InfoAut
Immagine di copertina per il post

Piemonte: invece di occuparsi della pandemia, la regione invita le associazioni antiabortiste nei consultori

||||

La Regione Piemonte ha emanato in questi giorni un bando per l’aggiornamento degli elenchi di “associazioni operanti nel settore della tutela materno infantile”, ovvero le associazioni anti-abortiste, dopo che Maurizio Marrone, assessore regionale per Fratelli d’Italia, aveva presentato un testo che propone di aprire, con soldi pubblici, sportelli gestiti dalle associazioni antiabortiste che avrebbero il compito di accogliere le donne che decidono di interrompere la gravidanza per dissuaderle!

Già a settembre sempre il genio in questione, aveva emanato una circolare che vietava la distribuzione della pillola Ru 486 nei consultori e in day hospital (al contrario di quanto definito dalle nuove linee guida nazionali) e invitava l’attivazione di sportelli con associazioni come il Movimento per la Vita e i Centri di aiuto alla vita.  
 Dunque ci risiamo: infatti nel 2010 l’allora giunta Cota aveva approvato il “Protocollo per il miglioramento del percorso assistenziale per la donna che richiede l’interruzione volontaria di gravidanza”, a firma della assessora Caterina Ferrero. La delibera prevedeva che l’accoglienza delle donne in gravidanza potesse essere indifferentemente effettuata dai servizi consultoriali, dai centri per la famiglia e dalle strutture del volontariato e del privato sociale, che avessero stipulato le idonee convenzioni previste nel protocollo: ovvero dovevano operare da almeno due anni del campo socio-sanitario della tutela materno-infantile, avere per statuto come finalità “la tutela della vita fin  dal concepimento”, e garantire la presenza di volontari/e nel consultorio per almeno tre giorni la settimana. Di fatto ciò avrebbe spalancato le porte dei consultori e degli ospedali al Movimento per la Vita e alle sue associazioni satelliti.

Ne seguì una forte mobilitazione da parte delle donne, riunitesi a Torino nell’assemblea per l’autodetermin-azione. La Casa delle Donne di Torino presentò ricorso al Tar. La sentenza ritenne illegittimo proprio ciò che oggi vorrebbe essere reintrodotto: ammettere nei consultori le associazioni pro-vita antiabortiste per statuto.  Ecco il massimo dell’azione politica di personaggi come Maurizio Marrone: introdurre nelle strutture pubbliche associazioni che dovrebbero convincere le donne a non abortire, a non scegliere, considerandole come persone non autoderminate, incapaci di fare la scelta giusta per se stesse e sul proprio corpo. Sembra assurdo, sembra di tornare indietro di anni.

Una delle cose che colpisce inoltre è che tutto ciò avvenga in piena crisi sanitaria, con il Piemonte che è tra le regioni più esposte in questo momento. Mentre la pandemia dovrebbe far ripensare alla radice un modello di sanità e salute che ha evidentemente fallito, tra tagli, privatizzazioni e malagestione, personaggi come Marrone preferiscono passare il loro tempo a coccolare le lobbies pro-vita e il loro portato retrogrado per puro calcolo elettorale.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

abortomarronepiemonte

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Sui nostri corpi decidiamo noi.

Il 25 maggio in tutta Italia scenderemo in piazza contro l’ennesimo attacco all’aborto svolto da questo Governo, non a caso in contemporanea a fortissimi attacchi verso le persone trans+

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Contestazione agli Stati Generali della natalità: non siamo macchine per la riproduzione, ma corpi in lotta per la rivoluzione.

Questa mattina la Ministra Eugenia Roccella è stata contestata da un nutrito gruppo di studentesse e di studenti delle scuole superiori provenienti da tutta Italia e da differenti collettivi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una di Meno: sciopero femminista e transfemminista dell’8 marzo. La diretta della giornata

Per l’ottavo anno consecutivo, l’8 marzo sarà sciopero femminista e transfemminista globale.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Trieste: in Via Gioia uno spazio di accoglienza negato a due passi dal Silos

A Trieste, città di frontiera che non si riconosce tale, vogliamo mostrare che trovare uno spazio dove accogliere le persone migranti è possibile.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Assemblea nazionale di Non Una di Meno a Bologna. Sabato la “passeggiata arrabbiata”

Sabato 3 e domenica 4 febbraio 2024 due giornate di Assemblea Nazionale organizzate dalla realtà transfemminista Non Una di Meno, presso le aule universitarie di Bologna.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Aborto: il convegno promosso dalla Lega a Montecitorio e’ “l’ennesimo tentativo di normalizzare l’antiabortismo nel nostro paese”

Martedì 23 gennaio, nella sala conferenze della Camera dei Deputati, si è tenuto il convegno antiabortista organizzato dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli e promosso dalla Lega.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Mai più zitte, mai più sole!

