InfoAut
Immagine di copertina per il post

#Brancaleone devastazione e saccheggio (Art.419 C.P)

Riprendiamo questa nota fb riportata dal sito Osservatorio sulla repressione che ben rende l’idea di come la gestione del territorio calabro negli ultimi 30 anni sia stata catastrofica nella zona di Brancaleone e non solo. Un commento che richiama all’attenzione eventi ormai dimenticati ma significativi e più che mai attuali per capire il decadimento dei territori nei quali viviamo.

Si ho metà famiglia di ‪#‎Brancaleone‬ in provincia di ‪#‎Reggio‬ ‪#‎Calabria‬. Ho sangue affetti e terra coltivata da mio nonno e mio padre. Ma non per questo risparmio critiche, anzi. Qui la mia risposta ad un paesano ieri sui tre giorni di alluvione e la rendo pubblica perchè in questo modo la penso; e che si sappia nessun disturbo, facebook non lo uso ormai più , salvo ogni tanto guardare qualche bacheca che ritengo interessante. Non dico che gli accumuli di pioggia di questi giorni non siano stati importanti, ma la gestione del territorio di questi ultimi 30 anni e non solo è stata a dir poco delinquenziale!

A partire dall’incendio del 3-4-5 luglio 1998 ho spento oltre 500 incendi e dico 500, in 12 anni di antincendio boschivo di cui un buon 95% sui territori di ‪#‎Brancaleone‬ ‪#‎Staiti‬ ‪#‎Bruzzano‬ ‪#‎Ferruzzano‬ ‪#‎Palizzi‬ e ‪#‎Bova‬. Conosco quelle montagne come le mie tasche.

Ho sacrificato volentieri 12 estati della mia vita invece di andare a mare a curare il territorio, perchè ci credo e senza percepire un euro .. sentendomi rispondere, quando tornavo lordo di cenere, dai paesani in primis “ma a tia cu ta faci fari”

Staiti è isolata.. certo .. gli incendi appiccati dalla spianata dietro Razzà , noi a spegnere avanti e qualcuno a mettere fuoco dietro .. alla fine arrivavano fino ai tornanti .. e arrivavano fino al 4piano con quelli di Staiti ancora dentro le case.

La fiumara di Ferruzzano è scesa? certo .. quando scendo ci possiamo vedere e ti porto dove il sottoscritto si inerpicava nella fiumara dietro il ponte di Motticella a spegnere.. dove non ti prendevano né cellulari e né radio e tornavi a casa a nottata.
Mi vorresti dire che il ponte che da Razzà passando sopra la fiumara alle spalle del Pantano collega Bruzzano sia normale? che non ci passo neanche io sotto.. I ponti della SS106 che luce hanno?

I comuni del comprensorio quante licenze edilizie di nuove costruzioni in deroga hanno rilasciato? le possiamo contare .. l’albo pretorio del Comune di Brancaleone è online e io me lo controllo settimanalmente.

Mi vorresti dire che la strada che asfalta una delle tre arcate del ponte dietro la Finanza alla fine del Lungomare di Brancaleone è crollata per la fiumara? quello sarebbe un alveo? io mi meraviglio come non si sia portato giù tutte le case che stanno a bordo argine fino Razzà e sono in piena zona di pertinenza fluviale

E dulcis in fundo le persone del comprensorio non hanno *minimamente* compreso quello che mio padre aveva messo in piedi portando il modello di volontariato visto 35 anni fa in Trentino Alto Adige. Un’Associazione che funzionava e che bastava solo ciò che si era costruito e i mezzi che si mettevano in piedi in caso di emergenze a stoppare le dicerie che si sono dette in giro .. invece no i paesani, sia chi ha usufruito dei servizi, sia chi a vario titolo ne ha partecipato, hanno preferito defilarsi o voltarsi dall’altra parte e permettere che sciacalli (sempre paesani intendiamoci) mettessero non solo i bastoni tra le ruote ma distruggessero tutto ..
L’unica divisa che ho portato e riporterei con orgoglio. Sporca di cenere fino al midollo

Magari gli stessi che si aggirano adesso tra il fango di Brancaleone con una pala in mano soli come i cani e senza mezzi portanto indegnamente divise (che stanno tenendo indebitamente). gli stessi che mi ridacchiavano in faccia quando andavo a spegnere incendi a Pressocito (è isolato anche quello ci scommetto)
Andando su un incendio a Brancaleone , zona Pressocito

Adesso i volontari vengono da fuori .. o i quattro ragazzi che ci sono e sono armati di buona volontà non possono nulla contro questa devastazione.
Queste cose è bene che i cittadini di Brancaleone e comprensorio le sappiano e se le raccontino che possiamo dire essere piovuti 600mm e non 300 ma questo nulla toglie a ciò che ho scritto poco sopra.

