InfoAut
Immagine di copertina per il post

11 giugno: granelli di sabbia negli ingranaggi dell’agroindustria e delle industrie di cemento.

Domenica 11 giugno: sole splendente e caldo intenso nella regione Loire-Atlantique. Fin dall’alba, centinaia di biciclette sono confluite in un campo a Saint-Colomban, nel sud del dipartimento. Lungo il percorso sono stati istituiti numerosi posti di blocco della gendarmeria per controllare e perquisire i veicoli e i ciclisti in arrivo. A nord, un altro convoglio di veicoli è partito dal comune di Héric.

Obiettivo della giornata: protestare contro le cave di sabbia. Nella regione Loire-Atlantique, una ventina di cave estraggono ogni anno milioni di tonnellate di sabbia e aggregati, in particolare per il gigante industriale Lafarge, produttore di cemento ultra-inquinante e complice di terrorismo. Questa sabbia viene utilizzata anche nell’agroindustria. Una manciata di aziende coltiva piante fuori dal terreno, su strisce di aggregati, per produrre rapidamente e massicciamente in un terreno impoverito di pesticidi.

Questo sfruttamento consuma enormi quantità di questa risorsa, che non è infinita. La sabbia è la seconda risorsa naturale più sfruttata al mondo in termini di volume, dopo l’acqua e prima del petrolio. In Francia, quasi il 10% della produzione di aggregati viene estratto nella regione del Pays de La Loire. A Saint-Colomban, queste cave stanno devastando ampie zone della regione, divorando i terreni agricoli coperti da siepi. I residenti e gli agricoltori locali si oppongono da anni alla loro espansione.

Il convoglio meridionale è partito intorno alle 10 del mattino: 1.500 persone, centinaia di biciclette e 30 trattori sono partiti in direzione di Nantes, in un’atmosfera gioviale. Il corteo eterogeneo si è concluso con le auto che suonavano i clacson al ritmo di un noto slogan antifascista. Tutto ciò è ben lontano dal clamore mediatico sui terribili “eco-terroristi”. C’erano nonne e bambini in bicicletta, un concerto su una roulotte, e l’atmosfera era buona, nonostante un elicottero di sorveglianza volasse basso…

Durante il tragitto, abbiamo fatto una serie di azioni. La prima sosta è stata davanti a un campo di mughetti piantati in modo industriale e riempiti di pesticidi. Gli agricoltori chiedevano di rimuovere le piante per ripristinare la biodiversità con le sementi dei contadini. Questo terreno era già stato preso di mira in passato: la sua chiusa illegale era stata smantellata durante l’ultima mobilitazione, per la sua deviazione del corso d’acqua Redour.

La maggior parte dei mughetti francesi è prodotta nella regione di Nantes. Ricordiamo che questo fiore, utilizzato il 1° maggio, è un simbolo introdotto da Pétain: le campanelle bianche hanno sostituito la rosa canina rossa, che in quel giorno simboleggiava il movimento operaio. Ma soprattutto, l’obiettivo è quello di denunciare un operatore di grandi dimensioni che utilizza grandi quantità di sabbia e acqua per un’attività superflua.

La seconda tappa è stata davanti alle serre sperimentali gestite dalla Federazione degli ortolani di Nantes. Non si tratta affatto di “piccoli ortolani”, ma di un grande consorzio di agricoltori che monopolizzano i terreni per l’agroindustria. Queste persone non sono contadini, né tantomeno agricoltori: sono dirigenti d’azienda. Ancora una volta, gli agricoltori si offrono di andare a seminare in serre contenenti germogli “sperimentali” non destinati al consumo. Si tratta di un test che mira a rafforzare gli schemi produttivisti. In questo caso, l’obiettivo è denunciare il greenwashing di cui queste serre sono una vetrina. Primaloire, una delle aziende prese di mira, ha avvelenato 78 persone nel 2023 dopo aver utilizzato un pesticida sulla propria coltura di lattuga di agnello.

