawwara, Mansour Addamidi, ha detto: “Hanno fatto irruzione nelle case palestinesi dentro e fuori il quartiere. Siamo stati totalmente impotenti”.

Ha dichiarato a Haaretz: “L’esercito israeliano e i coloni sono dalla stessa parte e nessuno li ferma. Non riconosciamo più chi è un soldato e chi è un colono, poiché molti dei coloni indossano l’uniforme militare e portano armi”.

Un residente di Hawara ha dichiarato a Haaretz che “i coloni si sono comportati senza alcun deterrente e si sono mossi liberamente per diverse ore”, sottolineando che alcuni di loro portavano armi e lanciavano cocktail Molotov e pietre contro le case palestinesi.

Ha aggiunto: “Sono entrati nella cittadina e sono andati ovunque. Hanno dato fuoco alle case e hanno danneggiato molte auto […]. Non conosciamo nemmeno l’estensione dei danni. Abbiamo sentito solo urla dalle case, molte famiglie sono fuggite dalle loro dimore per paura di essere bruciate vive”.

Un altro testimone oculare ha detto che “erano equipaggiati con strumenti per tagliare”.

Guarda il video qui.

Forte indignazione internazionale verso l’assalto dei coloni a Huwwara

Nablus – The Palestine Chronicle. Coloni ebrei hanno attaccato la cittadina palestinese di Huwwara, nella Cisgiordania occupata, domenica sera, uccidendo un uomo e ferendo oltre 100 persone. L’attaco è stato seguito da una forte condanna a livello internazionale.

Ambasciatore britannico: “Israele dovrebbe combattere la violenza”.

Neil Wigan, l’ambasciatore britannico in Israele, ha criticato la violenza dei coloni contro i palestinesi e le loro proprietà, affermando che “Israele dovrebbe combattere la violenza”.

Wigan ha utilizzato la sua pagina Twitter ufficiale per esprimere la sua condanna agli attacchi dei coloni fanatici, che hanno ucciso un palestinese, ne hanno feriti più di 100 altri e hanno bruciato decine di case, veicoli e strutture.

“Scenari terribili a Huwwara, stasera, con notizie di un uomo palestinese ucciso e molti altri feriti in un attacco dei coloni”.

Ha continuato dicendo che Israele dovrebbe portare davanti alla giustizia chiunque sia responsabile. “Israele dovrebbe affrontare la violenza delle colonie, con i responsabili portati davanti alla giustizia”.

Deputato canadese: “Violenza terrificante”.

Il deputato canadese Niki Ashton ha denunciato la violenza dei coloni a Huwwara.

Sulla sua pagina Twitter ufficiale, il politico canadese ha citato un tweet dell’attivista palestinese Issa Amro, in cui ha pubblicato un video dei coloni israeliani che bruciano case palestinesi, veicoli, alberi e negozi nella suddetta cittadina.

Ashton ha descritto la violenza dei coloni come “inaccettabile” e “terrificante”, aggiungendo che “il Canada non può stare in silenzio mentre questo accade”.

Francia: violenza “inaccettabile”.

La portavoce del ministero degli Esteri, Anne Claire Legendre, ha sottolineato che il suo paese segue con grande preoccupazione la violenza e la situazione in corso in Cisgiordania.

Legendre ha sottolineato in un comunicato stampa che la violenza contro i civili palestinesi è “inaccettabile”.

La Francia ha chiesto al governo israeliano, come parte delle sue responsabilità come potenza occupante, di proteggere i civili palestinesi e di perseguire i responsabili degli atti violenti nella città di Huwwara.

Price: gli Stati Uniti stanno lavorando per ripristinare la calma.

Il portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Ned Price, ha condannato la crescente violenza delle colonie nella Cisgiordania occupata.

“Questi sviluppi sottolineano l’imperativo di una ‘de-escalation‘ immediata delle tensioni […], ha detto in un tweet.

“Gli Stati Uniti continueranno a lavorare con israeliani e palestinesi e i nostri partner regionali per ripristinare la calma”.

La relatrice speciale dell’ONU per la situazione dei diritti umani nel territorio palestinese, Francesca Albanese, ha condannato la violenza dei coloni israeliani in un tweet, lunedì.

Albanese ha anche condannato la “continua distorsione dei fatti”, citando un tweet del portavoce degli Stati Uniti Ned Price, che ha descritto l’assalto a Huwwara come conseguenza di un “attacco terroristico che ha ucciso due israeliani”.

“Condanno l’occupazione coloniale dei Territori palestinesi da parte di Israele da 55 anni (e l’incitamento di recenti politici israeliani a commettere crimini) che sta causando violenza continua/efferate perdite di vite”, ha scritto Albanese.

“Condanno anche la continua distorsione dei fatti di questa violenza e delle sue cause profonde”.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

coloniisraelenabluspalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ostaggi della vendetta israeliana nella Striscia di Gaza: le testimonianze di 100 detenuti palestinesi rilasciati rivelano Crimini di Tortura e Trattamento Disumano

In un rapporto di oltre 50 pagine intitolato: “Ostaggi Della Vendetta Israeliana Nella Striscia Di Gaza”, l’Osservatorio Euro-Mediterraneo mette in luce la pratica diffusa di arresti collettivi e individuali arbitrari da parte delle forze israeliane contro i civili nella Striscia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le rivolte in Nuova Caledonia tra spinte indipendentiste e imperialismo francese

Situazione insurrezionale e rivolte in Kanaky/Nuova Caledonia, situata nell’Oceano Pacifico meridionale vicino all’Australia e dal 1853 di “proprietà” della Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Assange vince all’Alta Corte di Londra: potrà fare appello contro l’estradizione negli USA

Julian Assange ha ottenuto un’importante vittoria nella sua battaglia giudiziaria contro l’estradizione negli Stati Uniti d’America.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Broadcast 4 Palestine.

Speciale Info in diretta da Palazzo Nuovo occupato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

76 anni di Nakba: una Storia di colonialismo di insediamento

Sono passati 76 anni dalla Nakba, il disastro della nascita di Israele, il 15 maggio 1948, sul territorio dei nativi palestinesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rafah: le trattative tra Israele e Hamas e il sostegno (apparentemente) in bilico degli Stati Uniti.

Un approfondimento con Eliana Riva, caporedattrice di Pagine Esteri, sullo stato delle trattative in corso al momento al Cairo tra la resistenza palestinese e Israele..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

25 Aprile 2024: appunti di lotta dalla piazza di Milano

Condividiamo di seguito la cronaca della giornata del 25 aprile milanese e le indicazioni di lotta che arrivano da questa piazza, tutta a sostegno della resistenza Palestinese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il Salone del Libro viene bloccato per la sua complicità al sionismo: la vittoria della mobilitazione per la Palestina!

Sabato pomeriggio, con il coordinamento Torino per Gaza ci siamo dati appuntamento a ridosso della metro Lingotto per raggiungere il Salone del Libro.