InfoAut
Immagine di copertina per il post

Appello del Newroz a Diyarbakir

||||

I componenti dell’Alleanza del Kurdistan hanno tenuto una conferenza stampa a Diyarbakır (Amed) sui prossimi eventi del Newroz che si terranno in Turchia. L’Alleanza del Kurdistan ha invitato a partecipare agli eventi e alle manifestazioni del Newroz che si terranno in 31 città della Turchia.

L’Alleanza del Kurdistan, composta dal Congresso democratico della società (DTK), Il Movimento delle donne libere (TJA), dal Partito democratico delle regioni (DBP), Partito democratico dei popoli (HDP), dall’Associazione democratica del Kurdistan (DDKD), Partito umanista e della libertà(PIA ), Il Partito comunista del Kurdistan (RDP), la Piattaforma democratica Curda (PDK-Bakur), il Partito democratico del Kurdistan in Turchia (PDK-T) e i rappresentanti del Partito Azadi hanno annunciato una dichiarazione per gli eventi del Newroz 2021.

Il DTK: Accendi il fuoco del Newroz, rompi l’isolamento

Berdan Öztürk, il copresidente del DTK ha sottolineato che il popolo curdo sta attraversando un periodo storico nella sua lotta in tutte e quattro le parti del Kurdistan. “Più attaccano, prima cadranno. Il Newroz non riguarda solo l’arrivo della primavera, per ogni “Dehak” che c’è, c’è sempre stato un “Kawa” che resisteva contro di loro. [Nota dell’editore: Kawa e Dehak sono riferimenti alla mitologica storia curda del Newroz, dove il fabbro “Kawa” lotta contro il malvagio oppressore “Dehak”.]

Se dobbiamo parlare di pace, dobbiamo sapere che non c’è una pace raggiunta senza resistenza. Per il popolo curdo, per i popoli del Medio Oriente, il Newroz 2021 è significativo per costruire la resistenza. Aggiungeremo benzina alle fiamme della resistenza del Newroz. Spezzeremo l’isolamento ”.

HDP: Celebreremo il Newroz con grande entusiasmo

Alla conferenza stampa è intervenuta anche Pervin Buldan, co-presidente di HDP.

“Spero sinceramente che Newroz 2021 porti pace, libertà, fratellanza e democrazia a tutti i popoli del mondo. Celebreremo il Newroz del 2021 in mezzo alla pandemia, in un momento in cui i popoli del mondo hanno più bisogno di democrazia, libertà e amicizia. L’anno scorso non abbiamo celebrato il Newroz a causa della pandemia, ma quest’anno celebreremo il Newroz con grande entusiasmo e celebreremo questa antica festa del popolo curdo e dei popoli del Medio Oriente adottando tutte le misure necessarie per proteggere il salute della nostra gente “.

Pervin Buldan: Speriamo che Newroz sia un’opportunità per raggiungere la pace e la democrazia

Pervin Buldan ha condiviso che desidera che Newroz sia un passo verso la pace e la democrazia, che sono le richieste più cruciali e urgenti dei popoli della Turchia e del Medio Oriente. “Il Newroz è sempre stato celebrato con entusiasmo su queste terre. Abbiamo celebrato il Newroz più significativo nel 2013, quando era in corso il processo di pace e la lettera del signor Abdullah Öcalan, la sua dichiarazione che ha scritto, è stata letta in diretta sui campi del Newroz.

Quella lettera mirava a una soluzione democratica della questione curda, ma purtroppo non è stata realizzata.Tuttavia, noi e il popolo curdo siamo ancora dietro queste parole. Se siamo sinceri nelle nostre richieste di pace, democrazia, amicizia e libertà del popolo , l’isolamento imposto a Öcalan deve essere immediatamente revocato. Crediamo che invece di approfondire l’isolamento, il Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) dovrebbe cercare di tornare allo spirito del 2013. Una pace sociale non può essere raggiunta continuando a negare l’identità, la lingua, la cultura del popolo curdo, possiamo raggiungere la pace solo attraverso il rispetto reciproco e il riconoscimento delle nostre identità e culture. Ci auguriamo sinceramente che questo antico Newroz sia un’opportunità per raggiungere questo obiettivo “.

