InfoAut
Immagine di copertina per il post

Una scuola di merito e disciplina

Oggi in tutta Italia studenti e studentesse sono scese in piazza portando discorsi lucidi in un presente e in una scuola assuefatti.

E’ passato poco meno di un anno dalle morti di Lorenzo, Giuseppe e, più recentemente, di Giuliano. Ragazzi morti sul posto di lavoro perché l’istituzione scolastica organizza, secondo i dettami ministeriali risalenti all’epoca renziana, la formazione dei giovani invece che nelle aule scolastiche all’interno dei cantieri. L’ondata che seguì a queste morti portò in piazza centinaia di migliaia di studenti e studentesse in tutta la penisola. A Torino tutti e tutte ricordano la prima manifestazione in seguito alla morte di tre coetanei in alternanza scuola-lavoro, fu la rappresentazione plastica di quello che la società risponde in questi casi: punire, costringere, silenziare. Le teste rotte in piazza Arbarello portarono a una sana voglia di riprendersi le strade e di non tirarsi indietro, la consapevolezza che Confindustria, e chi siede nei posti in cui “si decide”, fossero i responsabili fu sin da subito chiara. Indicarli con determinazione ebbe la conseguenza di numerosi giovani arrestati, tre di questi in carcere e una ragazza ai domiciliari, per il solo fatto di aver parlato al megafono durante l’iniziativa. Oggi i quattro ventenni si trovano ancora privati della loro libertà, tutti ai domiciliari. La giornata di oggi si inserisce in continuità con altri momenti in cui i giovani di questa città hanno dato il segnale di non voler rimanere in silenzio, la grande manifestazione per lo sciopero del clima di ottobre è stata un’altra tappa di questo percorso.

La cappa di imposizione e disciplinamento che si respira nelle scuole è emblematica di un’incapacità totale di sintonizzarsi sulle esigenze di chi è giovane da parte di tutta la pletora di chi avrebbe il ruolo di formare, non soltanto di educare a codici di buona cittadinanza. L’obiettivo di lungo termine dei percorsi scolastici si situa nella speranza che gli studenti e le studentesse assumano un ruolo che non infastidisca all’interno della società e che porti alla completa integrazione e assunzione del sistema di dominio in cui si vive. Anche chi potrebbe avere una sensibilità più attenta e che vorrebbe essere portatore di cambiamento sconta il limite insuperabile di lavorare all’interno di un sistema che soffoca ogni margine di manovra potenziale.

La vicenda che ha coinvolto un insegnante di una scuola superiore di Susa è uno degli esempi emblematici di una gestione aziendalistica e da caserma della scuola. L’insegnante, dopo aver assistito a una retata co-organizzata dall’istituzione scolastica e dalle forze dell’ordine, in un contesto in cui i ragazzi e le ragazze sono stati chiusi nelle loro aule per procedere a perquisizioni e intimidazioni, ha voluto esprimere la propria contrarietà a una gestione simile. Ha deciso di metterci la faccia e dichiarare di essere dalla parte dei suoi studenti, creando un effetto immediato di sanzionamento da parte dell’istituzione scolastica. Il potere delegato ai Dirigenti, il cambiamento di titolo dà la cifra di quale sia il ruolo di chi un tempo erano i presidi, e la spinta a gestire la scuola come un luogo in cui si firma un rapporto di lavoro subordinato è uno degli elementi in gioco. La discrezionalità e l’ambiguità della gestione lascia spazio poi alle spinte carrieristiche, personalistiche e di sete di potere per soggetti inclini ad atteggiamenti del genere.

La domanda da porsi è in che modo costruire spazi liberati da queste dinamiche perché possano essere riconosciuti come occasioni di formazione e arricchimento di soggettività che non vogliono sottostare a questi ricatti? Come riconoscersi e come costruire forza in un clima in cui la tendenza all’isolamento e all’individualismo vengono costantemente alimentate?

Iniziare dalle piazze di oggi, dalle spinte di emancipazione, dalla pretesa di libertà è sicuramente un passo in questa direzione.

