InfoAut
Immagine di copertina per il post

Palestinesi nella Gaza assediata formano la nazionale di calcio per amputati

||||

La squadra, che spera di qualificarsi per l’Amputee Football Club, si è allenata giovedì, il giorno prima della Giornata internazionale delle persone con disabilità.

Fonte: english version

The New Arab Staff- 3 dicembre 2021

Immagine di copertina: La nazionale è stata formata da cinque club per amputati di Gaza [Sameh Rahmi/NurPhoto/Getty]

Giovedì i giocatori della Striscia di Gaza assediata hanno usato stampelle e protesi per fare stretching, correre e dribblare, allenandosi, come  prima squadra nazionale palestinese che spera di qualificarsi per la Coppa del mondo di calcio per amputati.

La squadra si è allenata al Palestine Stadium di Gaza City sotto la supervisione del Comitato Internazionale della Croce Rossa.

I 20 giocatori sono stati selezionati tra i cinque club di Gaza per giocatori che hanno perso gli arti.

Il giocatore Hassan Abu Kareem, 38 anni, ha detto che la sua gamba è stata amputata dopo essere stato ferito in un raid israeliano nel campo profughi di Al-Maghazi nel 2006.

“Dal momento dell’infortunio, la mia vita non è cambiata”, ha detto all’AFP.

“Ho continuato a cercare di realizzare la mia ambizione e il mio grande obiettivo nella vita, ovvero rappresentare la Palestina e raggiungere un traguardo, anche personale, nello sport”.

La portavoce della Croce Rossa Suhair Zakkout ha affermato che i giocatori hanno raggiunto un nuovo primato dopo la formazione della prima squadra locale, nel 2019

“Oggi questi giocatori fanno la storia formando la prima squadra nazionale di calcio per amputati”, ha detto.

Zakkout ha affermato che i giocatori si stanno ora allenando per le partite di qualificazione che si terranno nel marzo 2022 in Iran. Se la squadra avrà successo, andrà alla Coppa del mondo di calcio per amputati, che si terrà in Turchia alla fine del 2022.

Fuad Abu Ghaliun, presidente della Palestine Amputee Football Association, ha affermato che il suo gruppo ha fatto domanda per unirsi alla World Amputee Football Federation nel 2019. La loro candidatura è stata accettata all’inizio di quest’anno.

Venerdì 3 dicembre è la Giornata internazionale delle persone con disabilità.

L’allenatore Simon Baker, lui stesso un amputato, ha detto che sta lavorando con i giocatori “in modo che le persone vedono il gioco, e non la persona con disabilità”.

“Vogliamo che le persone rispettino i giocatori e li vedano come  Ahmed o chiunque altro  e non come disabili. Vogliamo fare di questi giocatori degli eroi”, ha detto Baker, che ha fondato l’Irish Amputee Football Association.

La squadra si trova nella Striscia di Gaza assediata, i cui due milioni di residenti  vivono sotto uno schiacciante blocco israeliano da quando il movimento islamista Hamas ha preso il controllo nel 2007.

Le restrizioni e il blocco di Gaza da parte di Israele sono stati ampiamente descritti come punizioni collettive illegali.

Ahmed Abu Nar, 34 anni,  usa le stampelle e ha detto di essere stato ferito nel 2018 dalle forze israeliane che hanno brutalmente represso le proteste di Gaza conosciute come la “Grande Marcia del Ritorno”.

“Prima dell’infortunio ero una persona, e dopo l’infortunio sono diventato qualcun altro”, ha detto all’AFP. “È iniziata una nuova vita, sono iniziati nuovi obiettivi e nuove ambizioni e nuove sfide, e ora le sto raggiungendo”.

Traduzione Grazia Parolari “Tutti gli esseri senzienti sono moralmente uguali” –Invictapalestina.com

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

calciogazapalestina

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Saramago, Lisbona e il pallone

Il 16 novembre 1922 nasceva nel piccolo comune di Azinhaga, facente parte del distretto del Portogallo centrale di Santarém, lo scrittore José de Sousa Saramago.

Immagine di copertina per il post
Culture

Qatar. Calcio, sangue, armi, gas

La squadra italiana non parteciperà a questi mondiali perché non si è qualificata, ma al posto dei calciatori sarà comunque presente una task force italiana che comprende circa 600 militari e carabinieri, con mezzi e armamenti terrestri, navali ed aerei.

