InfoAut
Immagine di copertina per il post

Imprese criminali

«Speravo in una pena più giusta. Non ho parole, mi aspettavo più rispetto. Sono molto delusa».

Di Alfredo Facchini da Diogene

Sono le parole sconsolate di Emma Marrazzo, madre di Luana D’Orazio, morta stritolata sul lavoro, all’uscita dall’udienza preliminare dove il giudice ha accolto il patteggiamento dei datori di lavoro della ragazza.

Due anni di reclusione per Luana Coppini, titolare della ditta e un anno e sei mesi per il marito Daniele Faggi, titolare di fatto. La pena sospesa.

Se la sono cavata così – la morte di un lavoratore si può patteggiare – i due principali imputati per la morte di Luana, la giovane poco più che ventenne che morì stritolata dal macchinario dell’orditura in una ditta tessile di Montemurlo, in provincia di Prato, il 3 maggio 2021.

In 14 anni: 15 mila morti. Tutti caduti sul posto di lavoro. Una strage senza fine.

10 milioni gli infortuni. 600 mila all’anno, che sono in media uno ogni 50 secondi.

Spaventoso.

Sono 569 i lavoratori che hanno perso la vita da gennaio a luglio 2022, con una media di 81 morti sul lavoro ogni mese. Purtroppo in questi ultimi mesi sono morti anche alcuni studenti durante l’alternanza scuola-lavoro.

Anche nei primi sette mesi del 2022 il settore “Trasporti e Magazzinaggio” fa registrare il maggior numero di decessi: sono 63. Seguono: Costruzioni (62) e Attività manifatturiere (41).

In Italia gli incidenti mortali sul lavoro sono più numerosi che in altri paesi: circa 2,5 ogni 100 mila lavoratori per anno, contro 1,9 in media nella Ue.

Sempre peggio.

Serve la certezza dei controlli. Più ispettori, turni umani, formazione continua, apprendistato con tutor.
Si chiama legalità del lavoro.

Oggi abbiamo in Italia poco più di 4 mila ispettori del lavoro, tra ex dipendenti del ministero e di Inps e Inail, compreso un corpo ad hoc di carabinieri.

Ogni azienda italiana ha la probabilità di essere controllata dagli ispettori del lavoro una volta ogni undici anni e mezzo.

Una barzelletta.

Va sottolineato che la vigilanza si concentra prevalentemente sulla regolarità dei contratti di lavoro, il pagamento dei contributi e delle assicurazioni obbligatorie.

Su 84.679 ispezioni definite complessivamente da Inl-Inps-Inail, il 69% è risultato complessivamente irregolare, con un incremento in materia previdenziale (+17%) e assicurativa (+42%). Gli indici di irregolarità più elevati si riscontrano nell’edilizia e nel terziario.

Secondo le ultime stime riferite al 2021, il “giro d’affari” dell’economia sommersa, in Italia, vale almeno 203 miliardi di euro. Di questi, oltre 70 miliardi, è nel mondo del lavoro, sotto forma di “vizio del rapporto contrattuale”, e “senza diritti individuali e sindacali” per gli occupati.

Da anni c’è chi rivendica la richiesta della “Patente a punti” per le imprese: chi non rispetta le regole non può partecipare agli appalti, premiando chi invece investe in sicurezza.

Gli organi di vigilanza dovrebbero vedere rafforzato il potere di sospensione delle attività di impresa quando rilevano reati o una quota di lavoratori a nero.

Sarebbe auspicabile una anagrafe nazionale per sapere con certezza quante aziende vengono controllate, quando e – soprattutto – da chi.

Quando una persona muore sul luogo di lavoro l’aggettivo più usato è tragico: una tragica fatalità.

No. È solo l’ultima vittima di imprese criminali che oltre a spezzare vite, lasciano madri, padri, mogli, mariti, orfani troppo spesso soli in balia di una giustizia ingiusta o di una burocrazia malvagia.

«Un’ingiustizia fatta a uno è una minaccia per tutti». [Montesquieu]

Alfredo Facchini

pubblicato il in Sfruttamentodi redazioneTag correlati:

Luana D'OrazioMALAGIUSTIZIAmorti sul lavoro

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Prato: Iron&Logistics smonta i macchinari pronta all’operazione “chiudi e riapri”

Le operazioni di smontaggio – prima spacciate per lavori di manutenzione – sono inziate già la scorsa settimana e si sono concluse ieri dopo una squadra di tecnici di una ditta esterna ha lavorato a ritmo incessante per tutto il fine settimana.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Firenze: occupato ad oltranza il consiglio comunale. “Giù le mani da GKN. Difendere la fabbrica, rilanciare la lotta!”

“Basta parole, vogliamo risposte e le vogliamo adesso”. Così i lavoratori e le lavoratrici della GKN di Firenze hanno deciso di occupare, nella serata di lunedì 14 novembre, il Consiglio comunale del capoluogo toscano.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Black Friday: un buon giorno per “far pagare Amazon”

La “stagione di punta” dello shopping è il momento giusto per azioni coordinate. Dall’Italia agli Usa, la lotta sindacale nel gigante antisindacale

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Dopo lo sciopero generale, il 3/12 tutti a Roma. Contro guerra e carovita: giù le armi, su i salari

Condividiamo di seguito l’appello per una manifestazione nazionale a Roma il sabato dopo lo sciopero generale dei sindacati di base del 2 dicembre.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

