InfoAut
Immagine di copertina per il post

Comunicato di ATA. Il prigioniero politico basco Patxy Ruiz ha sospeso lo sciopero della fame dopo 31 giorni

||||

Il prigioniero politico del Txantrea (storico  quartiere indipendentista di Pamplona), Patxi Ruiz ha lasciato oggi, il 31 ° giorno, lo sciopero della fame che ha mantenuto dall’11 maggio.

Lo stesso Patxi ha spiegato a un amico che questa mattina ha iniziato a nutrirsi e che spiegherà i motivi per cui ha sospeso lo sciopero della fame. Nei primi 12 giorni, oltre allo sciopero della fame, ha anche mantenuto uno sciopero della sete fino a quando il suo corpo era quasi al collasso. Fu ricoverato in ospedale il 21 maggio e il giorno dopo iniziò a bere. Oggi sarebbe stato trasferito al modulo 10, ma non possiamo ancora confermare questo fatto.

Patxi è vivo e questa è la prima cosa che il movimento per l’amnistia e contro la repressione vuole celebrare. Invece, la prima cosa che vuole criticare è l’atteggiamento omicida della gestione della prigione di Murcia II, dal primo all’ultimo giorno. È sorprendente la rapidità con cui ha contattato l’agenzia Europa Press per dire che Patxi aveva lasciato lo sciopero della fame, senza rispettare il tempo di recupero del prigioniero, mentre 10 giorni dopo Patxi ha iniziato lo sciopero della fame e della sete, ha detto che non ne aveva conoscenza dei fatti.

Per quanto riguarda questi ultimi 31 giorni, il nostro movimento apprezza in modo molto positivo la ferma risposta data da Euskal Herria. Migliaia di persone hanno partecipato alle mobilitazioni, ai confini, ai digiuni e agli scioperi della fame, alle carovane e ad altre dinamiche di protesta condotte ogni giorno in Euskal Herria.

Anche la solidarietà arrivata dalle carceri è stata essenziale per ottenere supporto a Patxi. Alcuni prigionieri sono stati rinchiusi nella cella per un mese, con le conseguenze che ciò comporta. Sono aspre proteste che sono state coperte dalla situazione di Patxi. Hanno effettuato scioperi della fame, confini, digiuni, rifiuti di vassoi alimentari e spedizioni ai direttori delle carceri. In totale, 20 presx del Movimiento Pro Amnistía, dell’EPPK e sia GRAPO che PCEr hanno partecipato a queste dinamiche a favore di Patxi.

Anche se stiamo ancora aspettando il messaggio di Patxi, in questo momento possiamo dire senza dubbio che la mobilitazione popolare è stata essenziale per proteggere la sua vita e per darle le richieste nel posto che meritavano. Grazie alla pressione popolare, Patxi non si è mai sentito solo, e il Movimiento Pro Amnistía y Contra la Represión vuole ringraziare tutte le persone che si sono mobilitate in un modo o nell’altro.

La lotta di Patxi Ruiz ha scosso il Paese Basco e, soprattutto, è servito a svelare la brutalità della prigione. Nelle carceri spagnole e francesi, la tortura cronica viene applicata ai prigionieri e, spesso, anche tortura diretta. Dalle pareti interne, prevale l’opacità e i carcerieri (anche i dottori, come abbiamo visto in questo caso) agiscono impunemente per maltrattare i prigionieri.

Le gallerie di isolamento, i primi gradi, i file interni di follow-up speciali, i moduli di rispetto per ricattare i prigionieri e l’intera struttura della prigione sono strumenti di tortura per spezzare l’essere e la volontà della gente e avere responsabili politici. Sono proprio questi leader politici che, da quando Patxi ha iniziato lo sciopero della fame e della sete, hanno attaccato e preso di mira il movimento contro l’amnistia e contro la repressione su base giornaliera.

Durante questo lungo mese è diventato chiaro chi è chi, le priorità di ciascun agente politico e la distanza tra la politica istituzionale e i veri bisogni della gente. È stato anche evidente che, contrariamente a quanto ci viene detto dai partiti politici borghesi, le persone hanno una reale capacità di condizionare la politica dalla strada, che è sincero, pulito e molto più sano di ciò che rimane nelle mani di un’élite.

Per finire, non possiamo partire senza menzionare che coloro che consideravano Euskal Herria assimilati hanno commesso di nuovo degli errori. La lotta di Patxi ha messo in luce l’esistenza di un nuovo spazio sociopolitico composto da diverse organizzazioni, ognuna con le sue specificità, ma con la premessa del rispetto reciproco. Ha anche scoperto l’esistenza di una rete internazionalista e solidale che ha lavorato umilmente negli ultimi sei anni, con sorpresa di molti.

Il percorso non è finito. Rimangono alcune delle mobilitazioni convocate prima. Nelle prossime ore e giorni le renderemo concrete. La lotta continua, per l’amnistia e per un’organizzazione che porta alla libertà di Euskal Herria e la sua classe operaia all’Indipendenza e al socialismo! Gora Patxi!

En Euskal Herria, a 10 de junio de 2020.

Movimiento Pro Amnistía y Contra la Represión.

Traduzione a cura di Les Enfants Terribles

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

euskal herriaPaesi Baschiprigionieri polititcisciopero della fame

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Napoli: liberi di lottare contro la guerra e affianco al popolo palestinese

Alle 6 di stamani la polizia è andata a casa di 4 compagn per notificare l’applicazione dell’obbligo di firma e contestare vari reati per la manifestazione in solidarietà al popolo palestinese del 13.02 di quest’anno fuori le sedi della RAI di Napoli. da Laboratorio Politico Iskra Giovedi 18 luglio, Presidio h 10, Sede Rai via […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Combattenti stranieri per Israele: mercenari o guardiani “dell’unica democrazia” del Medio Oriente?

