InfoAut
Immagine di copertina per il post

Solidarity initiatives for Afrin all over Italy

||||

Hundreds of people answered, in Italy too, to the call arriving from the Kurdish enclave under attack by Erdogan.

The Kurdish people always said it: we have no allies, except for the mountains. After having produced the erasure of ISIS from Syria’s map, the international community decided to abandon the Kurdish people to its fate. Neither Russia not the USA are lifting a finger against their ally, Erdogan: who have been trying for more than 50 days to reach Afrin, in Northern Syria, with the declared goal to carry out an ethnic cleansing of the area and install in power the Salafi gangs, allied with Turkey. The relentless resistance of the Syrian Democratic Forces continues, in spite of the disparity of forces, but the Turkish army is closing in on the few kilometers separating it from the Afrin city centre. While bombings on civilian infrastructure were multiplying, an urgent call to organize initiatives came – in order to break the silence of the West in front of what is concretely coming up as the umpteenth massacre on Syrian soil.

Already last sunday in Turin almost 300 people gathered in Piazza Castello where a message from Jacopo was notified – being him a young Torinese reporter being in Afrin right now, as the only Italian civilian who is witnessing what is happening in the area. The Kurdish community and the Torinese supporters then marched till Porta Susa in spite of the pouring rain. On the following day, a symbolical occupation of the Mole Antonelliana wanted to further mark the solidarity of the Turinese with the Kurdish people, in one of the city landmarks. Overnight, instead, those who provide resources and equipment to attack the Northern Syria populace were reminded their responsibilities by unknowns. From information retrieved on the web, it looks like the writing “accomplices of the Afrin massacre” showed up on the officers of “Microtecnica SRL”, a company that provides electronic components for the Kobra helicopters; while a warplane in front of the Leonardo-Finmeccanica Italian weapons’ factory was set on fire.

On Monday new initiatives were held all over Italy. In Bologna there were about 400 people at the picket called up for Afrin. After meeting beneath the Neptune statue, the confederal revolution’s supporters then enlivened a march that crossed the city downtown and reached Piazza Verdi. Chants and slogans against the policies of Erdogan supported by the European Union, that turns a blind eye on Rojava while it massacres the migrants who flee imperialist violence in Syria. Before the event, the Collettivo Universitario Autonomo (Autonomous University Collective) strikes an office of the Unicredit bank, which is part of the financial institutions that cooperate and fund the Turkish state.

In Milan there were banners in Piazza del duomo.

In Rome a picket in Piazza Venezia reminded Italian responsibilities and our country’s complicity in the attack on the sole example of people’s self-determination in Syria. Many speeches reminded to passersby and tourists the hundreds of civilian victims that already perished in the attack, while the danger of a humanitarian disaster of massive scale is already announced, if nobody will speak against sultan Erdogan.

There were solidarity actions in Florence, too. A banner was lowered from the Ponte Vecchio, with the Save Afrin writing, and a Turkish flag was burnt; while in the afternoon a picket took place beneath the local RAI (public television) headquarters, with the goal of breaking the silence that Italian media lowered on the Turkish attack on Afrin.

In Pisa the Leaning Tower was stormed and symbolically occupied by the demonstrators.

In Palermo, too, there was solidarity towards Afrin. Some students gathered in front of the Palermo university canteen with the banner “Erdogan murder”. From the megaphone there were words of solidarity and speeches to make the whole university community aware of what is happening in Northern Syria.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Traduzionidi redazioneTag correlati:

AfrinEnglish

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Proprietà collettiva contro il Capitalocene

“I rapporti di proprietà capitalistica sono il nucleo del modello sociale ed economico dominante e sono anche la causa fondamentale dei cambiamenti irreversibili prodotti negli ecosistemi di cui facciamo parte. Viviamo nell’era del Capitalocene, non in quella dell’Antropocene.”

