InfoAut
Immagine di copertina per il post

Tra Atene e Torino, violenza di genere come pratica di disciplinamento e repressione

Nella città di Atene, presso la stazione di Omonia, la notte dell’11 ottobre si è verificato uno stupro di gruppo. Omonia si trova nel centro città e in quella zona già in passato si sono verificate decine di violenze e omicidi ai danni di persone transgender, prostitute e migranti.

Gli stupratori erano due poliziotti del gruppo DIAS che hanno fermato una ragazza di 19 anni mentre chiedeva indicazioni. I media locali riportano come gli agenti hanno operato completamente indisturbati nei sotterranei del dipartimento, con la copertura di altri colleghi presenti, inoltre  parte dello stupro risulta essere stata registrata  attraverso le telecamere delle uniformi.

 I giornali locali hanno avuto atteggiamenti stigmatizzanti, accusando la ragazza di non essersi opposta. Emerge come le violenze di genere della polizia nella capitale greca sono di carattere sistematico. Un anno fa una ragazza ha sporto denuncia per violenze sessuali, poiché molestata da parte del padre dall’età di 11 anni e segregata per giorni, abusata, picchiata e costretta a prostituirsi da un poliziotto 39enne, Dimitris Bouyoukos. La giovane è potuta fuoriuscire dal contesto violento tramite il sostegno di una barista che l’ha nascosta e ha contattato un’avvocata.

Emerge come l’oppressione della polizia è tutt’uno con quella patriarcale. Lo stupro, le molestie, il catcalling e i commenti sessisti sono atteggiamenti in parte normalizzati e accettati nelle nostre società che diventano vere e proprie pratiche di repressione e disciplinamento nella mani degli agenti. La violenza sessuale diventa così a carattere sistematico, una metodologia di stampo patriarcale che permette al potere di consolidarsi, reprimere e diffondere i propri valori. Il ruolo dei mass media è fondamentale nel supportare la perpetrazione della violenza e la stigmatizzazione della vittima.

Anche in Italia la violenza e gli abusi di potere della polizia agiscono sui corpi delle donne: alcuni mesi fa infatti sono state applicate misure cautelari nei confronti di alcuni poliziotti e funzionari della questura di corso Verona poiché gli agenti fornivano permessi di soggiorno e acceleravano le pratiche in cambio di favori sessuali. 

Per ottenere i documenti in tempi accettabili e senza avere problemi le persone si sono trovate costrette anche a fornire denaro a poliziotti e funzionari. Risulta come l’abuso è stato possibile grazie alla struttura del sistema amministrativo volto all’erogazione dei permessi.

Vi è un’impunità totale da parte delle forze dell’ordine volto a consolidare il potere patriarcale e bianco attraverso il ricatto del permesso di soggiorno. La possibilità di ottenere i documenti diventa uno strumento di controllo e oppressione che colpisce i corpi delle donne razzializzate e delle persone migranti, mirando a renderli vulnerabili con ogni mezzo possibile e privandoli della dignità personale.

Ad Atene lo scorso 21 ottobre vi è stato un corteo molto partecipato a seguito dello stupro a Omonia e espressioni di solidarietà in tutto il paese attraverso assemblee, striscioni e azioni. Di fronte al nuovo governo emerge più che mai la necessità di contrastare l’ invisibilizzazione della violenza patriarcale e della polizia. 

pubblicato il in Intersezionalitàdi redazioneTag correlati:

abuso di potereGreciaviolenza sulle donne

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Lost in Translation: i processi contro il soccorso in mare ed il loro uso politico

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo secondo articolo sulla vicenda processuale dell’equipaggio della nave Iuventa.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Rompere i confini. Lo sbarco dei migranti nel porto di Catania

“Lo Stato sta impedendo lo sbarco dei passeggeri di una nave Ong, bisogna andare a portare solidarietà”. È questo il messaggio arrivato la sera di sabato 5 novembre sul telefono di molti e molte di noi.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Cronaca dal porto di Catania: sabato prevista grande mobilitazione

In questi giorni al Porto di Catania sta andando in onda una nuova puntata della guerra alle Ong che prestano soccorso e assistenza nel Mar Mediterraneo alle imbarcazioni di profughi provenienti da Libia e Tunisia.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Bogotà: scoppia la protesta dopo l’ennesimo abuso sessuale contro una giovane

Giovedì scorso ha avuto luogo a Bogotà una manifestazione femminista dopo l’ennesimo abuso sessuale nei confronti di una ragazza minorenne alla stazione degli autobus della compagnia Transmilenio.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non una di Meno: verso il 26 novembre a Roma

In un quadro di crescente incredulità rispetto alle prime mosse del governo entrante, il week end appena trascorso a Reggio Emilia rappresenta uno spazio di confronto e di possibilità di lotta transfemminista in vista della grande manifestazione nazionale del 26 novembre a Roma.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Nel silenzio è stato rinnovato il Memorandum della vergogna con la Libia

L’Italia condanna i migranti con il silenzio. Quando celebreremo il Giorno della Memoria ricordiamo anche gli accordi con la Libia sui lager per profughi e migranti, voluti dai governi di centro sinistra e rinnovati oggi dal governo di destra.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Convergenze e Intersezionalità: verso il 26 Novembre!