Terza tappa: un paesaggio completamente diverso. Un impianto di cemento grigio, coperto da filo spinato, a sud di Nantes. Viene dispiegato un gigantesco “verme della sabbia” e alcuni ignoti interrompono l’approvvigionamento idrico dell’azienda, prima di gettare cemento sull’impianto. La cementeria è stata così cementificata. Nel frattempo, gli escursionisti si sono goduti uno spuntino dopo ore di pedalate. Questa azione prende due piccioni con una fava, poiché il cemento è una fonte massiccia di gas a effetto serra, oltre a consumare enormi quantità di sabbia.

Nel frattempo, il convoglio proveniente dal nord di Nantes è arrivato in città, con 300 persone e 10 trattori. La convergenza si è svolta in allegria e al suono dei tamburi, intorno alle 14.00. Arrivando nella metropoli, ci si rende conto di quanto la città stia intaccando il territorio. Il terzo anello della metropoli è completamente edificato. Les Sorinières, un tempo piccolo villaggio nel sud della Loira, è diventata una vera e propria cittadina con i suoi edifici uniformi, la maggior parte dei quali ancora in costruzione, e i suoi complessi residenziali senz’anima…

Dopo essere partiti in corteo verso il CHU, si è verificata una nuova convergenza. Con i sindacalisti dell’ospedale che si battono contro l’assurdo progetto di un nuovo ospedale universitario sull’Ile de Nantes. È molto costoso, mal situato – su un’isola, quindi difficile da raggiungere in caso di crisi – e avrà meno posti letto dell’ospedale esistente! La lotta ecologica, la lotta sociale, l’accesso all’assistenza sanitaria: tutto è interconnesso. Questo progetto utilizzerà molto cemento, come il resto dell’urbanizzazione intensiva dell’isola, un ex terreno industriale abbandonato.

I fumogeni colorano l’aria e l’ingresso della sede di Nantes Métropole Aménagement è murato. Un muro organico fatto di balle di paglia e intonaco di terra. La regione Loire-Atlantique viene edificata e cementificata a rotta di collo a causa dell’espansione smodata della metropoli, mentre la priorità dovrebbe essere quella di porre fine a questo gigantismo urbano che consuma suolo.

Questa mobilitazione è stata ampia, popolare, adatta a tutte le famiglie e non violenta. Ben diversa dalla retorica ansiogena trasmessa in continuazione dai media. D’ora in poi, sembra che tutto sia possibile quando si tratta di criminalizzare le azioni ambientaliste e l’Earth Rising, anche le iniziative più tranquille. Per chi si scandalizza per i danni materiali: il sorvolo del convoglio da parte di 2 elicotteri e l’impiego di centinaia di gendarmi saranno costati molto di più di qualche pianta acerba sradicata e di un telo di plastica strappato.

La giornata è stata un successo e un’anticipazione del grande convoglio d’acqua lanciato da Soulèvements de la Terre e Bassines Non Merci. Il convoglio avrà luogo a Sainte-Soline il 18 agosto e convergerà per una settimana verso l’Agenzia dell’acqua della Loira-Bretagna a Orléans e poi verso il Ministero dell’Agricoltura. L’ecosistema sta collassando, il clima sta andando fuori controllo: è urgente.

da Contre Attaque

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

caveCEMENTIFICAZIONEECOLOGIAnotavsiccitàsoulevement de la terre

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: voci, facce e comunità che dicono “no” all’attività mineraria del litio

“La rotta del litio: voci dell’acqua”, è il libro di Camila Parodi e Susi Maresca.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

No Tav: cosa sta succedendo a Salbertrand?

