InfoAut
Immagine di copertina per il post

Influenza nucleare indebita: è lobbismo o corruzione?

Bill Gates sta ricevendo un’elemosina dal governo degli Stati Uniti (cioè dai contribuenti americani) per il suo sogno nucleare, nonostante sia un miliardario.

di Linda Pentz Gunter, tradotto da Counter Punch

La tentazione di corruzione nel settore nucleare, descritta nei precedenti articoli sull’Ohio, la Carolina del Sud e l’Illinois e aggiornata il 2 luglio, potrebbe non essere un evento unico. Lo schema dei proprietari di centrali nucleari in difficoltà è diffuso in tutto il Paese, in quanto la flotta di reattori statunitensi, ormai obsoleta, diventa sempre più antieconomica, anche se i proprietari cercano di ottenere una seconda estensione della licenza operativa di 20 anni, fino a 80 anni.

Dopo una serie di chiusure di impianti nucleari, soprattutto nelle regioni del Nord-Est e del Medio Atlantico, le nuove leggi hanno cambiato il panorama economico e alcuni proprietari di impianti stanno ora cercando di ottenere sussidi federali e persino statali per mantenere in funzione per molti anni ancora i reattori di cui è prevista la chiusura – o, nel caso di Palisades nel Michigan, già chiusi.

Ma questi sussidi potrebbero non essere sufficienti. E i proprietari dei vecchi reattori non sono gli unici ad avere le mani in pasta.

Anche i progetti dei cosiddetti “nuovi” reattori, la maggior parte dei quali rientra in una categoria nota come Small Modular Reactors (SMR), sono troppo costosi per essere finanziati da soli.

Ad esempio, persino il miliardario Bill Gates ha chiesto e ottenuto dal Congresso una “sovvenzione paritaria” per la sua società, TerraPower, per coprire il costo di almeno 4 miliardi di dollari del reattore veloce a sali fusi da lui proposto, Natrium. Il governo degli Stati Uniti ha accettato di fornire a Gates 1,9 miliardi di dollari per il Natrium, di cui 1,5 miliardi di dollari proverranno dalla legge bipartisan sulle infrastrutture che include 2,5 miliardi di dollari per i reattori nucleari avanzati.

L’Inflation Reduction Act (IRA) prevede già diversi incentivi per i nuovi reattori, tra cui un credito d’imposta sulla produzione di 25 dollari per MWh durante i primi 10 anni di attività di un nuovo impianto, o un credito d’imposta sugli investimenti del 30% per gli impianti che entrano in funzione a partire dal 2025.

Ma, come ha ricordato alla stampa il CEO di TerraPower Chris Levesque in una videochiamata del 2021, “una cosa importante da capire è che il primo impianto costa sempre di più”.

L’Utah Associated Municipal Power Systems (UAMPS) ha scoperto proprio questo. Il gruppo di 50 aziende municipalizzate di sei Stati occidentali, con sede a Salt Lake City, ha inizialmente stretto un accordo con NuScale, produttore di reattori modulari di piccole dimensioni con sede a Portland, in Oregon, per esplorare la costruzione di un impianto di produzione commerciale SMR. Ma i costi stanno esplodendo.

NuScale, l’unica azienda che finora ha ricevuto una licenza federale di certificazione del progetto per un reattore modulare di piccole dimensioni, aveva inizialmente previsto un costo di 4,2 miliardi di dollari, rivisto nel 2020 a 6,1 miliardi di dollari. Oggi il costo di costruzione complessivo stimato è di 9,3 miliardi di dollari. L’impianto sarà costruito presso il sito dell’Idaho National Laboratory del Dipartimento dell’Energia statunitense, vicino a Idaho Falls.

Quando i prezzi hanno iniziato a salire rispetto ai 55 dollari/MWh stimati inizialmente, otto delle aziende di servizi pubblici coinvolte si sono ritirate e il progetto nucleare proposto è passato da 12 unità modulari a sei. Alla fine del 2020, la data di completamento prevista era già stata prorogata di tre anni.

Le stime del prezzo target dell’energia sono poi aumentate, passando da 58 dollari/MWh nel 2021 agli attuali 89 dollari/MWh. Questa cifra tiene conto di una sovvenzione di circa 30 dollari/MWh da parte dell’IRA. Senza di esso, il prezzo target, ancora volatile, sarebbe di 119 dollari/MWh.

Un rappresentante comunale ha descritto l’annuncio dell’aumento dei costi di NuScale come “un pugno allo stomaco”, mentre un altro ha detto al suo consiglio di amministrazione che il progetto “probabilmente non supererà” il test di competitività economica.

