InfoAut
Immagine di copertina per il post

Francia: secondo turno, Macron la spunta nonostante astensionismo ed exploit Le Pen

||||

L’appello all’unità repubblicana del presidente appena riconfermato ha funzionato solo in parte, l’astensionismo al secondo turno si aggira intorno al 28,8% raggiungendo il maggior risultato dal 1969 (data sufficientemente indicativa di per sè), Le Pen intanto guadagna 7 punti percentuali dalla scorsa tornata.

I risultati erano prevedibili, ma propongono comunque un quadro complesso.

Adesso tanto Le Pen quanto Melenchon sognano la possibilità di una coabitazione cioè di un primo ministro di segno diverso rispetto al Presidente della Repubblica riconfermato Macron. Il 12 e il 19 giugno si terranno infatti le elezioni legislative che porteranno alla designazione del primo ministro.

In questa chiave si può leggere il discorso di insediamento di Macron che almeno in parte assomiglia più ad un’analisi della sconfitta. Si tratta di un tentativo di reimpostare il discorso pubblico politico in vista delle legislative provando a presentarsi come un presidente in grado di comprendere gli errori dello scorso mandato. I nodi evocati nel discorso sono chiari, afferma che risponderà “alla rabbia del paese”, che sarà depositario del voto di chi lo ha eletto pur non condividendone le idee per evitare la vittoria di Le Pen e che sostanzialmente la Francia dovrà diventare una potenza ecologica e sempre più centrale per il futuro dell’Europa. Naturalmente si tratta di un’ulteriore postura elettorale già vista in occasione di risultati non entusiasmanti, ma rappresenta chiaramente anche il progressivo indebolimento del quadro istituzionale francese.

La variabile indipendente sono stati, ancora una volta, i conflitti sociali che hanno scosso il paese negli ultimi anni ed in particolare la dinamica dei Gilet Gialli che ha incarnato in forme di movimentazione permanente lo scongelamento dei blocchi sociali che si poteva intravedere già durante la scorsa tornata elettorale.

Il secondo paese dell’EU post Brexit si presenta di fronte alla sfide internazionali del presente con un quadro istituzionale tutt’altro che solido. E mentre il centrosinistra italiano si bea di questa misera vittoria, presentandola come un invito all’unità, ciò che si rende evidente è che il cosiddetto “pericolo populista” non si è affatto estinto, ma sta vivendo una trasformazione di cui è difficile intuire gli esiti.

Da segnalare inoltre il risultato di Le Pen nei Territori d’Oltremare e in Corsica, dove ha avuto un significativo exploit, ma di fronte ad un’astensione di massa che si è aggirata intorno al 50 – 60%.

E’ interessante infine notare, a caldo, come il tentativo di rilegittimazione operato dal Presidente sulla guerra in Ucraina abbia funzionato solo parzialmente.

Intanto già ieri alcune piazze francesi si sono nuovamente riempite per rispondere all’insediamento di Macron sottolineando ancora una volta la volontà di una parte della popolazione di non sottostare al ricatto tra due destre capitaliste e razziste, ma di pretendere un cambiamento reale e dal basso.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

le penmacronpresidenziali

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La guerra su Gaza ha privato 800 mila studenti del “diritto all’istruzione”, afferma l’Ufficio dei media di Gaza

Gaza. Almeno 800 mila studenti sono stati privati dell’istruzione a causa del protrarsi dell’offensiva israeliana contro la Striscia di Gaza, durata mesi, ha dichiarato sabato l’Ufficio dei media di Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Senza acqua né cibo e in “condizioni inumane”, così sono stati i giorni in prigione per aver marciato contro la Legge Basi

Sofía Ottogalli si sente una perseguitata politica. Lei, insieme ad altre 32 persone, è stata detenuta la settimana scorsa mentre protestava al Congresso contro la Legge Basi che è promossa dal Governo di Javier Milei.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sapienza per la Palestina: la Rettrice scrive la mobilitazione risponde.

