InfoAut
Immagine di copertina per il post

L’avidità capitalistica favorisce l’aumento degli incendi selvaggi negli Stati Uniti nordorientali

Il 6 giugno, gli abitanti del centro di New York si sono svegliati con un fenomeno senza precedenti: il cielo era colorato di arancione e l’aria era densa di odore di legna bruciata. A Syracuse, New York, dove il fumo è stato più intenso il 6 giugno, i distretti scolastici hanno annullato le attività all’aperto e hanno ordinato la chiusura delle finestre nel tentativo di tenere lontano il fumo.

Tradotto da Liberation News

Il fumo pesante, che si è diffuso in tutta la regione del Nord-Est, ha costretto l’Agenzia per la protezione dell’ambiente ad avvertire tutti i residenti della zona centrale di New York di rimanere in casa e di rinunciare alle attività fisiche. Mentre alcune aziende sono rimaste chiuse nella regione, la maggior parte dei lavoratori era comunque tenuta a presentarsi.

A sinistra: copertura di fumo a Cape Vincent, New York, 6 giugno 2023. A destra: Paesaggio di Cape Vincent prima del fumo dell’incendio. Foto di Liberation.

“Ho starnutito tutto il giorno, avevo gli occhi irritati e mi mancava il fiato più spesso”, ha spiegato Ben Kitzel, un appaltatore di Rochester. “Nei nostri furgoni abbiamo delle mascherine di base che la mia azienda ci fornisce, ma non ci è stato detto esplicitamente nulla riguardo al fumo. Se si trattasse di un evento comune, sarebbe difficile per me svolgere comodamente il mio lavoro e non credo che attuerebbero alcun cambiamento a lungo termine per proteggermi”.

L’avidità capitalistica favorisce l’aumento degli incendi boschivi

A partire dall’8 giugno, 9,4 milioni di acri di terreno in nove delle 13 province canadesi sono stati bruciati dal fuoco – 13 volte la media decennale per questo periodo dell’anno. In superficie, potrebbe sembrare che questi incendi selvaggi siano provocati da cause semplici e non prevenibili, come i fulmini o le attività di escursionisti ignoranti. Tuttavia, questa giustificazione ordinata non può spiegare perché la distruzione annuale degli incendi selvaggi è aumentata da un milione di acri nel 1980 a sette milioni di acri nei soli Stati Uniti, secondo l’EPA (Agenzia statunitense per la protezione dell’ambiente, ndt). In realtà, l’apocalittico cielo arancione e il potente odore di fumo che si diffondono oltre il confine e fino al nord-est degli Stati Uniti sono radicati nel flagrante disprezzo della classe dirigente per l’ambiente e la salute pubblica.

Scientificamente, gli incendi sono causati direttamente da un rapido aumento globale del deficit di pressione del vapore, che misura effettivamente la secchezza dell’aria. Il VPD (Vapour-pressure deficit, ndt), o secchezza dell’aria, è aumentato negli ultimi anni a causa dell’accumulo di gas serra nell’atmosfera terrestre.

È ovvio che questa concentrazione di gas è il risultato diretto dell’avidità delle aziende e della classe dirigente. Solo 88 grandi aziende, tutte produttrici di combustibili fossili come il petrolio, hanno contribuito a quasi la metà delle emissioni di carbonio responsabili di questo aumento globale del VPD. Anche gli incendi selvaggi contribuiscono in modo significativo all’aumento dei livelli di VPD, creando un ciclo di feedback disastroso.

Questi dannosi incendi hanno una lunga storia che può essere fatta risalire alle pratiche imperialiste dei coloni del XIX secolo nell’emisfero occidentale. Prima del contatto con i coloni, le popolazioni indigene praticavano regolarmente incendi controllati per contribuire a mantenere un ecosistema forestale sano e ridurre il combustibile degli incendi, rendendo gli incendi molto meno devastanti quando inevitabilmente si verificavano. Con lo sfollamento, il massacro e il controllo delle popolazioni indigene da parte dei coloni europei, la pratica dei roghi controllati da parte dei nativi fu messa fuori legge in tutto il Nord America. Questi coloni misero fine agli incendi controllati per preservare gli alberi da utilizzare nell’industria del legname, dimostrando un impegno per il profitto a scapito della sostenibilità che negli ultimi anni ha assunto dimensioni sempre maggiori. Secoli di combustibile per gli incendi boschivi, insieme ai cambiamenti climatici che causano temperature annuali più elevate e paesaggi più aridi, hanno creato l’ambiente perfetto per il prosperare di questi immensi incendi, scaricando miliardi di tonnellate di carbonio nell’aria e mettendo a dura prova il recupero degli ecosistemi a causa dell’enorme scala e dell’intensità dei megaincendi odierni.

