InfoAut
Immagine di copertina per il post

Pavia: il rettore rifiuta il confronto con l’Intifada Studentesca e tenta di logorare il movimento

A Pavia la lotta per la libertà del Popolo Palestinese non si ferma. Ieri, lunedì 17 giugno, dopo un mese di acampada, la pressione è stata portata direttamente sul Rettorato, dove era riunito il Senato accademico.

Di fronte all’ennesimo rifiuto non solo della cessazione degli accordi con Israele e del riconoscimento del genocidio, ma persino della presa in considerazione delle istanze portate dalle studenti che richiedevano la convocazione di un Senato straordinario, oltre 50 student* sono salit* nei locali del Rettorato, mentre un altrettanto nutrito presidio si è formato nel cortile sottostante.
La volontà è di resistere a oltranza, fino all’ottenimento della calendarizzazione del Senato Straordinario.

A questo punto si è giunt* dopo che per 4 settimane il rettore Svelto ha negato ogni forma di interlocuzione ufficiale con l’acampada mantenendo un rigido quanto complice posizionamento politico.
Rifiutare di riconoscere il massacro del popolo palestinese come genocidio e tutelare ogni forma di accordo di collaborazione con università e aziende implicate nella produzione di armamenti è, infatti, una precisa scelta di campo, a dispetto delle reiterate quanto vuote dichiarazioni di empatia nei confronti della popolazione di Gaza e delle esternazioni, finora rimaste solo sulla carta, riguardanti la possibile apertura di corridoi umanitari per student* e accademic*.

Da ieri si è aperta una nuova fase giocata inizialmente sulle minacce di espulsione dall’università e di processi penali ai danni delle student* in presidio in Rettorato, da parte della governance e condotta in un momento di stallo oggi con la messa in smartworking delle lavoratrici presenti nell’edificio.
In questo modo, il rettore vorrebbe vanificare l’azione di pressione e di lotta, evitando, per l’ennesima volta, di prendere una posizione concedendo il Senato accademico.
La convocazione del Senato a tema Gaza imporrebbe infatti a baroni e governance di esprimere un posizionamento netto e pubblico. Nei corridoi si vociferava che sarebbe imbarazzante esprimersi contro le mozioni studentesche e quindi meglio non parlarne affatto e scegliere la via del Verrucoso.

In questa città che dipende per una parte considerevole del suo reddito dalla presenza degli studenti e delle studentesse universitarie ci chiediamo quanto realmente valga la loro voce. Contano solo quando si tratta di pagare la retta o hanno il diritto di esprimere un punto di vista critico e di essere quanto meno ascoltati?
Attualmente la sensibilità dei giovani è molto elevata e le scelte pilatesche di UniPV potrebbero portare molti studenti e studentesse a scegliere di formarsi altrove.

Non ci piace lo stallo, non ci piace l’attesa e vogliamo rispedire al mittente l’opzione forzata della lotta di logoramento, scelta unilaterale del Rettore che si configura a tutti gli effetti come nostra controparte in questa battaglia. Il Rettore spera di nascondere la polvere sotto il tappeto, convinto che la mobilitazione presto o tardi si sgonfierà.

Crediamo sia necessario rompere le linee e sparigliare le carte, generare scompiglio scegliendo una strategia che possa, per l’ennesima volta in questo mese, cogliere in contropiede la controparte costringendola ad assumere una posizione netta. Fare capire che la voce degli studenti e delle studentesse in università ed in città conta, ha un peso e va considerata.
Rifiutare il gioco delle parti in una partita a scacchi predeterminata dall’alto.

Vogliamo Tutto – Pavia

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Formazionedi Vogliamo Tutto PaviaTag correlati:

intifada studentescaoccupazionepaviarettoratostudentiuniversità

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

Riforma Bernini dell’università: la campagna 90%

Ad inizio giugno un fulmine si è abbattuto sull’università italiana.  La ministra Anna Maria Bernini ha annunciato che il governo sta lavorando ad una nuova riforma onnicomprensiva dell’università. Dal reclutamento al precariato, dalla didattica alla governance, il governo Meloni non vuole perdere l’occasione di ridisegnare il funzionamento degli atenei.  Il fatto che la coalizione di […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

La guerra entra in classe

I come Intelligence. Il nome del “progetto” non lascia spazi a dubbi o fraintendimenti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La parte del torto

Una riflessione che parte da alcune studentesse e studenti della Sapienza in merito alla mobilitazione per il boicottaggio degli accordi università-Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sui fatti di ieri, rispondiamo ai Ministri.