Immagine di copertina per il post
Culture

26 anni di Askatasuna: “In lotta nel presente, lo sguardo sul futuro”

Sono passati 26 anni: turbolenti, eccezionali, difficili, ma sempre ribelli.
Siamo ancora qui, nell’ ex asilo degli gnomi, nella casa rossa, al 47 di Corso Regina Margherita.

Immagine di copertina per il post
Culture

Guerra e rivoluzione nell’immaginario cinematografico contemporaneo

Un film che gronda letteralmente sangue, fango, violenza, paura, fame, orrore e merda. Sia fisica, quest’ultima, che ideologica. Ma che non sa sottrarsi alla vita politica della Germania odierna.

Immagine di copertina per il post
Culture

Il Cinema Palestinese: dal servire la rivoluzione all’espressione creativa

I critici concordano sul fatto che il cinema è rimasto quasi sconosciuto in Palestina prima della Nakba nel 1948.

Immagine di copertina per il post
Culture

Sognavo di essere una camionista

La storia de Las Reinas de la 57, otto camioniste protagoniste di un progetto di documentazione del fotografo Miguel Pérez, che ha deciso di raccontare la loro quotidianità sulla strada, con i loro sogni e le loro lotte.

Immagine di copertina per il post
Culture

Complottismo e narrative egemoniche: sono così diverse?

Quello che accomuna “teorie del complotto” e narrative egemoniche è la costruzione di regimi di verità fondati su drastici meccanismi di semplificazione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Udai Tamimi, la Fossa dei Leoni è la culla popolare della resistenza palestinese

La capacità di Udai di effettuare due operazioni in aree di importanza strategica per lo stato israeliano ed eludere l’arresto per 12 giorni ha catturato l’attenzione dei media popolari mentre l’esercito israeliano assediava il campo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro il “Nido delle Vespe”: l’ascesa della Brigata Jenin

l campo profughi di Jenin è stato trasformato in una “zona liberata” dalle fazioni della resistenza armata. Ora la resistenza spera che il modello Jenin si diffonda in altre parti della Cisgiordania.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele: Netanyahu torna al potere con l’ultradestra

Dopo lo spoglio del 85 % dei seggi (ore 12 del 2 novembre) il blocco dei partiti che sostengono Benyamin Netanyahu si avvia a conquistare 67 seggi sui 120 della Knesset, quindi la maggioranza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Inviato ONU: la situazione della sicurezza in Cisgiordania è in una spirale di deterioramento

L’inviato delle Nazioni Unite per la pace in Medio Oriente, Tor Wencesland, ha informato venerdì il Consiglio di sicurezza dell’ONU sulla situazione nei Territori palestinesi occupati. Ha affermato che la situazione in Palestina è “molto deteriorata” e che “la situazione della sicurezza nella Cisgiordania occupata è bloccata in un ciclo di continuo deterioramento”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Violenti scontri notturni a Gerusalemme

Violenti scontri sono scoppiati durante la notte e all’alba di sabato nella Gerusalemme occupata, a seguito dell’invasione della polizia israeliana in diverse località.

Immagine di copertina per il post
Culture

ORA BASTA! 2022 a Pisa in ricordo di Sciàscià

Segnaliamo l’evento che si svolgerà a Pisa, presso lo Spazio Antagonista Newroz, il 23 e 24 settembre. Il ricavato andrà a sostenere i comitati per la salute in Palestina.  Dopo due anni di stop, dovuti alla pandemia, ritorna la due giorni di iniziative in ricordo di Andrea Magagnini, Sciascià, nostro compagno e amico, scomparso nell’estate […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

PALESTINA: PESTATO E ARRESTATO HAFEZ HURAINI, STORICO ESPONENTE DEI COMITATI DI RESISTENZA POPOLARE A MASAFER YATTA

In Palestina monta la protesta, arrivata anche a livello internazionale, per il brutale intervento dell’esercito israeliano nella zona di Masafer Yatta, 19 storici villaggi palestinesi a sud di Hebron. I villaggi palestinesi a ridosso del Negev sono sotto minaccia di sgombero da mesi: diversi di loro sono già stati rasi al suolo per fare spazio […]