Per sostenere l’insegnante di Susa è stata redatta una petizione dal Coordinamento Docenti Val Susa:

https://www.change.org/p/esprimiamo-solidariet%C3%A0-a-chi-si-pone-ancora-domande-nella-scuola?utm_content=cl_sharecopy_35011527_it-IT%3A6&recruiter=1232793369&recruited_by_id=40de6f30-3fe6-11ec-ac6c-4166154ada47&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink&utm_campaign=psf_combo_share_initial&utm_term=share_for_starters_page

pubblicato il in Formazionedi redazioneTag correlati:

ALTERNANZA SCUOLALAVORODISCIPLINAMENTOmeritoscuola azienda

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Formazione

Giornata di sciopero e cortei studenteschi in tutta Italia contro il governo Meloni e il Ministero del Merito

Giornata di sciopero e mobilitazioni studentesche in tutta Italia. Oltre 25 città da Nord a Sud sono scese in piazza contro il governo Meloni e il Ministero del Merito.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Bologna: sgombero in corso di Via Oberdan 16. “Università sfrattatrice”

Da questa mattina all’alba è in corso lo sgombero di Via Oberdan 16 a Bologna. L’occupazione era avvenuta subito dopo il corteo della Convergenza per porre l’accento sulla condizione abitativa di migliaia di studenti e studentesse che si confrontano con un mercato immobiliare drogato e fuori controllo.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Invalsi conferma la schedatura di massa degli studenti fragili. A insaputa dei genitori

Invalsi, per bocca del suo Presidente Roberto Ricci, conferma che nelle scuole italiane, è in atto una schedatura di massa degli studenti fragili.

Immagine di copertina per il post
Formazione

No ai Rincari Mense, studenti e studentesse per le strade di Torino

Emerge come in un periodo di crisi legato ai conflitti globali e al post pandemia sia vergognoso scaricare i costi sui giovani e su studenti e studentesse, i soldi per cui l’Italia si sta indebitando fino al collo dovrebbero essere spesi per permetterci di vivere bene e non per gonfiare le tasche di multinazionali e industrie investendo in grandi opere inutili, armi ed energie inquinanti.

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: blitz di studenti e studentesse agli uffici dell’assessora al diritto allo studio

Ieri mattina alcuni studenti e studentesse di Torino hanno fatto un blitz nell’ufficio dell’assessora Chiorino, appendendo uno striscione nel corridoio e consegnando dei volantini al personale dell’ufficio.

Immagine di copertina per il post
Formazione

La risposta delle Regione Piemonte alle proteste degli studenti e delle studentesse contro il rincaro mense

Dopo settimane di silenzio da parte della regione rispetto a cosa stesse succedendo, dopo che studenti e studentesse avevano affermato forte chiaro le proprie richieste  l’assessora Chiorino ha deciso di negare un confronto facendo portare un foglio siglato regione Piemonte in cui afferma “non è mia intenzione, e non lo sarà in futuro, ricevere alcuna delegazione di studenti per questa protesta specifica perchè so bene qual è il valore del tempo […] preferisco dedicarlo a lavorare”. 

Immagine di copertina per il post
Formazione

Venezia: dopo l’occupazione del rettorato di Ca’ Foscari, presentate le rivendicazioni di universitari ed universitarie

A Venezia nel tardo pomeriggio di martedì 25 ottobre il collettivo universitario Lisc – Liberi Saperi Critici ha occupato la sede centrale dell’Università Ca’ Foscari a conclusione della campagna “Facciamoci spazio”, lanciata dopo la notizia di sgombero dello spazio delle associazioni e dei collettivi studenteschi.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

SUI FATTI DI IERI IN SAPIENZA: L’Università di polizia e di merito

Ieri all’università La Sapienza la polizia carica il presidio di studenti e studentesse antifasciste contro una conferenza organizzata da Azione Universitaria, gruppo neofascista.
L’università mostra il suo volto più oscuro e colluso con l’attuale governo.