Il Congresso continuerà quindi a tamponare l’emorragia autorizzando altri fondi federali attraverso l’IRA e altre leggi, nella sua determinazione a sperperare fondi per nuovi reattori lenti e costosi che potrebbero impiegare decenni per arrivare? Oppure le profonde tasche di un oligarca statunitense come Gates potrebbero rappresentare una tentazione irrefrenabile di convogliare verso di lui qualche finanziamento in nero? C’è qualche motivo per ritenere che i membri del Congresso degli Stati Uniti siano meno corruttibili delle loro controparti negli stati dell’Illinois e dell’Ohio?

Le aziende energetiche hanno una lunga storia di potente influenza lobbistica a Capitol Hill. In un documento del 2014 per l’Università di Princeton, gli autori Martin Gilens e Benjamin I. Page hanno osservato che “è ormai assodato che i gruppi organizzati esercitano regolarmente attività di lobbying e fraternizzano con i funzionari pubblici, si muovono attraverso porte girevoli tra impieghi pubblici e privati, forniscono informazioni auto-assolutorie ai funzionari, redigono leggi e spendono una grande quantità di denaro per le campagne elettorali”.

Questi gruppi, compresi i lobbisti e i dirigenti delle principali compagnie energetiche che promuovono l’energia nucleare, rappresentano i propri interessi commerciali e azionistici e raramente, come hanno notato Gilens e Page, “i poveri o addirittura gli interessi economici dei lavoratori comuni”.

Con la mitigazione del cambiamento climatico all’ordine del giorno della Casa Bianca e del Congresso, le compagnie energetiche hanno aumentato il loro potere di spesa e la loro influenza. Questo è particolarmente vero per le aziende produttrici di combustibili fossili, che vedono nel potente democratico, il senatore Joe Manchin della Virginia Occidentale, un alleato e un promotore entusiasta. Quando Manchin è riuscito a far deragliare la legislazione sul cambiamento climatico nel 2021, Jean Su, direttrice del programma di giustizia energetica del Center for Biological Diversity, ha sottolineato che “le impronte sporche della lobby dei combustibili fossili sono presenti sull’ennesimo stallo del Congresso su un’azione significativa per il clima”.

Su ha inoltre dichiarato a E&E News che “le buffonate di Manchin vanno esclusivamente a beneficio di poche aziende oscenamente ricche che vendono prodotti inquinanti che minacciano il benessere dell’intero pianeta” e che “con l’aggravarsi dell’emergenza climatica, questo lobbismo non è solo immorale, è mortale”.

La Exelon, società con sede a Chicago, gestisce il maggior numero di reattori statunitensi, 14, e ha goduto di un simile accesso a porte aperte, in particolare durante l’amministrazione Obama. Il futuro sindaco di Chicago, Rahm Emanuel, ha orchestrato la fusione da 16 miliardi di dollari tra Unicom Corp. e PECO Energy Co. che ha creato la Exelon Corp. e in seguito è diventato capo dello staff del Presidente Obama. Quando gli è stato offerto il lavoro, Emanuel ha immediatamente telefonato all’amministratore delegato di Exelon, John Rowe, per chiedere consiglio. Non sorprende che Rowe lo abbia esortato ad accettare.

Exelon ha poi goduto di un accesso senza precedenti a Washington, senza dubbio aiutato in minima parte da John W. Rogers Jr, uno dei principali raccoglitori di fondi di Obama e membro del consiglio di amministrazione di Exelon, e da David Axelrod, stratega politico di lunga data di Obama ed ex consulente di Exelon.

Secondo Open Secrets, nel 2022 Exelon ha schierato 39 lobbisti per lavorare al Congresso, e ha anche dettagliato il coinvolgimento dei lobbisti di Exelon nella H.R. 4024, la legge sul credito alla produzione di energia nucleare a emissioni zero del 2021, introdotta il 21 giugno 2021 dal rappresentante democratico Bill Pascrell, Jr. del New Jersey. La legge prevede un nuovo credito d’imposta per le imprese fino al 2030 per la produzione di elettricità da quella che viene descritta in modo fuorviante come energia nucleare “a emissioni zero”.

Tutto questo è perfettamente legale, naturalmente, una sorta di corruzione sanzionata che consente alle società con le tasche più profonde e l’accesso più ampio di mediare i migliori accordi per i loro interessi, principalmente quelli degli azionisti, non dei consumatori. Quest’anno, il direttore degli affari esterni di TerraPower, Jeff Navin, tornerà in Campidoglio come Oliver Twist, chiedendo ancora di più per sostenere il progetto Natrium, che attualmente si basa su un combustibile prodotto solo in Russia.

