InfoAut
Immagine di copertina per il post

Renzi all’attacco di pensioni di reversibilità e prestazioni sociali

Il gesto ha dato i suoi rimandi, a parole del resto sono tutti buoni nel voler erigere pseudo barricate ma poi sono i numeri che contano. I segnali sono comunque arrivati, il noto ex ministro Cesare Damiano insieme ad una parte del Pd si è apprestato a far notare al proprio partito che: ”Nel testo al comma 1 dell’art.1 lettera b, c’è scritto che l’intervento di razionalizzazione riguarda anche l’aspetto della previdenza. Nell’allegato tecnico si ha un esplicito riferimento al fatto che nell’elenco ci sono anche le pensioni di reversibilità. Perché io sostengo con grande forza che la previdenza e l’assistenza non vanno mescolate. Sono due cose che vanno tenute distinte”.

Gli hanno fatto eco i redivivi sindacati Cgil-Cisl-Uil, ormai del tutto assenti quando non partecipi allo smantellamento dei diritti. Renzi dal canto suo ha immediatamente sguinzagliato il ministro Poletti&company nel tentativo (riuscito o meno lo vedremo) di rassicurare tutti e tutte: “Le pensioni di reversibilità non si toccano”. Pare che qualcuno si sia apprestato a dire che comunque la norma non sarebbe retroattiva. Allora tutto a posto.

Il Ministro del Lavoro Poletti tuttavia non convince del tutto, ma intanto un piccolo sondaggio sugli umori è stato fatto.

Miti consigli fanno in modo che della questione se ne riparli ad Amministrative concluse, chissà che in estate i tempi non siano migliori per assestare un altro colpo a quello che per milioni di pensionati rimane un appiglio per non sprofondare nella povertà: la pensione di reversibilità.

La parola razionalizzazione prova a sostituire quella più appropriata: TAGLI! Di questi ultimi se ne parla da tempo anche all’interno dell’Inps 2.0 targata Tito Boeri.

Con il ddl sul “contrasto alla povertà” i tagli colpiranno anche le integrazioni al minimo, gli assegni sociali, la maggiorazione sociale del minimo, gli assegni per il nucleo familiare con tre o più figli.

Secondo alcuni dati le pensioni di reversibilità erogate nel 2015 sono state 3.054.482, per un ammontare di 24,1 miliardi di euro. Le prestazioni di natura assistenziali sono state: assegni per il nucleo familiari con tre o più figli minori (234.332 beneficiari e 0,4 miliardi nel 2014), integrazione al minimo (3.469.254 beneficiari e 20,5 miliardi), maggiorazione sociale del minimo (848.893 beneficiari e 2 miliardi).

Su questi dati il ragionamento che il governo Renzi vuole portare avanti rimane il fare cassa sulle tasche di chi ogni giorno sopravvive con quell’assegno o con quell’integrazione a stipendi e pensioni, che chiamarli da fame è un eufemismo. Cifre ridicole se confrontate ad esempio con il soliti privilegi della classe politica, proprio su questioni come le loro pensioni e stipendi.

Una manovra che si appresta a sconquassare quegli strumenti che garantivano seppur in minima parte un’assistenza, pagata con le tasche di milioni di persone. La tattica del governo rimane la stessa, il solito giochino che vuole portare una guerra tra poveri anziché verso le proprie politiche di tagli e drastiche riduzioni a 360°, facendo passare come privilegiati quelli che in realtà privilegiati non lo sono affatto.

Sarà un altro banco di prova non solo per Renzi ma per tutte le forze che in questo campo vorranno giocare una partita non da soli attori ma si spera da protagonisti.

Ti è piaciuto questo articolo? Infoaut è un network indipendente che si basa sul lavoro volontario e militante di molte persone. Puoi darci una mano diffondendo i nostri articoli, approfondimenti e reportage ad un pubblico il più vasto possibile e supportarci iscrivendoti al nostro canale telegram, o seguendo le nostre pagine social di facebook, instagram e youtube.

pubblicato il in Culturedi redazioneTag correlati:

pensionirenzitagli

Articoli correlati

Immagine di copertina per il post
Culture

Prefazione di Premières Secousses, il libro di Soulèvements de la Terre

Abbiamo tradotto la prefazione del libro dei Soulèvements de la Terre dal titolo Premières Secousses, uscito ad aprile per le edizioni La Fabrique.

Immagine di copertina per il post
Culture

Festa di Radio Onda d’Urto – Il programma

Da mercoledì 7 a sabato 24 agosto 2024 in via Serenissima a Brescia 18 serate di concerti, dibattiti, djset, presentazioni di libri, enogastronomia, spazio per bambine-i…

Immagine di copertina per il post
Culture

Marx: scomodo e attuale, anche nella vecchiaia

Marcello Musto, professore di Sociologia presso la York University di Toronto, può essere considerato tra i maggiori, se non il maggiore tra gli stessi, studiosi contemporanei di Karl Marx.

Immagine di copertina per il post
Culture

Immaginari di crisi. Da Mad Max a Furiosa

Per quanto diversi siano i film della saga, ad accomunarli è certamente la messa in scena di un “immaginario di crisi” variato nei diversi episodi in base al cambiare dei tempi, dei motivi, delle modalità e degli sguardi con cui si guarda con inquietudine al presente ed al futuro più prossimo.