Ai margini del parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand sono arrivati jersey di cemento, griglie metalliche e concertina necessari per il cantiere dello svincolo del cantiere Tav.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Lacrimogeni e cannoni ad acqua: la rabbia degli agricoltori si riversa sulle strade di Bruxelles

A Bruxelles, un migliaio di trattori ha bloccato il quartiere europeo a margine di una riunione dei ministri dell’Agricoltura dell’UE-27. Gli agricoltori hanno difeso un reddito equo, la fine del libero scambio e, in alcuni casi, le norme ambientali.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Landgrabbing: parte la mobilitazione dal basso contro il megaprogetto eolico di Sorgenia a Pitigliano

Contro la speculazione spacciata per transizione ecologica, cresce la mobilitazione dal basso nel territorio in Maremma e  Tuscia contro l’espansione incontrollata di megaimpianti di energia eolica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Cortina: primi larici abbattuti per fare spazio alla pista da bob

Mercoledì, a Cortina, è iniziato l’abbattimento dei larici per lasciare spazio alla nuova pista da bob per le olimpiadi Milano Cortina 2026.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Megaprofitti e sfruttamento degli agricoltori: occupazione della sede di Lactalis

“Lactalis, restituisci i soldi”: invasa l’azienda che strangola gli agricoltori mentre il suo amministratore delegato è multimiliardario

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il boomerang della transizione energetica mette l’Europa in panne

Una politica climatica temeraria, incurante delle contraddizioni reali derivanti dai cambiamenti occorsi sulla scena mondiale, ha finito per scontentare sia la classe imprenditoriale che i ceti sociali più esposti alle conseguenze della transizione energetica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Raúl Zibechi: sempre più vicini al collasso

La notizia del drastico calo del traffico nel Canale di Panama e in quello di Suez, provocati rispettivamente dal cambiamento climatico e dalla guerra, non è sotto i riflettori mediatici.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messina: l’inganno del ponte

Mark Twain ha detto un giorno che «è molto più facile ingannare la gente, che convincerla che è stata ingannata».

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Nebbia e inquinamento in Pianura Padana. Incidenti a catena sull’A1, polveri sottili costantemente sopra i limiti

La stessa pianura padana che in queste settimane si trova in cima alle classifiche mondiali per inquinamento da polveri sottili: il mese scorso la qualità dell’aria ha superato la soglia critica delle concentrazioni di PM10

Immagine di copertina per il post
Culture

L’ecosocialismo di Karl Marx

Disponibile la tesi di dottorato del filosofo giapponese Kohei Saito, pubblicata dalla casa editrice Castelvecchi.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La lezione della rivolta dei trattori: l’ecologia sarà contadina e popolare o non sarà

Mentre i blocchi continuano un po’ ovunque, presentiamo alcune posizioni circa la presente situazione espresse dal punto di vista dei Soulèvements de la terre.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La convergenza impossibile. Pandemia, classe operaia e movimenti ecologisti

A questa tavola sta per verificarsi, per causa mia, un’accesa discussione.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Salvini, Verdini e la marmellata di cemento

L’inchiesta emersa negli scorsi giorni sui giornali che ha portato all’arresto di Tommaso Verdini, figlio del più noto Denis e fratello della compagna del Capitone, ha tutti gli elementi di una classica storia all’italiana: familismo, cemento, appalti e politica.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ritorno sull’ecologia nel 2023: megabacini, siccità e repressione.

Abbiamo tradotto questo lungo articolo apparso originariamente su Reporterre.net, importante portale di informazione indipendente e gratuito francese a servizio delle lotte ecologiste, che ritorna sugli eventi del 2023 in questo ambito. Ci sembra interessante dare rilievo agli avvenimenti raggruppati in questo testo in quanto molti di essi hanno avuto risonanza anche alle nostre latitudini e ci interrogano sull’opportunità di una prospettiva complessiva per intervenire su queste tematiche.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dove siamo? Tra disordine e responsabilità – Parte 1

Continua irresistibile il degradarsi dell’ordine globale antecedente e si manifestano attori, burattini e teatranti della tempesta che viene. Non abbiamo ancora visto niente, ma è la storia che si è rimessa in moto e questa è gravida di possibilità, nei brevi termini non per forza di buone notizie. Alcune riflessioni per puntate in vista dell’anno che viene.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: uno sguardo indietro a quattro giorni di azione contro il cemento

L’incontro lanciato qualche settimana fa da decine di organizzazioni e lotte locali ha dato vita a una mobilitazione senza precedenti contro Lafarge e l’industria del calcestruzzo, non solo in Francia ma anche in Svizzera e in Belgio. Una sintesi, una panoramica e un video.