È necessario un nuovo sistema per prevenire la catastrofe climatica

Come se non bastasse, gli incendi hanno anche effetti drammatici a breve e lungo termine sulla salute delle persone. Lynn King, un’educatrice di Syracuse, ha notato che suo figlio di 14 mesi “ha sviluppato una tosse secca e un’irritazione agli occhi, e [lei] ha avuto oppressione al petto e mal di testa e ha avuto il fiato corto”.

Le malattie respiratorie aggravate dalla scarsa qualità dell’aria sono comuni negli Stati Uniti, con 1 americano su 12 a cui è stata diagnosticata l’asma e 1 americano adulto su 10 che ha accusato i sintomi del long COVID-19, una condizione che si è diffusa a causa della negligenza del governo statunitense nei confronti della pandemia. I lavoratori, le donne e i gruppi nazionali oppressi sono particolarmente suscettibili agli impatti negativi sulla salute esacerbati dallo Stato.

Finché il capitalismo rimarrà il sistema economico prevalente, i proprietari delle 88 grandi aziende che beneficiano della distruzione del nostro pianeta continueranno a sacrificare il benessere della maggioranza per il loro continuo arricchimento personale. Questa stessa élite al potere non è colpita come la maggior parte di noi, che non ha il lusso di trasferirsi lontano dai pericoli o di non andare al lavoro nei giorni in cui la qualità dell’aria è malsana.

Gli incendi di questa settimana hanno dimostrato ancora una volta l’impatto globale del cambiamento climatico e la necessità di una cooperazione internazionale per risolverlo. Il fumo degli incendi e le emissioni di combustibili fossili non si fermano ai confini nazionali. Le frontiere non impediscono all’inquinamento proveniente dalle multinazionali statunitensi di avere un impatto sui lavoratori o sul resto del mondo. La classe dominante capitalista reindirizza regolarmente gli effetti nocivi della sua distruzione ambientale, sostenendo falsamente che sta facendo tutto il possibile per affrontare il cambiamento climatico.

Ma, come hanno imparato questa settimana gli abitanti della zona centrale di New York, che in precedenza erano stati relativamente poco colpiti dagli incendi, la crisi climatica è qui. Ci vorrà un movimento popolare, pronto a sconvolgere radicalmente il business as usual, per combattere l’avidità distruttiva del capitalismo e preservare la nostra salute e il nostro pianeta.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

CAMBIAMENTO CLIMATICOcanadaincendionew york

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Maxi-striscione di Extinction Rebellion su una gru dentro il Politecnico: “Stop alla ricerca per il genocidio”.

Un grandissimo striscione è stato appeso questa mattina da Extinction Rebellion al braccio orizzontale della gru che affaccia su corso Castelfidardo: “Politecnico: stop research for genocide”, in solidarietà agli studenti in occupazione per la Palestina.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Appello alla mobilitazione per la stagione 7 dei Soulèvement de la Terre.

Per consultare l’appello completo è possibile leggerlo in italiano direttamente sul sito dei Soulèvement de la Terre. Di seguito le prossime date da segnare in calendario..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ciao Silvano

Avremmo voluto avere un po’ più di tempo per salutarci come si deve, con un brindisi in più per salutare questo mondo che da quando eri ragazzo hai fatto di tutto per cambiare.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Messico: due contadini morti e centinaia di feriti per la repressione sui difensori dell’acqua nel Veracruz.

Città del Messico / Almeno due contadini sono stati assassinati e centinaia di persone colpite dai poliziotti del Veracruz durante un’operazione per sgombrare il picchetto indefinito che il Movimento in Difesa dell’Acqua..

