InfoAut
Immagine di copertina per il post

Fermare l’Escalation: invasa base militare CISAM – Cronaca del corteo

Il corteo Fermare l’Escalation ha attraversato sabato, 21 ottobre, l’hub militare tra Pisa e Livorno e arrivato al Cisam ha invaso la base militare piantando le bandiere della pace.

da Riscatto

Nella stessa giornata anche un corteo a Palermo è andato a indicare le responsabilità del governo e della Leonardo s.p.a. nell’escalation bellica e nell’uso delle risorse per il riarmo anziché per i veri bisogni sociali.

Il concentramento davanti alla Basilica di San Piero a Grado si è riempito di persone arrivate dalla città di Pisa, dalla regione Toscana e delegazioni nazionali arrivate con diversi pullman. 

Alla partenza del corteo circa cinque mila sono partitə, sotto la pioggia, verso la base militare di Camp Darby. La marcia è stata accompagnata da moltissimi interventi, tra i primi quello delle realtà per la Palestina e del Kurdistan. Facendo loro lo slogan del movimento no base “Le guerre non scoppiano, si preparano” lə palestinesə hanno portato la rabbia per la violenza e il tentativo di genocidio in corso a Gaza da parte dello stato sionista, con la complicità dei nostri governi. La comunità kurda ha denunciato i bombardamenti e gli attacchi costanti che la Turchia fa in Rojava (Siria del nord est), dove da più di dieci anni la popolazione si organizza nel confederalismo democratico e ha sconfitto l’ISIS, nel Kurdistan iracheno e la repressione interna alla Turchia stessa. 

Il corteo è proseguito con l’intervento di NON UNA DI MENO che ha ribadito la funzione patriarcale della guerra e il suo legame con la violenza di genere, esprimendo sorellanza con tutte le popolazioni colpite dalle guerre. 

Sono poi intervenute diverse realtà ecologiste: Per il clima fuori dal fossile, realtà toscane, Lega ambiente. Il filo rosso che lega guerra e colonialismo estrattivista è sempre più chiaro: petrolio, gas, grandi opere che attraversano i continenti per distruggere l’ambiente e continuare a peggiorare il cambiamento climatico. In Toscana questo si vede chiaramente nella Valdera, avvelenata da discariche e inquinamento, nelle Alpi Apuane e anche a Pisa. L’area ex-CISAM, in cui vorrebbero costruire la base prima pensata per Coltano, ospita un reattore nucleare che dovrebbe essere bonificato da decenni. Il nuovo progetto di base prevede inoltre l’abbattimento di migliaia di alberi del parco naturale di San Rossore – sia CISAM che Camp Darby sono nel territorio del Parco. 

Sono poi intervenute le realtà sociali della lotta per la casa, ribadendo la necessità di un uso diverso delle risorse: non miliardi per le spese militari ma per combattere l’emergenza abitativa e per case, scuole, sanità. 

Prima dell’arrivo a Camp Darby sono intervenute realtà del mondo del lavoro, tra cui GKN e Mondo Convergenza. Da Campi Bisenzio la lotta contro i licenziamenti da una parte e per il riconoscimento di un giusto contratto di lavoro e la fine di un regime di caporalato dall’altra ha espresso l’impegno contro la guerra, garanzia delle attuali condizioni di lavoro e del sistema globale che le regge.  Sono intervenute anche l’Unione Sindacale di Base e Potere al Popolo. 

Arrivando a Camp Darby è intervenuto Ciccio Auletta di Una città in Comune e poi il coordinamento antimilitarista livornese. Davanti alla Base USA è stata attaccata una grande bandiera della pace sulle reti e appoggiati dei peluche a lutto per le migliaia di morti a Gaza e nelle guerre in corso. In questo momento di contestazione il Movimento No Base a ribadito l’obiettivo di impedire la costruzione di una nuova militare al CISAM e di liberare il Parco dalla militarizzazione e dalla guerra. Successivamente è intervenuta Nicoletta Dosio per il movimento No Tav portando il sostegno della decennale lotta e l’urgenza di una mobilitazione sempre più impegnata. Anche Un Ponte per…  e la Rete Pace e Disarmo ha portato il suo impegno contro le guerre e il suo sostegno alla lotta No Base. 

Il Partito Rifondazione Comunista è intervenuto mentre il corteo riprendeva determinato la sua marcia sotto la pioggia, ritornando verso il CISAM. 

In questo percorso sono intervenutə lə studentə, le realtà del nord est, l’osservatorio contro la militarizzazione delle scuole, il Collettivo dei portuali di Genova, il Climate Social Camp e altre realtà ecologiste. 

Tornando alla Basilica il corteo non si è fermato, proseguendo verso le reti del CISAM. Centinaia di persone, accompagnate dal sole appena spuntato dalle nuvole, hanno raggiunto le reti e aperto un varco di decine di metri. Entrate dentro il CISAM hanno piantato diverse bandiere della pace a mostrare come un azione pacifista oggi debba assumersi la responsabilità e l’urgenza di essere incisiva e concreta.

La guerra si prepara e parte dai nostri territori, fermare la costruzione di una nuova base militare è un atto politico pacifista. Mentre veniva portata avanti questa azione qualche decina di manifestanti è rimasta a sostenere con musica, cori e interventi.

Al ritorno delle persone dal CISAM la manifestazione si è salutata, rilanciando sul futuro prossimo di lotta e mobilitazione!

