InfoAut
Immagine di copertina per il post

Brasile: Festa o no nella favela?

Qual è il futuro della relazione dello stato con le periferie urbane?

Di Timo Bartholl

27 e 28 ottobre 2022. Una festa di fine settimana nella favela! Ma non una festa uguale per tutti. Coloro che hanno potuto festeggiare di più lo scorso fine settimana sono stati quelli che combinano il tifo per il Flamengo con il sostegno al PT, o che almeno volevano che vincesse Luis Inácio Lula da Silva affinché non si prolungasse il governo fascista di Jair Bolsonaro. Vittoria nella Libertadores per il Flamengo sabato, vittoria nelle urne per Lula domenica. Tanta birra per tanta allegria!

Un fine settimana con pochi motivi di festa, ma per quelli che hanno combinato il sostegno al Vasco che era riuscito a perdere con Sampaio Corrêa all’ultimo minuto della partita, già giovedì, e continua ad essere incerto se potranno tornare nella prima divisione, e il sostegno all’ancora presidente Bolsonaro, che domenica ha perso nelle urne. E in mezzo stanno quelli che appoggiano il Flamengo ma desideravano la rielezione di Bolsonaro o quelli che incitano il Vasco e si sono consolati come votanti di Lula per la sua vittoria di domenica. Tutte le combinazioni non sono solo possibili nelle favelas di Río, ma coesistono, in proporzioni che differiscono da una favela all’altra.

Dopo l’allegria o la semi-allegria e la festa per alcuni, felici postumi della festa il lunedì. E dopo la non allegria per altri, postumi postelettorali che sembra anche che tarderanno a essere superati. Orchestrata in modo più o meno centralizzato, difficile da sapere, ma certamente sostenuta in modo decentralizzato e capillare, un’ampia mobilitazione di occupazioni di strade, blocchi di strade. Ci si veste una volta di più come se fosse la finale di un Mondiale di calcio maschile, ma le gradinate non sarebbero un “Generale” che da anni non esiste in un elitario Maracaná, ma sarebbero i bordi delle strade di tutto il paese per esprimere la disperazione: dopo tutto, un mito non può perdere delle elezioni!

Mentre le immagini della televisione riportavano il fermento di cui erano protagonisti coloro che sono militanti fascisti a favore di Bolsonaro o seguaci della sopravvivenza e dell’accoltellamento che si sentono profondamente offesi, la vita nelle favelas di Maré ha fatto quello che di solito fa: continuare il suo proprio cammino. Non ci rallegra in assoluto sapere che persone vicine, familiari, amici sostengano Bolsonaro, ma per quello che ho potuto osservare, nessuno si è scontrato violentemente. Discutiamo, dibattiamo fervidamente, sì, allo stesso tempo ho sentito che non senza un consenso di base il gioco continua, continuiamo nelle lotte della vita quotidiana. Il governo cambierà e la nostra strada qui nella favela continuerà appena passeranno i postumi – quelli della birra pro-Flamengo e Lula o quelli della tristezza post sconfitta nelle notti del mito.

In un momento così delicato, mi domando quali siano alcune delle principali (in)certezze in, per e dalle periferie urbane nell’attuale momento e per il prossimo futuro. Scelgo solo un esempio, forse il più sensibile e critico: la politica di insicurezza pubblica per le favelas.

Non si sa fino a che punto il governo del PT/PSB (chi avrebbe pensato che il “socialdemocratico” che non fu mai, il vicepresidente eletto Geraldo Alckmin, avrebbe fatto parte un giorno di un partito “socialista” che non lo é? La questione principale sarebbe la continua militarizzazione della relazione dello stato con i nostri territori. Ricordiamo bene, bene o male, che le occupazioni militari, quelle dell’UPP (Unità di Polizia di Pacificazione) e  gli sgomberi precedenti ai mega eventi, avvennero con un’alleanza città-stato Río-Brasilia, dove il governo del PT/PMDB Planalto appoggiò il governo statale di Sérgio Cabral e il governo municipale di Eduardo Paes nelle loro avanzate e attacchi contro i territori popolari periferici. A Sérgio Cabral costò solo un viaggio a Brasilia e una conversazione con l’allora presidente Dilma, per ottenere 2.000 soldati, jeep, blindati e tutta l’infrastruttura necessaria per occupare per un anno le favelas di Maré.