Immagine di copertina per il post
Culture

Le monde est à nous

Rap e seconde generazioni: dare voce ai senza voce

Immagine di copertina per il post
Culture

Occupazione temporanea del MAXXI: dal mondo dell’arte pro Palestina

Occupazione temporanea del MAXXI – mobilitazioni dal mondo dell’arte
in sostegno della Palestina.

Immagine di copertina per il post
Culture

Addio a Giovanna Marini: custode della musica popolare

E’ morta a 87 anni Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice della tradizione orale. Ha percorso tutta Italia raccogliendo una massa sterminata di canti popolari in lingua italiana e nei vari dialetti e lingue regionali.

Immagine di copertina per il post
Culture

50 anni dalla strage di Piazza della Loggia – Maggio 2024 su Radio Onda d’Urto

Radio Onda d’Urto dedica la programmazione dell’intero mese di maggio (dal 6 al 31 maggio 2024) al 50esimo anniversario della Strage fascista, di Stato e della Nato di Piazza della Loggia, avvenuta il 28 maggio 1974 a Brescia.

Immagine di copertina per il post
Culture

Quando il polemos si fa prassi

Majakovsky aveva paura che «una corona» avrebbe potuto «nascondere la sua fronte così umana e geniale e così vera» e «che processioni e mausolei» avrebbero offuscato la «semplicità di Lenin».

Immagine di copertina per il post
Culture

Altri Mondi / Altri Modi – Conclusa la seconda edizione. Video e Podcast degli incontri

La seconda edizione del Festival Altri Mondi/Altri Modi si è chiusa. E’ stata un’edizione intensa e ricca di spunti: sei giorni di dibattiti, musica, spettacoli, socialità ed arte all’insegna di un interrogativo comune, come trovare nuove strade per uscire dal sistema di oppressione, guerra e violenza che condiziona quotidianamente le nostre vite?

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

Per una lettura condivisa sul tema pensionistico

All’innalzamento dell’età pensionabile va aggiunto poi un ulteriore problema: mentre gli  importi pensionistici vengono progressivamente abbassati la convenienza  del pensionamento anticipato diminuisce.

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

La riforma previdenziale del Governo Meloni

La strategia del Governo sembra puntare a rendere difficile e meno conveniente il pensionamento anticipato.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Riforma del lavoro in Grecia: spolpare le ossa di lavoratori e lavoratrici

La scorsa settimana in Grecia è stata approvata la nuova riforma del lavoro. Un ulteriore attacco diretto alle vite di lavoratori e lavoratrici da parte del governo conservatore di Mitsikatis, rieletto a giugno.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

La lotta delle operaie Vert Baudet a Lille.

II PARTE: INTERVISTA A SAMUEL MEEGENS SEGRETARIO COMUNICAZIONE UD CGT NORD

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

Sciopero per il salario e sciopero per le pensioni: prospettive intrecciate nella lotta delle operaie Vert Baudet a Lille.

Un aspetto presente e significativo del ciclo di lotte che sta attraversando la Francia è la reciprocità tra le possibilità organizzative e di lotta che si trovano nelle composizioni operaie, che già vogliono lottare e modificare le proprie condizioni di lavoro e di vita, e il movimento più generale che si sta dando contro la riforma delle pensioni.

Immagine di copertina per il post
Conflitti Globali

I sindacati francesi scioperano di nuovo.

I sindacati in prima linea nella lotta contro la riforma delle pensioni di Macron.
Traduzione di un articolo di Fx Hutteau, militante e ricercatore di Parigi.

Immagine di copertina per il post
Editoriali

La manovra Meloni e la guerra ai poveri (nel solco di Draghi)

In merito al contenuto l’interpretazione è abbastanza semplice e non serba novità: non c’è nessun provvedimento volto a migliorare le condizioni materiali di vita delle decine di milioni di persone che sono schiacciate tra impoverimento e povertà nella perenne crisi del sistema-paese Italia.

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Legge di bilancio: Draghi è il solito Robin Hood al contrario

La legge di Bilancio 2022 del governo Draghi è stata approvata dal Consiglio dei Ministri che ha mantenuti i capitoli di spesa indicati nel Documento Programmatico già inviato a Bruxelles. Si parla di pensioni, tasse, reddito di cittadinanza e soprattutto si legge una chiara intenzione: ridurre il debito aumentando la crescita del PIL sostenendo industrie […]

Immagine di copertina per il post
Bisogni

Crisi di governo: lo spettacolo imbarazzante della politica italiana

Ieri pomeriggio (13 febbraio) Renzi ha comunicato ufficialmente il ritiro delle due ministre di Italia Viva dal governo: Elena Bonetti (Pari opportunità) e Teresa Bellanova (Agricoltura), più il sottosegretario agli Esteri Ivan Scalfarotto. Sembrerebbe il preludio della fine del Governo Conte, ma non poniamo limiti alla ‘creatività parlamentare’ della politica italiana, infatti nonostante il ritiro […]

Immagine di copertina per il post
Approfondimenti

“Nemmeno a noi medici viene fatto il tampone!” Intervista a un medico di base in Francia

Abbiamo tradotto quest’intervista fatta da ACTA (media di informazione indipendente francese, (il link del testo originale qui) a un medico di base della banlieue di Parigi. La corsa per evitare il collasso in Francia, per quanto sia iniziata in leggero ritardo rispetto al nostro Paese, dato che Macron ci ha tenuto a svolgere regolarmente le […]