InfoAut
Immagine di copertina per il post

Furia femminista: disprezzo e assenza di giustizia

||||

Raquel Gutiérrez Aguilar

  1. Fatti:

Quattro poliziotti violentano una minore e, quando lei, sua madre e suo nonno vanno a denunciare, si scontrano con il disprezzo dell’istituzione, del pubblico ministero e della Capa di Governo.

Un pugno di donne, femministe indignate, vanno a protestare e a denunciare l’atrocità di ciò che significa che la polizia ti violenti… “attaccano” con pericolosissima brillantina e, loro sono le provocatrici! Loro sono quelle che devono essere disciplinate! Su di loro vanno i capi d’accusa!

Migliaia di donne cominciano una conversazione attraverso le reti sociali, amplificando la rabbia che già satura e bolle in centinaia di collettivi che si auto-proteggono dalla brutalità patriarcale, uniformata e non uniformata, e alla Capa di Governo non le capita nient’altro che organizzare l’ugualmente indignante messa in scena di soppiantare che abbiamo visto migliaia di volte: riunisce alcune signore dello stesso potere e invita Marta Lamas -che afferma di continuare ad aderire ad un femminismo ideologico superato e inutile-… Questa riunione la esibiscono come “dialogo” tra il governo della città e il femminismo. Sordità, cinismo, ripetizione fino alla nausea dei modi di governo che detestiamo.

Un’ampia mobilitazione femminista si autoconvoca e si dispiega in varie città, ripetendo sempre più che ciascuna di noi è protetta dalle amiche e che la polizia ci violenta, ci ruba, ci aggredisce. La brillantina è il segno distintivo del 16 agosto. Molte donne femministe cominciano a mobilitarsi in diverse città della Repubblica. A Città del Messico, dove sono trincerati i poliziotti violentatori -o, con più precisione, quei poliziotti violentatori che questa volta sono stati immediatamente denunciati; chiarisco perché c’è di più- avviene una mobilitazione grande e molto molto furiosa. C’è un riunirsi di donne in lotta e anche macchie di pittura e cose rotte. Ci sono uomini picchiatori tra donne incappucciate e, soprattutto, c’è confusione. Molta confusione.

Anche questo lo conosciamo, già lo abbiamo visto ripetersi in tante altre occasioni. Quali? Per menzionare quella che mi salta in mente più velocemente: quella di quel 1° dicembre 2012 quando Peña Nieto divenne presidente in mezzo ad un San Lázaro murato.

Il modello è così: lotta sociale, forza crescente, raggruppassi, indignazione che cresce… protesta che si amplifica, corpo che si espande… e allora… tentativi patetici per far marcire la protesta. E tali “tentativi” si assomigliano anche: disinformazione, persecuzione, provocazione, spingere la mobilitazione sul terreno della violenza… Sul luogo dove i potenti sono forti e dove possono, una volta di più, armare un discorso vittimista che trasforma in aggressori le aggredite, che disprezza la parola delle violentate e che presenta come decenti coloro che sono collusi con i violentatori.

Sì, questo modo di reinstallare il mondo alla rovescia già lo abbiamo visto…

Ma questa volta… contro tutte queste violenze maschiliste… intelligenza e più lotta femminista!

  1. Sentimenti:

Confusione, rabbia, irritazione, più confusione, ira che germoglia nelle viscere, più confusione. Momento di lucidità ricordando esperienze passate: ci vogliono portare di nuovo sul terreno dell’impotenza!

Non permettiamo questo!

Non permettiamolo!

I poliziotti non devono violentarci

Le autorità non devono cercare di soppiantarci

Le manovre che loro fanno non devono sortire effetto

No!

Non permettiamolo!

Non lasciamoci trascinare sul terreno dell’impotenza!

Non lasciamoci trascinare in discussioni che non sono quelle che noi vogliano porre nel dibattito pubblico!

Il problema non è l’ira, propria e indotta!

Il problema non sono alcune macchie di pittura sull’Angelo né una stazione del metrobus rotta!

Il problema è che la polizia violenta una minore, viene fatta una denuncia e non succede nulla!

Il problema è che non c’è giustizia!

Il problema è che non c’è modo di processare la brutalità con cui ci trattano coloro che credono di essere impuniti!

Il problema è che questo sembra non importare a coloro che ora governano!

Il problema è che la Sheinbaum, quando ha saputo della violenza non è andata a cercare, immediatamente, la minore aggredita e la sua famiglia per mandare un messaggio politico chiaro!

Il problema è che a lei non è importato se la minore violentata le avessero preso dei campioni con cautela e tenerezza dopo quello che aveva passato!

Il problema è che in questo caso si comporta come se non intendesse quello che succede!

Il problema è che lei è rimasta di stucco perché non ha pensato a cosa farebbe se le oltraggiate fossero sue figlie!

Il problema è che ha montato una simulazione!

Il problema è che la Lamas si è prestata a che fosse installata una nuova divisione tra noi: decenti e sensate contro rabbiose ed esaltate!

Il problema non siamo noi!

Il problema… il suo problema è che non ci lasceremo più!

Il problema… il suo problema è che stiamo prendendo sul serio che “se toccano una rispondiamo tutte”!

Il problema… il suo problema è che non siamo disposte a che tutto continui uguale!