Qualche giorno fa la rettrice Antonella Polimeni ha mandato una mail a tutt* gli/le student* della Sapienza per condannare la tendopoli che si è tenuta al pratone e l’occupazione della facoltà di lettere. Com’è noto entrambe queste iniziative sono avvenute in solidarietà con il popolo palestinese. Riportiamo sia la mail della rettrice Polimeni sia tre […]

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Argentina: Il pubblico ministero accusa gli arrestati di “possibile sedizione contro l’ordine istituzionale” e sollecita la “prigione preventiva”

Oggi in una conferenza stampa la ministra della Sicurezza ha detto che “il colpo di stato moderno è il tentativo di rendere vano il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele affonda lentamente nella crisi istituzionale

In pochi giorni abbiamo assistito ad un botta e risposta tra esercito e governo israeliano sulle pause tattiche. Oggi Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Dentro e fuori il G7. Il bilancio del contro-vertice e l’esito (debole) del documento finale

Si è chiuso il meeting in Puglia del G7 presso il resort di lusso di Borgo Ignazia, alla presenza delle elitè mondiali: al tavolo i leader di Italia (che l’ha presieduto), Francia, Germania, Stati Uniti, Giappone, Canada e Gran Bretagna.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

G7: al via il summit nel brindisino. Diversi gli appuntamenti per opporsi al vertice

Giovedì 13 giugno via al vertice G7, lo (stanco) rito dei cosiddetti Grandi del mondo, riuniti nel 2024 a Borgo Egnazia, in Puglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Israele continua la guerra genocida: il cessate il fuoco rimane lontano

In questi giorni la guerra genocida protratta da Israele nei confronti della Striscia di Gaza non si arresta.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Elezioni in Germania: un’analisi del voto

Gli esiti delle elezioni europee in Germania si iscrivono in una tendenza generale di un’Europa belligerante in crisi, aprono la via alle destre più estreme, cancellano le poche illusioni rimaste rispetto alla rappresentanza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I giovani in rivolta possono scrivere la storia!

Dopo un mese di mobilitazione dell’Intifada studentesca il Consiglio di Dipartimento di Cultura Politiche e Società chiede la sospensione di tutti gli accordi di collaborazione con lo Stato genocida di Israele e l’Università di Torino e di tutta Italia, chiedendo al Rettore di UniTo Stefano Geuna di portare la mozione alla CRUI, Conferenza dei Rettori delle Università di Italia.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il Tav segna il campo anche nella Francia in campagna elettorale.

Nel contesto di crisi di governo in Francia, dopo le dimissioni di Macron e lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale che ha portato a chiamare nuove elezioni, il tema del tav si pone ancora una volta come campo di battaglia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nantes: rivoluzione o barbarie?

È questa l’alternativa proposta dallo striscione in testa alla manifestazione di Nantes

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Elezioni Europee: tra voto di protesta ed astensione l’europeismo liberista e belligerante è sempre più in crisi

Debacle totale per il falco Macron che ha passato gli ultimi mesi di campagna elettorale a spingere sul terreno del conflitto aperto con la Russia. Alexandre De Croo, primo ministro liberale del Belgio è dimissionario e in Germania, il grande malato d’Europa, l’ultradestra di AfD sorpassa i socialisti di Sholz.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

L’alleanza anticoloniale. Dalle ultime proteste in Francia in solidarietà alla Palestina

Dopo l’intervista di Netanyahu alla tv nazionale TF1, le proteste a favore della Palestina in Francia hanno raggiunto un livello ineguagliato di rabbia e intensità rispetto alle manifestazioni precedenti.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Uno sguardo sulle barricate studentesche in Francia

Da quando gli studenti hanno occupato la Columbia University in solidarietà con i palestinesi, le occupazioni e gli accampamenti studenteschi contro il genocidio a Gaza si sono diffusi a macchia d’olio, oltre cento università sono state occupate in tutto il mondo, un vasto movimento che richiama alla memoria le mobilitazioni contro la guerra in Vietnam.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

Macron, à la guerre!

Il presidente francese si lancia in dichiarazioni apparentemente scomposte sulla guerra russo-ucraina, palesando lo “spirito dei tempi” di una parte delle elites europee. Il tronfio militarismo da prima guerra mondiale ci avvicina al disastro.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Golpe istituzionale, sostegno francese, rivolta: cosa sta succedendo in Senegal?

Da molti mesi il Senegal è in preda a una grave crisi politica e sociale, culminata negli ultimi giorni.