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Tav segna il campo anche nella Francia in campagna elettorale.

Nel contesto di crisi di governo in Francia, dopo le dimissioni di Macron e lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale che ha portato a chiamare nuove elezioni, il tema del tav si pone ancora una volta come campo di battaglia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Bologna: ancora cariche, polizia e sradicamento delle piante al Parco don Bosco.

Ancora tensione a Bologna al parco Don Bosco, dove abitanti e manifestanti protestano da mesi per evitare il taglio e l’abbattimento di oltre 70 alberi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La Sardegna si contrappone alla speculazione eolica e fotovoltaica.

Il territorio sardo è ormai, purtroppo, conosciuto per i numerosi progetti e cantieri che lo costellano nell’ambito della produzione energetica, in particolare quella cosiddetta green, che proviene dal vento e dal sole.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Comunicato del Movimento No Tav sulle parole del Capitano dei Carabinieri di Susa.

Sabato scorso si è tenuta a Susa una manifestazione No Tav. Manifestazione espressamente organizzata contro SITAF e TELT, sostenitrici entrambe di una grande opera ormai ampiamente corrosa (già prima di nascere) da un cancro chiamato mafia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Collassi localizzati, debito ecologico e politiche pubbliche

Le inondazioni nel Rio Grande do Sul, una delle zone più ricche e potenti del Brasile, hanno provocato 163 morti, più di 80 persone disperse e 640.000 persone costrette a lasciare le proprie case.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Francia: manifestazione contro il progetto della A69

Ben 6.000 oppositori dell’A69 sfidano il divieto di manifestare e si uniscono nella rivolta contro i progetti autostradali.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Culture

Approfondimento su Nutrire la rivoluzione

Un’autentica rivoluzione del XXI secolo, che rompa con il capitale e con la società divisa in classi, assumerà anch’essa le fattezze di una rivoluzione agraria, per quanto di segno significativamente diverso.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Hawaii. L’incendio di Maui nel contesto dei conflitti per l’acqua

Nel mese di agosto si sono sviluppati diversi incendi devastanti – estinti completamente solo pochi giorni fa – che hanno distrutto l’isola di Maui, causando ad oggi (ufficialmente) 115 morti fra gli umani e innumerevoli fra gli animali, migliaia di ettari bruciati, territori naturali e centri abitati rasi al suolo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La linea del fuoco/1

Da più di quattro mesi il Canada brucia, ininterrottamente.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

A Palermo centinaia di persone in assemblea pubblica dopo i roghi, “Vogliamo risposte”

A Palermo, marterdì primo agosto, si è tenuta un’assemblea spontanea sotto lo slogan “Basta Incendi”, presso piazza Indipendenza colma di persone dopo il tam tam dei giorni scorsi sui social.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Fuoco contro fuoco

Gli incendi boschivi stanno aumentando di frequenza, ma si stanno anche intensificando. Che cosa sta accadendo?

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Grecia: anarchici e comunisti nella lotta contro gli incendi

Nel contesto di disorganizzazione generale dello stato, anarchici e comunisti cercano di contribuire in ogni modo possibile agli sforzi dei volontari per contrastare gli incendi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il piromane. Anatomia di un mostro siciliano

Riecheggia ricorrente e nessuno può più ignorare questa evidenza: in Sicilia prolifera una specie molto precisa di criminale, il piromane. Onnipresente nelle dichiarazioni dei politici, il piromane è – da che abbiamo memoria – il protagonista assoluto dei comunicati sugli incendi in Sicilia, tornato puntuale anche oggi agli onori della cronaca.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

La crisi climatica è sempre più generale: ondate di caldo estremo ed incendi

Alcune zone dell’Europa, dell’Asia e del Nord America stanno affrontando ondate di caldo estreme, che minaccia di superare i record, di provocare incendi, allarmi sanitari ed evacuazioni.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

I ghiacciai himalayani perderanno l’80% del loro volume

I ghiacciai dell’Himalaya e dell’Hindu Kush stanno scomparendo a un ritmo senza precedenti. Tra il 2011 e il 2020, i ghiacciai in questa regione montuosa si sono sciolti il 65% più velocemente rispetto al decennio precedente.