InfoAut
Immagine di copertina per il post

Cagliari, crolla soffitto di una scuola. Si organizza la rabbia

 

A una settimana esatta dalla sollevazione che ha assediato il palazzo del Consiglio Regionale della Sardegna di via Roma contro le politiche d’austerità la realtà degli accadimenti ha superato i soliti tentativi di criminalizzazione rivolti contro le lotte. Davanti alla tragedia sfiorata di questa mattina l’intervista rilasciata all’emittente locale Videolina qualche giorno fa dal questore mostra tutta la sua debolezza. L’ennesimo “uomo delle istituzioni” si è impegnato a dividere tra studenti buoni e cattivi affermando che “il grosso degli studenti dovrebbe capire che, quando si arriva allo scontro, dei motivi della manifestazione nessuno ne parla più. Quindi è loro interesse che chi scende in piazza in base ad un altro programma venga emarginato”.

Ma la rabbia degli studenti, di tutti gli studenti, non conosce programmi alternativi. Agli scontri di venerdì scorso in via Roma si è giunti proprio a causa dell’indifferenza e dall’ipocrisia dimostrata in questi ultimi anni dalle istituzioni nei confronti dei problemi posti dagli studenti in lotta e da un proletariato giovanile sardo sempre più schiacciato dal peso della crisi. In quella giornata di lotta diversi studenti sono stati feriti dalle manganellate della polizia e uno in particolare è stato rincorso, picchiato e trasportato in questura per poi venir ricoverato un giorno in ospedale a seguito dei traumi riportati. Eppure la determinazione a continuare a mobilitarsi è stata più forte. Non un passo indietro perché, come venerdì 22 in via Roma, così oggi al Dettori, sono i fatti a parlare.

 

Tra le parole d’ordine della sollevazione regionale sarda una spiccava: scendiamo in piazza contro lo stato d’emergenza in cui versa l’edilizia scolastica in Sardegna. Da mesi gli studenti denunciano che in Sardegna i fondi per interventi di manutenzione straordinaria sono crollati dai 37.000 euro del 2010 ai 10.000 del 2011 ma la situazione dell’edilizia peggiora di anno in anno. In un volantino scritto il 29 ottobre veniva scritto che: “Tutti i giorni noi studenti siamo costretti a frequentare scuole a rischio, in svariati casi realizzate con materiali nocivi per la nostra salute (il liceo Lussu di Sant’Antioco, costruito con l’amianto, insegna). Gli studenti dell’Euclide di Cagliari hanno trascorso le lezioni con secchi disseminati per le classi a causa delle forti infiltrazioni di acqua piovana provenienti dal soffitto. All’Alberti di Cagliari l’edificio presenta gravi problemi strutturali al punto da mostrare crepe sempre più larghe e preoccupanti. All’Azuni (alberghiero) mancano le cucine da ormai 4 anni! Al Marconi i laboratori funzionano a metà. Al Martini la palestra risulta inagibile. Al Gramsci di Monserrato l’auditorium cade a pezzi senza che nessuno intervenga. E stiamo citando esclusivamente i casi più macroscopici relativi alla zona del cagliaritano!”

Ancora una volta, come segnalato nelle lotte degli studenti sardi di questo autunno, si tratta di un problema tutto politico. Si tratta di un problema di scelte fatte contro gli interessi dei più, fatte da chi preferisce investire sul TAV o in spese militari lasciando marcire le scuole e svendendo i territori alla cementificazione selvaggia. Ma, come afferma Stefano del Collettivo Autonomo Studenti Casteddu: “questi sono i problemi che le lotte pongono da tempo e non siamo disposti, come fanno le istituzioni e i media, ad aspettare il dramma per prestarci attenzione e per costruire le nostre risposte”. Inizia allora a organizzarsi la rabbia di questa mattina, la stessa di questi mesi di mobilitazione. In continuità con il 22N e dopo il crollo al Dettori di questa mattina è stata chiamata per mercoledì 4 alle ore 17 all’ex facoltà del Magistero un’assemblea verso il corteo cittadino del 19 dicembre e per la sollevazione continua in città. Un’unica parola d’ordine nel frattempo come risposta immediata: occupiamo tutte le scuole!

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

cagliaricrollosardegnascuole

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

Si ricomincia, con l’alternanza scuola-caserma

Come la scuola diventa laboratorio sperimentale dei processi di militarizzazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Milano: sgomberato l’ex cinema occupato contro il caro affitti

Nella giornata di martedì un cospicuo numero di poliziotti è entrato dentro all’ex cinema Splendor a Milano per sgomberare l’occupazione iniziata il 16 settembre.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Studentati di lusso nell’età del social washing

Grazie alla riduzione dei costi dello spostamento di persone, ai profitti della finanziarizzazione e alle dinamiche economiche innescate dalla logistica, pochi imprenditori – gli osannati “investitori esteri” – hanno potenziato il proprio ruolo investendo capitali in beni storico-artistici e in servizi turistici situati in città e territori d’attrazione planetaria.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Cultura del rispetto o patriarcato militarista? La scuola con l’elmetto del governo Meloni 

Alla fine dello scorso giugno, il Ministro dell’istruzione e del merito Giuseppe Valditara ha annunciato di voler riformare alcune leggi in materia di valutazione del voto di condotta e delle misure di sospensione nelle scuole secondarie con l’obiettivo, a suo dire, di “ripristinare la cultura del rispetto, di contribuire ad affermare l’autorevolezza dei docenti e […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

Libro, moschetto e zainetto

L’azienda Giochi Preziosi, leader nella distribuzione di giochi in Italia che “probabilmente di marketing se ne intende e comprende la linea verso la quale i nostri governi spingono la scuola” l’ha presa forse un po’ troppo sul serio, lanciando una linea di prodotti per la scuola realizzata in collaborazione con l’Esercito

Immagine di copertina per il post
Formazione

La politica al tramonto. Dialogo tra Adelino Zanini e Mario Tronti

Lunedì 7 agosto si è spento Mario Tronti. «Scriveva Montaigne: vorrei che la morte mi cogliesse mentre coltivo nell’orto le mie rape. Le mie rape sono i conflitti tra gli uomini, liberamente e antagonisticamente organizzati, o per conservare il mondo così com’è o per rovesciarlo dal sotto al sopra».