Sui fatti di ieri, tutti i ministri presenti si sono spesi in dichiarazioni abbastanza perentorie e retoriche ai giornali, come al solito ribaltando la realtà e ricostruendo uno scenario molto fantasioso su quelle che sono state le dinamiche della piazza di contestazione.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Sapienza: un racconto della giornata di ieri (17 aprile)

Il 17 aprile in Sapienza è stata una giornata di lotta e smascheramento dei rapporti che l’università coltiva (e non vuole interrompere) con la guerra e Israele.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: 23 aprile corteo contro il convegno vergognoso del Politecnico

Condividiamo di seguito l’appello degli studenti e delle studentesse universitarie torinesi mobilitati in sostegno al popolo palestinese in vista del convegno che si terrà il 23 aprile al Politecnico alla presenza del Ministro Tajani, di Eni e MAECI.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: dopo ben 11 anni il processo sulla cacciata della polizia da Piazza Verdi arriva in primo grado. Posticipata la sentenza

Sono serviti 11 anni perché si concludessero le udienze del processo in primo grado riferito agli scontri tra studenti, studentesse e forze di polizia, avvenuti nelle giornate del 23 e 27 maggio 2013 a Bologna.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Sapere, potere e controllo della natura: l’intreccio tra tecnologia militare e accademia

Le diramazioni delle scienze e della tecnica sono sottili e articolate, bisogna seguirle e percorrerle per avere evidente il legame tra luoghi del sapere e luoghi di oppressione e guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’INTIFADA NON SI FERMA NEANCHE IN ESTATE

Assemblea nazionale al Festival Alta Felicità venerdì 26/07/2024 ore 18.00 dell’Intifada Studentesca

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Ma quale terra promessa? L’agricoltura offensiva coloniale in Cisgiordania

Il secondo tema che abbiamo affrontato è stato quello dell’agricoltura, dell’appropriazione della terra e dei campi e quindi delle modalità di riproduzione fondamentali da parte di Israele.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La guerra su Gaza ha privato 800 mila studenti del “diritto all’istruzione”, afferma l’Ufficio dei media di Gaza

Gaza. Almeno 800 mila studenti sono stati privati dell’istruzione a causa del protrarsi dell’offensiva israeliana contro la Striscia di Gaza, durata mesi, ha dichiarato sabato l’Ufficio dei media di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Quella di ieri è stata una giornata di lotta potentissima per l’Intifada studentesca!

Siamo partitə da Palazzo Nuovo occupato con un corteo di 2000 persone che si è ripreso le strade della città alzando il grido “Palestina libera”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Roma: migliaia in piazza contro il governo Meloni. Scontri tra collettivi universitari e polizia

Si è svolto ieri a Roma, partito da piazza Vittorio Emanuele II, il corteo “contro il governo Meloni” diretto a Porta Pia a cui si sono aggiunti i collettivi universitari e liceali che si sono dati appuntamento a Piazzale Aldo Moro.  In testa al corteo lo striscione con lo slogan della manifestazione e il sottotitolo […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Student* pront* al dialogo: ma il rettore dov’è?

Siamo al sedicesimo giorno di occupazione e blocco nella sede Unito di Palazzo Nuovo, collocandoci attivamente all’interno del movimento internazionale di Intifada Studentesca che, ormai da mesi, si sta mobilitando per il boicottaggio accademico..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ilaria Cucchi, visita a sorpresa a Palazzo Nuovo. Noi chiediamo di più.

Un pomeriggio movimentato quello appena trascorso. Infatti tra un’assemblea e un pranzo collettivo abbiamo visto comparire numerose forze dell’ordine nei pressi di Palazzo Nuovo e schierarsi a difesa di un imbarazzante banchetto della Lega per “ridare l’università agli studenti”.