Ad unire i tre tavoli tematici – violenze e autodeterminazione, guerra ed ecologie politiche – vi è stato il filo rosso delle convergenze e dell’intersezionalità. L’esigenza del movimento transfemminista risulta quella di ribadire la capacità trasformativa e la trasversalità che tale ottica ha sulle istanze del nostro tempo, mostrando il nesso tra lotta al capitalismo e lotta al patriarcato, superando l’idea che la lotta di classe sia slegata da quella femminista e tranfemminista.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Violenza in residenza Edisu a Torino.

Sulla violenza subita dalla studentessa all’interno della residenza Edisu a Torino vi sono già molti articoli e dichiarazioni da parte di politici, istituzioni e sciacalli di ogni tipo.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Non si processa la solidarietà: sulla vicenda dell’equipaggio della Iuventa

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa traduzione di un articolo che parla della vicenda dell’equipaggio della Iuventa. Nel marzo 2021, quattro membri dell’equipaggio della nave di soccorso civile Iuventa,dopo un’indagine durata cinque anni, sono stati accusati di “favoreggiamento dell’ingresso non autorizzato in Italia”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

In Grecia il più grande sciopero generale dal 2012 contro l’aumento dei prezzi

Ieri è andato in scena in Grecia uno sciopero generale di ventiquattro ore contro carovita ed inflazione. Decine di migliaia di manifestanti ad Atene e Salonicco, trasporti bloccati e scontri nei pressi del Parlamento.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

IRAN: PROSEGUONO LE PROTESTE GIOVANILI IN TUTTO IL PAESE DOPO L’UCCISIONE DI MAHSA AMINI

Sembra che al momento siano cinque le persone uccise con colpi d’arma da fuoco dalle forze di sicurezza del regime nel Rojhi-lat, Kurdistan orientale iraniano, durante le forti proteste per la morte di Mahsa Amini, la 22enne arrestata dalla polizia morale perché non indossava correttamente il velo e deceduta per le botte subite. Oggi, mercoledì, […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

21 settembre: in ricordo di Zakie Oh!

Il 21 settembre 2018, Zakie Oh! – un membro della comunità LGBTQIA+ ateniese, sieropositiv*, genderqueer, drag queen, antifascista e attivista per i diritti umani –  viene brutalmente assassinat* da due commercianti Evangelos Dimopoulos e Athanasios Hortarias in Gladstonos Street a Omonia. L’omicidio si è consumato in pieno giorno in nome della difesa della proprietà del […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Exarchia, il quartiere minacciato da repressione, speculazione e progetto di metropolitana

Cosa è successo nell’estate ateniese ad Exarchia, storico quartiere di resistenza della capitale greca? Il governo con la scusa di voler costruire una stazione della metropolitana della linea 4, ha militarizzato il quartiere. Un pretesto, quella di portare il “traspotro pubblico” nell’area, che cela la volontà di assoggettare e speculare sempre di più sul quartiere […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Il razzismo del sistema di accoglienza greco: lo sgombero del campo di Eleonas ad Atene e la resistenza

In Grecia le persone migranti, in particolare i richiedenti asilo, sono costrette a sottostare a un sistema di “accoglienza” militarizzato e razzista, che prevede la loro ghettizzazione in campi su isole dalle quali non possono uscire o in posti dell’entroterra lontanissimi dalle città. Questa condizione comporta chiaramente forte isolamento sociale, aumento della povertà e condizioni […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Inizia lo sgombero del campo profughi di Eleonas, l’ultimo campo della città di Atene

Riceviamo e pubblichiamo da un compagno presente in loco… Inizia così la deportazione della popolazione nei campi di confinamento sparsi per le campagne. 220 persone dovrebbero essere trasportate nei campi di Scist, Ritsona e Malakasa, contro la loro volontà. Ma ieri hanno detto chiaramente che nessuno vuole lasciare il campo, nessuno vuole lasciare la città. […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Grecia, scontri e repressione all’Università di Salonicco

Vi avevamo parlato già un anno fa delle mobilitazioni contro la riforma della polizia dentro le università, storicamente fulcro dell’organizzazione antagonista, che crea un corpo specifico di Polizia dedicato all’università e limita attraverso l’uso di badge e altri stratagemmi l’accesso ad esse. La legge è vecchia di un anno ma ancora non era stata applicata. […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Un’analisi dalla Grecia, tra guerra, lotte antimilitariste e carovita

Eccoci tornat* in Grecia, con un lungo ed esaustivo approfondimento sul contesto Greco attuale in questi tempi di guerra e carovita. Con un compagno lì presente, ci facciamo raccontare come si sta posizionando lo stato greco nel panorama geopolitico internazionale in tempi guerra, essendo il territorio ellenico luogo strategico per l’Oriente e il Mediterraneo, e […]