InfoAut
Immagine di copertina per il post

Argentina: Gigantesca mobilitazione contro gli aggiustamenti, il FMI e il debito della povertà

300 mila piqueteri/e hanno detto “Basta” alle politiche neoliberali del Governo.

È stata una giornata storica per varie ragioni: la principale si deve ad una mobilitazione di massa dell’Unità Piquetera e dell’UTEP, alle quali si sono aggiunte altre organizzazioni sociali.

Di fronte ad una simile moltitudine, il Governo del Fronte di Tutti, con Alberto Fernández e la ministra Tolosa Paz, tra gli altri, rimane più svalutato che mai, per colpa delle sue politiche di cedimento e per voltare la schiena alle e ai più poveri.

Esattamente per questo, migliaia hanno gridato, in vari momenti, rispondendo anche ad una proposta di Norita Cortiñas, le parole d’ordine “Fuori il Fondo, fuori” e “Fuori, Tolosa, fuori”.

È stata particolarmente appariscente la foto dei massimi dirigenti delle organizzazioni della sinistra schierate nell’Unità Piquetera e di quelle fino a poco fa, legate al governo, dell’UTEP, che si abbracciavano e salutavano con effusione lo “stare in strada insieme”.

A loro si sono aggiunti militanti del Fronte Popolare Dario Santillán, della Tupac Amaru e del Fronte Milagro Salas che hanno accompagnato la marcia.

Di fatto, questo che dovrebbe essere naturale non succedeva da quando si era insediato l’attuale mandatario e aveva ordinato ai suoi seguaci del campo sociale di essere disciplinati. Ora le cose sono molto diverse, essendo gli uni e gli altri scossi per la mancanza di sensibilità di un governo che è arrivato al comando con il logo di “nazionale e popolare”.

La fame dilaga nella stragrande maggioranza dei quartieri poveri dell’AMBA (Area Metropolitana di Buenos Aires) e in tutto il paese. “Per questo siamo qui, per opporci a queste politiche nefaste e chiedere la rottura con il Fondo, oltre la rinuncia della ministra Tolosa Paz”, ha dichiarato uno dei rappresentanti del Coordinamento per il Cambio Sociale, che ha mobilitato migliaia di persone, con i simboli delle proprie rispettive organizzazioni. Insieme a loro, una gigantesca colonna del Polo Obrero, del Fronte di Lotta Piquetero e del MST.

Dalla parte dell’UTEP si è ripetuta la stessa cosa, il Movimento Evita, Barrios de Pie, e altre numerose organizzazioni hanno contribuito a generare quello che i droni e sicuramente una visione dall’alto del Ministero, non potevano occultare: la 9 de Julio, all’epoca l’Avenida più grande della città di Buenos Aires e del paese, affollata ovunque si guardi.

Tutti i dirigenti consultati da Resumen Latinoamericano hanno coinciso sul fatto che questa giornata segna un punto di svolta tra coloro che lottano in strada e coloro che guardano da un lato, tra loro una parte del movimento sindacale, che stanno rinchiusi nei propri locali, ignorando le lamentele delle e dei lavoratori che sanno che i propri salari perdono giorno dopo giorno contro un’estrema inflazione che già giunge a più del 108% annuale.

Questa realtà obbligherà sicuramente i movimenti, che per due giorni nella Marcia Federale Piquetera e questo giovedì, circondando il centro della città, a vedere di raddoppiare la scommessa e a continuare con un piano di lotta che diventa più che necessario.

La ciliegina sulla torta della mobilitazione l’ha messa l’instancabile Norita Cortiñas, Madre di Plaza de Mayo-Linea Fondatrice, quando ha dichiarato che “non bisogna più abbandonare le strade, per piegare così il braccio di coloro che tutti i giorni rubano al popolo”, e si è congedata con una parola d’ordine che rapidamente è stata intonata da molti: “Lottare, lottare e lottare, perché lottando li cacceremo”.

Foto Resumen Latinoamericano

18 maggio 2023

Resumen Latinoamericano

Traduzione a cura di Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

argentinafmiPIQUETEROS

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

48 palestinesi di Gaza torturati a morte da Israele

Quarantotto detenuti palestinesi di Gaza sono stati torturati a morte durante la loro detenzione dall’esercito israeliano, ha riferito Haaretz. L’esercito afferma che sta conducendo indagini penali sulle morti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: dalla cordigliera alla meseta e alla costa, la lotta di un popolo per l’acqua

Tra il 15 e il 21 dicembre 2021, il popolo del Chubut abrogò la Legge di Zonificazione Mineraria che era stata approvata sei giorni prima, senza consultazioni, dai deputati provinciali.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: la polizia ha effettuato varie perquisizioni ai locali e alle mense delle organizzazioni sociali

Lunedì mattina, agenti della Polizia Federale hanno perquisito i locali e le mense popolari del Polo Obrero, si sono recati anche nel domicilio di uno dei dirigenti del FOL e hanno effettuato una perquisizione del locale di questa organizzazione nel quartiere di Congreso.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La diffusione del dengue, l’agroindustria e il cambiamento climatico

Le cause dell’epidemia di dengue sono molteplici, conosciute e anche poco affrontate: cambiamento climatico, deforestazione, uso di pesticidi, impatto sui predatori delle zanzare e mancanza di pianificazione territoriale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Un’altra provocazione di Milei che annuncerà un indulto per i genocidi

Il presidente Javier Milei, su richiesta della sua vicepresidente Victoria Villarruel, ha deciso che il prossimo 24 marzo concederà un indulto a tutti i militari genocidi

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Argentina: voci, facce e comunità che dicono “no” all’attività mineraria del litio

“La rotta del litio: voci dell’acqua”, è il libro di Camila Parodi e Susi Maresca.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: La legge omnibus è stata fatta cadere

Il regime di Javier Milei ha subito una sconfitta considerevole prima di terminare i due mesi di mandato. Il suo progetto più prezioso è tornato indietro al Congresso.