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Lo sciopero nazionale delle lavoratrici di Inditex in Spagna: “È una scintilla in espansione”

In Spagna, la multinazionale Inditex (Zara, Bershka, Pull and Bear ecc) sta vivendo un acceso conflitto lavorativo al suo interno, da quando, lo scorso dicembre, un gruppo di lavoratrici ha organizzato uno sciopero molto partecipato che ha portato ad un aumento significativo dei loro stipendi.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Lavoro sottopagato, vita carissima e ambiente devastato

“La verità è che né l’umanità è colpevole della crisi ecologica né la natura e la società sono cose separate. In realtà, i corpi della classe lavoratrice vengono sfruttati nello stesso modo del resto della natura.” Il presente testo è la traduzione di un articolo di Rubén Martínez e Carme Arcarazo (La Hidra Cooperativa) pubblicato […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Contro il capitalismo del disastro

«La decrescita nella sfera materiale dell’economia è un dato. Il declino di energie e materiali, o la diminuzione delle raccolte che vengono colpite dal cambiamento climatico o i problemi dell’acqua sono fatti. Né il modello alimentare attuale, né quello dei trasporti, né quello energetico, né il consumo potranno essere sostenuti in un contesto di contrazione materiale. Subire contrazione materiale nell’ordine economico e politico attuale, senza trasformare i rapporti che esistono al suo interno, vuol dire mettere la politica nella zattera della Medusa, dove le uniche possibilità sono uccidere o morire.»

Immagine di copertina per il post
Traduzioni

Special surveillance requested for five Italians who supported anti-ISIS struggle in Syria

On January 3 the Digos political police in Turin notified the request of “special surveillance” for two years – with compulsory residence in Turin – brought forward by the city’s public prosecutor against those who supported the Rojava revolution. The recipients of this measure are Paolo, Eddi, Jak, Davide and Jacopo, five youth that – […]

Immagine di copertina per il post
Traduzioni

“If we want to change our destiny we must struggle in the streets”

A call-up for an alliance between French working-class neighbourhoods and Gilets Jaunes. Interview with Youcef Brakni. Youcef Brakni is a spokeperson for the Comité Adama, calling for joining up the Gilets Jaunes movement demonstration in Paris on December 1 (and beyond). A position that cuts in its own way the internal debate of the militants […]

Immagine di copertina per il post
Traduzioni

Is State better than Neoliberalism..?

The real movement which abolishes the present state of things. Starting from this one-in-a-million definition provided by Marx regarding what communism is, we can add that, in the epochal transition within which the Moor lived and acted another issue was quite clear: the State, a decisive political invention of Western and Capitalist modernity, is an […]

Immagine di copertina per il post
Traduzioni

In memory of Heval Botan

A memory of Heval Botan, internationalist who fought in the YPG and was found dead in his apartment in the USA a few days ago, written by another comrade, Marco Gelhat. Love is a tribute to human blindness, a memento that always reminds us of what we are: a universe contemplating itself, in its own […]

Immagine di copertina per il post
Traduzioni

Turin, police breaks into Askatasuna Occupied Social Centre, 15 precautionary measures and 9 arrests for Mayday 2017

A Public Prosecutor overwhelmed by scandals supports a political operation against those who in these years represented the only dissenting voice in the city of Turin, the Police Department whines after it looks for a fight on every Mayday with loathed demonstrators and Salvini settles a score against those which, in the latest years, protested […]

Immagine di copertina per il post
Traduzioni

Mons (Belgium): two-year old migrant child killed by police

In the night between Wednesday and Thursday, Belgian police opened fire against a van full of migrants on the E42 Namur-Mons highway. According to first reconstructions, Mawda, a Kurdish 2 year old child, has been killed, hit in her face by a bullet. There are ongoing police investigations, carried out by the Mons police and […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rojava: violenta esplosione all’interno del quartier generale dei mercenari filoturchi

Nel cantone di Afrin le cose non sembrano andare tutte lisce e tranquille per gli invasori turchi e i loro ascari. Come riportato dall’agenzia di stampa Hawar (ANHA), sabato 15 gennaio un’esplosione (di cui al momento non si conoscono le cause) nel distretto di Jindires ha devastato quello che rappresenta(va) il vero quartier generale delle […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il consiglio comunale di Torino prende posizione contro la sorveglianza speciale