Lo si renda pubblico questo sfogo, perchè si sappia e si sappia cosa pensa uno che ha un 50% di sangue di Brancaleone. Perchè la società non si divide in paesani e non paesani, spartiventoti, palizzitani, boviciani o italiani ma in classi!

E anche tra i paesani c’è chi la pensa differentemente

Prima di tornare a difendermi il territorio, questa volta studiando da terra e da satellite ad un migliaio di chilometri da casa come faccio ormai da anni

Durante un workshop come insegnare ad i volontari ad autoproteggersi psicologicamente chiamo ognuno alle proprie responsabilità , me compreso, perchè come diceva Gramsci la bellezza di 98 anni fa:

“Tra l’assenteismo e l’indifferenza poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora, perché non Antonio Gramsci se ne preoccupa; e allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti, sembra che la storia non sia altro che un enorme fenomeno naturale, un’eruzione, un terremoto del quale rimangono vittime tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente. Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?“

Dario Stelitano da facebook

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Crisi Climaticadi redazioneTag correlati:

brancaleonecalabriaterritorio

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Terna, il Mase autorizza il secondo tratto del Tyrrhenian Link

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica ha autorizzato con il decreto del 5 settembre 2023 il progetto definitivo per la realizzazione della seconda tratta del Tyrrhenian Link

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Tav a Vicenza: i comitati territoriali “Disastro ambientale e sanitario”. Sabato la manifestazione

Manifestazione a Vicenza contro la realizzazione del progetto Tav: appuntamento sabato 30 settembre nel capoluogo berico.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

“Blocchiamo gli impianti di combustibili fossili con i nostri corpi”: in Germania hanno occupato un oleodotto

Il 23 settembre, centinaia di attivisti hanno occupato i tubi del gasdotto sull’isola di Rügen, nel Mar Baltico. Il governo intende installarvi dei terminali per il gas, suscitando l’ira dei residenti locali e dei rappresentanti eletti.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Genova: comitati No Rigassificatore in presidio al Consiglio Regionale

Questa mattina, lunedì 25 settembre, partecipato e rumoroso presidio davanti alla sede della Regione in via Fieschi a Genova dove è in programma il Consiglio Regionale monotematico sulla questione del rigassificatore.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Selargius contro il Tyrrhenian link.

Il progetto di transizione energetica verso le fonti rinnovabili minaccia di investire il territorio sardo.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Vado Ligure, il comune che avrà il rigassificatore.

Riceviamo e pubblichiamo volentieri un contributo che analizza la questione del rigassificatore di Vado Ligure.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Milano: attivisti di Extinction Rebellion perquisiti in casa. Avevano attaccato dei volantini alla RAI.

Ieri, alle 7 del mattino, due attivisti di Extinction Rebellion sono stati perquisiti nelle loro abitazioni da diversi agenti di polizia. Perquisizioni corporali, sequestro di cellulari e pc, e la notifica della denuncia per imbrattamento: tutto questo per aver incollato alcuni mesi fa, con acqua e farina, alcuni volantini alla sede di RAI Pubblicità SpA.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Vicenza: repressione economica sul movimento No Tav, 40mila euro di multa agli attivisti

Fioccano sanzioni sugli attivisti No TAV che l’8 luglio scorso avevano bloccato il traffico a Ponte Alto, a Vicenza, per manifestare contro la realizzazione dell’Alta Velocità in città.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il rigassificatore di Vado Ligure e il compito della scuola secondo Toti

In Liguria, e più precisamente a Vado Ligure, è in corso un interessante caso di democrazia dal basso.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Lotte ambientali: contestato a Vado Ligure il governatore Giovanni Toti. A Pavia FFF si incatena davanti a raffineria ENI