Quale sarà la relazione del governo del PT/PSB con i nostri territori e la sua relazione con un governatore, Castro, che è stato eletto non solo in base ai massacri nelle favelas che facevano parte della sua “campagna elettorale”? Da questa incertezza discende la certezza che una visita per la campagna elettorale di Lula ad Alemão non garantirà che la relazione dello stato con le favelas cambierà nella sua essenza. Lula ha dimostrato in passato di avere una visione molto distorta della dinamica nelle periferie urbane. Nel 2008, intervistato da Alves & Evanson (2012, p. 277) nel libro “No fogo cruzado” (Nel fuoco incrociato), nella fase finale del suo secondo mandato come Presidente della Repubblica, i ricercatori gli domandano perché lo stato utilizzasse un armamento così pesante come il caveirão (“teschio”, come è chiamato il mezzo blindato usato dalla polizia, ndt) per portare a termine operazioni estremamente violente nelle favelas di Río de Janeiro.

L’allora presidente rispose:

“Ma vedi che nel momento in cui presentano le armi dei banditi, sono più moderne di quelle della polizia. E loro [i poliziotti con i teschi] entrano in un territorio che non conoscono. È così che gli Stati Uniti furono sconfitti in Vietnam, andarono in un territorio che non conoscevano. Lì c’erano quei vietnamiti di due metri d’altezza, magri, in un buco in cui entrava appena un armadillo. E sconfissero gli americani. È importante lavorare anche nell’aspetto psicologico. Hai un poliziotto che è un essere umano, mal pagato, mal preparato e che ha tanta paura di morire come il bandito…” (ALVES & EVANSON 2012, p. 277).

La ricercatrice Juliana Farias commenta questa linea di Lula nella sua tesi “Governo delle Morti: un’etnografia della gestione delle popolazioni delle favelas a Río de Janeiro” (IFCS/UFRJ, 2014): “E fu così, associando i banditi ai vietnamiti e viceversa, che Lula, una volta di più, ha legittimato la politica di scontro nelle favelas” (p. 61).

Lula continua l’intervista cercando di relativizzare, riconoscendo la violenza delle forze dello stato e vede le cause nel fatto che il crimine organizzato a Río de Janeiro si sarebbe trasformato in un’industria: “Un’industria che dà lavoro a molti dei poveri, e i potenti stanno fuori della favela. E lì avviene una vera barbarie. La polizia uccide bambini, l’esercito uccide questi giovani nel Morro da Providência, uccide molta gente. La questione della polizia di prossimità, la questione di coinvolgere le madri, di avere programmi sociali comunitari. Tutto questo è a lungo termine. Non c’è soluzione a breve termine” (ibid.).

Due questioni emergono in queste dichiarazioni di Lula, una che l’allora e futuro presidente della Repubblica del Brasile compara la relazione tra lo stato e le favelas con la relazione tra Stati Uniti e Vietnam durante la Guerra del Vietnam: il BOPE (Battaglione delle Forze Speciali della Polizia) e il Choque sono le forze armate degli Stati Uniti e le favelas sono il Vietnam… Un’altra questione che emerge è che per le relazioni e le cause della violenza urbana, per Lula a breve termine non ci sono soluzioni. In altre parole: non vede la possibilità di trattare con urgenza la morte degli abitanti delle favelas, solo a “lungo termine”.

Non si tratta di voler infastidire solo per richiamare l’attenzione nel momento in cui ci sentiamo alleviati dal fatto che Bolsonaro ha perso le elezioni. Come vede Lula oggi, 14 anni dopo l’intervista citata, e come si relazionerà il governo eletto del PT/PSB sulla questione della dinamica territoriale e delle lotte di potere nelle favelas?

È anche importante ricordare che ogni volta che un rappresentante del governo in Brasile si mette il berretto di un movimento sociale, sembra che ci allontaniamo un po’ più dalle rivendicazioni e dalle bandiere più profonde e ampie o radicali delle sue lotte. Nel caso del MST, per esempio, un berretto che Lula porta con una certa frequenza, chi parla oggi di un’ampia riforma agraria? Chi la difende? Cosicché la preoccupazione che sorge è quale sarà il legame tra il “CPX” (in riferimento al “Complexo do Alemão”), berretto da campagna elettorale sulla testa del rieletto Lula e la relazione del governo federale con le periferie nei prossimi anni? Una preoccupazione che per i movimenti delle favelas si presenta allo stesso tempo come una certezza più che evidente e come un segnale d’allarme: dovrà continuare a lottare molto affinché le vite nelle favelas importino non solo a coloro che le abitano, ma anche a coloro che le governano.