Non una di Meno torna in piazza.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non Una Di Meno rilancia: mai più sole mai più zitte

Il 16 dicembre Non Una di Meno invita nuovamente a scendere in piazza contro la violenza sulle donne e di genere.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Firme false e assistenza inesistente per i reclusi: la Procura indaga sul Cpr di Milano

Il primo dicembre la Guardia di Finanza ha perquisito la struttura per acquisire documentazione. Il reato ipotizzato per l’ente gestore Martinina è frode in atto pubblico. Un’inchiesta di Altreconomia aveva svelato le “false promesse” della società alla prefettura di Milano

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Una marea in tutta Italia contro la violenza di genere.

Ieri, 25 novembre giornata internazionale contro la violenza maschile sulle donne, oltre ai due cortei nazionali indetti dalla rete di Non Una Di Meno a Roma e a Messina tantissime piazze della penisola si sono riempite di decine di migliaia di persone, come a Milano e Torino, iniziative e cortei anche a Genova, Parma, Perugia, […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Un appello a difesa del Servizio Sanitario Nazionale.

E’ uscito un appello firmato a nome di quattordici personalità nell’ambito della sanità e della scienza per tutelare il servizio sanitario nazionale, qui è possibile leggerne il contenuto.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Deposito Unico per le scorie nucleari: comunicato congiunto di Ecologia Politica e ARI.

Riceviamo e pubblichiamo volentieri il comunicato congiunto di Ecologia Politica Torino e ARI (Associazione Rurale Italiana) in merito alle novità relative alla scelta del sito considerato ideo per il deposito unico nazionale di scorie nucleari.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

“Patria, Onore e Tricolore”. A lezione con i veterani combattenti nelle scuole del Piemonte

Veterani combattenti nelle scuole del Piemonte con i soldi della Regione e la benedizione di Crosetto

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Piemonte: una “marea bianca” in difesa della sanità?

Sabato 27 maggio si è tenuta a Torino una grande manifestazione per difendere la salute e la cura. Il corteo ha visto la partecipazione di oltre 12mila persone ed è stata organizzata dal Comitato per il diritto alla tutela della salute e alle cure sotto lo slogan “Quando tutto sarà privato, saremo privati di tutto”. […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Acque agitate

Accade in Piemonte. È la battaglia in atto tra due marchi dell’imbottigliamento, Eva di Paesana e S. Anna di Vinadio. Il motivo del contendere – concorrenza sleale utilizzando i social – non ci riguarda.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Salone del libro Torino: interrotto intervento della ministra Roccella.

Interrotto l’intervento della ministra per la famiglia, Eugenia Roccella, nel padiglione della Regione Piemonte, da parte di diversi movimenti di Torino, da Extinction Rebellion a Non Una di Meno. “Siamo di fronte alla cecità di un governo che continua a investire in combustibili fossili e in politiche volte a restringere il diritto all’aborto” dichiarano le persone presenti. Molte le attiviste pedinate e perquisite senza motivo. Striscioni e sit-in anche all’esterno del Salone.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Ancona: marea transfemminista per l’aborto libero

In migliaia nel capoluogo marchigiano per un aborto libero, sicuro e gratuito per tuttə.

Immagine di copertina per il post
Culture

Spazi Sociali 2023 – Il giornale del Network Antagonista Torinese

Questo Primo Maggio come da tradizione è stato diffuso il volantone “Spazi Sociali”, il giornale del Network Antagonista Torinese. Al centro dell’edizione di quest’anno la questione della guerra e della crisi sociale, ma anche la libertà d’aborto e gli attacchi giudiziari ai movimenti sociali.