Immagine di copertina per il post
Formazione

A Bologna continua la lotta studentesca per l’accesso alla casa

Dopo l’occupazione di Beyoo, dopo l’oceanico corteo del 22 ottobre, questa mattina è stato occupato un edificio in Via Oberdan 16. Un intero palazzo in pieno centro, di tre piani inutilizzato da decenni, in comproprietà tra l’università e un privato.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Climate Strike a Torino: basta stragi di corpi e territori

Difendiamo il nostro futuro: Torino, ieri mattina, ha letto questa frase sullo striscione che apriva il corteo del Global Strike, dove migliaia di giovani – ma non solo – hanno occupato le vie della città per protestare contro un sistema che sempre più ci è avverso. Da piazza Statuto a piazza Vittorio, passando per corso […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

La maledetta scuola del “ritorno alla normalità”

Lo chiamano “l’anno del ritorno alla normalità”. Un appellativo che non promette bene. Due anni fa ci siamo resi conto dei danni che la loro “normalità” può provocare, tutte le conseguenze di decenni di scelte e priorità sbagliate si sono scagliate contro di noi senza sconti, rendendo noto quanto ci è stato rapinato fin quando […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Viaggio nei centri di formazione professionale tra sforzo educativo e imprese “poco etiche”

Condividiamo questo iteressante articolo di Radio Popolare a firma Massimo Alberti del febbraio 2022 che ci offre un affresco dei Centri di Formazione Professionale. Il testo ha la virtù di proporre uno sguardo demistificante su cosa rappresentano oggi i percorsi di Formazione Professionale e sulla loro eterogeneità, ma è un po’ debole su due punti: in […]

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Il tritacarne del profitto uccide un altro giovane in Alternanza Scuola-Lavoro

A Noventa di Piave un ragazzo di 18 anni è morto durante uno stage nella BC Service una fabbrica specializzata in metallo. Secondo le ricostruzioni il giovane è stato colpito da una lastra che gli ha schiacciato le gambe e che era caduta dai cavalletti ai quali era appoggiata. Dopo Lorenzo e Giuseppe è il […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“A scuola di Tav”, ennesima assurdità a firma Telt e Regione Piemonte.

Ripubblichiamo il contributo uscito dalla pagina Ksa Torino – Kollettivo Studenti Autorganizzati a seguito dell’iniziativa svoltasi a San Didero in occasione del campeggio studentesco di questo week end. Un segnale importante nei confronti di una proposta inaccettabile formalizzata dal Consiglio Regionale del Piemonte che individua nei lavori dei cantieri della grande opera inutile una possibilità di formazione […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

Torino: persecuzioni della procura contro studenti minorenni

Continuano le persecuzioni della procura nei confronti degli studenti e delle studentesse che hanno preso parte alle mobilitazioni degli scorsi mesi. Questa volta è uno studente minorenne ad essere stato bersaglio di una denuncia in merito alla piazza del 28 gennaio. Da KSA Torino Ci ricordiamo bene tutti e tutte le inaudite violenze compiute dalla […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Essere giovani d’oggi | Giovani incompatibili, volontà di disciplinamento, spazi che si creano

Cosa significa essere giovani oggi? In questo mondo funestato dalla pandemia, dalla crisi climatica ed economica e dalle guerre, in un paese come il nostro che è abituato ad ignorare ed al limite criminalizzare i bisogni e le esigenze dei più giovani quali esperienze maturano? Chi oggi vive la condizione giovanile si misura con un’insopportabile […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Napoli: Confindustria che tu sia maledetta!

Condividiamo di seguito il comunicato del Laboratorio Politico Iskra sulle iniziative repressive che stanno colpendo in tutta Italia gli studenti e le studentesse in lotta contro l’alternanza scuola-lavoro. Siamo complici e solidali con gli attivisti e le attiviste, gli studenti e le studentesse di Torino colpiti dalla repressione delle FFOO e dalla vendetta di Confindustria […]