4 novembre 2022

Desinformémonos

Traduzione a cura di Comitato Carlos Fonseca

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

brasilefavelasLULA

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Stati Uniti: alle primarie democratiche del Michigan in molti hanno votato scheda bianca contro il genocidio in Palestina

Martedì nello stato del Michigan ci sono state le primarie del partito Repubblicano e di quello Democratico per scegliere i candidati alla presidenza degli Stati Uniti, in vista delle elezioni di novembre.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: al salto dei tornelli per l’aumento del biglietto

I più giovani fanno il salto. I più anziani chiedono permesso per evitare la spesa della SUBE. Madri e padri fanno passare sotto i propri figli. Una cartolina argentina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il vero piano israeliano per Gaza è la deportazione dei palestinesi

A più di 140 giorni dall’inizio della guerra di Gaza,  il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha finalmente proposto un non-piano per il futuro di Gaza ,un elenco di principi irrealizzabili e slegati dalla realtà.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Trappole esplosive e imboscate: come i sadici “Hunger Games” di Israele mirano a far morire di fame la popolazione di Gaza

Ci sono crescenti segnalazioni di agguati israeliani che prendono di mira direttamente i civili a Gaza mentre aspettano gli aiuti, spesso dopo che falsi messaggi segnalano che i soccorsi sono in arrivo.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Crescono le spese militari dell’Italia in Africa nonostante le violazioni dei diritti umani

Aumenta l’impegno militare nel continente Africano: il governo Meloni, in continuità con i governi precedenti, proroga le missioni in corso e ne aggiunge di nuove, anche nei paesi che violano i diritti umani e il diritto internazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I “paesi in via di sviluppo” intrappolati in una nuova crisi del debito

Il rapporto della Banca Mondiale sul debito dei “paesi in via di sviluppo”, pubblicato il 13 dicembre 2023, rivela un dato allarmante: nel 2022, i paesi in via di sviluppo nel loro complesso hanno speso la cifra record di 443,5 miliardi di dollari per pagare il loro debito pubblico estero.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: la guerra contro i popoli indigeni

Mentre si presenta nel Congresso dell’Unione una pirrica e limitata riforma costituzionale in materia di diritti indigeni, molto lontano dalla integralità giuridica che fu proposta nel dialogo di San Andrés, la guerra contro i popoli originari del Messico della quarta trasformazione continua in tutto il territorio nazionale.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: attacco frontale alle popolazioni native

La bancada ruralista, il blocco dei latifondisti brasiliani al Congresso, è riuscita ad imporre una legge che mette in discussione la stessa sopravvivenza delle popolazioni native.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile. “Non produrremo un solo bullone”: i metalmeccanici della General Motors scioperano per contrastare i licenziamenti

I 4.000 lavoratori della fabbrica di São José dos Campos affermano che torneranno al lavoro solo se i loro colleghi saranno reintegrati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: studenti obbligano università a fermare conferenza di gruppo sionista nel loro campus

Studenti palestinesi e brasiliani sono riusciti a impedire che il capo del gruppo di difesa sionista StandWithUs Brasil, Andre Lajst, tenesse una conferenza presso l’Università Federale dell’Amazzonia (UFAM), in Brasile.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile. Con 100.000 contadini a Brasilia, la Marcha das Margaridas esige l’accesso alla terra e la lotta contro la violenza

La manifestazione si svolge ogni quattro anni e onora la sindacalista Margarida Maria Alves, assassinata nel 1983.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Miniera di sangue. Report sul progetto minerario Belo Sun

La società appartiene al gruppo canadese Forbes & Manhattan, una banca d’affari focalizzata su progetti minerari internazionali, che intende costruire la più grande miniera d’oro a cielo aperto del Brasile e allontanare più di 800 famiglie dalla regione, che saranno trasferite nello stato di Mato Grosso. 

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: indigeni sono repressi dalla Polizia Militare in un blocco stradale a San Paolo

Dopo circa 20 minuti di resistenza con scudi di bambù, i manifestanti si sono ritirati dalla via e la Polizia Militare ha effettuato una specie di inseguimento fino all’entrata del centro abitato.

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Brasile: Cinque anni senza Marielle, cinque anni di impunità

Il 14 marzo si compiono 5 anni dall’assassinio di Marielle Franco e dell’autista Anderson Gomes. Ho presente l’impatto che fu ricevere da Rio, il messaggio straziante di mia figlia Julieta, sua amica e compagna di militanza: “Papà hanno ucciso Marielle”. Aveva 36 anni. di Schachter Silvio Dopo la sua morte, migliaia di brasiliani e persone […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I militari guardiani dell’estrattivismo in America Latina

Stanno uscendo nuovi dati che confermano il ruolo delle forze armate nell’assalto di domenica 8 gennaio al parlamento, al palazzo del governo e alla Suprema Corte di Giustizia a Brasilia. Non ci si sbilancia con il sospetto che gli assaltatori (terroristi secondo media e autorità) contarono sulla simpatia o un puntuale appoggio dei militari, ma loro sono stati gli organizzatori dell’evento.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Brasile: Bolsonaro come Trump?

Ma la distanza tra il Brasile e gli Stati Uniti è molto più che geografica.
L’assalto al parlamento a Brasilia è fallito e non avrebbe potuto essere altrimenti, visto il mancato sostegno delle forze armate cui Bolsonaro si è frequentemente richiamato, e che sono state ampiamente sostenute dall’ex presidente.