19 agosto 2019

Desinformémonos

Traduzione del Comitato Carlos Fonseca:
Raquel Gutiérrez AguilarFuria feminista: desprecio y ausencia de justicia” pubblicato il 19/08/2019 in Desinformémonos, su [https://desinformemonos.org/furia-feminista-desprecio-y-ausencia-de-justicia/] ultimo accesso 21-08-2019.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Conflitti Globalidi redazioneTag correlati:

poliziastuproviolenza sule donne

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Ostaggi della vendetta israeliana nella Striscia di Gaza: le testimonianze di 100 detenuti palestinesi rilasciati rivelano Crimini di Tortura e Trattamento Disumano

In un rapporto di oltre 50 pagine intitolato: “Ostaggi Della Vendetta Israeliana Nella Striscia Di Gaza”, l’Osservatorio Euro-Mediterraneo mette in luce la pratica diffusa di arresti collettivi e individuali arbitrari da parte delle forze israeliane contro i civili nella Striscia

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Le rivolte in Nuova Caledonia tra spinte indipendentiste e imperialismo francese

Situazione insurrezionale e rivolte in Kanaky/Nuova Caledonia, situata nell’Oceano Pacifico meridionale vicino all’Australia e dal 1853 di “proprietà” della Francia.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Unito: la vergogna delle esternalizzazioni crea precarietà alle lavoratrici.

Nel lottare per la liberazione del popolo Palestinese non vogliamo chiudere un occhio davanti allo sfruttamento dei lavorator3 esternalizzat3 di Unito.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Niger, Ciad e Senegal: l’Africa non vuole più i militari francesi e statunitensi

Mentre cresce la presenza militare russa, in Africa si estende il rifiuto di quella occidentale, considerata un indesiderabile retaggio storico del colonialismo pur giustificata dalla necessità di contrastare un tempo i movimenti guerriglieri e oggi le organizzazioni jihadiste.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Università per Gaza (encore)

Puntata speciale in diretta da Palazzo Nuovo a Torino, facoltà occupata da alcuni giorni all’interno dell’ondata di mobilitazioni partita dai campus statunitensi e giunta nelle ultime settimane in Europa

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Assange vince all’Alta Corte di Londra: potrà fare appello contro l’estradizione negli USA

Julian Assange ha ottenuto un’importante vittoria nella sua battaglia giudiziaria contro l’estradizione negli Stati Uniti d’America.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Turchia: pene tombali per i leader curdi dell’Hdp

Pene tombali sono state inflitte dai tribunali turchi ai fondatori e leader del Partito Democratico dei Popoli.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Nel CPR ad Atene per la solidarietà alla Palestina

Il 14 maggio 2024, ventotto (28) persone sono state arrestate nel corso dell’operazione di polizia durante l’occupazione della Facoltà di Giurisprudenza di Atene nel contesto delle proteste internazionali contro lo spargimento di sangue a Gaza.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Zoo umani, esposizione di teschi, la frusta: capire la rivolta dei Kanak

In Palestina, come in Nuova Caledonia e in altri conflitti coloniali, quando i colonizzati si ribellano, i colonizzatori cancellano la storia e cercano di far dimenticare i loro crimini.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Il famoso storico Pappé fermato e interrogato dall’FBI negli USA

L’Impero egemone in caduta libera, insieme allo stato paria e genocida israeliano ormai sono impazziti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Fdi vuole approvare subito il nuovo ddl sicurezza

La norma-spot congelata da mesi. Fratelli d’Italia lo vuole per le europee. Le Camere penali: «Incostituzionale». Il Gip di Napoli contro il reato di rivolta in carcere

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

La polizia odia i/le giovani

Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un inasprimento della violenza poliziesca e delle intimidazioni nei loro confronti.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

USA: La polizia uccide un 26enne afroamericano con 96 colpi in 42 secondi

Video mostra agenti della polizia a Chicago che sparano 96 colpi in 41 secondi durante un fermo

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Il colore dei manganelli

Quei fatti si inseriscono in un contesto nel quale la repressione – nelle piazze, nei tribunali, nelle carceri, nei centri di detenzione per migranti – è diventata strumento ordinario di governo

Immagine di copertina per il post
Formazione

Genova: protestano studenti e studentesse dell’istituto Pertini-Diaz: “Non vogliamo poliziotti a far lezione qui” 

“Fuori la polizia dalla Diaz”, questo lo striscione comparso martedì mattina, e subito rimosso, sui cancelli dell’istituto Pertini – Diaz a Genova, la scuola dove nel 2001 avvennero i pestaggi polizieschi contro i manifestanti del G8.

Immagine di copertina per il post
Divise & Potere

Balzerani, Di Cesare e la polizia del pensiero

Nel suo breve messaggio la professoressa Di Cesare aveva scritto: «La tua rivoluzione è stata anche la mia. Le vie diverse non cancellano le idee. Con malinconia un addio alla compagna Luna».

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Monza: “Dita spezzate e calci a terra”, violento sgombero poliziesco del presidio SI Cobas 

“Nuova escalation di violenza di Stato contro il sindacato SI Cobas: brutale aggressione contro i lavoratori e il coordinatore di Milano Papis Ndiaye“

Immagine di copertina per il post
Sfruttamento

Cremona: la polizia sgombera la Prosus, occupata da 4 mesi dai lavoratori

I lavoratori dell’azienda di macellazione Prosus di Vescovato, alle porte di Cremona, che dal 16 ottobre 2023 occupavano lo stabilimento sono stati sgomberati questa notte.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sabato 13 gennaio: La logica della ferocia a Quarticciolo

“Forza a tutti coloro che lottano” è l’epiteto finale di uno dei libri di Mathieu Rigouste che facciamo nostro per affrontare un tema che riguarda la nostra quotidianità ed è il presupposto che ci serve per fuggire da una visione fatalista o
eroica nel confronto con le forze dell’ordine.

Immagine di copertina per il post
Antifascismo & Nuove Destre

Livorno: Giovani pro Palestina repressi violentemente dalle forze dell’ordine

Alcunə giovani di Livorno sono stati violentemente repressi per aver mostrato una bandiera e aver gridato “Palestina libera e indipendente” davanti al presidio pro-Israele, convocato dall’associazione Italia Israele Livorno.