Israele sta usando i combattenti stranieri nella sua Guerra Genocida contro Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’INTIFADA NON SI FERMA NEANCHE IN ESTATE

Assemblea nazionale al Festival Alta Felicità venerdì 26/07/2024 ore 18.00 dell’Intifada Studentesca

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La partenza dei coloni israeliani è aumentata del 150% dal 7 ottobre

I media israeliani evidenziano un notevole aumento di coloni israeliani che lasciano la Palestina occupata, con preoccupazioni per la sicurezza e l’incolumità che guidano questa “migrazione inversa”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Mesopotamia: cos’è Hezbollah? Intervista a Fabio Merone

Grazie al contributo di Fabio Merone, ricercatore che si occupa di islam politico e, in generale, di politica nel mondo arabo, in questa puntata andiamo scopriamo il movimento sciita libanese Hezbollah (“Il partito di Dio”).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Regno Unito. L’analisi del voto e gli scenari di scontro possibile

Abbiamo chiesto a George, del collettivo politico e d’inchiesta militante Notes From Below, una panoramica sui risultati delle elezioni in UK e sulle conseguenze politiche per l’area britannica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Italia: l’aeronautica militare e la marina nell’Indo-Pacifico. Continua l’investimento nell’ambito bellico

L’Aeronautica Militare va nell’Indo-Pacifico con un consistente numero di aeromobili e personale per partecipare all’esercitazione Pitch Black 2024 in Australia, alla Rising Sun 24 in Giappone, nonché per addestrarsi insieme alla Marina Militare in mare aperto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tempo delle elezioni e tempo della rivolta.

Alla luce di alcuni momenti di mobilitazione degli ultimi giorni a cui abbiamo avuto occasione di partecipare, raccogliendo testimonianze e punti di vista, proviamo a tratteggiare qualche considerazione sull’attuale situazione in Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le “Dita” di Netanyahu a Gaza ricordano i passati fallimenti israeliani

Ciò che Netanyahu sta cercando di attuare a Gaza è una copia scadente delle strategie precedenti utilizzate da altri leader israeliani

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: il sessennio “si chiude con repressione, sangue e sequestro dei popoli da parte dello stato”

“Il sessennio di Andrés Manuel López Obrador si chiude con repressione, sangue e sequestro da parte dello stato dei popoli che difendono il proprio territorio ed esercitano i propri diritti all’autodeterminazione, alla protesta, alla libertà d’espressione e ad un ambiente sano”

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Inquietudini irrisolte in Euskal Herria e Corsica

Domenica scorsa, 3 marzo 2024, cadeva il 48° anniversario del massacro operato dalla polizia spagnola a Vitoria-Gasteiz e costato la vita a cinque operai

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Le ragazze di Torino in sciopero della fame

Da martedì 6 febbraio al carcere di Torino nella sezione femminile è iniziato un nuovo sciopero della fame.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I prigionieri repubblicani iniziano 24 ore di sciopero della fame a sostegno dei detenuti palestinesi.

I prigionieri repubblicani di tutta l’Irlanda si apprestano a fare uno sciopero della fame di un giorno, venerdì, a sostegno dei palestinesi attualmente detenuti nelle carceri israeliane.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La lotta contro il 41bis non è finita

Domenico Porcelli ha 49 anni ed è della provincia di Bari. Dal 2018 si trova in stato di detenzione, condannato a 26 anni e mezzo di carcere per associazione a delinquere di stampo mafioso con una sentenza ancora non definitiva.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Al 41 bis e in sciopero della fame da 5 mesi, adesso chiede l’eutanasia

Domenico Porcelli sta portando avanti uno sciopero della fame: dal 28 aprile scorso il detenuto ha smesso di alimentarsi in segno di protesta, perché la misura del regime di 41-bis a lui applicata è stata prorogata.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Carcere: due detenuti in sciopero della fame morti nel carcere di Augusta

Due detenuti nel carcere di Augusta nel Siracusano, sono deceduti in ospedale a distanza di un mese l’uno dall’altro per le conseguenze di uno sciopero della fame. Si tratta di un siciliano, morto ad aprile e di un russo, deceduto il 9 maggio.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

E’ morto Khader Adnan, prigioniero in sciopero della fame

Il prigioniero palestinese in sciopero della fame da 86 giorni, Khader Adnan, 45 anni, alto dirigente del gruppo di resistenza palestinese del Jihad islamico, è morto mentre si trovava in detenzione amministrativa sotto custodia israeliana.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Alfredo Cospito interrompe lo sciopero della fame

Dopo quasi 6 mesi di digiuno, all’indomani della decisione della Consulta sul suo caso, Alfredo Cospito, ha deciso di interrompere lo sciopero della fame contro il 41bis, iniziato il 20 ottobre.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Sempre più gravi le condizioni di Cospito in sciopero della fame contro il 41bis

A causa dello sciopero della fame, Alfredo Cospito “rischia una paralisi per tutta la vita” e “danni irreversibili potrebbero essere già intervenuti”. È quanto hanno riferito i medici al prigioniero, detenuto al 41 bis, secondo quanto riportato dal suo medico personale all’avvocato Flavio Rossi Albertini in un audio. “Ha una situazione motoria un po’ ridotta […]