Immagine di copertina per il post
Formazione

Operaismo: morto a 92 anni Mario Tronti, autore del fondamentale “Operai e capitale”

«Nella tempesta fra tutte più sacra / cada in rovina il muro del mio carcere / e avanzi il mio spirito / sovrano / libero / nella terra sconosciuta»

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Pisa. Il ruolo dell’università nell’escalation militare

Divulgati gli accordi tra Università di Pisa e settori militari

Immagine di copertina per il post
Formazione

Per le banche sì, per gli studenti no: la Corte Suprema USA decide contro la riduzione del debito studentesco

Il 30 giugno la Corte Suprema USA si è pronunciata contro il programma di riduzione del debito studentesco e ha ordinato a decine di milioni di mutuatari di pagare centinaia di miliardi di dollari che altrimenti sarebbero stati condonati.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Milano: “Tende in piazza” occupa la Casa dello Studente di viale Romagna

Questa mattina, lunedi 12 giugno, ricercatori e studenti del movimento “Tende in Piazza” che da un mese portano avanti davanti al Politecnico la lotta per denunciare l’emergenza abitativa e il caro affitti hanno occupato la Casa dello Studente di Viale Romagna vuoto da anni e in disuso.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Selargius contro il Tyrrhenian link.

Il progetto di transizione energetica verso le fonti rinnovabili minaccia di investire il territorio sardo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La persecuzione turca contro il popolo curdo colpisce in Italia

Negli scorsi giorni Devrim Akcadag, cittadino tedesco di figlio di kurdi, è stato arrestato dalla Digos di Sassari in ottemperanza a un mandato di arresto per “terrorismo” e di una richiesta di estradizione emessi “dalle autorità turche”. Si trova in Sardegna per passare le vacanze con la figlia, lasciando il suo lavoro a Berlino di traduttore all’università di Berlino.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

2 giugno: corteo contro l’occupazione militare della Sardegna

La Sardegna, per tutto il mese di maggio, vede grandissime esercitazioni militari che coinvolgono i paesi Nato e si inseriscono nel conflitto russo-ucraino. In questo periodo si susseguono con un enorme dispiegamento di mezzi: Noble Jump, Joint Star e Mare Aperto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sardegna. Esercitazioni di guerra globale con consulenti-studenti universitari

Oltre 900 tra caccia, velivoli da trasporto ed intelligence, unità navali, sottomarini, mezzi terrestri (obici, carri armati, blindati, ecc.) e 4.000 partecipanti tra militari di Esercito, Marina, Aeronautica, Guardia di Finanza e Capitanerie di Porto, funzionari e addetti di Protezione Civile, Croce Rossa Italiana e Vigili del Fuoco e finanche un’agguerrita pattuglia di studenti universitari e laureandi in qualità di consulenti delle forze armate.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sardegna: corteo contro le esercitazioni e l’occupazione militare a Decimomannu

Ieri ha avuto luogo un partecipato corteo a Decimomannu contro le tre maxi-esercitazioni militari che stanno coinvolgendo l’isola in questi mesi: Noble Jump della Nato, Joint Stars della Difesa e Mare aperto.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sardegna: trattori e abitanti in marcia contro il progetto di hub energetico delle terre sarde e i maxi impianti eolici

Mercoledì 12 aprile, nel centro sud della Sardegna, si è svolta una manifestazione per dire ‘no’ alla costruzione di oltre 17 aerogeneratori (pale eoliche) vicino al sito Unesco di Barumini, il più grande villaggio nuragico della Sardegna.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Cultura militare sempre più diffusa nelle scuole

L’Osservatorio contro la militarizzazione delle scuole, presentato a Roma il 9 marzo scorso, presso la sala stampa della Camera dei Deputati, continua nella sua attività di monitoraggio dei rapporti, sempre più stretti, tra forze armate e scuole di ogni ordine e grado, denunciandone l’assoluta incompatibilità. da Osservatorio Repressione A questo proposito l’Osservatorio in occasione del […]

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Lotte operaie: in quattro su una ciminiera a Porto Vesme (Sardegna). A rischio 1500 posti di lavoro

Quattro lavoratori sardi della Portovesme, nel Sulcis Iglesiente, si sono asserragliati sulla ciminiera dell’impianto Kss a 100 metri di altezza.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Perquisizione a Cagliari: nuova indagine sulla lotta alle basi

Nuova inchiesta sul movimento contro le servitù militari con l’aggravante di terrorismo. Si approfondisce ulteriormente la guerra interna contro chi si oppone al militarismo montante e alla devastazione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Scuole armate o scuole disarmate?

Uno scenario drammatico che si è sovrapposto a quello della scuola italiana nell’ultima decade, dove accanto alla privatizzazione e precarizzazione del sistema educativo si è assistito alla militarizzazione degli istituti e degli stessi contenuti culturali e formativi.