Oltre a Palermo e Pisa anche a Ghedi una manifestazione si è diretta all’aeroporto militare conto la guerra.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

Fermare l'escalationNO BASEpisa

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Mesopotamia: cos’è Hezbollah? Intervista a Fabio Merone

Grazie al contributo di Fabio Merone, ricercatore che si occupa di islam politico e, in generale, di politica nel mondo arabo, in questa puntata andiamo scopriamo il movimento sciita libanese Hezbollah (“Il partito di Dio”).

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Regno Unito. L’analisi del voto e gli scenari di scontro possibile

Abbiamo chiesto a George, del collettivo politico e d’inchiesta militante Notes From Below, una panoramica sui risultati delle elezioni in UK e sulle conseguenze politiche per l’area britannica.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Italia: l’aeronautica militare e la marina nell’Indo-Pacifico. Continua l’investimento nell’ambito bellico

L’Aeronautica Militare va nell’Indo-Pacifico con un consistente numero di aeromobili e personale per partecipare all’esercitazione Pitch Black 2024 in Australia, alla Rising Sun 24 in Giappone, nonché per addestrarsi insieme alla Marina Militare in mare aperto.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Tempo delle elezioni e tempo della rivolta.

Alla luce di alcuni momenti di mobilitazione degli ultimi giorni a cui abbiamo avuto occasione di partecipare, raccogliendo testimonianze e punti di vista, proviamo a tratteggiare qualche considerazione sull’attuale situazione in Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le “Dita” di Netanyahu a Gaza ricordano i passati fallimenti israeliani

Ciò che Netanyahu sta cercando di attuare a Gaza è una copia scadente delle strategie precedenti utilizzate da altri leader israeliani

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Messico: il sessennio “si chiude con repressione, sangue e sequestro dei popoli da parte dello stato”

“Il sessennio di Andrés Manuel López Obrador si chiude con repressione, sangue e sequestro da parte dello stato dei popoli che difendono il proprio territorio ed esercitano i propri diritti all’autodeterminazione, alla protesta, alla libertà d’espressione e ad un ambiente sano”

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kenya: le proteste della generazione Z contro il presidente Ruto si allargano alle classi popolari

Nuove manifestazioni ieri in Kenya, organizzate dalle associazioni per i diritti civili e dai giovani della Generazione Z. Lo slogan delle piazze è: “Ruto se ne deve andare”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

USA: un disastro per Biden il confronto televisivo con Trump. Potrebbe ritirarsi? Intervista a Martino Mazzonis

Non sembrano esserci dubbi sul fatto che questo confronto sia stato un disastro per Joe Biden

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Kenya: il presidente Ruto annuncia il ritiro della riforma ma la protesta continua.

In Kenya da più di una settimana proseguono le proteste contro la nuova legge finanziaria, chiamata Finance Bill 2024, che prevede tra le altre cose un’imposta sul valore aggiunto del pane.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: i mercati festeggiano mentre avanza la recessione

Il governo ha ottenuto l’approvazione al Senato della Legge “Basi e Punti di Partenza per la Libertà degli Argentini”, che aveva una media sanzione alla Camera dei Deputati.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Intifada studentesca: le rivendicazioni.

L’articolo viene arricchito quotidianamente con le iniziative, i comunicati e gli aggiornamenti dalle Intifada studentesche in corso..

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Raid israeliano a Damasco: un quadro degli attori e delle strategie nel conflitto in Medio Oriente.

Proviamo a dare un quadro del clamoroso attacco dell’esercito israeliano contro la sede consolare iraniana nella città di Damasco (Siria), avvenuto lunedì 1 aprile, a cui ha fatto seguito l’attacco israeliano contro i convogli umanitari della WCK del 2 aprile.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il colore dei manganelli

Quei fatti si inseriscono in un contesto nel quale la repressione – nelle piazze, nei tribunali, nelle carceri, nei centri di detenzione per migranti – è diventata strumento ordinario di governo

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Palestina: un altro sabato di mobilitazione popolare in tutta Italia

Giornata di mobilitazione sabato 2 marzo 2024 in Italia in solidarietà con la Palestina e il popolo palestinese.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Fermare il genocidio a Gaza: in Italia sciopero per la Palestina. Cariche a Pisa, Firenze e Catania

Fermare il genocidio a Gaza: questo l’obiettivo dello sciopero generale per la Palestina di ieri, indetto in tutta Italia e per tutte le categorie di lavoro dai sindacati di base, raccogliendo l’appello dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Da Torino a Pisa continuano le mobilitazioni per la Palestina.

Le mobilitazioni a sostegno del popolo palestinese continuano, in particolare nei luoghi della formazione.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Lo scandalo della Torre e il senso di Giustizia

Venerdì 17 novembre, a Pisa, un partecipato corteo composto da un migliaio di studentə e lavoratorə in sciopero ha attraversato determinato e rabbioso le strade della città, è arrivato in Piazza dei Miracoli e ha occupato per un’ora uno dei monumenti più famosi del mondo, la Torre di Pisa, calando dalla sua cima una gigantesca bandiera della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Pisa: calata la bandiera palestinese dalla Torre in piazza dei Miracoli

Alla fine di un partecipatissimo corteo studentesco e cittadino a Pisa, che chiedeva il cessate il fuoco immediato, la fine del genocidio a Gaza e la liberazione della Palestina, lə manifestanti sono riuscitə a salire sulla Torre, sfidando il blocco delle forze dell’ordine, per calare una gigantesca bandiera Palestina. L’obiettivo era quello di mostrare ancora […]