Da Rete Kurdistan

[iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/HGW0PFVniwk” frameborder=”0″ allow=”accelerometer; autoplay; clipboard-write; encrypted-media; gyroscope; picture-in-picture” allowfullscreen ]

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

curdiHDPnewroz

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Cella di isolamento per Marwan Barghouti: si teme per la sua vita, afferma gruppo per i diritti dei prigionieri

La Commissione palestinese per gli Affari dei detenuti ha dichiarato lunedì di temere per la vita dell’importante leader Marwan Barghouti

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia al comando della nuova missione militare europea ASPIDES per proteggere Israele e il commercio di fonti fossili

E’ sempre più Risiko nell’immensa area marittima compresa tra Bab el-Mandeb, Hormuz, Mar Rosso, golfo di Aden, mar Arabico, golfo di Oman e golfo Persico

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sono un medico americano che si è recato a Gaza. Quello che ho visto non è stata una guerra, è stato un annientamento

Il mio ultimo giorno, un ragazzo è corso verso di me e mi ha dato un piccolo regalo. Era una pietra trovata sulla spiaggia, con un’iscrizione in arabo scritta con un pennarello: “Da Gaza, con amore, nonostante il dolore”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

23 – 24 febbraio: sciopero generale e manifestazione nazionale per la Palestina

Riprendiamo l’appello per la due giorni di mobilitazione per fermare il genocidio in corso in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fasano: manifestazione contro il G7 ed in solidarietà con il popolo palestinese

Tutti quanti hanno ribadito che quella del G7 a Fasano  non è la tanto declamata “Vetrina Internazionale” sostenuta dagli enti locali ma un incontro che porta con sé solo guerre, miseria per il l’intero pianeta, feroci cambiamenti climatici, distruzione dei territori.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele vuole Anan Yaeesh, l’Italia intanto lo fa arrestare

Il caso del 37enne palestinese, residente a L’Aquila, accusato da Tel Aviv di finanziare la Brigata Tulkarem.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

KCK: gli attacchi che aggravano i problemi in Israele e Palestina devono cessare.

Comunicato da parte del KCK in merito a quanto sta accadendo in Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

HSM: l’azione ad Ankara è stata condotta dalla Brigata degli Immortali

Se il regime dell’AKP/MHP non fermerà i suoi crimini genocidi e fascisti, le azioni legittime nel senso della giustizia rivoluzionaria continueranno, ha avvertito l’HSM.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Rapporto sui diritti umani: Le denunce di tortura in Turchia sono aumentate del 22%, la maggioranza proviene dalle regioni curde

La Fondazione turca per i diritti umani (TİHV) ha rivelato un aumento del 22% delle denunce legate a tortura e maltrattamenti nel corso del 2022. Si sospetta che una maggioranza significativa delle denunce provenga da minacce e percosse motivate politicamente, con il 68,8% delle richieste provenienti da regoni a maggioranza curda.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’Italia arma Erdogan per la campagna di sterminio del popolo kurdo

L’Italia ha autorizzato vendite di sistemi di morte al regime turco per il valore di 582 milioni di euro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Libertà per chi? Il Corano, la Nato e gli imbarazzi svedesi

Risparmiato dalle ondate di calore, il clima svedese è nondimeno surriscaldato dalla crisi internazionale accesa (è il caso di dirlo) dai roghi del Corano che si sono verificati negli ultimi mesi.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il martire Paolo Todd, una storia di lotta da Standing Rock a Raqqa

L’impegno di Todd ha superato i confini. Il 4 novembre 2016 ha intrapreso un viaggio di migliaia di chilometri, avventurandosi dagli Stati Uniti fino alle estreme propaggini della Siria settentrionale e orientale. da ANF Paolo Todd, valoroso nativo californiano, è cresciuto a Pasadena e ha proseguito gli studi all’Università dell’Oregon, dove si è laureato presso […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La persecuzione turca contro il popolo curdo colpisce in Italia

Negli scorsi giorni Devrim Akcadag, cittadino tedesco di figlio di kurdi, è stato arrestato dalla Digos di Sassari in ottemperanza a un mandato di arresto per “terrorismo” e di una richiesta di estradizione emessi “dalle autorità turche”. Si trova in Sardegna per passare le vacanze con la figlia, lasciando il suo lavoro a Berlino di traduttore all’università di Berlino.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Appello alla partecipazione alla manifestazione di Losanna del 22 luglio

I curdi stanno organizzando una serie di eventi in occasione del centenario del Trattato di Losanna che ha diviso il Kurdistan in quattro parti e ha sottoposto i popoli della regione alla negazione e al genocidio.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La NATO approva la strategia genocida di Erdoğan nel 100° anniversario del Trattato di Losanna

Il compromesso della NATO con lo Stato turco e il suo pubblico sostegno alle violente politiche anti-curde di Erdoğan dimostrano che l’alleanza è ancora una volta disposta a commettere gravi violazioni del diritto internazionale e dei diritti umani, lo afferma il KNK.