InfoAut
Immagine di copertina per il post

Foggia: non ci pieghiamo ai ricatti della Prefettura; le lotte ci danno ragione!

 

Con le mobilitazioni i lavoratori e le lavoratrici hanno dimostrato di non voler cedere fino a quando non otterranno ciò che gli spetta. Dopo più di un anno di denunce, a Foggia come in altre province, il Ministero dell’Interno lo scorso venerdì 27 novembre ha dato loro ragione. Nella persona del suo sottosegretario, sollecitato da un’interpellanza basata proprio sulle rivendicazioni dei lavoratori a Foggia, il ministero ha confermato davanti al parlamento che per il rinnovo dei permessi di soggiorno non è necessaria la residenza, come pretende invece la questura – la quale si dovrà adeguare alle direttive dall’alto. Per ora solo parole, che hanno però un peso rispetto ad una situazione di abuso, diffusa anche in altri territori e già al centro di mobilitazioni a Roma e Caserta lo scorso 20 luglio, con i lavoratori della logistica e il movimento di lotta per la casa, e di nuovo a Roma il 12 ottobre. Quanto strappato al governo dai lavoratori braccianti è quindi strumento di rivendicazione per i migranti in tutta Italia, per chi si è visto togliere il diritto alla residenza dall’art. 5 del ‘Piano casa’ come per chiunque non abbia accesso ad un contratto d’affitto. Quel che vale a Foggia sui rinnovi e la residenza vale ovunque in Italia, bisogna adesso affermarlo e salvaguardarlo con le lotte di fronte alle istituzioni locali.

 

E certo quello della residenza per il rinnovo del permesso di soggiorno non è che un tassello in un sistema di negazione sistematica di accesso a diritti e servizi, contro cui continueremo a lottare. In primo luogo perché chi non ha il permesso di soggiorno lo ottenga: chiediamo che la Commissione Territoriale per l’asilo e la Questura di Foggia riconoscano ai lavoratori una protezione sulla base del grave sfruttamento subìto, come già avvenne per i braccianti africani protagonisti della ribellione di Rosarno del 2010. Inoltre, per la maggioranza degli stagionali stranieri (come molte altre categorie su cui si accaniscono crisi e discriminazione) la residenza rimane impossibile da ottenere nonostante le rassicurazioni del Prefetto. Secondo i comuni – nella provincia di Foggia come del resto d’Italia – chi è sfruttato non è nemmeno degno di avere riconosciuto il proprio indirizzo per l’iscrizione all’anagrafe, proprio perché è costretto a vivere in insediamenti ‘impropri’. Un circolo vizioso che va spezzato con la lotta!

 

Senza dimenticare che privare i lavoratori di qualsiasi diritto è funzionale ad un sistema economico in cui lo sfruttamento è pervasivo anche per chi ha i documenti, e va quindi contrastato anche su altri fronti. Incalzata dal dibattito parlamentare seguito alle mobilitazioni di settembre, la Prefettura di Foggia si è affrettata a dimostrare di prendere provvedimenti anche rispetto alla tutela dei diritti sul lavoro. Il tavolo ottenuto dai lavoratori a settembre riguardo i contratti (e in particolare sulla necessità di avere garantito il trasporto gratuito sul lavoro, come vorrebbero gli accordi collettivi) è stato citato come risposta concreta da parte della Prefettura. Peccato che agli impegni presi al tavolo non sia seguito nulla se non nuovi incontri, a porte chiuse e inconcludenti, di cui l’ultimo proprio in questi giorni. Incontri che, per volere di sindacati complici e timorosi di perdere qualsiasi legittimità sia loro rimasta, hanno esplicitamente estromesso i lavoratori che con la mobilitazione li hanno promossi, in totale autonomia da ogni forma di rappresentanza.

 

È ora che dalle parole si passi ai fatti, e che ai lavoratori venga riconosciuto ciò che gli spetta! Basta promesse, we need yes!

 

Corteo Venerdì 4 dicembre alle h. 15.30, davanti alla Prefettura di Foggia

 

COMITATO LAVORATORI DELLE CAMPAGNE
RETE CAMPAGNE IN LOTTA

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Bisognidi redazioneTag correlati:

agricoltoridirittifoggia

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Bisogni

“CASE IN RIVOLTA” – Bollettino delle lotte abitative

Terzo numero del bollettino delle lotte abitative “Case in Rivolta”, che lancia la settimana di mobilitazione collettiva diffusa a livello nazionale durante la settimana del 20 -26 maggio 2024.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

La contraddizione ecologica e l’opposizione alla guerra: riflessioni sulla mobilitazione contro il G7 Ambiente e Energia.

Le giornate di mobilitazione appena trascorse e quelle che abbiamo di fronte ci dicono alcune cose rispetto alle tendenze dell’oggi, dei soggetti che si muovono, delle lotte che si intrecciano. Prima di pubblicare il contributo di notav.info che ritorna sulle ragioni della mobilitazione verso il G7 Ambiente Energia di Venaria e sulla cronaca delle giornate di lotta, diamo alcuni spunti di riflessione..

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Un appello a difesa del Servizio Sanitario Nazionale.