Ma alcuni dirigenti di aziende nucleari – e i politici compiacenti che prendono i loro soldi – hanno apparentemente oltrepassato quel confine legale piuttosto labile tra lobbying e corruzione e ora ne stanno affrontando le conseguenze.

L’ex speaker della Camera dell’Ohio, Larry Householder, e i suoi colleghi sono stati condannati per aver preso tangenti in cambio di leggi favorevoli da parte di FirstEnergy, che ha pagato una pesante multa. Il 29 giugno Householder è stato condannato alla pena massima di 20 anni di carcere. Il suo co-cospiratore, Matt Borges, ex presidente del GOP dell’Ohio, è stato condannato il 30 giugno a cinque anni di carcere federale.

Nella Carolina del Sud, la vicenda dei nuovi reattori nucleari cancellati a V.C. Summer ha visto l’amministratore delegato di SCANA, Kevin Marsh, finire in carcere per due anni, mentre il direttore operativo di SCANA, Stephen Byrne, ha ricevuto una condanna a 15 mesi a marzo.

Anche due dirigenti della Westinghouse sono stati accusati, anche se il dirigente della società, Jeffrey Benjamin, è uscito, per ora, da tutte le accuse quando il giudice, in agosto, ha archiviato il caso, dando ragione agli avvocati della difesa che sostenevano che i contribuenti della Carolina del Sud, colpiti negativamente, erano stati impropriamente ammessi al gran giurì, negando così a Benjamin una giuria imparziale. Tuttavia, il giudice non ha impedito ai pubblici ministeri di chiedere un’altra incriminazione contro Benjamin, se condotta correttamente.

A Chicago, l’ex presidente della Camera dell’Illinois, Mike Madigan, e il suo alleato di lunga data, l’ex legislatore e lobbista Michael McClain, sono stati incriminati per 22 capi d’accusa relativi a una presunta associazione a delinquere da 3 milioni di dollari che comprendeva associazione a delinquere, tentata estorsione, corruzione e altre accuse.

McClain è stato processato separatamente da Madigan, insieme all’ex amministratore delegato di ComEd Anne Pramaggiore, all’ex lobbista di ComEd John Hooker e all’ex capo del City Club di Chicago Jay Doherty. Il 2 maggio, tutti e quattro sono stati dichiarati colpevoli di nove diversi capi d’accusa per cospirazione, corruzione e falsificazione di documenti.

Il procuratore degli Stati Uniti per il Distretto meridionale dell’Ohio, David DeVillers, nominato da Trump, potrebbe sentirsi vendicato dalla condanna di Householder a 20 anni. Nel luglio 2020, quando DeVillers ha arrestato l’ex speaker, ha definito i crimini di Householder “probabilmente il più grande schema di corruzione e riciclaggio di denaro mai perpetrato contro i cittadini dello Stato dell’Ohio”. E questo lo ha fatto arrabbiare.

“Abbiamo persone che muoiono per overdose di fentanyl, persone accatastate come legna da ardere nell’ufficio del coroner”, ha detto DeVillers alla conferenza stampa di annuncio degli arresti. “E noi dobbiamo sottrarre le nostre risorse ai casi di vittime reali per indagare e perseguire alcuni politici che non vogliono fare il loro lavoro”.

Secondo DeVillers, Householder ha creato un’impresa che “è andata alla ricerca di qualcuno da corrompere”. Ma dove finisce il lobbismo e inizia la corruzione? La linea di demarcazione tra l’orchestrazione di Householder delle tangenti per le proposte di legge e i lobbisti di Capitol Hill che le pagano – e addirittura le scrivono – è davvero labile.

Linda Pentz Gunter è redattrice e curatrice di BeyondNuclearInternational.org e specialista internazionale di Beyond Nuclear.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

BILL GATEScorruzioneCRISI CLIMATICAnuclearestati unitiTRANSIZIONE ECOLOGICA

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: migliaia in corteo a difesa delle risorse idriche. Lancio di lacrimogeni da parte della polizia che vieta le manifestazioni

Movimenti e organizzazioni di base sono impegnati da ieri mattina in Francia in una mobilitazione internazionale lanciata da Soulevementes de la Terre e Bassines Non Merci in difesa della terra e delle risorse idriche, contro la costruzione di mega-bacini idrici nell’area di Poitou, nell’ovest del paese. Migliaia di persone in corteo. La polizia, anche a […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

TavLeaks. Documento tecnico lancia l’allarme sull’impatto idrogeologico del cantiere: sta accelerando il cedimento di una diga in Val Maurienne

Il giornale Mediapart si è procurato un documento interno della EDF, l’azienda francese di fornitura elettrica, in cui un ingegnere lancia l’allarme, con tanto di emoji , sul fatto che lo scavo del tunnel del TAV ha, nel 2019, svuotato di acqua una parte della montagna in Val Maurienne, in Savoia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Torna il Festival Alta Felicità

Torna il Festival Alta Felicità! Dal 26 al 28 Luglio la Borgata 8 Dicembre di Venaus sarà di nuovo attraversata da migliaia di persone che, con entusiasmo, arriveranno in Val di Susa per tre giorni di musica, dibattiti, incontri e gite.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Maxi-striscione di Extinction Rebellion su una gru dentro il Politecnico: “Stop alla ricerca per il genocidio”.