“Non disturberemo chi vuole fare” e la minaccia di sgombero dell’ex-GKN

Da oggi la fabbrica ex-GKN di Campi Bisenzio è a rischio di sgombero. Venerdì con una mail è stato annunciato ad i lavoratori dalla “nuova” proprietà che oggi sarebbero arrivati i camion per procedere allo svuotamento dello stabilimento.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Processo Riders vs. Glovo: decisione rinviata

Il tribunale avrebbe dovuto decidere se il lavoro svolto dai riders va riconosciuto come subordinato e se l’algoritmo risulta discriminatorio nei confronti di chi sciopera. Ma la decisione è stata rinviata a data da destinarsi da parte del giudice.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Torino: 4 Novembre Processo contro Glovo, riders in lotta

Il 4 novembre alle ore 10 si terrà l’udienza contro la multinazionale del food delivery Glovo, per questo è stato chiamato un presidio dentro e fuori il tribunale di Torino in solidarietà con i riders in lotta.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Il punto reale sulla vertenza Gkn

Riprendiamo dal Collettivo di Fabbrica GKN un articolato aggiornamento sulla vicenda che coivolge la fabbrica di Campi Bisenzio…

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Prato: dieci giorni di azione ai negozi Liu Jo per sostenere i 22 licenziati IronLogistic

Continua la lotta dei lavoratori licenziati della IronLogistic di Prato, che ora si rivolgono alle committenze dell’azienda chiedendo di non fare affari con chi sfrutta il lavoro. Alcune imprese hanno in effetti già interrotto i loro rapporti commerciali con IronLogistic, ma Liu Jo non è tra queste.

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Fino a quando morire d’amianto?

Apprendiamo del decesso di Nino Dall’Olio già operaio della “Officina grandi riparazioni” di Bologna appartenente alla sottocoorte più a rischio quanto a livello di esposizione.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Firenze: ancora un rider morto sul lavoro, è ora di dire basta

Sebastian Galassi, 26 anni, è morto a Firenze alle 21.30 del primo ottobre 2022 nel corso del tragitto di lavoro, una strage continua che come dice Vito Totire della Rete Nazionale Lavoro Sicuro non è casuale ma determinata dalla “diffusione di attività lavorative ad altissimo tasso di costrittività che assomigliano più allo schiavismo che ai […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Agricoltura-zootecnia: ancora morte sul lavoro

Un appello alla comunità e al sindaco. Le condoglianze oggi con la speranza per il futuro di “intervenire il giorno prima”. di Vito Totire(*) da La bottega del Barbieri Le cronache danno notizia dell’ennesimo morto sul lavoro: Denis Pasini di 56 anni è deceduto ieri nella sua azienda di Montescudo (Rimini) travolto da una componente […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Viaggio nei centri di formazione professionale tra sforzo educativo e imprese “poco etiche”

Condividiamo questo iteressante articolo di Radio Popolare a firma Massimo Alberti del febbraio 2022 che ci offre un affresco dei Centri di Formazione Professionale. Il testo ha la virtù di proporre uno sguardo demistificante su cosa rappresentano oggi i percorsi di Formazione Professionale e sulla loro eterogeneità, ma è un po’ debole su due punti: in […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Tribunale di Torino: due pesi due misure

Guardando agli ultimi eventi repressivi che riguardano il movimento a Torino, il pensiero che automaticamente fa capolino è quello di una realtà giudiziaria particolarmente “severa” verso le lotte e decisamente “indulgente” verso chi, a vario titolo, è coinvolto nella gestione del potere. Certo, chi conosce la natura dello Stato e delle sue articolazioni uscite dalle […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Ergothanatos. Silenzi assordanti dal mondo del lavoro

Sullo sfondo di guerre sotto i riflettori e guerre dimenticate, dello stravolgimento degli ecosistemi, assordante è il silenzio, escluse parole retoriche oramai prive di significato, rispetto  a quanto si sta consumando quotidianamente nella grande catena di montaggio del mondo del lavoro. Di Renato Turturro per Osservatorio Repressione Continua la conta dei morti, dei feriti, dei […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Un lavoro organizzato per uccidere

PERCHE’ LE MORTI  ED INFORTUNI  SUL LAVORO AUMENTANO? RISPOSTA: PERCHE’ SONO  PROGRAMMATI DAL SISTEMA PRODUTTIVO di Umberto Franchi (*) da la Bottega del Barbieri L’ultimo morto di lavoro – scrivo il 24 maggio – si chiamava Alessandro Zabeo ed era un portuale precario interinale di 34 anni, caduto da un’altezza di oltre tre metri all’interno di […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

TARANTO: NUOVO OMICIDIO SUL LAVORO. MUORE UN OPERAIO AL PORTO, SCHIACCIATO DAL TELAIO

Nuovo omicidio sul lavoro. A Taranto Massimo De Vita, 45 anni, è morto mentre lavorava questa mattina, intorno alle ore 8, al quarto sporgente del porto di Taranto, schiacciato da un pesante telaio metallico. Sembra che il telaio si sia improvvisamente sganciato mentre veniva spostato da una nave che trasportava pale eoliche, nel corso delle […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

La rabbia di studenti e studentesse riempie di nuovo le piazze di tutta Italia

Gli studenti e le studentesse tornano in piazza per rivendicare un modello di scuola differente, pretendere l’abolizione dell’alternanza scuola-lavoro e la fine dell’aziendalizzazione della scuola. Scuole occupate, nuovi collettivi studenteschi, iniziative e prese di parola stanno continuando a crescere nelle ultime settimane. Mobilitazioni la cui profonda necessità è stata ulteriormente sollevata dall’assurda morte di Giuseppe […]