Dura contestazione a Savona nei confronti di Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria e commissario straordinario per il rigassificatore di Vado Ligure.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

2.5 Radura || La prima cosa. Lotte per la salute in Calabria

La salute è un indicatore delle disuguaglianze sociali tra i più chiari. L’ambiente in cui viviamo, ciò di cui ci nutriamo, lo stile di vita a cui abbiamo accesso, le condizioni di lavoro, l’accesso alla cura sono una tessitura che influisce sul nostro stato di salute.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il piromane. Anatomia di un mostro siciliano

Riecheggia ricorrente e nessuno può più ignorare questa evidenza: in Sicilia prolifera una specie molto precisa di criminale, il piromane. Onnipresente nelle dichiarazioni dei politici, il piromane è – da che abbiamo memoria – il protagonista assoluto dei comunicati sugli incendi in Sicilia, tornato puntuale anche oggi agli onori della cronaca.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Quale proposta? Costruiamo e organizziamo alleanze.

Vogliamo generare relazioni di confronto, analisi e azione che vertano su questioni urgenti legate alla vita, questioni sociali ed ecologiche nella loro dimensione materiale, politica e culturale.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Il ponte è un’aggressione al territorio. Combattiamolo

Da decenni, ciclicamente, il ponte sullo Stretto viene riproposto dalle forze politiche al governo come il sogno di sviluppo per Messina, per la Sicilia e il Sud. Il ponte viene spacciato come strumento per un futuro sfavillante a portata di mano, come il nuovo che viene e che ci traghetterà verso il progresso. Il ponte […]

Immagine di copertina per il post
Intersezionalità

Strage di Cutro: i superstiti del naufragio trattati come animali

La denuncia dei legali: “I 98 sopravvissuti nell’ex Cara in condizioni disumane”. Panchine al posto dei letti, bagni promiscui e senza riscaldamento. da Osservatorio Repressione “Sono trattenuti in forma arbitraria in due capannoni inadeguati non solo per chi è scampato a un naufragio terribile, ma per qualunque essere umano. Vanno chiusi”. La voce della professoressa […]

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Trivellare per sprofondare

Il 18 novembre scorso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’aiuti quater, il decreto con cui il Governo Meloni ha provveduto ad aggravare il sostanziale “via libera” alle trivelle già inaugurato in marzo da Draghi e Cingolani.

Immagine di copertina per il post
Crisi Climatica

Ponte sullo Stretto: a volte ritornano

Per rilanciare la narrazione del Ponte, scrive Antonio Mazzeo su Pagine Esteri, si sfruttano la crisi socio-economica, gli alti tassi di disoccupazione generale, la precarietà delle vite di milioni di persone. Si tace sul fatto che la politica delle Grandi Opere è stata ed è caratterizzata in larga misura da progetti senza opera, senza cantieri, […]

Immagine di copertina per il post
Formazione

Dalle scuole alle università al Sud ci si riprendono gli spazi!

A Palermo le studentesse e gli studenti da qualche settimana si sono ripresi un’aula all’interno dell’ex facoltà di Lettere. I motivi e le rivendicazioni sono molti: dalla rottura di una quotidianità fatta di normalizzazione a seguito della pandemia, la ripresa di spazi di incontro e socialità, la necessità di confrontarsi e di rompere la solitudine. […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Green Passion: Produrre società o produrre odio sociale

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questo nuovo contributo alla rubrica Green Passion… L’evolversi della condizione pandemica rimette al centro una riflessione sull’inefficacia della gestione tecnocratica della crisi e sulla necessità di articolare nuovi (e vecchi) strumenti per ripensare il vivere sociale. Da qui non si scappa, se non a costo di ricadute continue ed altre centinaia […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Elezioni. Il lato sinistro della Calabria

Riprendiamo da Malanova.info questo interessante articolo scritto prima della tornata elettorale degli scorsi giorni in cui si ragiona sull’incessante riproporsi di alcuni meccanismi nei contesti della sinistra radicale all’interno del territorio calabrese. Al fondo alleghiamo anche la significativa analisi dei risultati fatta a seggi chiusi da uno dei redattori ai microfoni di Radio Onda d’Urto. […]