Un grandissimo striscione è stato appeso questa mattina da Extinction Rebellion al braccio orizzontale della gru che affaccia su corso Castelfidardo: “Politecnico: stop research for genocide”, in solidarietà agli studenti in occupazione per la Palestina.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Appello alla mobilitazione per la stagione 7 dei Soulèvement de la Terre.

Per consultare l’appello completo è possibile leggerlo in italiano direttamente sul sito dei Soulèvement de la Terre. Di seguito le prossime date da segnare in calendario..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ciao Silvano

Avremmo voluto avere un po’ più di tempo per salutarci come si deve, con un brindisi in più per salutare questo mondo che da quando eri ragazzo hai fatto di tutto per cambiare.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messico: due contadini morti e centinaia di feriti per la repressione sui difensori dell’acqua nel Veracruz.

Città del Messico / Almeno due contadini sono stati assassinati e centinaia di persone colpite dai poliziotti del Veracruz durante un’operazione per sgombrare il picchetto indefinito che il Movimento in Difesa dell’Acqua..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Tav segna il campo anche nella Francia in campagna elettorale.

Nel contesto di crisi di governo in Francia, dopo le dimissioni di Macron e lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale che ha portato a chiamare nuove elezioni, il tema del tav si pone ancora una volta come campo di battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: ancora cariche, polizia e sradicamento delle piante al Parco don Bosco.

Ancora tensione a Bologna al parco Don Bosco, dove abitanti e manifestanti protestano da mesi per evitare il taglio e l’abbattimento di oltre 70 alberi.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

American way of death

Pochi giorni dopo la sparatoria di Butler che ha causato una ferita all’orecchio di Trump, un morto, due feriti e uno scossone nell’andamento della campagna elettorale più folkloristica di sempre, Trump torna alla carica alla vigilia della convention repubblicana di Milwaukee che lo incoronerà ufficialmente candidato, dicendo “Non mi arrenderò mai, vi amo tutti”. Il […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’energia come epicentro di colonizzazione, accaparramento e discriminazioni.

Proponiamo quindi il contenuto di uno dei dibattiti organizzati alle Università occupate del Politecnico di Torino e di Palazzo Nuovo, insieme a End Fossil.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Le donne africane e la difesa della terra e dei beni comuni

Due articoli tratti dalla WoMin African Alliance, scritti in occasione della Giornata della Terra (22 aprile) e della Giornata internazionale della biodiversità (22 maggio).

Immagine di copertina per il post
Confluenza

Le guerre per l’acqua: attualità in Francia, prossimo futuro in Italia?

Lunga intervista realizzata dal progetto Confluenza a un attivista della regione del Poitou dove, in Francia, da quasi dieci anni va avanti un’importante lotta per la difesa del territorio contro il progetto dei mega bacini idrici.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Collassi localizzati, debito ecologico e politiche pubbliche

Le inondazioni nel Rio Grande do Sul, una delle zone più ricche e potenti del Brasile, hanno provocato 163 morti, più di 80 persone disperse e 640.000 persone costrette a lasciare le proprie case.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La mappa degli impatti e dei conflitti delle Terre Rare. Sfide per una transizione verde e digitale

La Rare-Earth Elements Impacts and Conflicts Map documenta i processi controversi che si svolgono nelle catene di fornitura degli elementi delle Terre Rare (REE): siti di estrazione, lavorazione e riciclo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia, A69, bacini: azioni seriali di disarmo contro le aziende ecocide

Macchine incendiate nel cantiere della A69, un bacino scoperchiato nella Vienne

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Dalla Francia all’Italia, la terra si ribella

Domenica 12 maggio una delegazione del movimento francese Soulèvements de la Terre era a Roma per incontrare altri movimenti ecologisti e invitare alle prossime mobilitazioni. Un racconto a più voci di un importante momento di scambio.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brasile: l’acqua che tutto abbatte

Due donne, già negli anni, attendono i soccorsi alle intemperie, sopra il tetto della vecchia casa familiare, in un villaggio del Rio Grande do Sul.