Ieri il consiglio comunale di Torino ha approvato un ordine del giorno di sostegno ai 5 giovani torinesi inquisiti dalla procura Torino.  Partiti per sostenere a diverso titolo, nelle strutture militari e civili, la lotta contro Daesh in Siria a fianco della rivoluzione confederale, rischiano ora di essere sottoposti alla misura della “sorveglianza speciale” dallo […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Attentato a Manbij: 18 morti, 4 tra i soldati USA

Un commento di Davide Grasso ai microfoni di Radio onda d’urto. Siria del Nord. E’ di almeno 16 morti il bilancio dell’attentato suicida che ha preso di mira oggi, mercoledì 16 gennaio 2019, Manbij, località controllata dalle forze del confederalismo democratico e su cui, da mesi, ha messo gli occhi la Turchia di Erdogan, che continua ad […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

SiAmoAfrin: il ricavato raggiunge il Rojava attraverso la Mezzaluna rossa

Il ricavato della campagna di solidarietà con il Kurdistan SiAmoAfrin è arrivato a destinazione! La campagna SiAmoAfrin, durata dal 25 aprile al 2 giugno 2018, ha coinvolto un gran numero di collettivi, centri sociali e associazioni accanto a individui solidali, Ong nazionali e straniere, internazionalisti impegnati in Rojava nella società civile, nelle Unità di protezione […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

L’esperienza della rivoluzione. Eddi e Jacopo di ritorno dalla Siria del Nord

  Eddi e Jacopo sono appena tornati a Torino dopo aver passato gli ultimi nove mesi nel Kurdistan siriano. Abbiamo chiesto loro di raccontarci questa esperienza. Perché due giovani italiani hanno deciso di andare in Siria? Quale impatto con la guerra? Cosa significa in concreto una rivoluzione sociale nel 2018? Come un cambiamento radicale del […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Battaglia di Al Dashisha. Aggiornamenti dal fronte

Un aggiornamento in presa diretta da due italiani arruolati nelle YPG, le unità di auto-difesa popolare della Siria del nord Nell’operazione per liberare la zona di Al Dashisha dai miliziani dell’isis, la popolazione locale, con il loro aiuto, sta dando un supporto primario ai combattenti delle Sdf. Senza il loro supporto, colmare la fame, la […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Doppiogioco USA in Siria, Manbij appesa a un filo

Gli USA vendono alla Turchia la dipartita delle YPG/YPJ ed Erdogan spera di potersi spingere sempre più a ovest per eliminare l’esperienza di auto-governo laica e multiconfessionale che è cresciuta in ciò considera il suo cortile di casa.  La città di Mambij era stata liberata dalle SDF, le forze democratiche siriane a trazione curda, nell’estate […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Si Amo Afrin: una campagna per costruire solidarietà a livello globale

Segnaliamo la traduzione di questo articolo (uscito sul sito Morning Star) che contiene alcune informazioni in più sulla campagna globale di raccolta fondi “Si Amo Afrin”, anche attraverso le parole di Hawzhin Azeez, cofondatrice della Hevi Foundation e tra le coordinatrici della campagna (qui il link all’articolo originario). di Rosa Gilbert Perché i socialisti di tutto […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Eddi, combattente internazionale delle YPJ, per la campagna Si Amo Afrin

Il video di Eddi, combattente internazionale delle YPJ, per la campagna globale Si Amo Afrin. Riprendiamo dalla pagina facebook Si Amo Afrin questo video che Eddi, compagna italiana e combattente internazionale delle YPG, ha inviato dal Rojava con l’invito a sostenere la campagna globale di sensibilizzazione e raccolta fondi per Afrin. L’iniziativa, lanciata lo scorso […]

Immagine di copertina per il post
Traduzioni

From our mountains to Northern Syria, always partisans!

A letter for April 25 from some Italians in the Northern Syria revolution Seventy-three years ago Italy was liberated from Nazifascist oppression. The partisans were part of that generation that decided to fight fascism and struggle for a society more humane, free and just. A difficult venture for which many sacrificed their lives. Many more […]