E’ uscito un appello firmato a nome di quattordici personalità nell’ambito della sanità e della scienza per tutelare il servizio sanitario nazionale, qui è possibile leggerne il contenuto.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Sgomberi al Quarticciolo. In borgata nessuna persona resta sola.

Ieri mattina 3 famiglie della borgata sono state sgomberate da ATER e dalla Prefettura di Roma. Una ragazza incinta, una donna sola con due figli, persone in attesa di una casa popolare da decenni. Persone che abitano in quelle case dal 2002. Persone che pagano la colpa di non potersi permettere una casa. Non veniteci […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Il Fentanyl e la dolorosa condizione umana

Il dilagante consumo di fentanyl negli Stati Uniti rappresenta certamente «un dramma americano», come si legge negli ultimi due anni sui quotidiani

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Quando tagliava l’erba risparmiava i fiori. Le parole della madre di Stefano

Sono rimasta molto colpita dall’enorme affetto che in questi giorni tutti mi hanno dimostrato e voglio ringrazio tutti. Il legame con Stefano era totale, in simbiosi, a lui avevo trasmesso tutto, purtroppo anche le mie allergie, i problemi di tiroide.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Stefanino Milanesi, una vita per la lotta

Uno dei più noti compagni e protagonisti delle lotte comprese tra gli anni Settanta e quelle odierne del popolo NoTav se n’è andato, improvvisamente.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Ciao Ste, che la terra ti sia lieve

Se ne è andato Stefano, compagno, No Tav. Come redazione di InfoAut ci uniamo al ricordo del movimento No Tav ed esprimiamo tutta la nostra vicinanza ed affetto ad Ermelinda, ai compagni ed alle compagne che hanno condiviso le piazze, le strade ed i sentieri di montagna con Stefano.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Giocate, giocate! L’azzardo del Governo

Il gioco d’azzardo nel nostro Paese non conosce crisi e la crescita del gioco online sembra sempre più inarrestabile. 

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Roma: morta a 75 anni Barbara Balzerani

In carcere e poi fuori la Balzerani ha riletto a lungo la storia – personale e collettiva – degli anni ’70 e ’80, attraverso molti incontri pubblici, prese di posizione e soprattutto con numerosi libri.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Megaprofitti e sfruttamento degli agricoltori: occupazione della sede di Lactalis

“Lactalis, restituisci i soldi”: invasa l’azienda che strangola gli agricoltori mentre il suo amministratore delegato è multimiliardario

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

India: come non sfamare un pianeta affamato

In India è scoppiato un nuovo ciclo di proteste degli agricoltori contro il governo Modi con scontri e lanci di lacrimogeni alle porte di Nuova Delhi.

Immagine di copertina per il post
Culture

Contadini

La premessa: alla base di tutta la nostra vita c’è la produzione agricola.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Sette ragioni per fermare l’accordo UE-MERCOSUR

Le proteste dei trattori che stanno attraversando l’Europa hanno il merito di aver acceso i riflettori sulle opache trattative, in atto da lungo tempo, per la ratifica dell’accordo di libero scambio fra Unione Europea e Mercosur, determinandone una battuta d’arresto.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Brescia: si leva il malcontento dalla campagna, arriva la protesta dei trattori. Le voci dal “Riscatto Agricolo”

La protesta dei trattori è arrivata anche a Brescia. Presidi in una quindicina di città sotto la sigla “Riscatto agricolo”.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Agricoltori siciliani in protesta: primo corteo sulla Palermo-Sciacca

La protesta degli agricoltori e allevatori sbarca in Sicilia. Questa mattina (20 gennaio) si è svolto il primo corteo con i mezzi agricoli: partendo dall’area artigianale di Poggioreale, i trattori hanno sfilato lungo la Palermo-Sciacca per 3 km. Code infinite e traffico in tilt per diverse ore.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Germania, agricoltori in rivolta: occupate le autostrade, blocchi e cortei nelle città

È caos in Germania, dove è esplosa la protesta dei coltivatori contro il governo Scholz.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La rivoluzione di massa degli agricoltori indiani

Il 5 aprile si è svolta una protesta di massa a Delhi, la capitale dell’India. Secondo il CITU (Centre of Indian Trade Unions), la più grande assemblea di lavoratori del Paese e una delle organizzazioni coinvolte, circa 100.000 manifestanti sono arrivati dai diversi Stati del Paese.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

L’assalto dei Soulèvements de la Terre: tour italiano del movimento che sta cambiando l’ambientalismo in Francia

Il movimento dei Soulevaments de la terre (Sollevamenti della terra) sarà in Italia nelle prossime settimane per incontrare i militanti ecologisti italiani e parlare della prossima mobilitazione del 25 e 26 marzo a Poitou.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Perù: Le sinistre appoggiano lo Sciopero Nazionale Agrario, Rondero e Popolare

Il Coordinamento Nazionale delle Sinistre ha espresso il proprio sostegno allo Sciopero Nazionale convocato per i giorni 27 e 28 giugno dalle organizzazioni agrarie, rondere e popolari, così come il proprio rifiuto del Congresso golpista. Allo stesso tempo, chiedono al governo di Pedro Castillo di mantenere le sue promesse, di abbandonare il continuismo e implementare […]